Ricci Bus
Audio Life
Banca Cras
CLEAN ACCCENT
Ricci Bus

Rassegna Stampa

15/07/18 09:39 | Due nobili con lungo passato di A alla disperata ricerca di evitare il fallimento.
Due nobili con lungo passato di A alla disperata ricerca di evitare il fallimento.

BARI Si è mosso anche Nicola Legrottaglie per dare una mano al Bari. L’ex difensore della Juve e del Milan, cresciuto in biancorosso, ha sondato la disponibilità del suo amico Andrea Radrizzani, patron del Leeds. Il primo incontro con il sindaco Decaro non ha sortito risultati positivi, stamattina risposta definitiva. L’impresa è ardua, visti i tempi ristretti: la corsa contro il tempo finirà domani alle 19, se non fossero versati 3 milioni per la ricapitalizzazione. Ma regge ancora la possibilità che il presidente Giancaspro (rientrato ieri a Bari) riesca a provvedere sul filo di lana.

CESENA Quello di domani alle 10.30 nella sede di corso Sozzi dovrebbe essere l’ultimo cda della storia del Cesena Calcio. A meno di improbabili miracoli dell’ultimo minuto infatti, il destino sembra essere il fallimento. C’è tempo fino alle 19 di domani per presentare il ricorso alla prima bocciatura della Covisoc per l’iscrizione e la corsa contro il tempo del Cesena sembra aver trovato alleati in una banca d’affari inglese interessata a rilevare la società, ma i tempi sono strettissimi. Il presidente Lugaresi non vuole arrendersi, ma sembra scontato che il Cesena proverà a ripartire dalla D sperando che qualcuno risponda al bando pubblicato dal sindaco Lucchi.


Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 
15/07/18 09:36 | Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C
Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C

SERIE B Domani sarà il giorno del Paulinho-bis alla Cremonese. Il club ha trovato l’accordo con la punta brasiliana, il cui contratto era scaduto lo scorso 30 giugno, per proseguire l’avventura in grigiorosso. La stessa Cremonese ha ufficializzato l’ardivo di Volpe (Gubbio) come secondo portiere e ora per la difesa punta Del Fabro (Juve, ma c’è da battere la concorrenza della Salernitnana) e valuta Laverone (Avellino) e Mogos (Ascoli) per la fascia destra.
Il Brescia ingaggia il trequartista Tremolada (Entella, era alla Ternana). Altro colpo del d.s. Angeloni per il Venezia: in porta c’è Lezzerini (Avellino). Bonazzoli (Samp, era alla Spal) firma per il Padova che è vicino al mediano Casarini (Novara). Il Verona accelera per l’attaccante Di Carmine, che il Perugia valuta 2,5 milioni. Lo Spezia nell’ambito delle cessioni di Corbo e Maggiore alla Spal può ottenere l’attaccante Moncini (era al Cesena). Il Livorno ha l’accordo per Forte (Inter, era allo Spezia) e pensa a Kozak (Bari) in attacco dove non tramonta il sogno di arrivare ad Antonio Cassano. Molto attivo il nuovo Ascoli targato Bricofer. Per la mediana continua il pressing per Vacca (Parma) ed è in arrivo Antonucci in prestito dalla Roma. Davanti continua il corteggiamento dei bianconeri per Petkovic (Bologna, era a Verona), anche se non è facile convincere il croato a scendere di categoria. Il Benevento segue Galano (Bari) e Piccolo (Cremonese). Domani la Salernitana conta di definire gli arrivi in attacco di Jallow (Chievo, era al Cesena) in sinergia con la Lazio e Djuric (Bristol): inoltre i granata aspettano il via libera dell’Atalanta per il ritorno de portiere Radunovic. Guerra (Feralpisalò) piace all’Avellino. Oggi attesa la firma di Bizzarri (Udinese) a Foggia (annuale con opzione). Capela (Carpi) al Cosenza. Il Crotone chiude per il ritorno di Ajeti (Torino).


SERIE C A volte ritornano: il Novara è pronto ad accogliere Pablo Gonzalez (Alessandria) e ci prova per Di Matteo (Lecce) che può arrivare nell’ambito della cessione di Calderoni ai salentini. In avanti piace Brighenti (Cremonese).

NORD Cascione (Cesena) firma per il Vicenza. Albertoni (Lucchese) va all’Albissola. La Giana riprende i giovani Taliento e Seck dall’Atalanta. Doppietta Arzachena con Moi (Gela) e Busatto (Union Feltre). Pinna (Cagliari) torna all’Olbia.

CENTRO Il Ravenna preleva Siani e Pellizzari dalla Juve. Colpo Cellini (Arezzo) per la Pistoiese. Il Siena stringe per Nardi (Parma). Fontanesi (Sassuolo, era al Gubbio) firma con il Pontedera. Doppietta Arezzo: ecco Melgrati (Cesena) e Tassi (Inter, era al Vicenza). Fortunato (ex Reggina) e Russo (ex Taranto) al Fano via Pescara. La Ternana prende Rivas (Inter). Damiani (Empoli) alla Viterbese.

SUD Scarpa rinnova con la Paganese che preleva Santopadre dall’Atalanta. Djordjevic (Catania) al Potenza. Giunta (Rieti) alla Sicula Leonzio che vuole Laezza (Reggina). Il Catania ingaggia Vassallo (Bologna) ed è vicino a Maiorino (Livorno) e Sini (Viterbese). Infine ufficiale l’approdo di Ciro Ginestra (Altamura) sulla panchina del Bisceglie.

IL GIALLO Venerdì era arrivata la firma con tanto di annuncio ufficiale per Sottovia (Mestre) alla Samb: la punta però ci ha ripensato ieri ha ripreso la via di casa per motivi familiari. Il contratto non verrà depositato.

Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 
15/07/18 09:30 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
15/07/18 09:30 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
14/07/18 13:48 | Calcio caos, fideiussioni false. Gravina: "In Lega Pro tre gironi da 18 squadre"
Calcio caos, fideiussioni false. Gravina: "In Lega Pro tre gironi da 18 squadre"

Un'altra estate infernale per il nostro calcio: processi sportivi (Parma, Chievo, Foggia, Cesena), Cesena e Bari fuori dalla B (Avellino deve trovare una fidejussione entro lunedì), 4-5 club di serie C che rischiano di scomparire o sono già scomparsi (Mestre, Bassano, Fidelis Andria, Lucchese, Reggiana. Cuneo, Matera). In più, ecco un altro scandalo: le fideiussioni dubbie di 9-10 club di serie C, con la società Finworld Spa che adesso potrebbe essere bloccata dal consiglio di Stato.

