News

09/01/19 19:51 | Dolci: “Guberti? Nessuno tiene giocatori controvoglia”
Dolci: “Guberti? Nessuno tiene giocatori controvoglia”

Giovanni Dolci, direttore sportivo della Robur, è intervenuto a Siena Tv, durante la trasmissione “Roburopoli”. Queste le sue dichiarazioni:

Guberti – “Ha manifestato desiderio di cambiare aria. Chi veste la maglia del Siena deve esserne orgoglioso. Se avrà voglia di farlo, saremo felici di tenerlo, altrimenti faremo le dovute valutazioni. Nessuno tiene calciatori controvoglia”.

Giovani – “Dopo Pescara era opportuno fare dei cambiamenti necessari e opportuni, visto che una finale persa in un certo senso è come una retrocessione. Abbiamo preso giovani futuribili, di prospettiva, ci vuole ancora tempo ma una parte si è già vista grazie al lavoro di Mignani”.

Brumat – “De Santis è un patrimonio nostro, abbiamo due terzini bravi. Se Brumat va via cercheremo un altro giocatore che può darci una mano. Lombardo? Non sono chiacchiere, ma in questo momento la Lucchese non se ne vuole privare e se sarà così, andremo su altre strade”.

Portiere – “Nardi è arrivato con l’obiettivo di fare il titolare. L’avvento di Contini ha cambiato le gerarchie. Se manifesterà il desiderio di andar via, prenderemo un portiere di prospettiva futuribile per la prossima stagione. Se rimane siamo contenti, ci sono tante gare e la Coppa, avere due portieri forti aiuta”.

Attacco – “Il colpo a sorpresa? È Cesarini. Davanti sono in sei, non faremo nulla. Gliozzi e Cianci hanno segnato 12 gol insieme, più un gol Fabbro, due Aramu e due Guberti. È una batteria ben nutrita e tutti possono fare gol, non siamo legati a un unico bomber da venti gol”.

Belmonte – “Sta facendo riabilitazione, si allena con la squadra, auspichiamo di riaverlo nella seconda settimana di febbraio. Lo dico in modo prudente. Ci darà una grossa mano, le due gare in cui ha giocato abbiamo preso zero gol”.

Finestra di mercato – “A noi cambia poco se chiude il 31 gennaio, perché abbiamo pochi movimenti da fare, però per correttezza era opportuno chiuderlo prima della ripresa del campionato. Così non è stato e agiremo di conseguenza”. (G.I.)

Fonte: FOL

 

 
09/01/19 16:38 | Esclusiva Fol - Beretta: “Mignani sta facendo grandi cose, la B sarà a 22. Tornare ad allenare? C’è lo 0,1%”
Esclusiva Fol - Beretta: “Mignani sta facendo grandi cose, la B sarà a 22. Tornare ad allenare? C’è lo 0,1%”

Allenatore, direttore sportivo, responsabile del settore giovanile e adesso pure consigliere federale. Non si fa mancare niente Mario Beretta, ultimo mister della vecchia A.C. Siena e uno dei più amati all’ombra di Piazza del Campo. Il tecnico milanese, che compie 60 anni il prossimo 30 ottobre, fa parte del nuovo Consiglio Federale della Federcalcio e del Comitato di Presidenza (è l’unica componente tecnica, gli altri sono Gravina, Sibilia, Lotito e Ghirelli). “Il presidente dell’Assocalciatori Renzo Ulivieri mi ha chiesto la disponibilità - spiega Beretta al Fedelissimo Online - e sono gratificato che abbiano pensato a me. Ero presente alla riunione dello scorso 18 dicembre, ho seguito il problema del format della Serie B ed è stato stabilito che resterà così, rimarrà a 22. Poi si discuterà in seguito come cambiarlo”.

Hai diretto sette club di Serie A (Chievo, Parma, Siena, Lecce, Torino, Brescia e Cesena) ma mai una big. Sei riuscito a coronare il sogno quest’estate attraverso una nuova veste, in qualità di responsabile del settore giovanile del Milan.

È vero, non sono mai riuscito ad arrivare in una grande da allenatore ma esserci riuscito da dirigente va bene lo stesso. Poi, essendo milanista, è ancora più bello.

Gran bella soddisfazione. Come quando per poco, col tuo Siena, non facesti perdere lo scudetto all’Inter.

(Ride, ndr). Esattamente, c’è ancora qualche amico interista che mi rinfaccia questa cosa

Di cosa ti occupi al Milan?

Inizialmente, con la vecchia gestione Fassone-Mirabelli, sarei dovuto essere solo responsabile tecnico. Poi la società ha avuto un riassestamento e con Maldini e Leonardo sono diventato responsabile del settore giovanile a tutto tondo.

Il Milan era uno dei club pronti ad allestire subito una seconda squadra in Serie C.

La nuova società ha valutato che era meglio aspettare e prendersi un altro anno di valutazione. La prossima stagione? Ancora non ne abbiamo parlato. Siamo più che altro concentrati sulla Primavera, che non sta andando benissimo.

Come sono i rapporti tra Milan e Robur?

