Presidente Grassina: “Il rigore non c’era, ma a noi ha fatto molto comodo”.

Il presidente del Grassina Tommaso Zepponi è tornato a parlare della vittoria della sua squadra a Siena. Ecco le sue parole rilasciate a Sportchianti e riprese da La Nazione:
“Se ripenso agli squadroni che hanno affrontato in passato mi vengono i brividi. È’ stato come vedere Davide contro Golia, una gioia incredibile. La cosa che mi rammarica è il fatto che l’impianto fosse chiuso al pubblico. Sarebbe stata un’apoteosi con i nostri tifosi al seguito. Inoltre il gol è stato segnato sotto il curvino, chissà che boato… Ma quel che conta nel calcio, alla fine, è il risultato e quindi godiamo anche così. Sono quelle partite che portano entusiasmo alla luce delle gare successive. Un conto è giocare da penultimi, un conto è essere più in alto. Prima della partita volevo salutare Gilardino, ma quando sono entrato in campo era già negli spogliatoi. A fine partita l’ho visto innervosito e non mi sembrava il caso di disturbarlo. Ce l’aveva con l’arbitro, perché il rigore effettivamente non c’era. A noi ha fatto molto comodo, però”.

Fonte: Fol