Presidente Gabriele Gravina, ogni anno la sua Lega, la Lega Pro, è nei guai. Adesso che succederà con questi 10 club?

“La storia è chiara, noi abbiamo fatto la nostra parte sino in fondo. Ho scritto a questi club, devono mettersi in regola. Rischiano 300.000 euro di ammenda, equivalente della fideiussione, e una penalizzazione in classifica”.

Da questa situazione non se ne esce mai.

“Non si ha voglia di uscirne”

Sulla Gazzetta di oggi è scritto che “la Triestina ha depositato una fideiussione semplicemente falsa”. Le sembra normale?

“No, non è per niente normale. Ho denunciato la società alla Procura della Repubblica e alla procura federale: loro si considerano parte lesa e adesso presenteranno un'altra fideiussione buona. Poi, forse saranno penalizzati. Tutti si dichiarano truffati...”.

Molti club di calcio per una fideiussione da 300 mila euro si rivolgono a società assicurative e finanziarie che chiedono 30-40.000 euro quando una banca chiede solo 2-3000 euro. Strano, no?

Sorride. “Questione di garanzie... La verità è che così non si può più andare avanti, lo ho detto anche a Fabbricini. Su 60 società, 48 sono da serie A, una decina si iscrivono solo con una domanda senza tassa, fidejussione, pagamento dei calciatori... Poi si avanti coi ricorsi e con lele penalizzazioni. Così facendo, per la nostra Lega è un danno di immagine, rischiamo di perdere gli sponsor, anzi li abbiamo già persi. Farò un'azione di responsabilità”

Come si esce da questo caos?

“Semplice: tre gironi da 18 squadre ciascuno”.

Seconde squadre: ci saranno solo Juve e Milan

“Due, già... Forse una terza, se si libera un altro posto. Mi risulta che Roma, Samp, Torino e Udinese sono d'accordo ma vorrebbero aspettare il 2019”.

La prossima settimana (il 19 o 20) il commissario ha convocato per la seconda volta Leghe e componenti: lei con Sibilia, Tommasi e Nicchi chiedete di votare entro l'estate. Cosa potrà succedere in questo summit?

“Poco o niente. Noi ricorreremo comunque al collegio di garanzia del Coni e poi al Tar del Lazio”.

E se Giancarlo Abete non sarà candidabile, presenterete un'alternativa?

“Al momento non ci sono i presupposti: prima Fabbricini dovrà convocare le elezioni. Poi tutto verrà di conseguenza”.

Fonte: La Repubblica

 
14/07/18 08:18 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
14/07/18 08:16 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
13/07/18 09:12 | GDS-Sipario sul Cesena. Bari, per farcela servono 3 milioni
GDS-Sipario sul Cesena. Bari, per farcela servono 3 milioni

I pareri Covisoc sono arrivati via Pec alle società e adesso, per quelle bocciate, è una corsa contro il tempo. La situazione è disperata per Bari e Cesena in B e per almeno tre club di C: se per la Lega di Gravina siamo nella triste media di questi anni, per quella di Balata è uno scenario decisamente insolito, e questo spiega l’attivismo del presidente - che ieri s’è visto anche respingere l’istanza contro le seconde squadre - nel cercare una rivisitazione della Legge Melandri. Tornando alle iscrizioni, lunedì in Figc il commissario Fabbricini attende i ricorsi (devono arrivare entro mezzogiorno) e il 19-20 comunicherà chi sarà ammesso, a questo punto con varie penalizzazioni. Poi, dal 20, si aprirà la corsa ai ripescaggi, anche se non sono esclusi nuovi ricorsi da parte dei bocciati al Coni e al Tar, per la solita estate rovente.

SERIE B Bari e Cesena a questo punto hanno pochissime speranze di farcela. Se per il Cesena la situazione è compromessa su più fronti, con il presidente Giorgio Lugaresi che s’è chiuso nel silenzio, il Bari dovrebbe «solo» trovare tre milioni, visto che il restante milione e mezzo mancante l’ha versato il presidente Cosmo Giancaspro dopo un lungo cda: se entro lunedì si trovano gli investitori (sarebbero state avviate due trattative, con il sindaco Decaro a fare da raccordo) almeno ci sarebbe l’iscrizione al fotofinish, ma il futuro resterà comunque un’incognita. Out al momento anche l’Avellino, per la fideiussione mancante: la società però conta di sistemarsi e quindi avrà soltanto una penalizzazione di 1 o 2 punti.

SERIE C Fuori dai giochi Bassano (si è accorpato da tempo con il Vicenza) e Mestre (riparte dall’Eccellenza), non ci sono speranze per Fidelis Andria e Lucchese, purtroppo non nuove a questo tipo di bocciatura. Si è aperto clamorosamente uno spiraglio per la Reggiana, con la proprietà (affiancata dal solito Pablo Dana a promettere sostegno) adesso intenzionata a ripianare, a presentare la fideiussione e a trovare un accordo con il Sassuolo per lo stadio: se Alicia Piazza (il marito Mike nelle ultime ore si sarebbe defilato) ce la farà entro lunedì, potrà salvarsi ma di sicuro si ritroverà con una pesantissima penalizzazione. Altre società sono state bocciate perché non hanno presentato in tempo la fideiussione (nel frattempo qualcuno ha già provveduto): il Trapani non ha trovato nuovi proprietari e ci penserà la famiglia Morace, la Juve Stabia invece ha firmato la svolta societaria con un nuovo presidente (Felice Ceccone, 38 anni, origini foggiane, rappresentante di una società inglese: con lui, senza figurare, c’è Fabio Petroni, ex Pisa, mentre Franco Manniello ha tenuto il 33%) e a sorpresa anche la Triestina, che ora deve provvedere. Deve sistemare diverse cose non semplici il Matera e si dice in grado di farlo, l’ha fatto il Siracusa con il nuovo proprietario Alì e non ci sono problemi al Cuneo, che presenta qualche incognita soltanto per il futuro, vista la nuova dirigenza. Bocciatura (decisamente esagerata) anche per Monza e Pistoiese, a causa di alcuni piccoli problemi infrastrutturali, comunque già risolti.

