Tosoni Auto

News

04/06/19 16:26 | Il nodo allenatore è il primo da sciogliere

E’ un momento di grande fermento per la Robur, impegnata su più fronti per preparare la prossima stagione. Tanti i nodi da sciogliere, dall’allenatore alla squadra, tutti molto importanti e legati tra se, che a breve dovrebbero essere sciolti partendo da sostituto di Michele Mignani.

Su chi siederà sulla panchina che è stata di Mignani sono vive molte trattative ed ipotese, qualcuna basata su dati di fatto, altre solo su voci spesso messe in giro dagli stessi interessati o dai procuratori.

L’interesse per Dionisi e Zanetti è reale, ma sui due tecnici emergenti c’è l’interesse di molte società di serie B. Zanetti viene dato ormai prossimo all’accordo con l’Ascoli e Dionisi, legato ancora all’Imolese, aspetta che si concretizzi una delle ipotesi spuntate dalla serie cadetta. Di certo Dionisi (nella foto) è in testa ai desideri della Robur.

Un altro nome accostato al Siena nelle ultime ore è quello di Alessandro Dal Canto, mister dell’Arezzo che, secondo La Nazione di Arezzo, se non avrà le garanzie che chiede, saluterà gli amaranto. Qualcuno lo ha posto al centro degli interessi dell’Empoli, ma da quanto siamo riusciti ad appurare sono solo voci senza fondamento, almeno per ora.

Altri nomi che sono stati fatti sono quelli di Stefano Vecchi, Ivan Ivorcic e Vito Grieco, ma per nessuno dei tre sembra esserci un vero interesse da parte degli uomini mercato della Robur. Ormai si dovrebbe essere in dirittura di arrivo e forse, fin da questa settimana, si potrebbe conoscere il nome del nuovo tecnico che guiderà la Robur nella stagione 2019-20. Poi si penserà a costruire la rosa. (nn)

Fonte: FOL