CLEAN ACCCENT
Banca Cras
Audio Life
Ricci Bus
CLEAN ACCCENT

"Purtroppo siamo rammaricati, il dato positivo è che si è visto un grande Siena. Loro hanno sfruttato l'occasione avuta noi no. Nell'ultima azione ho provato a crossare, ma il terreno ha rallentato la cosa e non sono riuscito a colpire bene. Peccato. Avevamo preparato molto bene la gara, pressando i loro esterni. Siamo stati molto bravi nel primo tempo. Anche il caldo ha influito, la Fiorentina forse era un po' stanca."

Tosoni Auto
Stone Fly
 

"Non ho mai sopportato che mi toccassero i miei genitori, figuratevi un arbitro". Beretta e' arrabbiato per la 3/a espulsione stagionale. "Farina mi ha preso il braccio perche' mi voltassi, non l'ho fatto e cosi' mi ha espulso". Quella subita a Firenze dal tecnico del Siena e' tra l'altro, la seconda espulsione di fila con l'arbitro di Novi Ligure. "L'inchiesta dei giudici napoletani sta mettendo sotto pressione gli arbitri - spiega Beretta -, ma questo non giustifica decisioni inspiegabili".

fonte: ansa

Tosoni Auto
Tosoni Auto
 

Un guizzo di Mutu regala alla Fiorentina tre punti d'oro nel derby contro il Siena, ma quanta sofferenza per gli uomini di Prandelli. I viola, che hanno raccolto la seconda vittoria di fila e l'undicesimo risultato utile consecutivo, sono apparsi sotto tono rispetto alle ultime uscite, rischiando grosso contro un Siena che nel primo tempo ha sfiorato la rete in più di un'occasione. Ma le pesanti assenze tra gli uomini di Beretta e il tasso tecnico superiore dei viola hanno fatto la differenza e l'Europa è sempre più vicina per Toni e compagni. Prandelli deve rinunciare a Santana e Ujfalusi (nemmeno in panchina) ma recupera Potenza che va a posizionarsi sulla destra con Dainelli, Gamberini e Pasqual che completano il pacchetto arretrato. A centrocampo spazio al trio composto da Liverani, Pazienza e Montolivo mentre davanti tocca a Reginaldo e Mutu supportare Toni.  Tante assenze per il Siena, dove Beretta deve fare a meno di Locatelli, Frick, Eremenko e Konko, tutti fermati dall'influenza, e di Maccarone, alle prese con un problema muscolare. Per il resto solito 4-4-2 con Gastaldello e Portanova centrali, Negro e Alberto sulla fascia destra, Molinaro e Antonini sull'out sinistro. In mezzo al campo tocca a Vergassola e Codrea, in avanti c'è la coppia formata da Corvia e Chiesa. L'inizio è di marca bianconera, con Liverani che perde al primo minuto palla a centrocampo e Chiesa che ne approfitta impegnando dal limite Frey. I viola appaiono svogliati e impacciati, mentre il Siena è vivace, dinamico e i continui rovesciamenti di fronte della formazione di Beretta mettono in difficoltà la formazione di casa. Gli ospiti, insomma, sembrano avere una marcia in più e tra il 20' e il 24' sfiorano per tre volte il vantaggio, prima con un tiro di Chiesa a fin di palo, poi con una conclusione di Corvia che Frey devia sulla traversa e infine con un colpo di testa di Gastaldello sul fondo di un niente. La Fiorentina sembra un pugile alle corde ma il Siena non trova il colpo del ko e così gli uomini di Prandelli, con il passare dei minuti, cominciano a guadagnare metri su metri, si vedono annullare un gol a Toni per fuorigioco ma al 42' passano addirittura in vantaggio: Reginaldo si invola sulla destra e mette in mezzo dove Mutu salta tutto solo e di testa mette alle spalle di Manninger. Nella ripresa è ancora la Fiorentina a condurre le danze e il primo vero pericolo lo crea al 12' Montolivo, con un pallonetto che solo un intervento di Portanova sulla linea impedisce di depositarsi in rete. Beretta prova a correre ai ripari e inserisce Cozza e Galloppa per Alberto e Codrea ma la partita del tecnico finisce subito dopo, cacciato via dall'arbitro Farina per un diverbio col quarto uomo. Ma Beretta non è l'unico a finire anzitempo negli spogliatoi perché un minuto dopo Gamberini, già ammonito, allontana la palla a gioco fermo e si becca il secondo giallo. Il Siena prova allora il tutto per tutto, Prandelli butta dentro Kroldrup e Blasi al posto di Liverani e Montolivo ed è proprio la Fiorentina a sfiorare di nuovo il gol con Manninger costretto al miracolo al 37' su una spettacolare girata al volo di Toni su cross dalla sinistra di Pasqual. Negli ultimi minuti il Siena prova gli ultimi assalti ma la retroguardia viola regge l'urto e la Fiorentina porta a casa la vittoria.

fonte: www.repubblica.it

Tosoni Auto
Immobiliare Brogi
 
Domani la nostra sede sarà aperta dalle ore 14.30 per tutti i soci che vogliono assistere al derby in diretta si grande schermo.
fonte: siena club fedelissimi
Tosoni Auto
ESTRA
 

“Innanzitutto speriamo che sia un bella partita, maschia ma corretta in campo e fuori che è la cosa principale.” – ha dichiarato Mario Beretta – “ Naturalmente ci auguriamo che, siccome sono due squadre in un buon momento, sia un momento migliore per il Siena che non per la Fiorentina.”
Sembra in dubbio la presenza di Luca Toni, può essere un vantaggio per il Siena?
E’ inutile che dica io le qualità che ha Toni, se non ci fosse per noi sarebbe un piccolo, e sottolineo piccolo, vantaggio. C’è da dire però che se non ci fosse lui ci sarebbe Pazzini che sta facendo molto bene ed è un ragazzo di grandissima qualità, quindi non cambierebbe molto la forza d’urto della Fiorentina.
Il Siena ha dodici giocatori in diffida
In genere danno fastidio i cartellini gialli per proteste o comportamenti non regolamentari, il cartellino giallo per gioco scorretto piuttosto che per un’entrata maschia nel calcio ci sta e la maggior parte di quelli che abbiamo preso noi è dovuto a questo. Siamo così già da un po’ di tempo ci auguriamo che, se dovessero arrivare delle ammonizioni, non venga penalizzato un reparto perché con dodici in diffida sono coinvolti un po’ tutti i reparti pesantemente.
Il reparto più completo della Fiorentina è l’attacco?
Credo che la Fiorentina sia una squadra completa in tutti i reparti, perché comunque i punti che ha fatto, tenendo presente la penalizzazione, vuol dire avere una rosa di grande qualità, davanti hanno grande varietà di calciatori come in mezzo e dietro. Credo che fondamentale in una squadra sia avere validi rincalzi anzi una rosa di titolari ampia come ha la Fiorentina e quindi sia che giochi uno o che giochi l’altro credo sia una squadra di altissimo livello, se non avesse avuto la penalizzazione avrebbe potuto lottare per il secondo posto.
Reagire dopo aver subito gol, è successo spesso nel Siena, ne avete parlato in vista del derby?
Ne abbiamo parlato talmente tanto all’inizio, ne abbiamo riparlato anche adesso, come ho detto l’altro giorno credo sia una questione di consapevolezza, di esperienza, perché ci sono calciatori che non hanno giocato delle stagioni intere ad alto livello e questo è un elemento importante che porta ad avere dei timori sopratutto all’inizio ed è abbastanza naturale che ci possa essere. Noi ci auguriamo e facciamo di tutto per andare in campo per fare la partita dall’inizio e lo faremo anche domani.
La gara sarà diretta da Farina, un arbitro molto esperto che però non sempre ha convinto
Farina è un arbitro di elevata esperienza che abbiamo già avuto due volte, domani sarà la terza e credo garantirà un partita di grande equilibrio e di grande correttezza.
Fiorentina pericolosa sugli esterni soprattutto dalla parte di Pasqual in fase di spinta, ma forse soffre un po’ le squadre che la attaccano da quella parte, ha in mente degli accorgimenti?
Noi faremo la nostra partita con la nostra impostazione di gioco, perché io parto dal presupposto che una squadra debba avere la sua identità indipendentemente da chi va ad incontrare. Sappiamo della forza della Fiorentina e non solo a sinistra, ma in tutti i reparti. Noi dal canto nostro dovremo mettere in campo tutte le nostre qualità, che dovranno essere di grande organizzazione di gioco, di grandi coperture, di raddoppi di marcatura sui calciatori più importanti della Fiorentina, di corsa, di spirito di sacrificio. Tutte caratteristiche che questa squadra ha dimostrato di avere.
Per i senesi quella di domani è “la partita” ha un messaggio per i tifosi?
Il messaggio è molto semplice e se vogliamo anche molto banale. Prima di tutto che ci sia, ma su questo non ho dubbi per quanto riguarda i tifosi del Siena, grande correttezza sugli spalti, e dall’altra parte di sostenere la squadra fino alla fine perché al di là di essere un derby molto sentito dai tifosi è anche una trasferta difficile perché la Fiorentina è una grossa squadra.