RIPESCAGGI Da venerdì 20, dopo l’apertura dei bandi, si potranno presentare le domande di ripescaggio, in base ai criteri da tempo comunicati dalla Figc che, per una questione di trasparenza, farebbe bene a pubblicare anche le graduatorie, dal momento che si tratta di calcoli aritmetici. In Serie B una stima non ufficiale - ma da fonte attendibile - vede (dietro a Novara e Catania, non ripescabili) il Siena e la Ternana in testa: i toscani sarebbero davanti di pochissimo, ma se saltano sia Bari che Cesena il problema non si pone e salgono entrambe. Invece in Serie C al momento ci sono cinque squadre pronte a subentrare: secondo i criteri e le graduatorie, i posti nell’ordine vanno a una seconda squadra (Juventus B), una retrocessa (Prato, le altre non sono ripescabili), una della D (Cavese), un’altra seconda squadra (Milan B) e un’altra della D (Como). Se ci fossero altri posti, o si cerca un’altra seconda squadra (Roma B?), o un’altra della Serie D (Imolese?). In ballo c’è anche il Santarcangelo che - pur non essendo ripescabile - rivendica una riammissione per il posto lasciato libero dal Bassano: Fabbricini ha già respinto un’istanza del club, che però intende ricorrere e proseguire nella battaglia.

Fonte: La Gazzetta dello Sport


 

 
13/07/18 09:12 | Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C
Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C

SERIE B Irrompe il ciclone Foggia sul mercato con ben sei acquisti. Tra i pali arriva il quarantenne Bizzarri (Udinese) che firma un annuale. Al suo fianco un pokerissimo di giovani: dal Torino il centrale Buongiorno e la punta Butic, dalla Fiorentina il difensore Ranieri e il centravanti Gori, ai quali si aggiunge il centrocampista Zanimacchia (Genoa). E gli innesti per il Foggia non finiscono qui: Grassadonia ha chiesto i fedelissimi Alcibiade (Pro Vercelli) e Firenze (Crotone, era al Venezia).

Attivissimo anche lo Spezia, che ha chiuso l’accordo con il Genoa per il portiere Lamanna, prende in prestito il difensore Capradossi (Roma) e in avanti ci prova per Cianci (Sassuolo, era alla Reggiana) e l’islandese figlio d’arte Sveinn Gudjohnsen (Breidablik Kópavogur).

Ufficiale l’addio tra Cosmi e l’Ascoli, con la società che ha comunicato l’esonero visto che non c’è stato accorso per la separazione consensuale. Una mossa che ha sbloccato l’arrivo di Vivarini (ex Empoli), che ha firmato un contratto biennale.

Ufficiale il ritorno di Mazzotta (Pescara) al Palermo. Il Brescia punta Scavone (Parma) per la mediana. Ufficiali gli arrivi di Kresic (Atalanta, ex Avellino), Carretta e Montalto dalla Ternana alla Cremonese che sfida la Salernitana per il centrale Del Fabro (Juve, era a Novara). Incontro positivo a Milano per il ritorno di Capello (Cagliari) al Padova che ha ufficializzato l’ingaggio di Merelli (Atalanta). Il Carpi può pescare due rinforzi in casa Napoli: chiesti il portiere Contini (era al Pontedera) e il trequartista Machach; è dura arrivare a Tutino (ex Cosenza, che pure lo rivuole), più vicino al Pescara che prende anche l’esterno Marras (Trapani). Il Benevento, che nell’ambito della cessione di Brignola al Sassuolo insiste per avere in cambio Ragusa, chiude per il portiere Montipò (Novara). Il Crotone pesca in D Kargbo (Campobasso), rivuole Ajeti (Torino) e insiste per avere in prestito Asencio (era all’Avellino) dal Genoa.


SERIE C L’Airone vola a Salò. Il presidente Pasini si regala un colpo da urlo («mi sembra un sogno»): Andrea Caracciolo. Una scelta di cuore quella dell’ex capitano del Brescia, che non se l’è sentita di firmare per la Cremonese e diventare avversario della sua squadra del cuore. Mercoledì il blitz decisivo della Feralpisalò con l’agente D’Amico: ieri la firma fino al 2020 per Caracciolo («resto vicino al mio Brescia»), che sarà presentato domenica.

NORD Altro rinforzo di spessore per il Piacenza: Nicco (Alessandria). Ufficiale il colpo Reginaldo (Pro Vercelli) a Monza. L’Entella su Orlandi (Novara), la Pro Vercelli su Tedeschi (Catania). Sanè (Chievo) va alla Pro Patria. Danieli (Chievo) alla Virtus Verona. Giacomelli rinnova con il Vicenza che tessera Grandi (Cesena, era al Bassano). Bis Pro Piacenza con Paparusso (Fondi) e Zola (Genoa): ora l’obiettivo è Marin (ex Manchester City). La Triestina ci prova per Tupta (Verona). Pacciardi (Viterbese) va all’AlbinoLeffe, Morosini (Piacenza) al Südtirol e Pandolfi (Viterbese) all’Arzachena.

CENTRO La Ternana prende Bergamelli (Pro Vercelli) e tratta Troiano (Entella) e Belingheri (Cremonese). Bis Viterbese con Forte (Rende) e Zerbin (Napoli). La Pistoiese rivuole Rovini (Pro Vercelli) e punta Crisanto (Roma, era al Siena). Battaiola (Cremonese) torna al Gubbio, Zecca (Sassuolo, era al Piacenza) va al Teramo, Briganti (Santarcangelo) alla Vis Pesaro, Russo (Pescara) al Fano, Eleuteri (Atalanta, ex Monopoli) al Ravenna. Fontanesi (Sassuolo, ex Gubbio) al Pontedera e Marozzi (Fiorentina) alla Fermana.

SUD Il Catania ufficializza Ciancio (Lecce) e punta Giannone (Pisa). Il Monopoli, dopo De Angelis (Ciliverghe) e il ritorno di Mangni (Atalanta), ottiene Berardi (Torino, era alla Juve Stabia) ed è vicino a Bolis (Atalanta), Ceccarelli (Prato) e Zazzi (Varese).

Fonte: La Gazzetta dello Sport


 

 

 
13/07/18 09:11 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
13/07/18 09:10 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
12/07/18 08:42 | Oggi i pareri della Covisoc. Bari e Cesena appesi a un filo
Oggi i pareri della Covisoc. Bari e Cesena appesi a un filo

Oggi la Covisoc emette i pareri sulle domande di iscrizione, poi lunedì si esprimerà la Figc. Diversi i casi critici in B e C.

