Tosoni Auto

Rassegna Stampa

14/01/20 09:23 | Gazzetta- Il mercato della serie B e C.

SERIE B Vademecum per il mercato di gennaio, altrimenti detto «di riparazione»: una volta individuati i problemi, bisogna intervenire in fretta a inizio mese per poter ricominciare dopo la lunga sosta con le correzioni già inserite, mentre se si aspettano (come in estate) gli ultimi giorni si rischia di perdere tempo prezioso. Ebbene: nel fine settimana il campionato riparte, e ben poche squadre di B hanno trovato le soluzioni necessarie.
Il Benevento non aveva certo bisogno di rinforzi, ma guarda lontano: con Moncini ha trovato l’alternativa a Coda, più avanti arriverà anche il difensore, in ottica Serie A (Tosca?). L’Empoli invece sì, e dei sette innesti necessari ne ha definiti già 6, rifacendo l’attacco: manca un centrocampista e la rivoluzione è fatta. E pure il Pordenone, che deve solo irrobustire la rosa: a breve arriva Bocalon, a seguire Ranieri e la rincorsa alla A potrà proseguire. E anche lo Spezia ha fatto quello che doveva fare: Italiano proprio ieri ha ottenuto un altro ex Trapani come Nzola per puntellare l’attacco.
La necessità dell’Ascoli era cedere Ninkovic, ma l’accordo con il Bari non si trova; blindato Scamacca, sono arrivate richieste per gli altri attaccanti e bisogna vedere chi parte: nelle ultime ore sono stati ingaggiati un centrocampista portoghese (Diogo Costa Pinto dal Benfica) e un esterno sinistro come Tripaldelli dal Sassuolo (al posto di D’Elia), e altri arriveranno (forse Sala dalla Spal e Mora dallo Spezia). Il Cittadella attende ancora la miglior occasione per l’attaccante: Beretta? Costantino? Lanini? Chissà. L’Entella ha piazzato il colpo Mazzitelli (Sassuolo) ma ancora deve trovare una punta (Melchiorri?). Anche al Frosinone serviva una punta: nel frattempo è arrivato un esterno come D’Elia e a breve sarà annunciata la mezzala già da qualche giorno bloccata. A Pescara non c’è molto da fare, ma qualche avvicendamento in attacco e in mezzo sono necessari. Al contrario, al Pisa serve un difensore per sostituire Aya, e pure un centrocampista, però manca solo l’annuncio per il trequartista (Soddimo) e quello per la punta (Vido) è arrivato ieri. Infine il Trapani, che sta regalando a Castori i suoi ex: dopo Buongiorno, sono arrivati Coulibaly (Udinese, era all’Entella) e Dalmonte (Lugano); ora si tratta lo svincolato Sow, ma non basta di sicuro.
Il Chievo è tornato all’assalto di Millico (come in estate) ma non riesce a sbloccarlo, cerca un portiere (niente da fare per il ritorno di Seculin) e un difensore ma tutto tace: l’attenzione è tutta sulla cessione di Vignato al Bologna (che poi dovrebbe lasciarlo in prestito), mentre Schafer è andato in Slovacchia, ma per rincorrere la A bisogna intervenire. Il Cosenza cerca un giocatore per reparto, ma finora ha solo ceduto Litteri. La Cremonese è la grande incognita: aveva una strategia per accontentare Baroni, ha richiamato Rastelli e l’ha dovuta cambiare, sta cercando di sfoltire e poi interverrà. Al Crotone serviva come il pane un attaccante, a maggior ragione dopo aver ceduto Vido, ma ha perso la volata per Tutino e ora attende il sì di Armenteros (che nicchia), mentre come esterno è andato a vuoto un tentativo per Casasola. La Juve Stabia sta cercando di alleggerire una rosa di oltre 30 elementi, ma la dovrà integrare con un portiere e un attaccante esterno. Il Livorno è in grande difficoltà perché deve cambiare molto (soprattutto a centrocampo) e la classifica scoraggia gli obiettivi individuati: anche Omeonga, che sembrava in arrivo, ora pare che stia virando su Cosenza. Il Perugia prima di tutto ha cambiato allenatore, ma a prescindere aveva la necessità di prendere un difensore e gli è andata male con Rajkovic: siccome serve un elemento di alto livello, non è una scelta semplice ma il tempo passa e le assenze in vista del ritorno in campo sono un problema; in attacco invece bisogna vedere se parte Melchiorri (Entella? Vicenza? o Crotone?), in tal caso bisognerà cercare anche un attaccante. Alla Salernitana, risolto (per ora?) il caso Cerci con un’altra iniezione di fiducia, serve un abbondante restyling ma a parte Aya e Curcio (annunci imminenti) non ci sono ancora fatti concreti. Infine il Venezia, dove pure era annunciato un bel rinnovamento: Molinaro non ha ancora firmato, lo scambio Bocalon-Monachello è impacchettato, ma non basta di sicuro. Si chiude il 31, certo, ma nel weekend si gioca...

SERIE C La Sicula Leonzio ha esonerato Bucaro e richiamato Vito Grieco, ma anche il Rieti sta valutando di richiamare Caneo al posto di Beni. Gli altri club, dopo il ritorno in campo, hanno dato vita a diverse operazioni di mercato che hanno aperto una settimana molto intensa.
GIRONE A Il Como ha accolto e presentato Cicconi, che ritorna dopo i sei mesi all’Entella. L’Alessandria, oltre a Di Quinzio del Pisa, sta per chiudere anche per l’arrivo di Valietti del Genoa (ora è all’Entella).
GIRONE B Il Padova, dopo lo scivolone di Fano, corre ai ripari: obiettivo Zanon del Pordenone, mentre è in uscita Mokulu. Il Gubbio ha l’accordo per avere Cisco dal Pescara (è del Sassuolo). Tra oggi e domani la Samb ufficializza Izzillo dal Pisa. L’Imolese è in attesa del sì di Chinellato per mandare Bolzoni al Lecco.
GIRONE C Il Bari ha definito l’operazione Laribi (Empoli): il cartellino era del Verona, che l’ha ceduto al Napoli e da qui l’ha girato in Puglia; più difficile arrivare a Ninkovic, anche se con lui l’accordo è stato raggiunto: il problema è che non si arriva all’intesa con l’Ascoli per il cartellino.

Fonte: La Gazzetta dello Sport