Per il mercato della prima squadra e dei ragazzi in uscita dalla Primavera c’è un’altra figura, Stefano Luxoro. Non ho rapporti diretti, ma ho incontrato la presidentessa per le votazioni del Consiglio Federale e con Dolci parliamo e ci salutiamo alle partite.

Un bilancio dei tre anni a Cagliari?

Tre anni molto belli. Un nuovo lavoro che mi ha dato grandi stimoli e dove mi hanno aiutato in tanti, a cominciare dal presidente Giulini. La Sardegna e Cagliari sono una realtà che non si riesce a trovare da altre parti. È particolare, affascinante. Abbiamo creato un settore giovanile che tutti guardano con grande rispetto, le squadre se la giocano con tutte, l’anno scorso abbiamo vinto il campionato di Primavera 2. Tutto ciò ha fatto sì che mi chiamasse il Milan. È stato importante il mio passato da allenatore. Non credo ci siano responsabili del settore giovanile che abbiano una storia tecnica del genere alle proprie spalle.

In più c’è anche il tesserino da direttore sportivo.

L’ho fatto per una serie di motivi. Col patentino Uefa A puoi fare il responsabile del settore giovanile ma non puoi fare trattative. Poi è una risorsa in più, non si sa mai cosa può accadere nella vita. E poi in un corso impari cose nuove e conosci altre persone. Comunque io nasco allenatore, preferisco la parte tecnica a quella direttiva.

Parliamo un po’ della Robur, che ha aperto un nuovo ciclo con Michele Mignani. Se adesso è lì dov’è, un piccolo merito è anche tuo.

A livello di prima squadra sì. Venne a Olbia in Serie D e fece molto bene, vincendo i playoff. Aldilà del ruolo di collaboratore in precedenza, ha mosso lì i suoi primi passi da primo allenatore. Sta facendo molto bene, l’anno scorso arrivando in finale e anche adesso, nonostante le tante problematiche, sta ritrovando la strada giusta.

Vi sentite spesso?

Ci siamo sentiti meno di una settimana fa. Siamo in contatto, abbiamo un paio di chat insieme con vecchi componenti dello staff e ogni tanto ci si messaggia. Ma parliamo di altro, di calcio sì ma in generale, non prettamente di Siena. Ha anche i figli che giocano e stanno facendo molto bene.

Ha “rubato” qualcosa da te? Per esempio il modulo…

Non so se lo ha preso da me, bisognerebbe chiederlo a lui. Ogni allenatore deve avere la sua idea, e lui questo lo ha dimostrato, e poi prendere dai vari tecnici con cui è stato e dalle esperienze che si è fatto.

C’è anche il suo vice, Simone Vergassola.

Simone ha cominciato un nuovo percorso lo scorso anno. La sua amicizia con Michele è un punto a favore. L’allenatore in seconda deve avere competenze, ovvio, ma soprattutto deve essere fidato, in grado di capire e conoscere caratterialmente l’allenatore, che ha mille pressioni. Simone ha tutte queste cose.

Vergassola è stato il capitano dell’ultimo anno dell’A.C. Siena, ma ci sono anche altri due campionati in A. Cosa ricordi in particolare di Siena?

Non posso dimenticare il primo e il secondo anno. Ma neanche l’ultimo, perché una squadra in quel modo, composta da tutti ragazzi di elevatezza morale, non l’ho mai trovata. Una squadra che si divertiva e vinceva nonostante le problematiche, con soddisfazioni incredibili e altrettante delusioni che sono quelle che poi mi hanno spinto a cambiare ruolo. Una decisione che avevo già pensato, ma è stata velocizzata.

Cosa pensi del settore giovanile del Siena?

Senza dubbio è in buone mani. Argilli e Radice sono ottime persone, competenti. Non è facile lavorare vicino a realtà di grande qualità come Firenze e Empoli. Ci vuole tempo, pazienza, investimenti, strutture, però sono convinto che se tutte queste cose si mettono sul piatto si può fare qualcosa di interessante. Il campo di allenamento è un bel passo avanti. Se si vuole fare il settore giovanile non dico all’avanguardia ma quasi, ci vorrebbe un centro con un paio di campi. Ma è tutto subordinato ad aspetti logistici, alla categoria in cui milita il Siena. Penso una cosa: dove non ci sono grandi risorse, servono più idee. Per quello sono convinto che la Robur farà bene, avendo persone così.

In una recente intervista Repubblica ti chiese se tornerà mai ad allenare, e tu rispondesti così: neanche se me lo chiedesse il Milan. E se te lo chiedesse il Siena?

Sono uno che se prende delle decisioni, difficilmente le cambia. Magari tra qualche anno, ma si comincia ad essere avanti con l’età. È davvero difficile che possa tornare ad allenare. Diciamo lo 0,1%, visto che nella vita non si sa mai.

(Giuseppe Ingrosso)

Fonte: FOL

 
09/01/19 09:05 | Anna Durio vince la causa contro la Studio Strutture dell’ing. Mele sulla questione “Stadio Franchi”.
Anna Durio vince la causa contro la Studio Strutture dell’ing. Mele sulla questione “Stadio Franchi”.