SERIE B Bari e Cesena stanno cercando la soluzione in extremis, tra riunioni e visite in Figc. Il Bari sta cercando tre milioni entro lunedì: dopo un cda tanto lungo quanto ricco di tensioni è stato deciso di aprire ai terzi la vendita di quote tenendo in conto capitale il milione e mezzo versato da Giancaspro per il pagamento di tre mensilità (marzo–maggio); l’attuale presidente resterebbe come socio di minoranza, ma intanto qualcosa si muove in città dopo l’appello lanciato dal sindaco di Bari. A Cesena invece Lugaresi ha riferito ai soci i passi in avanti fatti (s’era presentato un fondo inglese, ma non sembra una pista percorribile), ma per ora non ci sono novità positive mentre oggi è in programma un consiglio comunale interamente dedicato al club: il sindaco tra l’altro ieri è stato a Roma in Figc per i chiarimenti.

Infine, come previsto, la stessa Figc considererà irricevibile la proposta della B di bloccare i ripescaggi: se salta qualche squadra si pescherà in C e si spera che la Figc pubblichi la graduatoria, perché il Siena sarebbe in vantaggio di pochissimi centesimi sulla Ternana e occorre chiarezza.

SERIE C Non ci sono segnali da Fidelis Andria, Lucchese, Mestre e Reggiana (anche se Piazza starebbe cercando l’iscrizione in extremis), c’è qualche preoccupazione da Cuneo (ci sono problemi sul passaggio di proprietà), verso la soluzione positiva invece per Juve Stabia, Siracusa e Trapani.

Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 
12/07/18 08:36 | Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C
Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C

SERIE B Sono iniziate le grandi manovre in casa Palermo per costruire una squadra che torni in A. Rino Foschi è al lavoro per chiudere un poker: fatta per i terzini Salvi (Cittadella) e Mazzotta (Pescara), per la porta è in arrivo Brignoli (Juventus, era a Benevento), mentre per la mediana la prima scelta è Pessina (era allo Spezia) dell’Atalanta, anche se Gasperini per ora l’ha bloccato.

Prende forma il nuovo Ascoli che, dopo aver incontrato Calabro e Bollini e pur avendo Cosmi sotto contratto, ha scelto Vincenzo Vivarini (ex Empoli). Passi avanti per il centrocampista Antonucci (Roma), mentre per la fascia è vicino Orlando (Salernitana).

Doppietta del Venezia con Lezzerini (Avellino) e Di Mariano (Novara). Il Cittadella ingaggia Rizzo (Trapani) e dal Genoa attende Panico (era a Teramo). Attivissimo il Livorno che regala a Lucarelli anche Bogdan (Catania), Di Gennaro (Renate), Haas (Atalanta), Agazzi (Atalanta, era a Foggia) e il ritorno di Maicon (Boavista). Idea Ferrante (ex Pisa) per l’attacco del Pescara. Il Benevento è in attesa del via libera per Ragusa (Sassuolo) e Roberto Insigne (Napoli, era al Parma). La Salernitana chiude il ritorno del portiere Radunovic (Atalanta) che avrà come secondo Lazzari (ex Lupa Roma); manca solo l’ufficialità per Jallow (Chievo), c’è stato un nuovo contatto con il Bristol City per Djuric (ex Cesena). L’Avellino ha ingaggiato il difensore argentino Curaro in prestito dal Genoa; vicine anche le firme di Valietti (Genoa) e Buongiorno (Torino), così come il ritorno di Reno Wilmots dal Genoa, mentre per la porta si aspetta Lanni (Ascoli) e per l’attacco Guerra (Feralpisalò). Tentativo del Lecce per Lucioni (Benevento) e per un big in attacco tra Ceravolo (Parma) e Floccari (Spal): intanto arriva Palombi (Lazio). Il Foggia infine continua la corte a Dainelli (Chievo) e Firenze (Crotone, era a Venezia).


SERIE C Le big iniziano a piazzare i colpi. Il Catania (che risolve con Russotto) strappa Marotta al Siena, che l’aveva dichiarato incedibile, con Ciancio (Lecce) e Angiulli dalla Ternana, che a sua volta prende Vantaggiato (Livorno). A Novara fatta per Sbraga (Siena) e Peralta (Pisa). E poi la scatenata Feralpisalò: tutto su Andrea Caracciolo (ex Brescia), che sta valutando anche l’offerta della Cremonese; intanto a Salò arriva Pesce (Cremonese).

NORD Scatenato il Piacenza: Mulas (Carpi, era a Pontedera) e Giraudo (Torino, era a Vicenza). Il Novara su Bini (Piacenza). Tris Giana: Palma (Renate), Ababio (Mariano) e Mandelli (Sassuolo). Bis AlbinoLeffe: Ruffini (Rezzato) e Stefanelli (Entella). Idem la Pro Patria: Lombardoni (Inter) e Pllumbaj (Virtus Bergamo). Sommariva (Milano City) va al Monza, Grandolfo (Bassano) alla V. Verona, Ravaglia (Bologna) al Südtirol, Ruzzittu (Porto Rotondo) all’Arzachena, Caccin (Cittadella) al Renate, Oliana (Samp) all’Albissola.

CENTRO Il Siena riporta in Italia il difensore Marco Rossi (era al Wellington in Nuova Zelanda). Ufficiale: Jidayi (Pro Vercelli) e Martorelli (Spezia) al Ravenna. Tris Pontedera: Masetti (Sassuolo), Giuliani (Spezia) e Magrini (Chievo). Scalera (Bari) alla Pistoiese che vuole Rossi (Atalanta). Bis Arezzo con Zappella (Empoli) e Stefanec (Verona). Tofanari (Roma) al Gubbio, Artioli (Spal) alla Viterbese, Cavallari (Cesena) al Rimini. Rivoluzione Rieti: presi La Ferrara (ex Milan), Dabò (Dacia Chisinau) e Jaadi (Astreas Tripolis), nel mirino Djalò (Sporting Lisbona B) e Calzola (Napoli, era a Pesaro). La Vis Pesaro ne pesca 8 dalla Samp: Krapikas, Pastor, Romei, Tessiore, Gabbani, Baldé, Hadziosmanovic e Di Nardo.

SUD Pierfederici (Romagna Centro) va al Monopoli che tratta De Angelis (Ciliverghe) e Cianci (Reggiana, ex Andria).


Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 
12/07/18 08:35 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
12/07/18 08:35 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
11/07/18 14:22 | Bari a un passo dal fallimento: i soldi non ci sono, rottura tra Giancaspro e il cda
Bari a un passo dal fallimento: i soldi non ci sono, rottura tra Giancaspro e il cda

Un'intera città con il fiato sospeso. Bari è in fibrillazione per le sorti della Fc Bari 1908, in queste ore oggetto di una spaccatura tra il presidente Cosmo Giancaspro, il consiglio di amministrazione e il collegio sindacale. Sul tavolo c'è la ricapitalizzazione per 4,6 milioni di euro che la società di calcio deve effettuare per poter prendere parte al prossimo campionato di serie B e cancellare l'ombra del fallimento.


