Tosoni Auto

News

28/07/20 22:51 | Cessione Siena, frenata nella trattativa? La ricostruzione

Nei giorni in cui si attendeva la fumata bianca, ecco arrivare quella grigia: la trattativa per il passaggio delle quote di maggioranza dalle mani di Anna Durio a quelle della cordata rappresentata da Diego Foresti avrebbe accusato ieri una brusca frenata. La notizia non è passata inosservata nell’ambiente bianconero, preda dello sconforto e del timore di scene già viste. Il futuro, al netto delle garanzie sull’iscrizione fornite qualche giorno fa dalla società alla piazza che chiedeva risposte, sembra appeso a un filo. Il cambio di programma è di quelli inaspettati. Francesco Baldini, scelto dal direttore sportivo Massimo Tarantino, era infatti atteso alla firma come nuovo allenatore già in questi giorni, salvo essere messo in stand-by dalle complicazioni sorte nelle ultime ore.

 

I patti vedrebbero la cordata acquistare il pacchetto di maggioranza  per una cifra intorno agli 1,8 milioni di euro, somma che comprenderebbe anche gli stipendi degli ultimi tre mesi e pagati entro la scadenza federale del 15 luglio. Farebbe parte dell’accordo anche la permanenza in società di Anna Durio come azionista di minoranza a garanzia dei debiti, ammonterebbero a 1,2 milioni di euro, che dovranno essere ripianati dalla stessa entro due anni. Il colpo di scena, quello che avrebbe fatto saltare il banco, è la comparsa di un’altra fetta di arretrati: si tratterebbe di 700-800 mila euro la cui provenienza al momento si può solo ipotizzare (sono legati al Comune solo 75 mila euro di questi). In tutto questo, qualora la trattativa saltasse definitivamente e non ci fosse margine per sistemare le cose, la cordata rivorrebbe indietro la somma anticipata per il pagamento degli stipendi, riservandosi di agire eventualmente anche per vie legali. Non un dettaglio da poco. La situazione si fa sempre più ingarbugliata e tutto è ancora possibile, sia in un senso sia nell’altro. Il tempo stringe e le peripezie non mancano, Siena spera nel lieto fine.


(Giacomo Principato)

fonte: FOL