Il Collegio Arbitrale di Firenze ha rigettato tutte le richieste di pagamento avanzate da Studio Strutture srl per oltre 571mila per il progetto della ristrutturazione del Franchi mai realizzato. La società Robur, assistita dall'avvocato Alessandra Amato, ha ottenuto un importante successo dal punto di vista giuridico e morale. Tra l’altro il Collegio ha anche evidenziato il fatto che Pietro Mele al momento della firma del contratto per la progettazione dello stadio tra la Studio Strutture e la Robur Siena era al tempo stesso legale rappresentante dello studio di progettazione e socio della società committente.

Anna Durio si era da sempre resa disponibile a pagare ma solo i debiti della società che fossero effettivamente dovuti per questo motivo si è rivolta ad un Collegio Arbitrale affinché fosse fatta luce sulle richieste di pagamento dello Studio Strutture

Fonte: FOL

 

 
08/01/19 21:17 | Cristiani e Gerli in gruppo
Cristiani e Gerli in gruppo

È ripresa oggi pomeriggio la preparazione della squadra bianconera dopo la lunga sosta invernale. Sono rientrati regolarmente in gruppo Cristiani e Gerli. Belmonte prosegue nel lavoro differenziato dopo l'operazione al menisco effettuata a metà dicembre. Domani ladoppia seduta di allenamento all 10.30 e alle 15.

Fonte: FOL

 

 
08/01/19 17:14 | Mercato: pochi movimenti per la Robur, da sciogliere il nodo Guberti
Mercato: pochi movimenti per la Robur, da sciogliere il nodo Guberti

Oggi riprende la preparazione della Robur con tutte le energie concentrate  sulla difficile trasferta di Pisa. In questo periodo dell’anno è aperta la finestra invernale dei trasferimenti, il cosiddetto calciomercato in cui quasi tutte le società partono con l’intento di migliorare il proprio organico ma che, strada facendo, finiscono spesso per cedere alle dinamiche del mercato stesso. Anche il Siena è presente, ma i movimenti in casa bianconera dovrebbero essere molto limitati, almeno stando alle dichiarazioni rilasciate dai vari esponenti della società.

Cerchiamo di fare il punto sulla situazione, reparto per reparto.

Porta

Nessun dubbio che il titolare è e rimarrà Nikita Contini, un portiere affidabile che ha dimostrato sul campo il proprio valore guadagnandosi i galloni di titolare. La sua esplosione ha relegato in panchina Nardi, un buon portiere con molta esperienza alle spalle, che sta mordendo il freno. Non a caso ha ventilato alla società la possibilità di trovare una soluzione alternativa. Nardi e la società si stanno guardando intorno e se il ragazzo alla fine rimarrà sulle sue posizione, il Siena, suo malgrado, cercherà di accontentarlo cercando, in alternativa, un portiere giovane seppur affidabile.  Sempre tra i portieri c’è ancora Pasquale Panesotto contratto e sono avviate alcune trattative per un suo eventuale trasferimento.

Difesa

Con  D’Ambrosio, Rossi, Russo, Romagnoli e il prossimo recupero di Belmonte, la squadra è ben coperta nella parte centrale per cui dovrebbe essere escluso ogni movimento. Diverso il discorso sulle fasce, sia destra che sinistra. Da una parte Brumat e De Santis, dall’altra Zanon e Imperiale non hanno ancora espresso appieno i propri valori ed è probabile che la società intervenga, probabilmente sull’out destro dove Brumat, che poteva rappresentare una garanzia alla luce del buon inizio della passata stagione, al momento non ha del tutto convinto. 

Centrocampo

Con il recupero di Gerli e Bulevardi il reparto è ben assortito e, a meno che non si presenti la possibilità di migliorare ulteriormente, dovrebbe rimanere invariato, anche se c’è un caso che dovrà essere risolto. Ci riferiamo a Stefano Gubertiche, voglioso di essere maggiormente utilizzato, avrebbe manifestato l’intenzione di essere ceduto. Guberti non è un giocatore qualunque, è l’uomo tecnicamente più dotato, in possesso di quei colpi che cambiano la partita e la sua partenza non sarebbe indolore. Sarebbe importante se la società, che già gli ha dimostrato la sua fiducia rinnovandogli il contratto, riuscisse a riaprire un dialogo che al momento sembra essersi fermato su un binario morto. Tutto è possibile, anche che qualche sirena dal mercato abbia già raggiunto le orecchie del forte giocatore.

Attacco

Cesarini è pronto e chi ha giocato fin ora ha svolto  alla grande il proprio compito, quindi tutto dovrebbe rimanere così com’è. (NN)

Fonte: FOL

 
08/01/19 14:59 | Cuneo, Pro Piacenza e Lucchese: dieci giorni per presentare una nuova fideiussione.
Cuneo, Pro Piacenza e Lucchese: dieci giorni per presentare una nuova fideiussione.

Le tre società del girone A, insieme a Matera e Reggina nel girone C, avranno tempo fino al 18 gennaio per sostituire le fideiussioni Finworld con cui si erano iscritte al campionato e poi giudicare irregolari. Se non lo faranno in tempo utile scatterà per le società un'altra penalizzazione di 8 punti in classifica ed una multa di 350mila euro, pari la valore della fideiussione stessa. La serie C, grazie al commissario Fabbricini, è attesa da un girone di ritorno molto caldo anche fuori dal campo.

Fonte: FOL

 

 
08/01/19 14:48 | Le decisioni del giudice sportivo. 3-0 alla Robur. Un giocatore del Pisa squalificato.
Le decisioni del giudice sportivo. 3-0 alla Robur. Un giocatore del Pisa squalificato.

Il Giudice Sportivo in merito alle gare della prima giornata di ritorno giocate domenica 30 dicembre 2018 ha assegnato la vittoria per 3-0 al Siena in quanto il Pro Piacenza non si è presentatore. Inflitto anche 1 punto di penalizzazione al Pro Piacenza.
Due giornate al calciatore Arnaud (Gozzano). Una giornata a Arboleda e Trillò (Arzachena), Brignani (Pisa) che salterà quindi la partita con il Siena del 20 gennaio 2019, Pergreffi (Piacenza), Mora (Pro Patria).

Fonte: FOL

 

 
08/01/19 00:00 | 8 gennaio 1922 la prima partita ufficiale della Robur
8 gennaio 1922 la prima partita ufficiale della Robur

La rapida affermazione del calcio ha messo le ali al progetto del Presidente Francioni che l’8 gennaio 1922, con l’esordio della Robur nel Campionato di Promozione, vede coronare i propri sforzi e quelli del Consiglio Direttivo.

Il campo ancora non c’è e ci si deve accontentare della Piazza d’Armi, rattoppata con perizia, ma pur sempre piena di subdoli trabocchetti. La mancanza di un campo adatto all’attività calcistica è un problema molto sentito, tanto che l’Era Nuova, quotidiano locale, in un articolo del 21 gennaio 1922, attacca in maniera pesante le Istituzioni:

“Purtroppo, nonostante i sacrifici e la volontà dei dirigenti della Robur, Siena, unica fra le città e i paesi dell’Italia Settentrionale e Centrale, non ha ancora il suo Campo Sportivo, il campo dove la gioventu’ senese, affratellata, dovrebbe temprare i muscoli e i nervi, sloggiando dalle gurgotte e dai ritrovi equivoci dove avvelena gli anni più belli della vita. Ma l’ostruzionismo delle autorità, come sempre retrograde e tetragone a tutto ciò che significa progresso ha fatto si che i senesi siano ancora alla pari dei paesi più cafoni dove, confronto poco consolante, lo sport non è ancora penetrato.”

La Robur non indossa la tradizionale casacca a quadri bianconeri ma una fiammante maglia rossa con colletto bianconero su cui fa spicco la Balzana senese con la scritta S.S. Robur. E’ una versione riveduta della maglia della Sena Fbc, che in virtù dell’accordo stretto con la Robur, ha chiesto e ottenuto questo privilegio.

Anche il Colonnello Gandolfo, comandante l’87° Fanteria, ha concesso Battaglia e Lusto alla Robur ma il “prestito” non è condizionato da nessuna richiesta.

Oltre mille gli spettatori che si accalcano alle transenne e salutano le due squadre con scroscianti applausi, venendo subito coinvolti dalle emozioni che questa offre. 

Alla fine del primo tempo Giannelli, a cui va l’onore di aver segnato la prima rete della storia della Robur e Cibelli hanno già portato il risultato sul 2-0.

Questo il resoconto del giornale Era Nuova:

“Nella ripresa i rosso bianchi dell’Itala hanno tentato la riscossa per riuscire a salvare l’onore della giornata, ma le loro discese si sono infrante contro l’estrema difesa della Robur e contro l’impareggiabile portiere Landi. I nostri giuocatori acquistata nuova forza e nuovo entusisamo per il continuo incoraggiamento del pubblico, hanno segnato ancora quattro goals per merito ancora di Giannelli, di Battaglia e di Cibelli il quale ne ha marcati due.

Ecco le due squadre:

Robur

Landi, Coppi, Gagnoni, Lusto, Fidanza, Giacomelli, Pistolesi, Cibelli, Giannelli, Battaglia, Savelli. 

All. Marino Fattorini.

Itala 

Mori, Cerboncini, Baldini, Signorelli, Fedi, Rosselli, Magnini, Ugolini, Ottaviani, Peruzzi, Corsi.

Arbitrò imparzialmente la partitail Sig. Perlini della Libertas di Firenze.”

Novantasette anni fa iniziava la nostra storia! (Nicnat)

Fonte: FOL

 
07/01/19 20:42 | Domani riprende la preparazione della Robur
Domani riprende la preparazione della Robur

Dopo otto giorni di riposo, riprende domani pomeriggio alle ore 14.30 la preparazione dei bianconeri in vista della ripresa del campionato, che vede la Robur impegnata in trasferta contro il Pisa il 20 gennaio. La squadra di mister Mignani si allenerà poi mercoledì (10.30 e 15), giovedì alle 15 e venerdì alle 10.30 e alle 15. Nei prossimi giorni sarà pubblicato il programma degli allenamenti successivi. Domenica 13 gennaio, probabilmente, verrà svolta un’amichevole.

Fonte: FOL

 
07/01/19 17:00 | Là dove c’era l’erba ora c’è il cemento, là dov'è nata la storia ora c’è un posteggio: 7 gennaio 1923 si inaugura il Campo di San Prospero
Là dove c’era l’erba ora c’è il cemento, là dov'è nata la storia ora c’è un posteggio: 7 gennaio 1923 si inaugura il Campo di San Prospero

L’iscrizione della Robur ad un campionato federale, oltre a creare entusiasmo tra le fila sempre più numerose degli sportivi, obbliga di fatto il Comune ad affrontare il problema del campo. La richiesta della Robur al Comune, circa la concessione di un’area sulla parte laterale della Fortezza, lato San Prospero, è stata congelata in quanto ad essa si erano aggiunte altre società, fra cui la Mens Sana, alla ricerca di un area per poter costruire un campo di atletica leggera.

Dopo il primo campionato disputato in Piazza d’Armi, l’esigenza della Robur di avere un campo dignitoso che ben rappresentasse la città, è un'irrinunciabile esigenze e la richeista viene sostenuta dai numerosissimi tifosi bianconeri e dalla stampa cittadina costringendo il Comune a venire incontro al giovane sodalizio. Nel maggio 1922 fu concessa alla Robur l’area di San Prospero, in enfiteusi per 134.000 lire.

La notizia, nonostante la volontà di tenerla segreta, fa ben presto il giro della città e giunge alle orecchie dei dirigenti mensanini che nominano una commissione per scoprire se le voci che circolano sono vere.

La commissione dell’Ass. Ginnastica Senese, visto il grande numero di soci che ricoprono incarichi comunali, accerta ben presto la veridicità di quanto si vocifera in certi ambienti cittadini e le proteste verso gli amministratori  si fanno vivaci e pressanti.

La risposta del Comune è ferma e decisa: la priorità al campo della Robur su tutte le altre strutture sportive è inevitabile e quindi non può fare a meno di procedere con la concessione del terreno. Tutte le altre società devono aspettare.

Il campo di calcio non è più un sogno e questo lo si deve a quelli che vengono chiamati “le tre E della Robur”, Ezio Francioni, Ermete Lorenzini, Ettore Venturini che “prestarono e continuano a prestare la loro autorevole garanzia presso gli istituti che ci hanno favorito il credito necessario per l’impianto del nostro Campo Sportivo si accollano le spese per la sua realizzazione, in attesa che la Robur trovi il modo per reperire la cifra necessaria.”

La Scure, periodico del tempo, il 23 settembre 1922 illustra così il progetto del nuovo campo:

“Superate non poche e non sempre lievi difficoltà, Siena avrà presto per merito della Società Sportiva Robur un moderno campo sportivo. I lavori sono stati iniziati in questi giorni nel vasto tratto di terreno compreso tra i due baluardi ovest sotto l’ex Forte di Santa Barbara. Il  campo sorgerà sul disegno e progetto dei concittadini Prof. Bruni ed Arch. Corsi ed occuperà tutto lo spazio fra i due baluardi fino al limite della costruenda strada che dalla nuova Barriera di San Prospero conduce a Porta Camollia. Il Campo sarà recintato da cancellata ed avrà una apertura centrale e due laterali. Artistici pennoni in ferro saranno disposti a simmetrici intervalli, lungo la cancellata e serviranno a sorreggere, durante le partite di calcio e le altre manifestazioni sportive, dei grandi teloni.”  (Nicnat)

 
07/01/19 14:56 | Il punto delle squadre del territorio senese che militano in serie D ed Eccellenza A cura di Damiano Naldi
Il punto delle squadre del territorio senese che militano in serie D ed Eccellenza A cura di Damiano Naldi

Di seguito il punto delle squadre del territorio senese che militano in serie D ed Eccellenza.

SERIE D

PIANESE: Nuova vittoria per gli amiatini che superano con un perentorio 3-0 il Cannara nella prima giornata del girone di ritorno. Per le zebrette eurogol di Catanese in avvio di partita, raddoppio nella ripresa con il solito Lorenzo Benedetti e tris di Rinaldini, di nuovo in bianconero dopo un anno e mezzo. Per la compagine allenata da Marco Masi quinto posto in graduatoria, con la migliore difesa di tutto il campionato.

SAN GIMIGNANO: Inizia con un pareggio per 1-1 contro l’Aglianese l’avventura del nuovo tecnico Simone Marmorini sulla panchina dei valdelsani, subentrato in settimana al posto dell’esonerato Fabio Ercolino. Vantaggio senese con il sigillo di Veratti, replica del sodalizio pistoiese con la rete realizzata da Marzierli. Per i neroverdi penultima posizione, con il successo che manca da oltre tre mesi: in casa ancora nessuna affermazione ottenuta.