Una cifra depositata in parte - pari a circa 1,5 milioni - dal presidente alla data del 26 giugno, limite temporale per il pagamento degli stipendi di calciatori e componenti dello staff tecnico, ma che attende di essere integrata per poter superare l'esame di Covisoc e Consiglio Federale. Nella notte tra martedì 10 e mercoledì 11 luglio il dialogo è proseguito con una conference call tra due studi legali di Bari e Roma con evidenti frizioni filtrate tra il numero uno del club, nella Capitale da due giorni, e gli altri componenti del cda.

Alla base dei problemi, le modalità con cui Giancaspro intende portare avanti la ricapitalizzazione, individuate nella cessione di alcuni crediti aziendali vantati dalla sua Kreare Impresa nei confronti di altre due società controllate dalla stessa. Un'operazione che non ha superato le valutazioni dell'assise.

Intanto, il socio di minoranza Gianluca Paparesta, attraverso un comunicato ufficiale, si è tirato ufficialmente fuori dalla corsa per la ricapitalizzazione. Nella corsa contro il tempo è intanto emersa un'altra ipotesi: la possibilità che Cosmo Giancaspro mantenga il 30 per cento del pacchetto societario, dando il via libera all'apertura alla cessione del restante 70% a terzi, da individuare anche con la regia del sindaco di Bari Antonio Decaro. Al momento, all'appello del primo cittadino, ha risposto Mimmo Di Paola che si è detto pronto a investire nella società.

Un'azione che andrebbe completata entro venerdì 13 luglio. Domani, intanto, toccherà alla Covisoc emettere i primi responsi riguardanti la documentazione dei club ammessi al prossimo campionato di B.

Fonte: http://bari.repubblica.it

 

 
11/07/18 09:33 | Lega B: ‚ÄúNo ai ripescaggi‚ÄĚ. Ma √® tardi: Siena primo?
Lega B: ‚ÄúNo ai ripescaggi‚ÄĚ. Ma √® tardi: Siena primo?

L’assemblea della B ha deliberato a sorpresa il blocco dei ripescaggi fino a 20 squadre proposto dal Brescia. Lo stesso piano nel 2014 si rivelò non efficace e ora siamo fuori dai termini, ma il presidente Mauro Balata ci prova: «E’ un modo per arrivare alla riforma e risolvere il tema della sostenibilità finanziaria». E’ impensabile però che la Figc torni sui suoi passi. Resta da vedere comunque se Bari e Cesena si iscrivono (guai anche per l’Avellino, che però rischia solo un -2), visto che non arrivano segnali positivi. A Bari c’è un cda aperto da lunedì (intanto Paparesta si è chiamato fuori), il Cesena dovrebbe farlo oggi, domani si attendono i responsi Covisoc e il 16 i verdetti. Di certo è auspicabile che la Figc faccia chiarezza pubblicando la graduatoria ufficiale per i ripescaggi: davanti ci sarebbero Novara e Catania (entrambi non ripescabili), poi il Siena di poco sulla Ternana. Urge comunicazione con i dati.

DIRITTI TV Nessun accordo invece per la vendita dei diritti in chiaro dell’anticipo del venerdì (forse non ci sarà più il posticipo del lunedì): la Lega, in attesa di decidere se giocare al sabato o alla domenica, va avanti con le trattative private (previste per il 16) perché le offerte di Rai (2,5 milioni) e Mediaset (1) sono risultate al di sotto dei 5 chiesti.

GIOVANI E CALENDARI Inoltre l’assemblea ha approvato il piano economico finanziario, con maggiori risorse a chi garantisce un maggiore minutaggio ai giovani. Balata è tornato a sollecitare un intervento del Governo per rivisitare la Legge Meladri arrivando a una più equa distribuzione delle risorse. Infine è stata accettata la proposta di Cosenza per presentare lì il calendario.

PALLONE In mattinata è stato presentato il pallone Kombat, che, nel logo, ha reso omaggio all’italianità del campionato inserendo le regioni stilizzate.

Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 
11/07/18 09:32 | Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C
Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C

SERIE B Caccia agli attaccanti. Blitz del Perugia che ha in pugno Melchiorri (era al Carpi) dal Cagliari. Il Padova, che ha ufficializzato il portiere Perisan (Udinese, era all’Arezzo), ha trovato l’accordo con la Samp per Bonazzoli (era alla Spal), mentre il Verona ha chiesto Scamacca (era alla Cremonese) al Sassuolo. Ai dettagli il passaggio di Caracciolo, dopo il mancato rinnovo da parte del Brescia, alla Cremonese (annuale con opzione). Lo stesso Brescia (che prende anche il difensore Mateju dal Brighton) ha ultimato l’arrivo di Donnarumma per 1,7 milioni dall’Empoli: contratto di 4 anni da 400mila euro a stagione. Ufficiale Piu (Empoli) al Carpi. Pesca tra gli svincolati il Bari: ecco Ngombo (ex Roda). Infine la Salernitana ha definito l’accordo per Jallow (Chievo, era al Cesena).
Il Livorno prende Iapichino (Siena), Porcino (Catania) e Forte (Inter, era allo Spezia). Pescara a un passo da Melegoni (Atalanta): gli abruzzesi trattano anche Crivello (Frosinone) e attendono il via libera della Pro Vercelli per Max Gatto. Difensori: l’Avellino ha chiesto Romero al Genoa, Marchizza (Sassuolo, era all’Avellino) verso Crotone. Il Palermo stringe per Fazzi (Atalanta, era a Cesena) e ha incontrato la Juve per Brignoli (era a Benevento), mentre Coronado andrà per 6 milioni allo Sharjah Dubai. Portieri: Cerofolini (Fiorentina) si accasa al Cosenza, Volpe (Gubbio) è vicino alla Cremonese, che ufficializza Strefezza (Spal).
Massimo Pulcinelli (Bricofer) ha ratificato l’acquisto dell’Ascoli nominando presidente Giuliano Tosti, già socio di minoranza. In bilico la panchina: Cosmi ha un anno di contratto, il club vorrebbe Bollini ed è braccio di ferro. Come giocatori piace Vacca (Parma).


SERIE C Si muove in modo pesante il Vicenza: presi Albertazzi (Bologna, era a Francavilla) e Pasini (Bassano), ora Cascione (Cesena), Proietti (Pescara), Solerio e Paghera (Avellino).

