Simone Guerri: sono molto legato alla Robur, per quella maglia ho pianto

Dopo due anni da giocatore e uno nell’area tecnica di Robur Siena, Simone Guerri ha iniziato la sua carriera nel Lornano Badesse, dove ricopre il ruolo di responsabile area tecnica. Alla vigilia della partita con il Sena, ha rilasciato un’intervista a Guido De Leo de La Nazione,. Riportiamo alcuni passaggi.

«Quella con il Siena è la classica partita che si prepara da sola dal punto di vista delle motivazioni, vuoi perché in diversi, specie i più giovani, hanno vestito la maglia bianconera, vuoi per la distanza esigua. Sul campo invece va preparata bene, come il mister sta facendo, perché sarà molto impegnativa. Il Siena forse non è una squadra che potrà ‘ammazzare’ il campionato ma è indubbiamente una formazione di grande valore e qualità. In più sanno soffrire, compattarsi nei momenti di difficoltà ed adattarsi tatticamente alle gare. La Robur ha giocatori importanti e un ottimo allenatore. Mi aspetto una bella partita. Dal punto di vista personale la vivo serenamente. Non mi sarei mai aspettato di incrociare il Siena così presto nella mia carriera da dirigente ‘in proprio’ iniziata da poco qui a Badesse. Per me quella maglia resta importante, l’ho sentita mia e per essa ho anche pianto in due occasioni. Non posso non essere legato alla Robur».

Fonte: FOL