fonte: www.acsiena.it

Tosoni Auto
Stone Fly
 
"Sarà un derby molto combattuto. Mi aspetto che la Fiorentina dimostri sul campo le sue qualità, del Siena temo ripartenze e organizzazione di gioco". Cesare Prandelli prepara la sfida del Franchi con qualche dubbio sulla formazione ma senza guardare alle altre due gare della settimana. "Per ora voglio concentrazione solo su domani". Cesare Prandelli: "Voglio tranquillità nel giocare la palla e tanta attenzione e grinta. Questo mi aspetto domani dalla squadra nel derby. Poi faccio il solito ragionamento, una gara alla volta. So che ci saranno anche Parma e Lazio nel giro di sette giorni, ma non penso ora al turn-over. La squadra è cresciuta molto nel corso della stagione. Reginaldo non ha mai perso la capacità di essere umile, ha sempre trovato la forza di allenarsi bene e questo gli ha permesso di essere in condizione quando è stato chiamato a giocare. Toni ha fatto lavoro personalizzato ma sta bene, ha giocato la partitella del giovedì e penso che non avrà problemi ad essere a disposizione. Non ho un'idea di quanto possa succedere in merito alle nuove vicende giudiziare nel pallone. Se ci sono nuovi eventi giudicheranno nella sede giusta non voglio. L'esperienza conta molto in Europa. Mancavano giocatori importanti alla Roma per esempio. Due problemi da risolvere Ujfalusi e Potenza non stanno benissimo, rispettivamente per un affaticamento e una caviglia malconcia, vedremo se riusciremo a recuperarli. Temo la buona organizzazione del Siena e la loro capacità di far punti fuoricasa. Hanno delle buone ripartenze in velocità. Il derby fa storia a sè noi dovremo essere bravi a trovare i giusti equilibri in campo. Nelle loro dichiarazioni leggo tanta voglia di far bene, so che verranno a Firenze per giocarsi la gara. La Fiorentina è più forte? I ragazzi devono dimostrarlo sul campo".
fonte: www.acffiorentina.it
Tosoni Auto
Sapori di Toscana
 
Brutta tegola per il Siena, nell’allenamento di rifinitura si è infatti infortunato Massimo Maccarone. Il giocatore effettuava insieme ai compagni degli scatti prima della partitella quando si e accasciato al suolo. Subito soccorso è stato portato di peso negli spogliatoi in attesa di accertamenti. Nel caso si tratti di strappo per lui il campionato sarebbe finito. Molti i tifosi  che hanno sostenuto la squadra con cori di incitamento e contro Firenze. Presenti allo stadio oltre al DS Giorgio Perinetti, anche il presidente Fabrizi e il patron Giovanni Lombardi Stronati che si sono incontrati con i presenti. Alla fine la squadra è partita per il ritiro fiorentino in attesa del derby.

fonte: siena club fedelissimi
Tosoni Auto
Tosoni Auto
 
Ecco le indicazioni della questura per la gara di domani.
BIGLIETTI
La vendita dei biglietti per il settore ospiti termina oggi alle 19.

A Siena Lottomatica in via Fiorentina 8.

A Poggibonsi, presso la tabaccheria in via Pisana 61.

Giovedì potrebbero essere stati erroneamente venduti biglietti di curva Ferrovia a tifosi del Siena: coloro che in realtà volessero accedere al settore ospiti, prima delle 19 di oggi possono tornare alla ricevitoria di Poggibonsi e cambiare il biglietto

ITINERARIO
I tifosi del Siena che arriveranno a Firenze con pullman e auto private verranno indirizzati verso l´autostrada, uscita casello Firenze sud. Da lì raggiungeranno lo stadio seguendo le indicazioni per il settore ospiti. Quelli che arriveranno con il treno saranno invece accompagnati allo stadio con un apposito servizio navetta predisposto dall´Ataf.
APERTURA STADIO
La questura e la Fiorentina invitano tutti gli spettatori ad arrivare allo stadio il prima possibile, in modo da poter accedere con calma all´impianto, che sarà aperto dalle ore 12, in curva Fiesole già dalle 11.30.
PARTENZA PULMAN FEDELISSIMI

Si ricorda che i 6 pulman organizzati partiranno alle 12.00 da San Prospero

fonte: siena club fedelissimi

Tosoni Auto
Sapori di Toscana
 
Domani alle ore 15.00 la  squadra effettuerà l’allenamento di rifinitura allo stadio e dopo partirà in pulman per Firenze. Invitiamo tutti i tifosi a presenziare all’allenamento per far sentire il nostro calore alla vigilia del derby, spingendola alla conquista di importanti punti per la salvezza. fonte: siena club Fedelissimi
Tosoni Auto
FISSC
 

La partita Siena-Torino in programma mercoledì 18 aprile alle 17.30 è stata posticipata  alle 20.30 al posto di Inter-Roma che viene anticipata alle 17.30. Questi “cervelli” si sono accorti solo ora che la partita che potrebbe assegnate lo scudetto all’Inter è tra le più a rischio del campionato e l’hanno messa in orario diurno.

fonte: siena club fedelissimi

Tosoni Auto
FISSC
 

I gruppi organizzati invitano tutti i tifosi che si recheranno in trasferta Firenze ha portare sciarpe, bandiere e tutto quello che può servire per colorare il settore di bianconero. Si ricorda che secondo le normative contenute nel decreto Amato hanno libero accesso negli stadi le bandiere bianconere o con lo stemma della squadra.

