Gilardino: “Siamo come dei leoni in gabbia, vogliamo tornare a vincere”

Il tecnico del Siena Alberto Gilardino ha parlato ai giornalisti nella sala stampa del campo dell’Acquacalda per la conferenza di presentazione della sfida con lo Scandicci. Di seguito le sue dichiarazioni:

Pressione – “In questo momento siamo dei leoni in gabbia, abbiamo la voglia e il desiderio di vittoria, la fame di portare a casa i tre punti. Questo è quello che mi trasmettono i ragazzi, arriviamo da una brutta sconfitta e vogliamo assolutamente mettercela alle spalle”.

Fiducia – “Chiaramente la fiducia si accentua di più quando si subiscono situazione negative. Io a Ostia ho visto due partite. Nella prima parte una squadra che non è riuscita a reagire, nella seconda parte ho visto un risveglio di fame, di non voler subire gli avversari”.

Formazione – “L’importante è che la squadra abbia una sua propria identità, non contano i numeri ma come vengono interpretate le situazioni. In base a chi ci troviamo di fronte dovremo essere bravi a cambiare”.

Penuria di 2002 – “Giocherà Mignani ovviamente. In panchina ci saranno Marcocci e un ragazzo della berretti”.

Scandicci – “E’ una squadra molto brava sulle seconde palle, che ha saputo ricompattarsi dopo il Covid e le varie problematiche stanno facendo risultati importanti. È una squadra con buone individualità, come Ferretti. È vicino al Siena? Lui è un giocatore che ha grandi qualità, ha fatto sempre bene in questa categoria, si mette molto al servizio della squadra. Ma io prima penso ai miei ragazzi, credo in loro fortemente”.

De Falco – “Andrea è arrivato oggi, ha avuto un periodo di allenamenti esclusivamente di tipo fisico, un lavoro sia di forza che aerobico. Valuterò prima della partita di domenica se sarà in grado di giocare”.

Guberti – “Non ho avuto più notizie. Adesso c’è Orlando, è arrivato Padulano e sarà pronto da domenica. Poi in quel ruolo potremmo ritrovare Forte, sarebbe importante”.

(Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol