Rassegna Stampa

10/01/19 10:19 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
10/01/19 10:19 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
09/01/19 19:46 | Torna Mesesport, da domani in edicola il numero di gennaio
Torna Mesesport, da domani in edicola il numero di gennaio

Fra le sorprese dell’anno nuovo, ce n’è una particolarmente  gradita nel campo dell'editoria (sportiva) senese: Mesesport, la rivista di critica e attualità sportiva che nel giugno scorso aveva annunciato la chiusura delle pubblicazioni dopo 36 anni, tornerà da giovedì 10 in edicola con una foliazione maggiore  e, per la prima volta nella sua storia, interamente a colori (fatti salvi i numerosi ‘speciali’ editi nel passato).

La periodicità non sarà più la stessa, ma fin d’ora la redazione ha garantito un’ulteriore uscita al termine della stagione in corso, questo perché proponendo argomenti di riflessione e di approfondimento, non vuole sottrarsi al compito di fare un bilancio complessivo della stessa.

Intanto nel numero in edicola da domani  sono stati affrontati tutti i temi sul tappeto dall’estate scorsa, con interventi ampi e qualificati sulle squadre e le attività legate a calcio, basket, volley, tennis, baseball, atletica leggera, scherma, rugby, polisportiva Mens Sana, Uisp e cicloturismo. Oltre alla proclamazione del Personaggio Sportivo 2018 prescelto dai giornalisti senesi del settore.

Fonte: Mesesport

 

 
09/01/19 08:21 | Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C
Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C

SERIE B Prende consistenza il mercato di B grazie ai movimenti sugli attaccanti, ma non solo. Il Padova ha definito il ritorno di Jerry Mbakogu, che è cresciuto proprio in biancoscudato ed è reduce - dopo il divorzio dal Carpi - da sei mesi di convalescenza: adesso è pronto a contribuire con i suoi gol alla salvezza della squadra di Bisoli e ha firmato un contratto fino a giugno. Il Lecce invece ha lanciato l’offensiva su Budimir, in uscita dal Crotone, per non lasciare nulla d’intentato nella corsa alla A; oltre a lui piace anche Tumminello dell’Atalanta (ma qui i pretendenti sono molti), ma è il croato il grande obiettivo. Budimir è anche in cima alla lista dei desideri della Cremonese (che nel frattempo ha ufficializzato l’arrivo di Soddimo dal Frosinone), dopo che Ceravolo ha preferito Benevento e in attesa che Ciofani chieda al Frosinone di partire (ma lo farà?): in alternativa ci sarebbe Calaiò (Parma), ormai disponibile dopo la squalifica e corteggiato negli ultimi giorni anche dal Foggia. Il Cittadella cerca il solito colpo a sorpresa e il candidato questa volta potrebbe essere Cernigoi del Pisa. E sempre a proposito di attaccanti, va segnalata un’operazione in prospettiva dello Spezia che ha ingaggiato il giovane D’Eramo dalla Serie D (Avezzano).

Torniamo al Padova, dove si registrano la risoluzione di contratto con Pinzi e novità in difesa: dopo Andelkovic (Venezia) serve un altro difensore visti i guai fisici per Capelli, così torna in auge il nome di Cherubin (Verona). Il Cagliari ha dato il via libera a Dessena per il Brescia, che ora si deve decidere a chiudere l’affare: nel frattempo per la fascia sinistra è caldo il nome di Felicioli, pronto a lasciare il Perugia dove è fatta per l’arrivo di Falzerano da Venezia (Tacopina ha detto di sì all’operazione già pianificata da giorni). Il Cosenza ha chiesto Kupisz dell’Ascoli: in alternativa c’è Palumbo della Salernitana; lo stesso Ascoli infine ha chiesto al Sassuolo il prestito dell’esterno Sernicola.

SERIE C Ezio Capuano è arrivato a Rieti e stamani sarà annunciato come nuovo tecnico con un anno e mezzo di contratto: come rinforzi attende alcuni giocatori della Salernitana come Bellomo. Invece il Bisceglie per la panchina potrebbe scegliere Alessio Tacchinardi (ex Lecco).

