CLEAN ACCCENT
Audio Life
Ricci Bus
Banca Cras
Audio Life

Per il Siena sabato alle ore 18 allo Stadio Olimpico non sarà facile sconfiggere la Roma. I toscani troveranno i giallorossi determinati visto lo scivolone di Bergamo e l’imminente trasferta londinese in Champions League contro l’Arsenal. Romagiallorossa.com, come antipasto a questa sfida importante per la Roma, ha contattato il direttore generale del Siena, Roberto Zanzi.

Partiamo dal vostro momento: dopo qualche battuta a vuoto ora il Siena si è ripreso
Noi siamo in linea con il nostro obiettivo, la salvezza. Siamo contenti di non averci mai visto per ora invischiati nella zona bassa della classifica

Sabato la Roma: che partita si aspetta?
Una partita non facile, giocare all'Olimpico è sempre difficile. I giallorossi visto la sconfitta di domenica devono fare risultato. Noi andiamo li consapevoli che non sarà facile, ma ce la metteremo tutta per fare bene e fare la nostra partita

Si aspettava la sconfitta della Roma a Bergamo?
Magari non mi sarei aspettato un risultato così rotondo. Ma posso dire anche per esperienza che giocare a Bergamo non è facile per nessuna squadra. E’ un campo difficile, l’Atalanta ha sempre un motivo in più per fare bene davanti ai propri tifosi

Considera questo un campionato equilibrato?
In linea di massima sì, eravamo partiti con alcune squadra candidate per lo scudetto, ma in realtà si è dimostrato che la supremazia ce l'ha solo l'Inter. C'è un gruppo di squadre che si daranno battaglia fino in fondo per la Champions come Fiorentina, Milan e Roma, ma anche squadre sorpresa come Genoa e Napoli

Ci può dire quanto è stato vicino Okaka al Siena?
Nel calciomercato si fanno tanti sondaggi, è inutile parlare del passato. Siamo contenti che sia arrivato Amoruso

Amoruso è un valore in più per il Siena…
Senza dubbio. E’ un giocatore di esperienza che ci potrà dare una grande mano a raggiungere il nostro obiettivo dei 40 punti

Con la Roma ci sono ottimi rapporto anche dal punti di vista societario: le dimostrazioni sono lampanti come Curci e Galloppa al Siena e Artur e Loria alla Roma
Sì, è vero, ma il Siena è una società piccola che ha buoni rapporti con tante squadre. Curci, visto che siamo in tema, fa parte del nostro progetto di valorizzazione dei giovani.
Fonte: romagiallorossa.com

Tosoni Auto
Rete ivo
 

Tra i protagonisti più attesi di Roma-Siena c’è Daniele Galloppa. Il centrocampista ha mosso i primi passi in serie A con i giallorossi, ma ormai è una delle colonne della squadra di Giampaolo. Ovvio, quindi, che la gara di domenica sia quasi un derby. ‘A Roma sarà un’atmosfera diversa per me, sono cresciuto li, ma sarà una partita come le altre da affrontare con il giusto piglio perché vogliamo portar punti a casa anche dall’Olimpico. Ci auguriamo che la squadra di Spalletti possa essere distratta dall’impegno di Champions, ma al di là di questo dobbiamo fare la nostra prestazione, essere sempre presenti in campo e ben organizzati, altrimenti sarà difficile far punti. Pensiamo prima alla nostra prestazione, poi ben venga un’eventuale distrazione della Roma per gli impegni europei’.
Fonte: datasport

Tosoni Auto
Sartini Siena
 

Juventus – Siena   3-2

20'pt Larrondo, 43'pt e 4'st Daud, 6' Marrone, 44'st Giannetti

Sampdoria – Palermo  3 – 0

Ferrari(S) al 23' pt e 3’ st, Marilungo (S) al 10’ st, Giovio (P) su rigore al 21 st
Torino – Reggina 6-3 (dcr)
2-2 alla pine dell aprtita con gol di: 37' Viola (RE), 39' Avanzi (TO), 112' rig. Iannazzo (RE), 117' rig. D'Onofrio (TO)

Inter – Maccabi Haifa   ore 18:00

Fonte: Fedelissimi

 

Tosoni Auto
Sa Giorgio a Lapi
 

Le squadre sono scese in campo alle ore 15.00 di fronte a circa 300 spettatori. Tanti gli addetti ai lavori tra cui l'ex DS Giorgio Perinetti. Nella Juventus giocano Ariaudo e Ekdal dalla rosa della prima squadra.