SINALUNGHESE: Colpo esterno dei rossoblù che si impongono sull’ostico campo dello Scandicci per 2-1. Fiorentini avanti con l’acuto di Ferretti nella prima frazione, poi le reti di Vasseur e Lucatti su calcio di rigore ribaltano il match in favore dei chianini. Per la squadra di mister Roberto Fani venti punti in classifica, per una formazione che nelle ultime settimane sta iniziando a raccogliere quanto di buono costruito. 

ECCELLENZA

COLLIGIANA: Tre punti per i biancorossi che superano tra le mura amiche lo Zenith Audax. Per i valdelsani a segno i soliti Aperuta e Granito, inutile per gli ospiti il gol di Sow: quarto posto con trentuno lunghezze per la squadra di Alessandro Deri.

POGGIBONSI: Nel big match per il primo posto sconfitta interna dei leoni per 2-0 contro il Grassina. Decide l’incontro la doppietta di Baccini che porta a sei i punti di vantaggio dei fiorentini proprio a scapito dei giallorossi. Per i valdelsani cade l’imbattibilità dopo quindici risultati utili consecutivi: l’ultimo ko risaliva alla sfida d’andata proprio contro il Grassina.

BADESSE: Turno di riposo in questa giornata


Fonte: FOL

 

 
07/01/19 14:24 | Striscione dei tifosi della Mens Sana in ricordo di Arturo. Ignoti lo strappano
Striscione dei tifosi della Mens Sana in ricordo di Arturo. Ignoti lo strappano

Nel corso della partita di ieri i tifosi della Brigata Biancoverde della Mens Sana Basket hanno esposto al Palaestra uno striscione in ricordo di Arturo che dopo è stato attaccato all’ingresso dello Stadio Franchi. Nella notte  è stato strappato.

Fonte: FOL

 

 
07/01/19 10:24 | GiĂ  finita l'avventura di Carboni alla guida dell'Olbia
GiĂ  finita l'avventura di Carboni alla guida dell'Olbia

Sembra già essere arrivata al capolinea l'avventura dell'ex allenatore bianconero Guido Carboni alla guida dell'Olbia. Manca ancora l'ufficialità ma sulla panchina della squadra sarda, reduce dal pareggio interno con l’Albissola, dovrebbe rientrare Michele Filippi, 38 anni, di Cagliari, a sua volta esonerato il 13 novembre scorso dopo le sconfitte di fila nel derby con l’Arzachena e in casa con il Gozzano. Carboni lascia senza avere mai vinto una gara (5 pareggi e 4 sconfitte) e nell’ultima conferenza stampa prima delle feste ha detto chiaramente che la squadra, se vuole centrare l’obiettivo dei playoff, ha bisogno di rinforzi.

Fonte: FOL

 

 
06/01/19 22:18 | Che farĂ  Ghirelli in caso di radiazione del Pro Piacenza?
Che farĂ  Ghirelli in caso di radiazione del Pro Piacenza?

Il presidente Francesco Ghirelli, da esperto conoscitore del calcio, nel caso in cui il Pro Piacenza non scendesse in campo alla ripresa, con conseguente radiazione, potrebbe essere chiamato a pronunciarsi in merito. Detto alla senese, Ghirelli “se lo sente sdrucciolare” e con una apprezzabile tempistica che non promette niente di buono, si è rivolto alla Corte Federale per avere delucidazioni. La sua dichiarazione, rilasciata a Il Tirreno, fa capire quali potrebbero essere le scelte che sarà chiamato ad effettuare, in caso di radiazione del Pro Piacenza: 

«La combinazione con le partite da recuperare a causa dell’assurdo inizio del campionato ci ha obbligato a chiedere un parere interpretativo alla Corte Federale per comprendere, in caso di esclusione dal campionato di qualche società, se dovrà applicarsi il comma 3 (esclusione nel girone d’andata) o il comma 4 (esclusione nel girone di ritorno) dell’art. 53 Noif».

In altre parole, per quanto riguarda la Robur, se gli saranno tolti i tre punti guadagnati nel recupero o se verrà riconosciuto il risultato ottenuto sul campo. Se fossero azzerati tutti i risultati dell’andata, sarebbero Arezzo e Pro Patria a trarne un grosso beneficio, un ulteriore elemento per falsare un campionato già ampiamente condizionato. (nn)

Fonte: FOL 

     

 
06/01/19 22:17 | L’ultima trovata del presidente del Pro Piacenza
L’ultima trovata del presidente del Pro Piacenza

Il presidente del Pro Piacenza, Maurizio Pannella, non parla da giorni e le uniche notizie che circolano sull’agonizzante società, sono spifferi e indiscrezioni. L’ultima in ordine di tempo, ma non lo sarà in assoluto, riguarda la ripresa del campionato il 20 gennaio, un appuntamento cruciale per la società rossonera che, dopo tre forfait consecutivi, avrà l’ultima possibilità per evitare la radiazione. Ma come farà a presentare una formazione se la maggior parte dei giocatori ( ben 11) hanno messo in mora la società e attendono solo di essere svincolati? L’ultima idea di Pannella è quella di giocare contro l’Alessandria – non si sa bene dove visto lo sfratto dal Garilli – con alcuni giocatori della Berretti, il capitano Ledesma e altri calciatori in rosa che pur non scendendo in campo, sono ancora a Piacenza. A conferma di questa indiscrezione la notizia che Pannella avrebbe convocato  a breve i giocatori della Berretti e gli allenatori del settore giovanile.  (nn)
Fonte: FOL

 
06/01/19 19:03 | Bonechi subito in gol
Bonechi subito in gol

Il giovane difensore bianconero Niccolò Bonechi (2001), appena arrivato in prestito al San Donato Tavarnelle, è sceso subito in campo come titolare ed ha anche realizzato la rete che ha sbloccato la partita con il Viareggio che i padroni di casa hanno vinto per 2-0.

