Rassegna Stampa

12/04/19 16:43 | La Nazione - Pedrelli: “Scontri diretti decisivi”

Una sconfitta, con l’Arzachena, per ricordare quanto sia difficile questo campionato. Una vittoria, quella con l’Olbia, per rilanciarsi. Un poker di partite da vincere, per salire sul palcoscenico dei play off tra gli attori principali. Tanti cross tenuti al caldo, da sfornare nel momento migliore: Ivan Pedrelli.

Domani l’Albissola: che ci dice?
«E’ facile dire che sulla carta certe partite sono facili, ma nella realtà non è così. Queste squadre contro di noi danno sempre qualcosa in più, a maggior ragione quando giocano in casa. Quindi dovremo andare là motivati al massimo e convinti di noi stessi».

Secondo posto possibile?
«Al primo posto possono ambire solo Entella e Piacenza e lo scontro diretto tra le due potrebbe essere decisivo. Per il resto è bagarre. Noi dobbiamo crederci: ci sono ancora diversi scontri diretti da giocare, basta poco per salire e scendere. Tante squadre puntano allo stesso obiettivo, compreso l’Arezzo che domani si prenderà i tre punti riposando. Ma anche noi ci siamo».

Avvertite, a questo punto, un po’ di stanchezza?
«Dopo il tipo di campionato che ci siamo trovati a disputare, penso sia fisiologico. Abbiamo giocato a ritmi altissimi, il clima non ci sta dando una mano. E’ freddo, poi è caldo, poi è di nuovo freddo: non è facile prepararci. Ma di energie ne abbiamo ancora, dobbiamo buttarle tutte in queste quattro partite che rimangono. Poi inizierà il mini-ritiro prima della nuova tappa del nostro cammino che speriamo inizi il più tardi possibile. Anche ci fosse da aspettare tanto pazienza, preferisco guardare gli altri in tv e magari giocare qualche amichevole».

Ci sono tante squadre forti anche negli altri gironi che ambiscono alla B…
«I play off sono un campionato a parte, in cui si azzera tutto e si ricomincia. In ballo ci sono tante cose, le motivazioni, le ansie, le pressioni. Non conta solo il valore tecnico di una squadra, per quanto, naturalmente, sia importante».

Lei è esperto di play off…
«Li ho giocati con il Bologna, con il Benevento, tre volte, con l’Aquila, con il Foggia. Praticamente con tutte le squadre in cui ho militato. Mi sono sempre fermato in semifinale però… Speriamo stavolta sia quella buona».

Siamo ancora in attesa del suo gol…
«E’ vero ne segno due all’anno, di solito, e uno l’ho realizzato a Livorno. Speriamo arrivi presto, anche se con questo sistema mi viene più difficile: devo dare ampiezza e crossare più che andare per vie centrali. Diciamo così: spero di fare più cross possibili, che siano decisivi per tagliare il traguardo». (Angela Gorellini)

Fonte: La Nazione


 

 

Tosoni Auto