NORD L’Alessandria, definito Sbambato (Chievo), punta Agostinone (Francavilla). Due portieri all’Albissola: Piccardo (Samp) e Bambino (Cuneo). Ufficiale Brignoli (Inter) al Monza. Doppietta Pro Patria: Lombardoni (Inter) e Fietta (Renate). La Giana tessera Pirola (ex Monza). Tre innesti alla Virtus Verona: Franchetti (Arezzo), Lancini (F. Andria) e Sirignano (Santarcangelo). Della Giovanna (Inter) va al Südtirol, Pini (Viterbese) all’Arzachena.

CENTRO Nasce una grande Viterbese: presi Valagussa (Gubbio) e Strambelli (Matera). Il Pisa tratta Turchetta (Lecce, era alla Casertana). Bresciani (Livorno) si accasa al Ravenna. Il Siena ingaggia Arrigoni (Lucchese), riprende Romagnoli (Rimini) e blocca Marotta, richiesto dal Catania. La Carrarese prende Mobilio (Lavagnese). Masetti (Sassuolo) firma con il Pontedera. Tris della Samb: Panaioli (Perugia), Sala (Ternana) e Biondi (Rieti). Bergamelli (Pro Vercelli) è nel mirino della Ternana. Mastrilli (Spal) al Teramo. Scatenato il neopromosso Rieti del neo d.s. Torma: fatta per Costa (Inter), Janse (ex Ternana), Gigli (Fiorentina), Palma (Napoli), Tommasone (Paganese) e Paparelli (Sangimignano).

SUD Preso Silvestri (Trapani), il Catania punta Ciancio (Lecce) e anche Calapai (Carpi) per completare il restyling sulle fasce. La Casertana è in pressing per Ripa (Catania). Paolucci (Teramo), Berardi (Torino, era alla Juve Stabia) e Pierfederici (Romagna Centro) verso Monopoli. La Vibonese tratta Camilleri (Sicula).


Fonte: La Gazzetta dello Sport


 

 

 
11/07/18 09:31 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
11/07/18 09:31 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
10/07/18 14:29 | Bari, il cda prende altro tempo ma per i revisori il piano di Giancaspro è carente
Bari, il cda prende altro tempo ma per i revisori il piano di Giancaspro è carente

Quello del Bari sembra un calvario senza fine. Il consiglio di amministrazione di ieri, che sembrava già da tempi supplementari, ha prodotto una fumata grigia ed un rinvio ad oggi, ancora a Roma alle ore 16,30, della decisione relativa al piano di ricapitalizzazione presentato dal socio di maggioranza, Cosmo Giancaspro, che sta cercando di cedere un suo credito per fare fronte almeno parzialmente all’esborso di 4,6 milioni di euro per consentire al Bari di rimettere i conti a posto e di iscriversi al prossimo campionato di B.

La linea di confine è il 12 luglio, quando la Federcalcio stabilirà chi ha i requisiti necessari per restare nel calcio professionistico. Il piano di ricapitalizzazione presentato ieri da Giancaspro è stato considerato dal Collegio dei sindaci carente sotto il profilo documentale.

Tutto da verificare se in queste ore il presidente del club biancorosso sia riuscito a colmare queste lacune. Se così non fosse, il Bari resterebbe appeso ad un filo per 48 ore, il termine entro il quale o il socio minoritario Gianluca Paparesta o soggetti terzi potrebbero ancora intervenire per salvare la società dal fallimento, che farebbe sprofondare il Bari tra i dilettanti.

Oggi, nel giorno d’inizio delle visite mediche in vista del ritiro, è atteso in città il nuovo tecnico Mauro Zironelli. Chissà se coronerà il sogno di sedersi sulla panchina biancorossa. Ben che gli vada, farà una B in salita, visto che per una serie di inadempienze, il Bari partirebbe con dei punti di penalizzazione.

Fonte: http://bari.repubblica.it

 

 
10/07/18 09:14 | Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C
Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C

SERIE B L’Airone è pronto a volare alla Cremonese. Incontro positivo ieri con Andrea Caracciolo, svincolato dal Brescia. La proposta di un annuale con opzione alletta il centravanti che a breve darà una risposta. Intanto il club grigiorosso ha tesserato il giovane Boultam (Ajax). Da parte sua il Brescianon ha perso tempo e ha ottenuto l’ok di Alfredo Donnarumma dall’Empoli; con lui anche Cremonesi (Spal).

Accordo con Roberto Insigne (era a Parma): atteso in settimana l’ok del Napoli al prestito con diritto di riscatto che diventerebbe obbligo in caso di promozione. Non solo: il Benevento è in pressing sul Sassuolo anche per l’esterno offensivo Ragusa.

Zamparini ha ufficializzato i ritorni di Tedino in panchina e del manager Foschi, e adesso rinforza il Palermo: obiettivi Brignoli (Juve, era a Benevento), Fazzi (Atalanta, era a Cesena) e Vido (Atalanta, era a Cittadella).

Lo Spezia prende Lamanna (Genoa) e i giovani Pierini ed Erlic (era al Südtirol) dal Sassuolo: per la mediana piace Crimi (Entella). Ufficiale Scappini (Cremonese) al Cittadella che insiste per Berra (Pro Vercelli). Della Rocca (Salernitana) firma con il Padova. Il Pescara tessera Memushaj (Benevento). Il Lecce - che ha ufficializzato l’esterno Chiricò e rinnovato con Torromino - per la porta, sfumato Lamanna, vira su Vigorito (Frosinone). Baclet e Pascali rinnovano con il Cosenza che ha chiesto al Napoli il prestito di Machach. Dopo Calabro (ex Carpi) l’Ascoli ha incontrato anche Bollini (ex Salernitana) per la panchina, con quest’ultimo che è balzato in pole: obiettivi Laverone (Avellino) per la fascia e Vannucchi (Alessandria) per la porta, più il gioiellino Antonucci della Roma.

Davanti a oltre 2.500 tifosi si è tenuta allo stadio la presentazione di Cristiano Lucarelli, nuovo tecnico del Livorno, accolto dal suo ex compagno e oggi manager Igor Protti. Senso di appartenenza («Quando c’è di mezzo questa maglia, faccio fatica a ragionare con la testa») e voglia di combattere le parole d’ordine del nuovo Livorno che si radunerà giovedì. Tra oggi e domani annunciati gli arrivi di Forte dell’Inter, Suagher e Agazzi dall’Atalanta, Porcino, Barisic e Bogdan dal Catania mentre il sogno resta Diamanti ma se ne parlerà dopo il 21.