Non solo Mancosu all’Entella: il Catania ha il sì di Di Piazza e attende il via libera del Cosenza, poi potrebbe liberare Curiale per il Catanzaro. La Juve U23 ha chiesto Cocco al Pescara. Piccioni lascia Teramo e approda al Rimini: al suo posto arriva Costantino (via Pescara) dal Südtirol, che a sua volta aspetta Cori (Monza), sul quale c’è anche l’AlbinoLeffe. Il Trapani fa suo Fedato dal Piacenza (via Foggia), che vuole uno tra Ceccarelli (Monza) e Terrani (Perugia). Tentativo dell’Alessandria per De Feo (Lucchese). Il Renate insiste per Nolè (Pro Piacenza). Rover (Vicenza) vicino al Pordenone. Butic (Ternana) va verso la Pistoiese. La Juve Stabia ci prova per Torromino (Lecce). E il sogno della nuova Reggina è il fantasista Rosina, in uscita dalla Salernitana.
Sempre a Teramo è ufficiale Giorgi (ex Ascoli e Spezia). Idem per Guidetti (Monza) alla Feralpisalò. Turrin (Francavilla) va all’Imolese. La Ternana pensa a Vacca (Casertana) per la mediana. Fatta per il passaggio di Remedi (Pro Piacenza) all’Arezzo. Tsonev (Lecce) firma con la Viterbese. Borello (Crotone, era a Cuneo) è del Rende che riscatta Awua dallo Spezia.


Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 
09/01/19 08:20 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
09/01/19 08:20 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
09/01/19 08:20 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
08/01/19 08:46 | Gazzetta - Il mercato della serie C
Gazzetta - Il mercato della serie C

Matteo Mancosu ha detto sì all’Entella: l’attaccante lascia i Montreal Impact e torna in Italia con un contratto triennale, per la gioia del tecnico Roberto Boscaglia che lo lanciò a Trapani. A proposito di attaccanti: il Pordenone ha chiesto Mokulu al Carpi, Cori (Monza) va verso il Südtirol e non al Piacenza, che è vicino a Ferrari (Brescia) e per la difesa ingaggia Bachini (Spezia), mentre da Monza va alla Giana Jefferson (con Caverzasi), e il Monopoli ha preso Salvemini dal Potenza, che lo può sostituire con Kacorri (Fermana) e Maza (Sicula).

Il Pisa piazza un bel colpo: torna Verna (Cosenza). Il Monza ufficializza Scaglia (Cittadella), aspetta Calvano (Verona) e cede Guidetti alla Feralpisalò, che per la difesa punta Giani (Spezia) e Contessa (Padova). La Virtus Verona vuole Onescu (Bisceglie). Molto attivo il Vicenza che tratta Acampora (Spezia) e il fantasista Strambelli (Potenza). L’Arezzo punta l’esterno Remedi (Pro Piacenza). Lo svincolato Sperotto torna alla Fermana. Gubbio in pressing per Davì (Feralpisalò). La Viterbese prende Thiam (Spal), tratta Infantino (Catanzaro) e ha chiesto Perrulli alla Cremonese. Marcheggiani (Cassino) può tornare al Rieti, che a giorni annuncia il nuovo allenatore. La Juve Stabia vuole Iapichino e Gonnelli (Livorno). Tiritiello (Cosenza) firma con il Francavilla. Russotto (Sambenedettese) e Pepe (Potenza) sono nel mirino della Sicula Leonzio.

Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 

 
08/01/19 08:44 | Gazzetta - Il mercato della serie B
Gazzetta - Il mercato della serie B

C’è la fila di pretendenti davanti alla porta del Frosinone. Non tutti i giocatori del presidente Maurizio Stirpe però accetteranno le proposte che stanno piovendo dalla B. Uno ha detto sì: Danilo Soddimo ha deciso di scendere di categoria per sposare la causa della Cremonese, che si candida al ruolo di regina del mercato di B. Altri stanno valutando le richieste: Crisetig potrebbe andare al Foggia (che ha superato il Crotone), Besea e Matarese sono destinati al Carpi. Ci sono poi alcuni veterani, componenti il gruppo storico del Frosinone, che devono prima di tutto chiedere alla società di essere ceduti: una scelta dolorosa, visti i successi, ma forse necessaria per voltare pagina. Su tutti Daniel Ciofani, che ha molti pretendenti: la stessa Cremonese per esempio ci pensa e non ha ancora fatto una richiesta ufficiale proprio perché prima aspetta una mossa del giocatore. Idem Gori: solo se il centrocampista chiederà di tornare in B il Frosinone valuterà, altrimenti anche lui sarà destinato a rimanere.