fonte: siena club fedelissimi

Tosoni Auto
Elettronorge
 
Ecco l'elenco degli arbitri designati per le partite della 32.ma giornata del campionato di Serie A, in programma sabato 14 e domenica 15:

 
Ascoli - Lazio: Christian Brighi di Cesena;
Cagliari - Empoli (sabato ore 18): Andrea Gervasoni di Mantova;
Fiorentina - Siena: Stefano Farina di Novi Ligure;
Inter - Palermo (ore 20.30): Nicola Rizzoli di Bologna;
Livorno - Reggina: Massimiliano Saccani di Mantova;
Messina - Milan: Roberto Rosetti di Torino;
Parma - Catania: Nicola Ayroldi di Molfetta;
Roma - Sampdoria: Emidio Morganti di Ascoli Piceno;
Torino - Atalanta: Gabriele Gava di Conegliano Veneto;
Udinese - Chievo (sabato ore 20.30): Nicola Stefanini di Prato

 

 

Tosoni Auto
Panificio san Prospero
 

Abbiamo ricevuto molte mail di protesta sulla difficolta nell'acquistre i biglietti per Fiorentina-Siena. Abbiamo deciso di pubblicare questa:

fonte: Siena club fedelissimi

 

Ma come sono stati bravi i nostri politici......

Ma che belle pensate che hanno avuto......

Ma che bel decreto hanno tirato fuori....in Grecia ce lo vogliono copiare !!!!!

Non è che scrivendo al club si possa risolvere molto, ma vorrei appoggiare la linea da voi intrapresa, nel criticare in modo fermo questo nuovo decreto.

Andando al concreto, la domanda che mi pongo è: in un altra città ci sarebbe stata questa trafila per organizzare la trasferta più importante dell'anno ?? In altre città si sarebbe permesso di avere un unico punto vendita disponibile per tutti i tifosi ?? Qualcuno è a conoscenza del fatto che con tutta la buona volontà del nostro tabaccaio, lavorando 10 ore al giorno, in soli 2 giorni al massimo riesce a fare circa 500 biglietti ?? E se c'erano più richieste ? stanno a casa....

Per tanti è meglio così almeno ci sono meno persone da controllare, meno "teppisti " in giro con spranghe e coltelli....... quei delinquenti che salgono su un pulman blu e che dopo averlo devastato incendiano puntualmente la città dove vanno !!!!!

Ma perchè per andare a vedere una partita, mi devono far sentire un "fissato del calcio" che deve stare due ore in fila per un biglietto che non so ancora se troverò ??

Ma se si deve stare tutti a gurdare la televisione, che ce lo dicono chiaramente: le trasferte non si fanno più !!!!  Ci fosse stato qualcuno che comanda che si fosse preso questa responsabilità ?? No, ovviamente, si cerca di accontentare tutti e se poi qualche cocco (della famosa categoria dei deboli) deve fare la via crucis per un biglietto...pazienza.

DEBOLI CON I FORTI E FORTI CON I DEBOLI.....BRAVI
(lettera firmata F. R.)

Tosoni Auto
Futuro Businnes
 
Concluse le indagini della Procura di Napoli con 48 rinvii a giudizio su l’inchiesta denominata “calciopoli”. Vi ricordare lo scorso anno quando scoppio moggiopoli molte televisioni e parte della stampa volevano per forza inserirci nello scandalo a causa dei molti prestiti e comproprietà con la Juventus. Mi ricordo di una trasmissione di Controcampo in cui Liguori e Ordine dissero che era solo una questione di tempo ma anche il Siena sarebbe stato coinvolto, perché non poteva essere diversamente visto l’amicizia con il DS Moggi. I fatti hanno dimostrato che il Siena e i suoi dirigenti sono “puliti” e che in tutte le partite che la riguardano è risultata danneggiata dalle decisioni arbitrali e quindi parte lesa. La correttezza vorrebbe che queste persone che si erano sbagliate rendessero giustizia alla correttezza del Siena, ma sappiamo già che questo non avverrà.
fonte: siena club fedelissimi
Tosoni Auto
Futuro Businnes
 

Brutta sorpresa ieri sera per le molte persone in fila presso presso la Tabaccheria Panfili Claudio in via Fiorentina, 8 (057741619) per acquistare i biglietti per la trasferta a Firenze. Alle 20.30 si è guastata la stampate e l’emissione è stata sospesa. Superati i problemi tecnici alle 10.30 di oggi e ripartita la vendita dei biglietti che proseguirà fino a sabato alle ore 19.00. Rimane comunque inspiegabile il motivo per cui l’altro punto vendita a Poggibonsi non emetta biglietti ospiti nonostante la Fiorentina con un comunicato ufficiale lo indichi come autorizzato alla biglietteria ospiti. Di tutti questi problemi abbiamo informato Questura, A.C. Siena e ACF Fiorentina.

fonte: siena club fedelissimi

Tosoni Auto
Tosoni Auto
 

Undici a zero nella partita amichevole del pomeriggio contro l'Asd Crevalcore (eccellenza emiliana): a segno Pazzini (4), Reginaldo (2), Mutu, Toni, Montolivo, Jorgensen e Santana. Cesare Prandelli sembra avere pochi dubbi di formazione: a centrocampo Blasi è favorito su Pazienza, in attacco continua il ballottaggio Toni-Pazzini. Oggi il campione del mondo è sceso in campo nel primo tempo, nella ripresa spazio invece a Giampaolo Pazzini. Staffetta che potrebbe riproporsi domenica contro il Siena.

fonte: www.gazzetta.it

Tosoni Auto
FISSC
 
“Ormai sono tre anni che sono qua e devo dire che i senesi mi hanno trasmesso questa rivalità e quella con la Fiorentina per me è diventata una partita particolare.” – ha dichiarato Daniele Portanova – “E’ un’ottima squadra, che nonostante i tanti punti di penalizzazione sta facendo un grande campionato: è composta da tanti ottimi giocatori e anche da qualche campione. Ma andremo a Firenze senza paura, dando il 110%.”
fonte: www.acsiena.it

Tosoni Auto
Rete ivo
 
Molti tifosi hanno assistito alla partitella in famiglia con la formazione primavera terminata 7-1. Doppiette di Corvia e Maccarone nel primo tempo e reti di Cozza, Alberto e Chiesa nel secondo tempo. Locatelli, che ha ripreso da ieri a correre, prosegue nel suo programma personalizzato di recupero. Ancora assenti per una sindrome influenzale Eremenko, che domani riprenderà ad allenarsi, e Frick. Domani e sabato allenamento pomeridiano allo stadio alle ore 15.
fonte: siena club fedelissimi

Tosoni Auto
Panificio san Prospero
 
I biglietti per il settore ospiti di Firenze sono in vendita al costo di 18,00 solo a Siena presso la Tabaccheria Panfili Claudio in via Fiorentina, 8 (057741619). La vendita partita oggi pomeriggio, ha fatto subito registrare lunghe file fuori dal punto vendita. Proseguirà fino a sabato alle ore 13.
fonte: siena club fedelissimi
Tosoni Auto
Rete ivo
 

Il reato di associazione per delinquere -nell'ambito dell'inchiesta su Calciopoli della Procura di Napoli- e' ipotizzato anche per 8 arbitri. Si tratta di Gianluca Paparesta, Salvatore Racalbuto, Stefano Cassara', Antonio Dattilo, Paolo Bertini, Marco Gabriele, Massimo De Santis, Tiziano Pieri. Stessa accusa viene mossa all'assistente di gara Marcello Ambrosino, nonche' a Luciano Moggi, agli ex designatori Paolo Bergamo e Pier Luigi Pairetto e al direttore sportivo del Messina, Paolo Fabiani.
fonte: ansa

Tosoni Auto
Immobiliare Brogi
 

Il Tar del Lazio accoglie il ricorso della Figc e chiude ai tifosi del Catania gli impianti dove si svolgeranno le gare casalinghe degli etnei. E' stato cosi' revocato il decreto con cui il presidente della 4/a sezione del Tar di Catania aveva annullato le porte chiuse disposte dalla giustizia sportiva. Di conseguenza i tifosi del Catania non potranno avere accesso agli stadi dove si giocheranno le gare interne della loro squadra fino al prossimo 30 giugno.

fonte: ansa

Tosoni Auto
Il Mangione
 

Comunicato Ufficiale Ultras Fighters Siena 1979

Noi Ultras Fighters Siena 1979 comunichiamo che non appenderemo più il nostro striscione, in quanto non scendiamo né a patti né a compromessi con nessuno. La decisione è maturata a seguito dell’entrata in vigore delle nuove ed anticostituzionali leggi che non permettono di esprimerci, come da sempre siamo abituati a fare. Non rientra nella nostra mentalità il doverci piegare ad assurde norme burocratiche, per permetterci di esporre anche solamente il nostro striscione. Striscione che nel corso degli anni abbiamo portato in lungo ed in largo per tutta la penisola e dietro al quale si sono orgogliosamente identificate decine di persone. Non sappiamo se un giorno ci saranno i presupposti per poter tornare a manifestare il nostro credo nella maniera che ci appartiene. Nel frattempo continueremo ad esprimere i nostri ideali, orgogliosi di essere Ultras Fighters Siena 1979. Potranno toglierci striscioni e bandiere, megafoni e tamburi, ma non ci

toglieranno mai l’ideale.

ULTRAS FIGHTERS SIENA 1979

Tosoni Auto
Panificio san Prospero
 

Affidare agli steward, opportunamente formati, il compito di vigilare sulla sicurezza dentro gli stadi: lo stabilisce un protocollo d'intesa.Le forze di polizia potranno cosi' occuparsi di cio' che accade fuori dagli impianti. Il documento e' stato firmato al Viminale dal ministro Amato e dai presidenti di Coni e Figc, Petrucci e Abete. "Gli steward dovranno essere ben preparati e numerosi", ha sottolineato Amato, ricordando che all'Old Trafford, a Manchester martedi' sera, ce n'erano 1.500.

fonte: ansa

Tosoni Auto
Sapori di Toscana
 

Ujfalusi è un tipo pratico: «Ora pensiamo solo a battere il Siena». Già, tre punti per guardare avanti. Ma non troppo. «Siamo pronti ad approfittare di eventuali passi falsi delle altre squadre - dice ancora il difensore - però la lotta per la Champions mi sembra davvero difficile. Il nostro obiettivo è la coppa Uefa». Prima c´è il Siena, però. «Tra di noi parliamo solo della partita». Appunto. Magari anche di mercato. Ujfalusi racconta le sue certezze: «Dainelli rimarrà alla Fiorentina, abbiamo bisogno del nostro campionato. E penso che anche Toni alla fine rimarrà con noi». Bene, meglio così. Lui la sua scelta l´ha già fatta: «Sono a Firenze da tre anni e non ho nessuna intenzione di cambiare». Il suo contratto scade nel 2008, magari ci sarà un prolungamento. Chissà. Intanto il campionato va avanti. Ieri nuovo sopralluogo allo stadio Franchi del vice prefetto Fasano, che ha dato l´ok definitivo per la riapertura dell´impianto. Rispetto alla partita con l´Ascoli sono state montate anche le ultime paratie per il prefiltraggio e sono stati elettrificati tutti i tornelli. Adesso manca soltanto da sistemare la sala video riservata al Gos, ma l´assessore Giani ha promesso che entro la fine di aprile sarà tutto a posto. Nessun problema, insomma. Intanto a Siena c´è grande fermento per questa partita. «Mi aspetto dalla squadra grande determinazione e grinta – afferma Pierluigi Fabrizi, al suo primo derby da presidente del Siena – perché è una gara molto importante. La sfida di domenica con la Fiorentina è molto sentita, ma non ci dobbiamo dimenticare che rappresenta una tappa verso il nostro principale obiettivo, la salvezza. Da un punto di vista tecnico la squadra si è sempre espressa meglio in trasferta che in casa, sono quindi fiducioso nonostante le qualità della Fiorentina. Da parte dei tifosi mi aspetto un importante seguito sugli spalti». E i tifosi del Siena si stanno già organizzando per seguire la squadra nella trasferta più vicina e sentita dell´anno. «Abbiamo già riempito cinque pullman – spiega Lorenzo Mulinacci, presidente dei Fedelissimi – e con gli altri club contiamo di arrivare almeno a quindici. Compreso chi si muoverà con la propria macchina, dovremmo essere circa un migliaio. Tra l´altro abbiamo saputo che i biglietti saranno in vendita anche a Siena, quindi sarà più facile acquistarli». (Giovanni Pellicci)

fonte: la repubblica

Tosoni Auto
Sartini Siena
 

Fra gli elementi distintivi – siano essi pregi o difetti - che concorrono all’unicità del nostro Paese, ce ne sono un paio che meritano una riflessione: ci piace molto legiferare, nell’accezione completa di decretare, emanare, promulgare, stabilire, deliberare e chi più ne ha più ne metta; ovviamente ci piace molto anche quanto da ciò deriva a livello di immagine e comunicazione, vale a dire vertici e tavole rotonde, quadrate ed esagonali, convegni, dibattiti e conferenze stampa di presentazione; spente le luci della ribalta e dopo tanta energia spesa nelle prime due azioni, è naturale che le nostre teste pensanti arrivino un po’ sulle gambe quando c’è da far mettere in pratica quanto studiato, facendo rispettare leggi e decreti.  Questo avviene con assoluta non chalance, come se le tre cose fossero ognuna fine a se stessa; un po’ come se un bravo capofamiglia, dopo aver osservato il deserto dei tartari nel frigorifero, per sfamare i figli facesse una lista della spesa a prova di ristorante (dalla farina agli ombrellini per l’aperitivo) e poi l’appendesse in bella vista al muro - spiegandola nei dettagli e prendendosi i complimenti della prole per tanta abbondanza -, ma dimenticandosi poi di fare un salto al supermercato. O, per restare più aderenti al pezzo, come se un padre (o una madre) fosse chiamato urgentemente a scrivere nuove regole per la famiglia, dopo mesi di anarchia, e non si curasse poi di farle rispettare dai propri figli. Il bicchiere sarebbe mezzo pieno perché si è fatto qualcosa, o mezzo vuoto perché non si è fatto tutto? Ahimè, sarebbe desolatamente vuoto, perchè la mancata applicazione di quanto si è teorizzato rende assolutamente vane le ore di studio. Senza l’arrosto di una credibile fase esecutiva, anche i pensieri più validi rimangono fumo di Londra, che appanna la vista, ma non risolve il problema della fame. A dire il vero, fosse solo questo potremmo anche chiudere un occhio. Dopotutto è un vecchio adagio; prendere, o lasciare. Per dirla con Aldo, Giovanni e Giacomo, così è l’Italia: intelletto, genialità e spinta creativa, ma una fase pratica non all’altezza.  Il boccone diventa però indigeribile quando si decide di confondere la gente, dando l’idea di applicare i regolamenti, ma facendolo sistematicamente all’acqua di rose e affondando il colpo solo contro chi non ha la forza, o l’inciviltà (e questo è un merito, non una debolezza), di reagire. Fuor di metafora – lunga e noiosa, ma unico modo per evitare di andarci troppo pesante, fino a trascendere passando dalla ragione al torto – è in tipico italian style quanto sta succedendo nel calcio italiano, così come il silenzio di gran parte dei mezzi di comunicazione: due pesi e due misure nell’applicazione delle nuove norme, oltretutto condotta in maniera miope, con tanti falsi problemi dati in pasto all’opinione pubblica al posto delle incognite vere. Prima il boom tornelli – utili, ma non al punto di giustificarne la santificazione a protettori dell’incolumità -, che ha partorito celebri mostri d’autore: vi ricordate l’Olimpico di Roma aperto fin da subito a tutti e il Bentegodi di Verona chiuso, con i tifosi più accesi della Capitale al loro posto (e ai loro affari) e le famiglie del Chievo costrette fuori dallo stadio? Chiunque abbia avuto la fortuna di visitare meravigliosi impianti d’oltre confine sa che il tornello, come le zone di prefiltraggio, è un elemento accessorio e non l’antidoto alla violenza, che è invece un cocktail di educazione, ragionando nel lungo periodo, e di assoluta certezza della pena (possibilmente severa), nell’immediato. Il resto è fumo negli occhi, come l’ammodernamento degli stadi, auspicato più mirando al denaro di Euro 2012 che pensando al pubblico (ricordatevi Italia ’90: avete mai avuto la sfortuna di vedere una partita in una di quelle “modernissime” cattedrali nel deserto, già vetuste prima di essere finite? D’altronde le piste di atletica garantivano più finanziamenti…). Un impianto moderno, coperto e polifunzionale (un miraggio, per l’Italia di oggi) è un bene assoluto per lo spettatore pagante e può avvicinare le famiglie, ma è da sciocchi pensare che sia sufficiente vestire lo stadio a festa per far sì che, da un giorno all’altro, il teppista sporco di violenza si chiami fuori dal gioco. Evitando pietosamente di citare anche la gestione di recenti disordini e accoltellamenti, purtroppo ancora all’ordine del giorno, scegliamo come ciliegina sulla torta il caso striscioni, con l’introduzione della corrispondenza a mezzo fax (al tempo di internet, un timido segnale di modernità: dopotutto poteva anche essere introdotto l’utilizzo obbligatorio della raccomandata, ovviamente con ricevuta di ritorno…) e la severità mostrata solo nei confronti di alcune tifoserie. Gli amanti di Siena e Udinese, troppo civili per essere rispettati, non hanno potuto ricordare con dieci, cento o mille striscioni l’ex Presidente della Robur Paolo De Luca, che ha avuto la colpa di far piangere i bianconeri toscani troppo a ridosso delle scadenze imposte dall’Osservatorio! Le tifoserie di Atalanta e Roma, invece, hanno potuto insultare le forze dell’ordine (vedi Bergamo) o, peggio ancora, mandare loro segnali chiari e inequivocabili, mascherati da gag (vedi Olimpico e il fax rotto), di quanto ancora certe curve siano intoccabili. Figli e figliastri, storie del Belpaese: laddove si fa la voce grossa con chi non urla e si ama cambiare tutto per non cambiare niente.

Tommaso Refini

Tosoni Auto
Sa Giorgio a Lapi
 

Da domani pomeriggio verrà attivato un punto Lottomatica anche Siena per la vendita dei biglietti del settore ospiti di Firenze. Le ricevitorie abilitatate sono:

 

TABACCHERIA PANFILI CLAUDIO

V. FIORENTINA, 8 – SIENA - Tel. 057741619

TABACCHERIA MONTAGNANI

VIA PISANA, 61 - POGGIBONSI - Tel. 0577939541.

Seguite il sito per informazioni in tempo reale sulla trasferta.

fonte: siena cub fedelissimi

Tosoni Auto
FISSC
 
Luca Toni in forse per la partita di domenica pomeriggio con il Siena. L'attaccante lamenta un forte dolore alla caviglia sinistra (ricordo di un colpo ricevuto in Italia-Scozia da McManus), e nei prossimi due-tre giorni sarà costretto a seguire un programma di lavoro differenziato. Niente allenamento coi compagni nella mattinata di oggi e niente partitella amichevole fissata per il resto del gruppo domani pomeriggio ai campini (avversario l'Asd Crevalcore, Eccellenza). Il centravanti campione del mondo tornerà (probabilmente) ad allenarsi regolarmente soltanto alla vigilia della gara col Siena, ed è quindi già ipotizzabile un ballottaggio con Giampaolo Pazzini, che il tecnico viola scioglierà solo poche ore prima della partita. All'allenamento di oggi non hanno preso parte neppure Ujfalusi (non al meglio, ma domenica ci sarà) e Donadel, il cui ritorno in campo potrebbe invece slittare ulteriormente. (a.g.)
fonte:gazzetta.it
Tosoni Auto
Panificio san Prospero
 

Per l’ennesima volta le nostre preoccupazioni, purtroppo, si sono rivelate esatte. Avevamo detto che anche questo decreto cosiddetto “antiviolenza”, dopo quello del ministro Pisanu, sarebbe stato l’ennesimo esempio di come si poteva essere forti con i deboli e deboli con i forti e i fatti di questi ultimi giorni ci danno tristemente ragione. Rimaniamo convinti che l’unico modo per arginare la violenza è: ARRESTARE CHI COMMETTE UN REATO!!!!

Partiamo dalle gare dell’ultimo turno di campionato. Gli striscioni, di qualsiasi genere (anche quelli per commemorare la morte del nostro presidente) dovevano essere vistati dalla Polizia. Noi abbiamo messo in pratica tutto il possibile, in altri stadi tutto è filato liscio come niente fosse accaduto. A Roma l’hanno buttata sull’ironia “a noi c’è s’è rotto er fax”, a Bergamo hanno addirittura esposto uno striscione contro le forze dell’ordine. Ci chiediamo: era autorizzato, sono stati riconosciuti i colpevoli? In occasione della partita Juve-Napoli, 130 tifosi partenopei sono stati multati a Genova in quanto sprovvisti di biglietto ferroviario. Ci chiediamo: alla stazione di Napoli cosa stavano facendo Polizia e ferrovieri?

