Tosoni Auto

News

07/11/19 18:12 | Focus sull'avversario: il Gozzano

Gozzano è una delle tante piccole realtà del campionato di Serie C, un comune di poco più di 5000 abitanti nella provincia di Novara. La bella favola del sodalizio piemontese è stata sconvolta dalla morte nel Giugno scorso del Patron Alberto Allesina: l’imprenditore cusiano, proprietario di una azienda leader nel settore della rubinetteria, si è spento all’età di 77 anni dopo una malattia che lo debilitava da tempo. “Il tuo essere unico, il tuo essere leader, il tuo essere semplice in ogni circostanza ti ha portato a diventare un vincitore nella vita, raggiungendo risultati che per tante altre persone sono stati solo sogni!”. Da questo estratto della lettera che il Gozzano Calcio ha dedicato alla memoria di Allesina, si comprende quanto il patron rossoblu avesse a cuore la sua squadra, a cui ha dedicato anima e corpo e con la quale ha saputo regalarsi la storica promozione in Serie C. Prima della sua morte il numero uno ha anche avuto modo di festeggiare la permanenza in terza serie della squadra ma sfortunatamente non tra le mura di casa, visto che solo da quest’anno il ‘D’Albertas’ è tornato ad ospitare le gare casalinghe dei rossoblu dopo la messa a norma (trovando nel frattempo ospitalità a Vercelli). In ricordo di patron Allesina, il Gozzano ha poi conferito alla moglie la targa di Presidentessa onoraria.

Il traguardo della salvezza lo scorso anno è stato tagliato un po’ a fatica: un girone di ritorno disastroso (una sola vittoria, contro il Cuneo a fine Gennaio, ad eccezione di quella a tavolino contro il Pro Piacenza) aveva infatti proiettato i rossoblu ad un passo dai playout, che sono stati scongiurati solamente grazie alle magagne delle pluripenalizzate Lucchese e Cuneo. Soprattutto per questo non è arrivata la conferma in panchina di Antonio Soda, con cui in estate si è materializzata una separazione abbastanza annunciata. Nello stesso tempo si è concretizzato il ritorno dietro la scrivania del diesse Alex Casella, che nel Gennaio scorso aveva compiuto il salto di categoria in seguito alla chiamata del Carpi, al culmine dei buoni risultati maturati in Piemonte. Per la panchina di quest’anno è stato scelto un po’ a sorpresa David Sassarini, ex tecnico dell’Albinoleffe reduce da un esonero con la Primavera dell’Udinese. L’allenatore spezzino sta portando avanti un buon lavoro con una squadra che ha cambiato molto dalla passata stagione, ed in cui sono stati inseriti alcuni elementi alla prima esperienza in Italia che stanno facendo discretamente. L’obiettivo, manco a dirlo, è ripetere la salvezza di un anno fa evitando possibilmente di rimanere intrappolati nelle sabbie mobili della bassa classifica. (Jacopo Fanetti)

Foto: Facebook A.C. Gozzano

Fonte: Fol