Fonte: FOl

 

 
05/01/19 11:43 | Comunicato Boys e Figli di Siena
Comunicato Boys e Figli di Siena

BOYS SIENA e FIGLI DI SIENA Organizzano una raccolta di fondi per ricordare il nostro grande fratello ARTURO. In suo onore gli dedicheremo una coreografia e un bandierone che sono già in produzione. Tutto il ricavato, tolte le spese di realizzazione, verrà donato alla famiglia Pratelli.
LA TUA SIENA - ARTURO VIVE
I punti di raccolta verranno allestiti fino dalla giornata di oggi, sabato 5 gennaio, presso:
- Bar 31
- Siena Club Fedelissimi
- Liceo Scientifico Galileo Galilei
- Istituto Tito Sarrocchi
- Liceo Classico Piccolomini
- Agli ingressi dello stadio in occasione della partita Siena-Pro Patria del 23/01/19

 

 
05/01/19 10:15 | Nardi potrebbe lasciare Siena
Nardi potrebbe lasciare Siena

Il portiere Michele Nardi, arrivato in estate con l'idea di fare il titolare, ma che dopo l'arrivo di Contini è dovuto restare in panchina, avrebbe chiesto alla società di trovargli una sistemazione in una squadra dopo possa giocare con continuità.

Fonte: FOL

 

 
04/01/19 15:12 | Stefano Guberti avrebbe chiesto di essere ceduto
Stefano Guberti avrebbe chiesto di essere ceduto

Mal di pancia per Stefano Guberti che , secondo quanto riporta il Corriere di Siena oggi in edicola, avrebbe chiesto alla società di essere ceduto nel mercato di gennaio. Nonostante il fresco rinnovo biennale il giocatore non accetterebbe il ruolo di essere utilizzato solo nei minuti finali come invece succede nelle ultime partite.

Fonte: FOL

 

 
04/01/19 15:05 | Sette giovani ceduti in prestito
Sette giovani ceduti in prestito

Sette giocatori delle giovanili bianconere ceduti in prestito nei dilettanti
Jacopo Cecconi, difensore (2000) al Badesse
Christian Cefariello, portiere (2000) alla Sinalunghese
Sebastiano Biancalani, attaccante (2000 al Grosseto
Thomas Anselmi, centrocampista (2000) al Grosseto
Mattia Castellazzi centrocampista (2002) al Grosseto
Fabrizio Adelucci centrocampista(2002) al Gracciano
Angelo Luciano Barucci attaccante (2003) al Monteriggioni.

Fonte: FOL

 

 
04/01/19 09:37 | Marotta miglior giocatore del 2018
Marotta miglior giocatore del 2018

È Alessandro Marotta il miglior giocatore del 2018 eletto dai lettori di TuttoC.com. Il giocatore che ha diviso l'anno tra Siena e Catania ha ottenuto poco meno del 32% delle preferenze,

Ecco la classifica finale:

1. Alessandro Marotta (Siena-Catania) con il 31,67%
2. Daniele Paponi (Juve Stabia) con il 28,41%;
3. Stefano Giacomelli (Vicenza) con il 15,93%;
4. Francesco Tavano (Carrarese) con il 11,90%;
5. Leonardo Candellone (Pordenone) con il 7,68%;
6. Giuseppe Caccavallo (Catania-Carrarese) con il 4,41%;


Fonte: FOL

 

 

 
03/01/19 21:02 | Italia-Francia U19 a Siena
Italia-Francia U19 a Siena

Mercoledì 13 Febbraio alle ore 15 allo stadio Franchi verrà disputata una partita amichevole Italia-Francia
La gara è stata organizzata dalla Figc in collaborazione con l’amministrazione comunale e la società bianconera.

Fonte: FOL

 

 
03/01/19 17:08 | Mignani: “Siena ha ritrovato entusiasmo. Ripartiamo da qui”
Mignani: “Siena ha ritrovato entusiasmo. Ripartiamo da qui”

 

“Abbiamo preso tutti una brutta botta a giugno, c’è voluto per riprendersi. Nell’ultimo periodo ho ritrovato nella piazza entusiasmo e vicinanza. Da qui bisogna ripartire”. A parlare, in un’intervista al Corriere dello Sport, è l’allenatore della Robur Michele Mignani. “Ci auguriamo tutti che l’anno nuovo porti un po’ più di regolarità al nostro campionato - spiega il mister bianconero - speriamo di averle viste davvero tutte, sebbene certezze ancora non ve ne siano. Non sappiamo neanche quante promozioni ci saranno e vorremmo che in tempi brevi fosse stabilito ogni aspetto per consentire alle società di programmare”. “Il rimpianto più grosso - continua Mignani - è stato non aver potuto giocare la finale dei playoff per la Serie B a Pescara con l’organico al completo. Poi nella seconda parte della stagione non si è potuto lavorare come piace a me”. Dal mercato “non mi aspetto nulla, solo di poter recuperare l’intera rosa (…). Vediamo quel che succede, non ho richieste in questo momento”. Battuta finale sul campionato. “Piano piano stanno emergendo i valori. L’Entella è una corazzata, la Pro Vercelli è forte, poi ci sono 4-5 squadre di alto livello che possono fare da guastafeste. La Robur deve diventare fastidiosa per tutti e avere ambizioni”. (G.I.)