Potremmo andare avanti, ma chi conosce l’ambiente ha già capito. I tifosi inglesi accoltellati a Roma hanno un colpevole? Nulla è cambiato, le leggi ci sono, e c’erano, basta farle applicare. A Siena questo viene fatto, in altre città ed in altri stadi no. A Manchester alcuni tifosi romanisti sono stati sorpresi, tra le altre cose, a rubare nel negozio della squadra inglese. La polizia è intervenuta e li ha arrestati, molto semplicemente. Qual è il primo stadio che ha riaperto alle notturne, dopo un periodo di divieto? Lo stadio Olimpico di Roma, si, proprio quello dove svastiche, croci uncinate e altri ammennicoli del genere sono stati a bella mostra per tanto tempo. Cari signori, non ci siamo. Vogliamo imitare il modello inglese, parliamo di tolleranza zero e altri concetti interessanti, ma il tutto rimane sulla carta. È troppo facile colpire un bischero di Siena o di Chievo, troppo più difficile (e antipopolare) dare addosso ai veri teppisti. Non è con frasi tipo “un pubblico come quello di Napoli merita la serie A” o “i magnifici tifosi romanisti” che si salva il calcio, e nemmeno con decreti che vengono facilmente aggirati  grazie agli occhi chiusi di chi dovrebbe vigilare. A farne le spese, come sempre, quelli che si sono sempre comportati bene. Meno male che nel mezzo a tutto questo resta il calcio, pur sempre lo sport più bello del mondo ed il più imprevedibile. Salutiamo, quindi, con piacere la splendida partita a cui abbiamo assistito ieri sera. Non è da tutti i giorni vedere giocare al calcio come ha fatto il Manchester United. Complimenti sinceri e complimenti a anche a quel giocatore romanista che prima della partita aveva dichiarato che sentiva la gara più della finale mondiale. Meno male che è andata in maniera diversa. (a.g.)

fonte: siena club fedelissimi

Tosoni Auto
Elettronorge
 

Saranno in vendita da questo pomeriggio alle ore 16 i biglietti per la partita di domenica tra Fiorentina e Siena in programma allo stadio Artemio Franchi di Firenze alle ore 15. Il prezzo del settore ospiti è di 18,00€. La società viola e Lottomatica stanno cercando di attivare un punto a Siena per la vendita dei biglietti ospiti, se non sarà possibile potranno essere acquistati presso:

TABACCHERIA MONTAGNANI VIA PISANA, 61 - 53036 POGGIBONSI - Tel. 0577939541

fonte: siena cub fedelissimi

Tosoni Auto
Il Chiasso Largo
 

Come finire in panchina dopo aver segnato 138 gol in serie A. Non è un capitolo inedito del nuovo manuale del calcio, ma la condizione in cui si trova Enrico Chiesa. Trentasette anni il prossimo dicembre, una vita spesa a segnare con le maglie di Cremonese, Sampdoria, Modena, Lazio e Fiorentina, oltre che della Nazionale, prima del "matrimonio" con il Siena. "Ricomincio dalla provincia" disse Chiesa. Un'unione che nei primi tre anni ha dato ottimi frutti: 32 gol in totale, decisivi per la salvezze della squadra bianconera, e gli applausi del pubblico che lo elegge a Re di Siena. Quest’anno, però, qualcosa è cambiato. Fin dalla prima giornata di campionato, lo scorso settembre, quando Beretta gli preferì la coppia Bogdani-Frick. Chiesa entrò nell’ultima mezz’ora e dai due suoi angoli nacquero le reti decisive per la vittoria del Siena. Da allora solo cinque partite da titolare, l’ultima delle quali nel derby con l’Empoli del 20 dicembre e 12 spezzoni di gara, conditi da tanta panchina e da nessun gol.
TERZA SCELTA - Un tormento, per uno abituato ad essere un leader dentro e fuori dal campo, sempre fra i primi ad arrivare agli allenamenti ed esempio per i giovani. Eppure l’attacco del Siena non gode di grandissima salute, anche se il lavoro di Beretta sta permettendo di conquistare la quarta salvezza in serie A, che per una realtà come quella senese è come vincere Scudetto e Champions League insieme. Il bomber è Frick, che però dal 17 dicembre è fermo a quota 6, mentre Maccarone, arrivato a gennaio al posto di Bogdani e fermo per tre settimane per un infortunio, è a 3 (Corvia a 1). Ma tant’è, il Siena ha sei punti di vantaggio sulla terz’ultima, in linea con gli obiettivi estivi, e Chiesa resta in panchina, anche sabato scorso per tutta la gara con l’Udinese.

SUL MERCATO - Perso il primato fra i goleador di serie A ancora in attività a favore di Totti, persi i galloni di capitano del Siena. Con Beretta il rapporto non è proprio idilliaco, anche se fra i due non c’è gelo. Lo scorso 21 gennaio, dopo l’ultima vittoria casalinga con il Chievo, in cui l’ingresso di Chiesa risultò decisivo per la rimonta, il bomber parlò apertamente della sua panchina. "Sto fuori non perché sto male, ma per scelte tecniche, che naturalmente non condivido ma che accetto da professionista". Una replica, neanche tanto sommessa, al tecnico che aveva detto di non utilizzarlo perché lontano dalla condizione fisica migliore. Il contratto di Chiesa scade a giugno 2008, quando probabilmente l'attaccante appenderà le scarpe al chiodo. Lo scorso giugno Chiesa e il Siena vollero allungare il matrimonio proprio in vista di una "chiusura" in bianconero: ma erano altri tempi, allora Chiesa era capitano e bomber osannato. Chissà se il prossimo anno, con Beretta allenatore, Chiesa accetterà ancora il ruolo di bomber part-time. (Alessandro Lorenzini)

fonte: www.gazzetta.it

Tosoni Auto
FISSC
 

“In concomitanza con la ripresa degli allenamenti, oggi ha parlato il tecnico del Siena, Mario Beretta. Ecco alcuni dei concetti principali espressi dall’allenatore bianconero in vista del derby di domenica.
“Sappiamo che i tifosi ci tengono molto e di questo terremo di conto. Cercheremo di vincere per dare una soddisfazione a tutto l’ambiente”. Il problema, per Beretta, però è rappresentato… dalla Fiorentina. “E’ una grande squadra, ha calciatori di altissima qualità e ha tutte le carte in regola per fare un finale di campionato importante. Ci sono tanti punti in palio e i viola possono puntare fino in fondo ad entrare in Champions”.
“Dovremo preparare bene la partita – ha concluso - per neutralizzare i loro punti di forza”.

fonte: www.ladyradio.it

Tosoni Auto
Sapori di Toscana
 

Sono stati diciotto gli arresti effettuati dalla polizia di Manchester prima della partita di Champions League di questa sera. Si tratta di tifosi romanisti e dei Red Devils, anche se la polizia locale non ha saputo dire quanti italiani e quanti inglesi siano finiti in manette. Prima del match ci sono stati brevi scontri tra le tifoserie e la polizia, la quale precisa di non aver notizia di feriti.

fonte: ansa

Tosoni Auto
FISSC
 
Il nostro club organizza per venerdì 13 aprile una cena con degustazione di importanti vini italiani. Saranno presentati, da un sommelier dell’Enoteca Italica di Siena, 4 tipi di vini uno per ogni portata. Il menù è studiato e presentato appositamente da Massimo Losi per mettere in risalto le caratteristiche dei vini.
Antipasti:
- Carpaccio affumicato
- Vol au vent formaggio fuso e tartufo
- Sfogliatine zucchine e speck