La Cremonese si concentra su Ciofani perché sembra essere arrivata seconda su Ceravolo: malgrado una proposta principesca, l’attaccante del Parma sembra più propenso a tornare a Benevento, dove ha già vinto la B e da dove è arrivata un’altra proposta irrinunciabile; la stessa Cremonese, per il centrocampo, sarebbe pronta ad accogliere Carraro se il Foggia lo dovesse rimandare subito all’Atalanta (proprietaria del cartellino). Un’altra novità di giornata molto importante per la B è legata al Perugia, che ha trovato l’accordo con il Venezia per il centrocampista Falzerano: si attende oggi il ritorno in Italia del presidente Tacopina per avere l’ok a un’operazione già definita. Falzerano, per la cronaca, piaceva anche al Brescia, che per il suo centrocampo ha bloccato Moscati dello stesso Perugia, ma adesso ha virato con decisione su Dessena del Cagliari, che già oggi dovrebbe firmare; curiosità: Dessena tornerebbe a giocare nello stadio dove (novembre 2015) ha subìto il terribile infortunio (frattura di tibia e perone) in uno scontro con Coly in Brescia-Cagliari.

Il Verona cerca un terzino sinistro e, dopo Costa (Spal), ha un nuovo obiettivo: Martella del Crotone. Il Padova cerca di riavere Renzetti dalla Cremonese e intanto chiude Andelkovic (Venezia): la proposta di un anno e mezzo di contratto è stata gradita dal difensore sloveno, che rinuncia al Foggia dove ora per la difesa è favorito Spolli del Genoa; come portiere invece il Foggia dovrebbe rinunciare a Scuffet (Udinese) visto che è in ballo uno scambio con il Parma per avere Frattali in cambio di Bizzarri. Il Carpi, in attesa dei due del Frosinone e di Coulibaly (Udinese), ha chiuso per Kresic dell’Atalanta (era a Cremona) e Rolando dalla Samp (arriva dopo la gara di Coppa Italia con il Milan) e ha rimandato Fantacci e Piu all’Empoli. Zenga ha chiesto al Venezia di poter allenare ancora Stoian, ma sul rumeno del Crotone è più forte la Salernitana, dove torna di moda Touba (Bruges) e dove potrebbe esserci un revival con Monaco (Perugia) se Perticone dovesse partire proprio per Venezia. Infine l’Ascoli: chiesto Leverbe alla Samp.


Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 
08/01/19 08:40 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
08/01/19 08:40 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
07/01/19 10:19 | Gazzetta - Il mercato della serie C
Gazzetta - Il mercato della serie C

L’Entella per riconquistare la Serie B è pronta a rinforzare la rosa con innesti di spessore: in attacco è ai dettagli la trattativa per Matteo Mancosu (Montreal Impact), pronto a riabbracciare Roberto Boscaglia, suo allenatore ai tempi del Trapani. Intanto i liguri si sono assicurati il difensore De Santis (Ascoli).
Attaccanti protagonisti: Terrani (Perugia) si avvicina al Piacenza, il Renate ci prova per Nolè (Pro Piacenza), Grandolfo (Virtus Verona) verso il Südtirol, il Rimini punta Piccioni (Teramo), il Gubbio prova l’affondo per Cori (Monza, dove è appena andato Ettore Marchi), Francavilla e Teramo lavorano allo scambio Sparacello-Zenuni, mentre la Reggina prova il sorpasso sull’Alessandria nella corsa a Baclet (Cosenza): offerto un contratto fino al 2021. La stessa Reggina ingaggia Paghera (ex Avellino). Coletti (Triestina) è nel mirino della Viterbese. Vibonese su Zaccagno (Torino). Infine il Catania è vicino a Carriero (Parma) e Palumbo (Salernitana).

Fonte: La Gazzetta dello Sport


 

 

 
07/01/19 10:18 | Gazzetta - Il mercato della serie B
Gazzetta - Il mercato della serie B

Due colossi a confronto per un big. L’asta per l’attaccante Fabio Ceravolo del Parma è partita e in campo ci sono le due società più floride della B. Da una parte la Cremonese, che gli ha proposto 350mila euro per questi sei mesi e un biennale da 500mila per i prossimi due anni. Dall’altra il Benevento, che lo vorrebbe riportare nel Sannio (dove Ceravolo ha già vinto la B) e ha rilanciato con una controproposta. In mezzo aspetta il Parma, proprietario del cartellino, che sul piatto mette un altro giocatore ambito da entrambe le contendenti: si tratta del centrocampista Jacopo Dezi, che la Cremonese ha in cima alla lista dei desideri e che il Benevento ha chiesto per accontentare Bucchi (che l’ha allenato a Perugia nella stagione della sua svolta). Insomma, è asta senza esclusione di colpi. Senza dimenticare che la Cremonese, parallelamente, ha avviato anche la trattativa per un altro attaccante, ossia Daniel Ciofani del Frosinone.