Fonte: FOL

 
03/01/19 12:45 | Il saluto degli Ultras Arezzo ad Arturo
 
02/01/19 21:53 | Ruggero Radice: “C’è stata una bella risposta”
Ruggero Radice: “C’è stata una bella risposta”

Il responsabile dello Youth Project Ruggero Radice ha parlato di questi tre giorni di allenamenti al sito della società bianconera
“Siamo soddisfatti, i bambini ed i ragazzi si stanno divertendo. C’è stata una bella risposta e speriamo che siano contenti delle nostre proposte anche i genitori: abbiamo messo in campo attività interessanti sia dal punto di vista tecnico che motorio, siamo soddisfatti anche per la nostra idea di lavoro e per lo staff che la sta portando avanti. I bambini ed i ragazzi sono al centro del nostro progetto, per questo vogliamo trasferire molti principi legati al comportamento, abbiamo trovato dei ragazzi molto educati e questo è merito dei genitori e delle famiglie. Dal punto di vista tecnico la risposta è stata buona, all’insegna del divertimento e della partecipazione entusiasta”.

Fonte: FOL

 

 
02/01/19 21:50 | Iniziato il Winter Camp
Iniziato il Winter Camp

Da oggi il Winter Camp, che si tiene fino al 4 gennaio all’Acquacalda, per bambini e ragazzi dai 6 ai 16 anni. Oltre 50 i partecipanti che hanno iniziato il 2019 all’insegna del divertimento e dell’apprendimento dei principi tecnici che sono alla base dello Youth Project e del settore giovanile della Robur Siena.


Fonte: FOL

 

 
02/01/19 19:08 | Bonechi verso il S.Donato Tavarnelle
Bonechi verso il S.Donato Tavarnelle

Il giovane difensore, classe 2001, Niccolò Bonechi da oggi è aggregato alla rosa del San Donato Tavarnelle. Bonechi, giocatore su cui la società punta, andrebbe a confrontarsi in un campionato impegnativo come quello di serie D proseguendo il percorso di crescita fin qui molto promettente. A giorni potrebbe essere ufficializzata la sua cessione in prestito.

Fonte: FOL

 
02/01/19 10:19 | 8 gennaio la ripresa degli allenamenti in attesa di un mese di fuoco
8 gennaio la ripresa degli allenamenti in attesa di un mese di fuoco

Dopo la pausa la squadra bianconera tornerà ad allenarsi martedì 8 gennaio in attesa di riprendere il campionato che prevede un mese di impegni ravvicinati.

21a ritorno
domenica 20 gennaio ore 14:30
Pisa-Siena

22a ritorno
Mercoledì 23 gennaio ore 18:30
Siena-Pro Patria

23a ritorno
domenica 27 gennaio ore 18:30
Pontedera-Siena

Coppa Italia
Mercoledì 30 Gennaio ore 18.30

Pontedera-Siena

24a ritorno
domenica 3 febbraio ore 18:30
Arezzo-Siena

Coppa Italia
Mercoledì 6 febbraio (orario da definire)
Pisa-(vincente Pontedera-Siena)

25a ritorno
Domenica 10 febbraio ore 14:30
Siena-Alessandria

26a giornata
mercoledì 13 febbraio ore 14:30
Cuneo-Siena

27a giornata
domenica 17 febbraio ore 14:30
Siena-Juventus U23

Proseguimento della partita sospesa il 9 dicembre
Mercoledì 20 febbraio ore 14.30
Olbia-Siena

28a giornata
Domenica 24 febbraio ore 18:30
Pistoiese-Siena

Fonte:FOL


 

 

 
02/01/19 10:02 | Cecconi in prestito alle Badesse
Cecconi in prestito alle Badesse

Il capitano della squadra Berretti Jacopo Cecconi (2001) è stato ceduto in prestito alle Badesse dove potrà continuare il suo percorso di cresita.

Fonte: FOL

 

 
02/01/19 09:55 | Domani apre il calciomercato invernale
Domani apre il calciomercato invernale

Si apre ufficialmente domani 3 gennaio la sessione invernale del calciomercato. In seguito alla proroga richiesta dalla Lega Serie A, la Figc ha chiesto e ottenuto dalla Fifa che la finestra invernale del calciomercato resti aperta fino alle ore 20 del 31 gennaio, data ultima per depositare, anche in via telematica, i contratti in Lega.

Fonte: FOL