Vino: Alcamo DOC 2005  “Principe di Corleone”  Az.Pollara


Primi:
- Pappa al pomodoro
- Malfatti

Vino: Verdicchio di Matelica DOC 2004  “Vigneto Fogliano”  Az. Bisci


Secondo:
- Filetto al Barolo con cipolline al forno

Vino: Barolo DOCG 2001  Borgogno


Dolce:
- Millefoglie

Vino: Moscato d’Asti DOC 2006  “Strevi”  Az. Banfi


Alla cena sono stati invitati il Presidente Pierluigi Fabrizi, Giorgio Perinetti, Claudio Mangiavacchi e rappresentati della nuova proprietà. Prenotazione obbligatoria entro mercoledì 11 aprile al numero 0577 236677 o per mail fedelissimi@sienaclubfedelissimi.it

Tosoni Auto
Sartini Siena
 

La terza giornata del girone di ritorno sospesa per i tragici fatti di Catania il cui recupero è programmato per mercoledì 18 aprile vedrà il Siena scendere in campo alle ore 17.30. Questi gli orari completi della giornata:

MERCOLEDI' 18 APRILE

PARTITE

ORE

ASCOLI – MILAN

17.30

EMPOLI – ATALANTA

17.30

LAZIO – CHIEVO

17.30

LIVORNO – CAGLIARI

17.30

REGGINA – MESSINA

17.30

SIENA – TORINO

17.30

UDINESE – SAMPDORIA

17.30

INTER – ROMA

20.30

PARMA – FIORENTINA 

20.30

CATANIA - PALERMO

1-2

Tosoni Auto
Il Mangione
 

Con il pareggio 1-1 (gol di Paker) a Bologna i ragazzi della primavera conquistano per la prima volta nella storia l’accesso alle finali nazionali. Ai ragazzi di Piccinetti, Giuseppe Cianciolo e Claudio Mangivacchi i nostri complimenti.

fonte: siena club fedelissimi

Tosoni Auto
Sartini Siena
 
La preparazione in vista del derby di domenica a Firenze riperderà domani con l’allenamento pomeridiano, doppio il martedì, giovedì partita di allenamento, venerdì pomeridiano, sabato pomeriggio rifinitura e partenza per Firenze.  Qualche allenamento verrà effettuato al Rastrello. Da valutare le condizioni Bertotto, Benussi, Locatelli, Gastaldello, Jaakkola.
fonte: siena club fedelissimi
Tosoni Auto
FISSC
 

Il nostro club organizza per venerdì 13 aprile una cena con degustazione di importanti vini italiani. Saranno presentati, da un sommelier dell’Enoteca Italica di Siena, 4 tipi di vini per ogni portata. Il menù è studiato e presentato appositamente da Massimo Losi per mettere in risalto le caratteristiche dei vini.


Antipasti:
- Carpaccio affumicato
- Vol au vent formaggio fuso e tartufo
- Sfogliatine zucchine e speck

Vino: Alcamo DOC 2005  “Principe di Corleone”  Az.Pollara


Primi:
- Pappa al pomodoro
- Malfatti

Vino: Verdicchio di Matelica DOC 2004  “Vigneto Fogliano”  Az. Bisci


Secondo:
- Filetto al Barolo con cipolline al forno

Vino: Barolo DOCG 2001  Borgogno


Dolce:
- Millefoglie

Vino: Moscato d’Asti DOC 2006  “Strevi”  Az. Banfi


Alla cena sono stati invitati il Presidente Pierluigi Fabrizi, Giorgio Perinetti, Claudio Mangiavacchi e rappresentati della nuova proprietà. Prenotazione obbligatoria entro mercoledì 11 aprile al numero 0577 236677 o per mail fedelissimi@sienaclubfedelissimi.it

Tosoni Auto
Sa Giorgio a Lapi
 

L’apertura dello stadio di Firenze, anche ai paganti, è stata concessa solo per la partita Fiorentina-Ascoli. L'Osservatorio Nazionale delle Manifestazioni Sportive  si riunirà nuovamente mercoledì mattina per decidere in merito alla partita Fiorentina-Siena di domenica 15 aprile. Tutto lascia presupporre che non ci dovrebbero essere problemi, e che la partita verrà giocata a porte aperte anche ai paganti. In questo caso mercoledì pomeriggio partirà la vendita dei biglietti compresi quelli del settore ospiti. La ricevitoria Lottomatica che verrà abilitata alla vendita dei tagliandi per gli ospiti è quella di Via Pisana, 61 a Poggibonsi. Da domani, presso il Filusè  bar in Via C. Battisti, sarà comunque possibile iniziare a prenotarsi nei pulman organizzati dal nostro club. La partenza è alle ore 12.00 dal posteggio di San Prospero. La spesa è di 13.00€. Per i soci del club 10.00€. Acconto alla prenotazione 5.00€. Per tutti coloro che intendono portare a Firenze striscioni o due aste, sempre nel rispetto delle vigenti norme devono scaricare il modulo di richiesta dal sito ufficiale della Fiorentina http://www.acffiorentina.it/it/NewsDetail.aspx?Id=81697  e spedirlo al fax 055 5030161. Comunque sul  nostro sito daremo informazioni in tempo reale sull’organizzazione della trasferta a Firenze.

fonte: siena club fedelissimi

Tosoni Auto
Panificio san Prospero
 
Uno striscione di insulti nei confronti del prefetto di Roma, Achille Serra, e' stato esposto oggi nella Curva Nord dello stadio di Bergamo, durante il match tra la squadra di casa ed il Chievo Verona. "Sei una mela marcia" hanno scritto i tifosi, la cui identificazione e' in corso grazie alle telecamere fisse. Sul campo sono inoltre state lanciate mele e alcuni petardi, arrivati alle spalle del portiere atalantino Calderoni. Il prefetto e' stato preso di mira in relazione agli scontri che erano avvenuti a Roma, in occasione di Roma-Atalanta, nel dicembre scorso, tra la polizia e alcuni ultras bergamaschi.
fonte siena club fedelissimi
Tosoni Auto
Sartini Siena
 

Il primo tempo non mi è piaciuto affatto, proprio per come si è svolta la partita. Non abbiamo creato occasioni e non siamo riusciti a giocare con l’energia che abbiamo, ma anche l’Udinese non ha fatto molto. Però l’Udinese ha fatto un bel gol.
Nel secondo tempo siamo partiti con un piglio migliore, ma abbiamo preso il secondo gol e da allora abbiamo saputo tirare fuori le energie psichiche, fisiche e tattiche ed abbiamo pareggiato contro una grossa squadra. Il Siena deve prendere consapevolezza della propria forza. Si suppone che l’allenatore sia in grado di giudicare lo stato di forma dei suoi giocatori. Se vedeste gli allenamenti forse le mie scelte non vi sorprenderebbero. Vedo i giocatori tutta la settimana e faccio scelte ponderate in base a quello che vedo negli allenamenti di tutta la settimana o di tutto il mese.

fonte: www.acsiena.it

Tosoni Auto
FISSC
 

Ci capita spesso di pensare che la partita sia finita. Se analizziamo le nostre prestazioni, vediamo che non siamo più 11 che difendiamo, concediamo spazi. Sono questioni che si ripresentano negli ultimi due anni. Dobbiamo cancellare il passato: non dobbiamo più pensare di essere la grande Udinese. Dobbiamo tornare modesti e consapevoli che siamo una squadra di provincia. E’ inutile andare a vedere soltanto il giocatore che ha perso la palla nel singolo caso, ci dobbiamo chiedere perché la palla è arrivata lì? Perché i nostri avversari erano schierati così? Dobbiamo tornare umili. Vinciamo 2 a 0, dobbiamo continuare a giocare allo stesso modo durante tutta la partita. Di Natale e Iaquinta sono importanti, meno male che ci sono. Dobbiamo però considerare che noi segniamo da grande squadra e prendiamo gol da piccola.
fonte: www.acsiena.it