JUVENTUS: Pinsoglio, Duravia, D’Elisa, Marrone, Ariaudo, De Paola (29'st Alcibiade),  Falque Silva Yago (38'st Toukam), Ekdal, Immobile, Castiglia, Daud (32'st Libertazzi).
A disposizione: Piccolo, Bamba, Mirarchi, Toukam, Pirrotta, Alcibiade, Giovinco G., Esposito, Libertazzi
Allenatore: Massimiliano Maddaloni

SIENA: Ivanov, Capogrosso, Mannini, Romano, Castaldo, Malquori, Bigeschi, Re F., Larrondo, Spada 25'st Mugelli), Giannetti .
A disposizione: Gori, Checchi, Buchel, Menna Valerio, Mugelli, Del Colle, Kouko, Ricci, Di Cosimo
Allenatore: Marco Baroni

Arbitro: Del Giovane di Albano Laziale
Assistenti: Marrazzo di Tivoli – Mascherano di Latina

 

Marcatori: 20'pt Larrondo, 43'pt e 4'st Daud, 6' Marrone, 44'st Giannetti .

Ammonizioni: 28'pt Spada 

Espulsioni: 41' st Bigeschi 

Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Immobiliare Brogi
 

Il Comitato ha determinato, infine, per i seguenti incontri considerati a rischio. Serie A: Inter-Roma, previsto l'1 marzo, vendita di un solo tagliando per ciascuno spettatore ospite e incedibilità dello stesso; Sampdoria-Milan, previsto l'1 marzo, vendita di un solo tagliando per ciascuno spettatore ospite e incedibilità dello stesso; Siena-Genoa (1 marzo), vendita di un solo tagliando per ciascuno spettatore ospite e incedibilità dello stesso. Stessa disposizione per la gara di Lega Pro, Potenza-Crotone, 1^ Divisione, del prosismo 1 marzo.
Fonte: fedelissimi

Tosoni Auto
Elettronorge
 
Il portiere giallorosso Doni è in forte dubbio per la gara di sabato contro il Siena a causa di un problema alla spalla. L'estremo difensore brasiliano ha svolto lavoro differenziato, così come il connazionale Cicinho, apparso in netto miglioramento dopo l'infortunio rimediato contro il Genoa. Buone notizie anche da Riise, che ha lavorato con il gruppo, e da De Rossi. Piccolo problema per Perrotta. Il centrocampista della Roma ha infatti accusato un dolore alla parte posteriore del collo che comunque non desta preoccupazioni.
Fonte: datasport.it

Tosoni Auto
Sapori di Toscana
 

Un solo punto nelle ultime 5 partite, la zona Uefa non più ad uno schiocchio di dita e soprattutto tanta aria di rivoluzione in casa biancoceleste, almeno per quanto riguarda la guida tecnica. A giugno, mese di scadenza dell'attuale contratto con la società biancoceleste, Delio Rossi potrebbe lasciare la panchina capitolina. E allora ecco che fioccano i nomi. Si dice che Lotito stia sfogliando la margherita dei candidati, composta da tanti petali: da un suggestivo ritorno al passato (Simeone), ad un vecchio pallino del presidente (Mazzarri), passando per una "giovane" scommessa da lanciare (Acori). Ma c'è un nome che farebbe da filo conduttore con l'attuale gestione tecnica: Marco Giampaolo, vecchio allievo di MastroDelio. Un interssamenteo, quello per il 41enne tecnico di Bellinzona, smentito nei mesi scorsi da Lotito, ma che non ha mai perso i crismi dell'attualità. E' proprio il tecnico del Siena che, intervenuto slle frequenze di Radio Radio, è tornato sull'argomento, negando, come giusto che sia, qualsiasi contatto: "Con queste notizie si destabilizzano soltanto gli ambienti. Non è giusto parlare a febbraio del destino di allenatori. Al di là dei contratti firmati, che per qualcuno non contano più nulla, quello che conta ora è il presente. Qui non si parla di trasferimento di calciatori, ma di allenatori. Se si fosse parlato dei primi la cosa sarebbe stata più fondata, ma per i tecnici è più difficile. Non ci credo". Giampaolo si sofferma, poi, sull'attuale momento biancocelese: "Forse le responsabilità che le sono state date ad inizio stagione sono state troppe. Ma secondo me la Lazio ha fatto un grande lavoro: ha tanti giocatori importanti, in particolare in attacco, dove può vantare giocatori di primissimo livello. In più ha molto ringiovanito la squadra. Secondo me serve solo un po' di tempo".
Fonte: lalaziosiamonoi.it