Vanja Milinkovic-Savic sta per diventare il nuovo portiere dell’Ascoli. Nel fine settimana i marchigiani hanno lanciato l’assalto che potrebbe risultare quello decisivo per regalare a Vivarini un numero uno di qualità. Fratello del centrocampista della Lazio Sergej, Vanja ha collezionato appena una presenza in Coppa Italia e due nel girone di andata vissuto in prestito alla Spal e, dopo l’arrivo di Viviano in Emilia, è destinato a rientrare al Torino dove è però chiuso da Sirigu, Ichazo e Rosati. L’Ascoli ha già ottenuto dal club granata il via libera a un nuovo trasferimento a titolo temporaneo, e aspetta l’ultimo sì da parte del giocatore che si è convinto che un’esperienza da titolare, seppure in Serie B, possa rappresentare il percorso ideale per rilanciarsi. Trattativa ben avviata, ormai a un passo dalla conclusione.

A proposito di portieri: ufficiale Minelli (Brescia) al Padova, il Cosenza rimanda Cerofolini alla Fiorentina e valuta l’ipotesi Puggioni (in uscita da Benevento), che comunque pare molto complicata. Il Verona (vista la lunga assenza di Lee) è deciso a chiudere Sprocati dal Parma, mentre per la fascia sinistra il primo nome è Costa della Spal. Il Livorno cerca una punta e sta provando a strappare Mazzeo al Foggia. Nei prossimi giorni la Lazio sbloccherà l’attaccante Rossi, che sembrava destinato al Pescara: sono arrivate altre proposte (pare anche dal Brescia, visto che al momento Trotta non sembra propenso a lasciare il Sassuolo per scendere in B) e quindi l’incertezza resta. Il Carpi è pronto ad accogliere il centrocampista Coulibaly dall’Udinese in prestito. Il Perugia ha fatto una proposta allo svincolato Aleandro Rosi, ma la pista adesso si è raffreddata e quindi il club umbro (che dovrebbe dare Moscati al Brescia) valuta altri nomi.

Fonte. La Gazzetta dello Sport

 

 
07/01/19 10:18 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
07/01/19 10:17 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
06/01/19 09:38 | Gazzetta - Il mercato della serie C
Gazzetta - Il mercato della serie C

Ancora loro. Sono sempre i goleador a infiammare le trattative in Serie C. Il Catania ha in pugno Di Piazza (Cosenza) e tratta pure il centrocampista Palumbo (Salernitana) e il fantasista Sarno (Padova). Il Potenza chiude per Bacio Terracino (Teramo). Cani (Vibonese) è vicinissimo alla Virtus Verona. Tentativo del Pordenone per Geijo (Venezia), sondaggio dell’Arezzo per Bianchimano (Perugia), mentre Scardina (Pro Piacenza) è vicino al Fano.
Il Monza, che ha ufficializzato Marconi, Fossati e Bearzotti, punta Armellino (Lecce) e insiste per Calvano (Verona), per il quale è pronto un contratto al 2022 pur di battere la concorrenza di Padova e Foggia. Migliavacca (Novara) verso l’Albissola. La Viterbese ha chiesto Matarese al Frosinone. Shopping Paganese in casa Potenza: Longo e Caiazza. Di Livio (Siena) piace al Catanzaro. La Reggina sorpassa la Carrarese ed è vicina allo svincolato Paghera (ex Avellino).
Panchine roventi nella terza serie. Il Rieti, dopo le dimissioni di Cheu, ha incontrato Eziolino Capuano ma pensa anche a Francesco Moriero, avvicendatisi alla guida della Sambenedettese nello scorso campionato. Mentre alla Feralpisalò il patron Pasini sembra deluso e inizia a scricchiolare la posizione di Toscano, con Gallo (ex Spezia) suo potenziale successore.

Fonte: La Gazzetta dello Sport


 

 

 
06/01/19 09:37 | Gazzetta - Il mercato della serie B
Gazzetta - Il mercato della serie B

Sarà Brescia la casa giusta per vedere l’esplosione di Marcello Trotta? La punta giramondo (è stato da giovanissimo al Manchester City e al Fulham in Inghilterra) ha conquistato la Serie A a suon di gol ad Avellino nel 2015-2016, ma da allora non è ma riuscito a confermarsi come bomber nel massimo campionato italiano. Il presidente Massimo Cellino punta forte su di lui per la promozione del Brescia in A e ha intensificato i contatti con il Sassuolo (oltre a superare la concorrenza del Benevento per l’attaccante mancino) per definire l’affare. Trotta cerca una nuova avventura da questa estate, quando è stato messo ai margini dal tecnico neroverde Roberto De Zerbi, ma ad agosto Trotta è rimasto, infelice, in Emilia con tutte le porte chiuse al fotofinish.
Proprio il Sassuolo a gennaio 2016 aveva puntato forte su Trotta come emergente e leader dell’attacco dell’Avellino (in Campania ha collezionato 17 reti in 41 presenze). Nel 2016-17 la punta è protagonista con 3 reti a Crotone sulle 29 partite disputate con i calabresi, che alla fine strappano una storica salvezza. Nella scorsa stagione, sempre a Crotone, segna 7 gol in 34 presenze di campionato e aiuta nella disperata caccia alla salvezza dei rossoblù, che però alla fine retrocedono. Il Crotone ha provato più volte a trattenere Trotta, ma il Sassuolo non ha ceduto, anche se in questa finestra di mercato l’addio sembra ormai scontato. Ora il futuro parla bresciano. E la Serie B potrebbe ridare luce a una punta che si è oscurata con le troppe panchine dell’ultimo periodo.

Il Foggia è vicinissimo al portiere Scuffet in prestito dall’Udinese. Per la difesa occhi puntati su Andelkovic del Venezia — ma i lagunari non sono ancora convinti — su cui c’è anche il pressing del Padova. Sprint finale per il centrocampista Calvano dal Verona (superato il Padova). Il Benevento spinge forte per il ritorno di Ceravolo. La trattativa col Parma per l’attaccante va spedita verso la fumata bianca attesa nella prossima settimana.

Il Pescara è pronto a chiudere per l’attaccante della Lazio Alessandro Rossi, una volta definita la cessione di Cocco. Per la mediana avanti l’affare Omeonga con il Genoa in prestito. Il sogno potrebbe essere Daniel Ciofani del Frosinone per ricomporre la coppia col fratello difensore Matteo. Santiago Bellini verrà tesserato a giorni quando arriverà il passaporto comunitario dopo aver superato la prova alla corte di Pillon.

Il Crotone affonda il colpo per Lorenzo Crisetig, centrocampista in uscita dal Frosinone, già due stagioni nel club calabrese in passato. Il Cosenza per la porta ha l’idea Puggioni (Benevento) ma l’affare non è facile. Il Perugia ha messo gli occhi su Molinaro, in rotta con il Frosinone. La Salernitana prova a riportare Monaco dal Perugia in Campania. Il difensore per ora nicchia. Il Padova prova il doppio colpo in casa Empoli e ha chiesto Lollo e Bittante ai toscani: parti al lavoro. In uscita da Palermo c’è l’esterno Rispoli, che è nel radar del Parma in Serie A. I rosanero hanno preso informazioni per Robert Mazan, classe ‘94 slovacco che milita nel Celta Vigo. Il Carpi per l’attacco si gioca la carta Castori per arrivare a Jallow (Salernitana), pallino del tecnico. Il Venezia ci prova per l’esterno dell’Ascoli Kupisz, che finora ha trovato poco spazio.

Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 
06/01/19 09:37 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
06/01/19 09:36 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
05/01/19 09:51 | Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C
Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C

SERIE B A volte ritornano, è proprio il caso di dirlo. A Benevento può materializzarsi un clamoroso Fabio Ceravolo 2.0. Vigorito lavora a un colpo per reparto: in mezzo al campo la prima scelta è Dezi (Parma), mentre davanti è partito l’assalto al bomber artefice della storica promozione in A nel 2017 con 20 gol, per il quale c’è da battere la concorrenza della Cremonese che ha messo sul piatto un ricco triennale.
Il Brescia è in pressing per Hetemaj (Chievo) e Spolli (Genoa). Inoltre il club di Cellino ha sorpassato il Lecce per Moscati (Perugia), che Corini conosce bene per averlo allenato a Novara. Grandi manovre in attacco per il Pescara che, oltre al giovane Rossi (Lazio), ha messo gli occhi su Ciciretti (Parma) e Giannetti (Livorno). A proposito di punte: il 7 arriverà la firma del centravanti Sadiq (era ai Rangers) con il Perugia: operazione in prestito dalla Roma. E Santopadre non si ferma qui: per la mediana caccia a Falzerano del Venezia, mentre come terzino sinistro è duello col Verona per Vitale (Salernitana), con i gialloblù che valutano come alternative Costa (Spal) e Molinaro (Frosinone). Lo stesso Verona non molla la presa per l’esterno offensivo Sprocati (Parma).
L’Ascoli, in coabitazione con l’Entella proprietaria del suo cartellino, vuole riportare in Italia la «Zanzara» De Luca dal Cluj: i bianconeri lavorano, inoltre, allo scambio di portieri Perucchini-Fulignati con l’Empoli. Restando in tema di estremi difensori: scatto del Livorno nella corsa a Leali (Perugia), mentre il Cosenza sogna il ritorno di Frattali (Parma) ma c’è grande distanza sulle cifre dell’ingaggio. Il Venezia ha chiesto il difensore Perticone alla Salernitana. Da una veneta all’altra: il Padova, dopo Mbakogu, chiude per Minelli (Brescia) e aspetta Fornasier (Pescara). Infine il Crotone si assicura Tripaldelli (Sassuolo).

SERIE C Il Monza non si ferma: ufficializzati Brighenti (Cremonese) e Chiricò (Lecce), ecco il blitz per Simone Calvano del Verona. L’alternativa è Di Paola (Entella). A proposito di big: la Ternana vuole un attaccante: trattativa ben avviata per Cocco (Pescara). Il Catania prepara l’assalto a Di Piazza (Cosenza).

Il Piacenza ha nel mirino Terrani (Perugia). il Vicenza ci prova per Maiorino (Livorno). Il Pordenone si assicura due giovani: il terzino Frabotta (Renate) e il centrale Farabegoli (Sampdoria). Esposito (Spal) verso il Ravenna. Il Rimini punta Magnaghi (Pordenone). La Carrarese pensa allo svincolato Paghera (ex Avellino). La Samb preleva Scalera dal Pescara e aspetta Orlando (Salernitana). Testoni (Sestri) firma per la Vis Pesaro. Costantino (Sudtirol) vicino al Teramo. Gubbio su De Feo (Lucchese). La Viterbese prende Zortea (Atalanta) e stringe per Di Matteo (Lecce). Borello (Crotone) verso Rende. Reggina: tentativo per Doumbia (Lecce).

Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 
05/01/19 09:50 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
05/01/19 09:50 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
04/01/19 09:36 | Gazzetta - Il mercato della serie C. Il Monza non si ferma più
Gazzetta - Il mercato della serie C. Il Monza non si ferma più

Non si ferma più il Monza targato Berlusconi che porta a dieci gli acquisti della sua gestione: fatta anche per Bearzotti (Cosenza) e Chiricò (Lecce). Il Pordenone capolista del girone B vuole regalarsi un attaccante: nel mirino ci sono Guidone (Padova) e Scappini (Cittadella), quest’ultimo obiettivo anche della Juventus U23. A proposito di punte: l’Entella può riportare in Italia Mancosu (pupillo di Boscaglia ai tempi del Trapani), svincolatosi dai Montreal Impact; mentre l’Alessandria pensa a Baclet (Cosenza).

ALTRI AFFARI L’Albissola ha chiesto Cenetti all’Arezzo. Nava (Pro Piacenza) verso il Rimini. Il Pisa riprende Verna (Cosenza) e tessera lo svincolato Gamarra (ex Feralpisalò). Palermo (Siracusa) piace alla Carrarese. Il Teramo ingaggia Giorgi (ex Ascoli) e può ottenere Salvemini dal Potenza nell’ambito della cessione di Bacio Terracino ai lucani. Tentativo della Samb per Torromino (Lecce). Soddimo (Frosinone) e Vacca (Casertana) nel mirino della Ternana. La Viterbese ci prova per Tsonev (Lecce). Nunzella (Pordenone) e Tiritiello (Cosenza) firmano per il Francavilla.

SERIE D Il Bari è vicino all’esterno Quagliata (Pro Vercelli), mentre l’Avellino ci prova per Cristian Ledesma (Pro Piacenza).


Fonte: La Gazzetta dello Sport


 

 

 
04/01/19 09:35 | Gazzetta - Il mercato della serie B. Calaiò verso Foggia
Gazzetta - Il mercato della serie B. Calaiò verso Foggia

Non c’è due senza tre. Così sperano a Foggia. Calaiò è stato l’uomo delle grandi rinascite in piazze importanti come Napoli e Parma, ripartite dal basso e trascinate a suon di gol dalla C fino alla Serie A. Il club rossonero vuole chiudere nelle prossime ore per l’attaccante del Parma, che rientrerà in campo nel 2019 dopo la squalifica di due anni (poi ridotta fino al 31 dicembre) arrivata lo scorso luglio per i messaggi inviati a De Col e Terzi prima della gara tra gli emiliani e lo Spezia.

SCADENZA Lo stop forzato ha relegato ai margini Calaiò nel girone d’andata positivo del Parma e ora, a sei mesi dalla scadenza del contratto, l’attaccante cerca una nuova avventura. I ducali non chiedono esborso economico per liberarlo questo gennaio. Le proposte dalla C sono arrivate in massa, ma la punta questa volta (dopo le imprese a Napoli nel 2005 e a Parma dal 2016) ha scelto di ripartire dalla B e da Foggia. L’accordo con Calaiò può arrivare già nelle prossime ore. E se l’obiettivo quest’anno non può essere la promozione, i suoi gol potranno servire a mantenere la categoria e puntare dal prossimo anno al ritorno in A. Il Foggia non si ferma: per la porta viva l’ipotesi Milinkovic Savic (Spal), a centrocampo sondato il terreno per Dezi (Parma).

CACCIA AL GOL Sono tanti a caccia di una punta. A Benevento si tratta per Ceravolo, in uscita dal Parma. Il Brescia punta Trotta, che lascerà il Sassuolo (c’è anche il Benevento). La Cremonese pensa a Monachello (Pescara, c’è anche l’Ascoli) e Ciofani (Frosinone). Il Pescara aspetta il rinnovo Rossi-Lazio prima del prestito. Da monitorare Ciciretti (Parma) e Scamacca (Sassuolo).

MBAKOGU DAY Il Padova cambia in ogni reparto. In attacco è fatta per lo svincolato Mbakogu: nell’accordo verrà inserito un rinnovo automatico in caso di salvezza e una clausola per i club di A. Si attendono oggi visite e la firma. Per la retroguardia è vicino Andelkovic (in scadenza col Venezia), l’alternativa è Fornasier (Palermo). Per la mediana idee Buchel (Empoli) e Calvano (Verona).

ALTRI AFFARI Carpi: il primo colpo è il laterale Rolando dalla Samp in prestito. Per la difesa piace Kresic (Cremonese). In attacco si trattano Jallow (Salernitana) e Moncini (Spal). Il Lecce ufficializza Tachtsidis dal Nottingham Forest con obbligo di riscatto in caso di promozione, ora si punta Moscati (Perugia, c’è il Brescia). Il Verona per la difesa pensa a Casasola (Salernitana) ma tiene d’occhio Costa (Spal) e Petris (Gozzano), in attacco Sprocati (Parma). Il Perugia insiste per Martella (Crotone). Oggi è previsto un incontro con l’agente del difensore (sullo sfondo c’è il Verona). In attacco Nesta aspetta Sadiq in prestito (Roma). In salita Pucciarelli (Chievo). Il Cosenza per la porta pensa a uno tra Frattali (Parma) e Puggioni (Benevento). La Salernitana tratta Di Somma, centrale del Potenza. In casa Spezia è in arrivo la giovane ala D’Eramo (Avezzano, D). Per la fascia mancina idea Da Cruz (Parma) e in mezzo si segue Willumsson, islandese del Braidablik.


Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 

 
04/01/19 09:34 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
04/01/19 09:34 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
03/01/19 10:15 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
03/01/19 10:15 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
02/01/19 17:32 | La Nazione – Anna Durio: “«Io e la mia Robur non molliamo»
La Nazione – Anna Durio: “«Io e la mia Robur non molliamo»

Se ne è andato il 2018, portandosi con sé dodici mesi intensi, stracarichi di emozioni. Nel bene e nel male. Avanti, ora, 2019.

Presidente Anna Durio, un bilancio dell’anno che è appena terminato.
«Non poteva finire in maniera peggiore. Non ci sono parole quando perde la vita un ragazzo di 17 anni. Arturo era presente alla mia prima conferenza alla guida della Robur, il 23 luglio del 2016, ed era presente all’ultima partita, a Piacenza, con suo padre. Almeno ha visto vincere il suo Siena. La squadra è rimasta toccata dalla tragedia, i ragazzi sono stati i primi a volergli rendere omaggio. Il loro, un dolore sincero. Credetemi quando vi dico che questo gruppo è fatto di ottimi giocatori, ma soprattutto di grandi uomini. Per il resto, per quanto valga, la prima parte di stagione è stata esaltante, almeno fino a Catania. Poi siamo entrati nel vortice, difficile da metabolizzare quanto è successo in estate. Ma siamo ripartiti più carichi di prima, anche se in ritardo. Non dimentichiamo che abbiamo svolto il ritiro con la Berretti…».

Cosa le ha insegnato l’estate che ha vissuto?
«Toccare il fondo non è bastato, ci siamo ritrovati a scavare. Non mi hanno tolo la voglia di combattere, ma la delusione è stata tanta. Ho sempre pensato, forse ingenuamente, che il calcio fosse fatto di passione, di valori sportivi. Mi sono accorta che è un’altra cosa, che è solo un insieme di interessi personali. Io mi piego, ma non mi spezzo».

E non è finita: il 31 gennaio verranno decisi i criteri per i ‘nuovi’ ripescaggi in B. Cosa si aspetta?
«La paura che dovremo continuare a scavare c’è. Mi auguro di no. Oltre al danno, sarebbe una beffa, dopo quello che ci hanno fatto. Mi batterò perché alla fine della prossima stagione dalla B retrocedano quattro squadre e che non abbiano diritto a essere ripescate: durante tutta l’estate mi sono sentita dire, da più parti e a più riprese, che i ripescaggi non sono un diritto, che i campionati si vincono sul campo. Ecco, allora sul campo si retrocede anche. Fin dall’inizio ho sempre lottato per il Siena, ma anche per la giustizia, per il rispetto delle regole».

Cosa, da presidente del Siena, la rende più orgogliosa del 2018?
«Aver regalato alla Robur un campo di allenamento, una sua casa, per la prima volta nella storia. Ma anche aver raggiunto la semifinale play-off. Il momento più bello Catania: mentre noi soffrivamo al Massimino, so che al Franchi tantissimi tifosi hanno lottato insieme a noi e hanno gioito con noi. Queste sono le immagini del calcio che mi piacciono».

A proposito di tifosi: anche per loro il 2018 è stato difficile…
«Sono dispiaciuta per quello che è successo, ma io su certe cose non posso farci niente. La scorsa stagione il Siena è riuscito a riportare entusiasmo allo stadio e gente in trasferta, un nostro obiettivo. Anche quest’anno, con gli ultimi risultati, credo che abbiamo dimostrato di non essere così incompetenti e che la squadra aveva bisogno di tempo. Chi ha creduto in me lo ha fatto fin dall’inizio».

Quando si è insediata ha parlato di progetto triennale e questo è il terzo anno.
«Sì, ma il primo sappiamo tutti come è andata, sono dovuta partire a settembre e sono andata avanti tra mille ostacoli. Dal mio punto di vista in B ci sono arrivata un anno e mezzo prima del previsto. Perché io mi sento di aver portato il Siena in serie B. Ce l’ho messa tutta fin dall’inizio».

Se a fine stagione la Robur fosse ancora in C, Anna Durio sarebbe disposta a proseguire?
«Io sono qui e non ho intenzione di mollare, ma fare calcio con l’attuale sistema normativo è difficile, soprattutto per chi ci mette i propri soldi».

Ha più volte detto di essere aperta all’entrata di nuovi soggetti: ha avuto dei contatti?
«Noi siamo aperti, a livello di sponsor, di ingressi in società o quant’altro, ma solo per chi vuole il bene del Siena. Chi mira solo a interessi personali stia lontano dalla Durio. Sì, qualche millantatore c’è stato, soprattutto quando la B sembrava a un passo. Comunque, se qualcuno vuole farsi avanti, lo faccia con me e non tramite i giornali…».

E’ arrivata pochi giorni fa anche l’archiviazione per la vicenda Ponte. Con le altre cause pendenti a che punto siamo?
«Sono sempre stata certa di quello che ho firmato e di quanti soldi ho sborsato. Ho sempre creduto nella giustizia e mi sarei meravigliata fosse andata diversamente. Le altre sono tutte ancora aperte. Mi dispiace perché i soldi spesi in avvocati avrei potuto usarli meglio per la Robur».

Sta per aprire il mercato…
«I migliori acquisti li abbiamo in casa. Poi vaglierò a seconda di quello che mi diranno i direttori».

Un augurio per il 2019?
«Vorrei vedere meno egoismo e più umanità e più correttezza nello sport. E spero che il Siena riesca a riprendersi quello che gli è stato tolto». (Angela Gorellini)

Fonte. La Nazione

 

 
02/01/19 08:36 | Le prime pagine dei quotidiani locali