Tosoni Auto
Il Chiasso Largo
 

Beretta cambia il centrocampo, con Antonini a destra e Alberto a sinistra, i centrali sono Brevi e Galloppa. Cozza è il trequartista alle spalle di Frick. Il Siena si vede che si accontenta del pari e appare rinunciatario,ma anche l’Udinese non fa niente, prima di accendersi deve aspettare il 43' , quando Di Natale,approfittando di un rimpallo, con un esterno destro dal limite fulmina Manninger nell'angolo sinistro. Inspiegabile l'atteggiamento del Siena, monotoni, spenti, senza vita, quasi giocassero un'amichevole di mezza settimana. Non funziona proprio nulla nella Robur. Sulla fasce zero assoluto; Cozza non riceve un pallone giocabile cosi come Frick. L'Udinese dal canto suo si sforza appena, sfruttando i corridoi di Obodo e Dossena, liberi di scorazzare nelle praterie. Si va al riposo sperando in una ripresa con più grinta e determinazione. E’ Maccarone la soluzione che  Beretta getta nella mischia. L'attaccante prende il posto di Cozza e va a fare la punta con Fick. L'ex "Boro" dà una leggera scossa al Siena, anche se, nell'affannosa ricerca del pari, la squadra si sbilancia favorendo il contropiede di Iaquinta e Di Natale, in un reparto dove perde per problemi muscolari anche Bertotto (dentro Negro). L'unico a provarci è Galloppa con tiri dalla distanza, senz'altro più efficace di Maccarone e di uno spento Frick. Spietata invece l'Udinese che con due passaggi irrompe in area e raddoppia. Iaquinta sfrutta un grossolano errore di Rinaudo e  con un pallonetto deviato da Manninger, poi raccolto dal campione del mondo che con freddezza infila il 2-0. Parrebbe la parola fine sulla gara, ma al 31' Maccarone, in tuffo di testa, accorcia. Non è la prima volta che la squadra friulana getti al vento vittorie messe in cassaforte (vedi Ascoli). Rinforzato con Eremenko per Brevi, il Siena schiaccia l'Udinese e raccoglie il pareggio con Negro: destro delicato che si abbassa improvvisamente, gabbando De Sanctis. Sivok e Barreto rilevano Obodo e Muntari servono a poco. Siena e Udinese alla fine si accontentano, ma a mangiarsi le mani è solo Malesani.
fonte: siena club fedelissimi

Tosoni Auto
Futuro Businnes
 
Curve & Tifosi: Il Siena potrà ricordare il suo ex Presidente Sabato allo stadio?

La Questura non ha concesso la deroga al decreto sugli striscioni, richiesta dalla società toscana. Il pugno duro, come spesso accade, viene utilizzato soltanto in alcuni casi e ciò non può far altro che generare polemiche. Il fatto che poi, il decreto che impedisce l'ingresso degli striscioni negli stadi, non si fermi nemmeno di fronte alla morte del Presidente storico per una società di calcio, fa ovviamente discutere.E' quello che è accaduto al Siena, i cui sostenitori, per voce del loro sito lamentano la mancata concessione di una deroga sulle norme in questione. La società bianconera, nei giorni scorsi, aveva inoltrato una formale richiesta alla Questura chiedendo una proroga del termine valido per sottoporre alla verifica gli striscioni da esporre in occasione del match con l'Udinese in programma sabato; striscioni indirizzati alla memoria dell'indimenticabile Presidente Paolo De Luca, scomparso qualche giorno fa. Il "no" ricevuto creerà non pochi problemi ai sostenitori toscani che potrebbero non riuscire per tempo a sotoporre al controllo preventivo delle autorità gli striscioni in questione. I supporter senesi non ci stanno e, nonostante rispettino la decisione presa, fanno sapere con non poco rammarico che, a causa di questo impedimento, difficilmente potranno organizzare delle coreografie adatte ad onorare la memoria del Presidente che ha portato in serie A la società toscana.Nell'ultima parte del comunicato pubblicato sul sito, i sostenitori però si augurano di veder applicato lo stesso rigore e la stessa tolleranza zero, anche nei confronti dei tifosi delle altre società appellandosi ad uno dei princìpi più importanti, vale a dire "La legge è uguale per tutti!"  Potrebbe essere questo il contenuto di uno degli striscioni che i supporter senesi esporranno sabato al Franchi. (Renato Maisani)

fonte: www.goal.com

 

Siamo onorati che il sito www.goal.com ,uno dei più importanti e seguiti a livello mondiale, abbia dato risalto alla nostra protesta. Questo ci da ancora più spinta nel denunciare tutte le varie incongruenze e ingiustizie che purtroppo ancora esistono nel mondo del calcio. Grazie alla redazione di www.goal.com

fonte: siena club fedelissimi

Tosoni Auto
Elettronorge
 

Il Siena Club Fedelissimi rivolge un sincero saluto agli amici di Udine a cui ci lega da anni una sincera amicizia.

fonte: siena club fedelissimi 

 

Tosoni Auto
Stone Fly
 

 In occasione della partita Siena-Udinese in programma sabato 7 aprile alle ore 15,00 i cancelli d’ingresso dello stadio “Franchi” verranno aperti alle ore 13,00. I Club sono autorizzati ad apporre i loro striscioni dalle ore 10,30 alle ore 12,00.
fonte: ac siena

Tosoni Auto
FISSC
 
E’ on line il n° 14 de “IL FEDELISSIMO” in distribuzione gratuita a tutti gli ingressi dello stadio in occasione di Siena-Udinese. Questo numero è monotematico ed interamente dedicato al ricordo di Paolo De Luca, sono anche pubblicate una parte delle moltissime mail giunte alla nostra redazione dedicate al saluto del grande Presidente. Clicca sulla crocetta rossa in basso a sinistra per visualizzarlo in versione pdf.
fonte: siena club fedelissimi
   
Tosoni Auto
Antiche dimore
 

VERGASSOLA OK, LOCATELLI NO

Seduta pomeridiana a Colle val d’Elsa per il Siena, che ultimerà la preparazione con la rifinitura di domani, sempre sul campo valdelsano. Buone notizie arrivano da Vergassola, che è rientrato regolarmente in gruppo dopo diversi giorni passati a lavorare a parte: sarà fra i disponibili della gara con l’Udinese. Oggi lavoro a parte per Cozza, che sarà comunque fra i convocati, e per Locatelli e Benussi, che invece non saranno della partita. Beretta dovrebbe confermare il 4-4-1-1 con lo stesso Cozza dietro a Frick.
fonte: www.gazzetta.it

Tosoni Auto
Stone Fly
 

Vincenzo Iaquinta non ha partecipato all'allenamento odierno. L'attaccante ha avvertito un dolore al ginocchio ed è stato sottoposto a controlli clinici il cui esito sarà reso noto domani. L'attaccante è in forte dubbio per la trasferta di Siena. Se non dovesse farcela al suo posto dovrebbe giocare Sivok che Malesani ha provato nel tridente d'attacco.
fonte: www.gazzetta.it

Tosoni Auto
ESTRA