SERIE C Dopo 38 anni di gestione Toccafondi, il Prato è pronto a cambiare proprietà, passando a Joseph Romano, imprenditore canadese che dovrà depositare le coperture entro lunedì 23, con un’altra condizione: l’esito della domanda per il ripescaggio – di cui si farà pieno carico Romano – dovrà essere positivo: manca l’ok per lo stadio, atteso giovedì.
PANCHINE Boscaglia va all’Entella: presentazione oggi. Alla Juve Stabia il patron Manniello ha deciso di proseguire: resta Caserta. A Cuneo volata Asta-Stellini, a Bisceglie intesa con Ginestra.
AL NORD L’Alessandria cala il poker: presi Cucchietti (Torino, era alla Reggina), Sbampato (Chievo, era al Francavilla) e il duo Checchin e Badan dal Verona; per la difesa idea Tedeschi (Catania), mentre Sestu va al Piacenza che ingaggia anche Cauz (Parma). Doppietta della Giana che pesca in D Rocco (Belluno) e Liotti (Taranto). Lavagnoli (Mestre) firma con la Virtus Verona. Altri due acquisti per il Pordenone: Pelagatti (Cittadella) e Candellone (Torino, era a Gubbio). Il Vicenza aspetta Solerio (Avellino) e punta Proietti (Pescara). Martiniello (Cavese) si accasa all’Olbia.
CENTRO La Carrarese prende Carissoni (Torino, era a Monza). Vitiello (Gavorrano) firma per la Pistoiese. Il Siena è su Marcone (Pro Vercelli). Al Pontedera va Zamparo (Cuneo), alla Vis Pesaro Gennari (Fermana) e Kirilov (Pirin Blagoevgrad), al Rieti Broso (Ravenna). Viterbese vicina a Strambelli (Matera).
SUD Poker Monopoli: Pissardo (Inter), Mangione (Nardò), Gatti (Atalanta, era alla Reggina) e De Franco (Matera). Il Catanzaro fa tris con Golubovic (Matera) e i ritorni di Riggio e Nicoletti dal Crotone. Idem il Potenza: Piccinni (F. Andria), Fanelli (Gravina) e Genchi (Monopoli). Bonetto (Inter) va alla Reggina.


Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 
10/07/18 09:10 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
10/07/18 09:09 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
09/07/18 08:05 | Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C
Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C

SERIE B Due elementi di grande esperienza al centro delle trattative. Oggi c’è il vertice tra la Cremonese e Andrea Caracciolo: il Brescia non ha rinnovato il contratto al centravanti che potrebbe accettare l’annuale con opzione offerto dal club di Arvedi. Ieri invece contatto telefonico tra il d.t. Signorelli del Livorno e Diamanti, che è in Thailandia e ha dato un’apertura alla proposta annuale con opzione; intanto il club ha bloccato Bogdan (Catania) per la difesa e valuta, oltre a Suagher (Atalanta, era a Cesena), anche Fornasier, rimandando Bruno al Pescara, mentre davanti gli obiettivi sono Forte (Inter, era allo Spezia) e Ardemagni (Avellino) e come secondo portiere c’è Zima (Genoa).
Il Palermo è ai dettagli per il riscatto di Dawidowicz dal Benfica (operazione da 2 milioni). E’ fatta per Blanchard (Carpi) che va alla Salernitana. Il Lecce valuta lo svincolato Diakitè (ex Bari). Il Cosenza è vicino a Belmonte (Perugia) e ha chiesto Aya al Catania. Stroppa invece vorrebbe portare Gerbo dal Foggia al Crotone.
Il Venezia accelera per Di Mariano (Novara). Il Verona resta in pressing per Di Gaudio (Parma) e Aramu (Torino, era all’Entella). Casting in mediana per il Padova che valuta Casarini (Novara) e Rizzo (Catania). A proposito di centrocampisti: l’Ascoli sfida il Cosenza per Varone (Ternana). Gli occhi dell’Avellino sono invece su Macek (Juventus, era a Cremona), Melegoni (Atalanta) e Callegari (Genoa). Oggi Altobelli (Pro Vercelli) firma con la Salernitana che aspetta Jallow (Chievo, era a Cesena) via Lazio. Accordo trovato tra l’esperto portiere Bizzarri (Udinese) e il Foggia: mercoledì la firma; sempre a Foggia potrebbe andare l’esterno Mammarella (Pro Vercelli).


SERIE C La prossima Serie C potrebbe tornare alla divisione orizzontale dell’Italia, con un girone A ricchissimo anche per la presenza di Juve B e Milan B. Tra tante big si ritaglia un ruolo da protagonista la Feralpisalò, che ha offerto un biennale a Masi (Bari, era a Spezia), contende Cesarini (Reggiana) al Vicenza e punta Tomi (Sambenedettese).

NORD Oggi Boscaglia firma per l’Entella. Il Gozzano per la porta prende Casadei (Avellino) e ottiene dal Carpi i giovani Mane e Rolfini. Il Novara punta su Peralta (Pisa) e può cedere Calderoni al Pordenone, Chiosa e Maniero ai romeni del Cluj. La Pro Vercelli vuole Falcone (Viterbese). L’Albissola fa il colpo Damonte (Samb). Sommariva (Milano City) verso il Monza. Polverini (Fondi) firma con la Pro Piacenza, che pensa a Nolè (sempre del Fondi). Crescenzi (Vicenza) verso la Triestina.

CENTRO Martorelli (Spezia) si accasa al Ravenna. La Carrarese rivuole Baraye (Entella). Il Pisa vuole Marconi offrendo Negro all’Alessandria; in ballo anche lo scambio di portieri Vannucchi-Petkovic. Il Pontedera tessera Sarri (Fiorentina, era alla Correggese). Se Marchi non rinnova con la Samb, va alla Ternana che per l’attacco corteggia Eusepi (Pisa). Il Siena ha messo nel mirino Nardi (Parma). E’ fatta al Teramo per Ferretti (Ternana).

SUD Il Catania ha chiesto Doumbia (era al Livorno) al Lecce. Melgrati (Cesena) firma con la Casertana che tratta Lulli (Catania) e Bellemo (Spal). Cason (Atalanta) e Ciarcelluti (Pineto) al Francavilla che pensa a Orlando (Prato). Il Catanzaro insiste per Murano (Spal, era a Trapani) e vuole Rapisarda (Samb). Viscovo (Crotone) è della Vibonese. Sicula Leonzio su Mancino (Siracusa).


Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 
09/07/18 08:04 | Le prime pagine dei quotidiani locali
 
09/07/18 08:04 | Le prime pagine dei quotidiani sportivi
 
08/07/18 10:45 | Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C
Gazzetta - Il mercato della serie B e serie C

SERIE B - Ancora tre le panchine (formalmente) vacanti. Quella del Bari è legata alle vicende societarie (ma c’è già l’accordo con Mauro Zironelli), quella del Palermo sembra prossima a tornare a Tedino, la novità arriva da Ascoli, dove Oddo (ex Udinese) ha declinato la proposta del neo d.s. bianconero Tesoro, che ha virato su Calabro (ex Carpi): venerdì l’incontro a Milano, in settimana il responso.
Il Brescia ha chiuso l’accordo per riavere Morosini (era all’Avellino) dal Genoa, mentre il Benevento è vicinissimo a definire l’arrivo dal Napoli di Roberto Insigne (era al Parma). Imminenti gli annunci relativi a due veterani: Ciccio Brienza sta per rinnovare col Bari, Alino Diamanti la settimana prossima riceverà l’offerta definitiva del Livorno (annuale con opzione).
Portieri protagonisti: il Palermo ha ceduto Posavec all’Hajduk Spalato e ora aspetta il via libera della Juventus per Brignoli (era a Benevento). Il Livorno ha chiesto Zima al Genoa, Cerofolini (Fiorentina) si avvicina al Cosenza, mentre Ascoli e Avellino sono ancora in ballo per lo scambio tra Lanni e Lezzerini. Attesa a giorni la fumata bianca per il ritorno di Radunovic (Atalanta) alla Salernitana.
La Cremonese vuole Mogos (Ascoli) e, saputo che il Brescia non rinnova il contratto a Caracciolo, gli ha proposto un annuale: l’Airone è tentato. Suagher (Atalanta) verso Livorno. Il Perugia stringe per Sounas (Monopoli) e ci prova per Vido (Atalanta, era al Cittadella), come il Padova ha fatto un tentativo per Brighenti (Cremonese). Il Pescara ha riscattato Machin dalla Roma per 1,5 milioni e attende Tutino (Napoli, ex Cosenza).

SERIE C - Inizia a prendere forma il nuovo Pordenone targato Tesser. I primi due colpi neroverdi saranno il difensore Barison (Bassano) e l’esterno Semenzato (Catania), un ritorno.
AL NORD Domani Boscaglia firma per l’Entella, che perde De Luca: va al Cluj in Romania. Il Novara chiude per Sbraga (Siena) e sfida la Triestina nella corsa a Malomo (Venezia, era a Vicenza). L’Albissola ha chiesto alla Sampdoria i giovani Piccardo, Oliana e Ferrazzo. Ufficiali i ritorni al Monza di Tentardini (Padova) e Adorni (Parma), i brianzoli hanno anche tolto dal mercato Giudici (cercato dal Novara). Passi in avanti del Vicenza nella corsa a Cesarini (Reggiana). Il Piacenza, dopo Fischnaller, ci prova per Sestu (Alessandria).
AL CENTRO Pokerissimo del Rimini con Alimi, Badje e Marchetti (Atalanta), Volpe (Frosinone) e Battistini (Forlì). Jidayi (Pro Vercelli) si accasa al Ravenna. Curcio (Arzachena) si avvicina al Siena che tratta Thiam (Spal, era al Fano). Tripletta Arezzo con i giovani Mosti (Fiorentina), Buglio e Zini (Empoli). Vignali (Spezia, era alla Reggiana) piace alla Carrarese. Teramo su Patti della Sambenedettese che a sua volta tratta Biondi (Rieti).
AL SUD Sta nascendo un gran Catania: dopo il ritorno di Llama, arriva Ciancio (Lecce). Melgrati (Cesena) a un passo dalla Casertana che rinuncia a Stendardo (ex Pescara). Monopoli su Tortori (Venezia). Murolo (Carrarese) e Djordjevic (Catania) verso Potenza. Altri due innesti per il Catanzaro: Calderini (Foggia) e Pezzi (Cittadella). Donnarumma (Benevento) va alla Vibonese. Il Rende, che ha ufficializzato in panchina la promozione di Modesto dalla Berretti, prende tre giovani: sono Awua e Gatti (Spezia) e Minelli (Inter).

Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 
08/07/18 10:44 | GDS - Bari prende tempo. Spiraglio Cesena: lo salva un fondo?
GDS - Bari prende tempo. Spiraglio Cesena: lo salva un fondo?

QUI BARI Altri due giorni per capire. In un comunicato emesso dal club si rileva che «entrambi gli azionisti (Giancaspro e Paparesta, ndr) hanno fatto pervenire le rispettive dichiarazioni di esercizio del diritto di opzione, con la documentazione per la sottoscrizione dell’aumento del capitale sociale». Nessun riferimento alla ricapitalizzazione, evidentemente, non ancora finalizzata. Tutto potrebbe essere più chiaro domani, alla luce di quanto emergerà dal cda convocato con il collegio sindacale per esaminare le dichiarazioni pervenute dai soci e per l’assunzione dei conseguenti provvedimenti. Pare che Giancaspro abbia proposto al cda una cessione di credito, girando in quota capitale un credito personale che si materializzerebbe nel giro di 48 ore. Sarà accettato alla stregua di un assegno circolare? Sulla scena della ricapitalizzazione, tuttavia, permangono Paparesta e un eventuale terzo che potrebbe rilevare la società entro le 23,59 di mercoledì. A meno che il Tribunale delle Imprese (domani si esprimerà su un ricorso presentato dallo stesso Paparesta) non decida di nominare un amministratore che cerchi di sbrogliare la matassa. Si attendono poi le verifiche della Covisoc, alla luce degli accertamenti fiscali e dei parametri di liquidità.

QUI CESENA Da venerdì, dopo l’ultimo cda, si è improvvisamente aperto uno spiraglio che potrebbe regalare ossigeno al club. Lugaresi e i soci sono al lavoro per ottenere un finanziamento di 6 milioni da un gruppo di investitori legati a un fondo inglese: l’eventuale buon esito di questa operazione permetterebbe di ottenere la transazione con l’Agenzia delle Entrate, primo passo necessario per il salvataggio del club, che passerebbe poi dal pagamento di stipendi e contributi e dalla fideiussione di 800mila euro indispensabile per mettersi in regola. Lugaresi ha convocato un nuovo cda per mercoledì: entro quella data il Cesena saprà se avrà qualche possibilità di farcela o se dovrà fallire.

Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

 
08/07/18 10:43 | Le prime pagine dei quotidiani locali