Il Bicchiere a cura di Federico Castellani

Due giorni al via ufficiale. Anzi tre visto che, ci hanno posticipato l’incontro a lunedì prossimo. Pratica ormai diffusa quanto meno odiosa perpetrata dall’attuale Lega Pro con uno spezzatino a dir poco vergognoso a danno dei tifosi. Tifosi che sono il male necessario mi verrebbe da pensare per Società e Papaveri della Lega Pro. Tutto ciò premesso ci siamo finalmente. Si alza il sipario e lo spettacolo abbia inizio. Speranze tante….. certezze poche. Vedremo.

Mezzo vuoto

Il Siena targato Salvini e Pagliuca parte in sordina. Le amichevoli fatte han fatto intravedere un gioco teso a rodare la difesa mentre davanti sono molte le incognite a partire dal fatto che complessivamente sono stati realizzati pochi goal su azione con lusinghieri risultati (Benevento). intermedi (Gubbio) e scontati (Pomezia e Figline squadre di Eccellenza). Paloschi, punta di diamante del reparto avanzato, sembra soffrire del male oscuro della scorsa stagione: la solitudine del Bomber, restando quasi sempre da solo in area e quasi mai affiancato da una seconda punta di ruolo. Che non può essere Disanto che in carriera, fra i Professionisti, non arriva in doppia cifra in più di cento partite. Forse il goal non è il suo mestiere. Mentre risulta un’ottima ala. Vediamo l’acquisto recente dall’Ascoli: De Paoli semisconosciuto ai più, visto l’esclusione di Ardemagni. Speriamo siano sensazioni ma l’impressione è che: primo non prenderle poi si vedrà. Ma a questo gioco bisogna anche farli i goal.

Mezzo Pieno

Il Siena 2022 sembra una squadra fatta per la categoria. Giocatori da “poco conosciuti” a semisconosciuti a sconosciuti completamente. Qualche conferma e parecchie novità. Tutte di categoria. Nessun nome altisonante. Ed è giusto così nella linea tracciata onestamente all’inizio e ribadita dall’attuale DG Ernesto Salvini, probabilmente il migliore acquisto di questa società. Almeno ha tenuto basso profilo riflettori adeguatamente soffusi. Scelte da validare per sua stessa ammissione stante le recenti dichiarazioni. Siamo tutti molto molto curiosi. Si inizia. Ora mi taccio e aspetto. Come va di moda dire ora. Forza Siena e Forza la Robur.

Fonte: FOL