Tosoni Auto
Immobiliare Brogi
 

Roma e Siena si affrontano allo stadio Olimpico per la sesta volta nella loro storia. I giallorossi sono leggermente in vantaggio nei precedenti, avendo vinto in tre occasioni su cinque. Due, invece, i successi dei toscani. Il primo incontro ufficiale all’Olimpico tra le due formazioni si disputò il 22 febbraio 2004: la Roma vinse 6-0 grazie a una tripletta di Antonio Cassano e alle reti di Amantino Mancini, Delvecchio e Totti. Nelle due stagioni successive il Siena riuscì nell’impresa di vincere in casa giallorossa: nel 2004-05 decisero le reti di Maccarone e Chiesa (2-0), la stagione dopo i toscani vinsero 3-2 grazie a un gol siglato allo scadere da Francesco Colonnese. Gli ultimi due confronti diretti, invece, hanno fatto registrare altrettanti successi della Roma: 1-0 nel 2006-07 e 3-0 lo scorso anno. Tra le due squadre esiste anche un precedente in Coppa Italia (stagione 2004-05): erano gli ottavi di finale e il Siena vinse 2-1. Sono ben sei gli ex dell’incontro: Taddei e Loria nella Roma, Barusso, Curci, Galloppa e Kharja nel Siena.
Fonte: datasport.it

Tosoni Auto
Stone Fly
 
GIAMPAOLO: NON SIAMO SOCIETÀ SATELLITE

Il Siena ha "buoni rapporti" con la Roma ma "non è una società satellite" dei giallorossi.

Così il tecnico bianconero Marco Giampaolo ha replicato alle dichiarazioni rilasciate ad alcuni quotidiani dal direttore sportivo dei toscani Manuel Gerolin, ex giocatore romanista.

"Si tratta - ha detto Giampaolo a Radio Radio - di normali rapporti tra società. Non ho mai sentito parlare di società satelliti, direi che sia meglio chiederlo a lui. Poi ci possono essere rapporti migliori o privilegiati, ma società satellite mi pare una parola grossa. Non ho mai sentito niente di ciò e non ho mai avuto la sensazione che il Siena potesse essere una società satellite della Roma. So che ci sono buoni rapporti dato che in passato le due società hanno fatto altre operazioni".

Sabato alle 18 all'Olimpico ci sarà la sfida di ritorno tra i toscani e i giallorossi, che martedì prossimo se la vedranno con l'Arsenal all'Emirates Stadium nell'andata degli ottavi di finale di Champions League.

"Credo che la Roma giochi ancora il miglior calcio - ha spiegato Giampaolo - ed è una squadra che può vincere sempre. La partita di sabato è molto difficile, e mentalmente loro hanno questo impegno gratificante il martedì successivo. Penso che vorranno presentarsi nella miglior condizione psicologica possibile". (Virgiliosport)

Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Tosoni Auto
 

La partita Juventus-Siena valevole per i quarti di finale del Torneo di Viareggio in programma domani alle ore 15.00 a Viareggio sarà trasmessa in diretta su Rai Sport Più. L’arbitro dell’incontro sarà Del Giovane di Albano Laziale.

Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Panificio san Prospero
 

Grande rilievo è stato dato dalla stampa cittadina, sempre attenta e puntuale, alla notizia dell’assegnazione del 7° Premio Robur a Stefano Osti ma anche tantissime testate nazionali tra cui Rai 3, a dimostrazione che il nostro riconoscimento sta assumendo un’ importanza sempre maggiore ed ha, ormai, valicato i confini cittadini.

La consegna del premio avverrà nel corso di una cena che si terrà nei primi giorni del mese di Marzo, alla presenza di autorità, amministratori, giornalisti, AC Siena, una rappresentanza della squadra e, ovviamente, tanti tifosi che vorranno festeggiare Stefano.

Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Rete ivo
 

La decisione di esonerare mister Corrado Cotta dalla guida del Como era nell’aria e oggi si è concretizzata. Secondo il presidente Di Bari, serviva una svolta e la svolta è l’ex mister del Siena Stefano Di Chiara.

Come giocatore è cresciuto nel vivaio della Lazio e ha militato, tra le altre, con Genoa, Cagliari, Lecce e Ascoli.

La sua prima esperienza da tecnico è stata nel 1992, con il Cerveteri, in serie C2.  Poi ha guidato tra serie D e C1, Latina, Civitavecchia, Bastia, Chieti, Siena, Novara, Taranto, Legnano, Pistoiese, Cisco Roma e Viterbese.

A Stefano Di Chiara i più sinceri auguri da parte del Siena Club Fedelissimi e da tutti gli sportivi senesi, che non hanno dimenticato la grande impresa realizzata con la Robur.

Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
FISSC
 

Sono cinque le gare di Serie A che l'Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive del Viminale sottoporra' all'attenzione del Comitato di analisi per la sicurezza delle manifestazioni sportive (Casms). Si tratta di

Juventus-Napoli

Palermo-Catania

Siena-Genoa

Sampdoria-Milan

Inter-Roma

All'attenzione dle Casms anche Modena-Parma (Serie B), Venezia-Padova (1^ Div.), Benevento-Sorrento (1^ Div.), Potenza-Crotone (1^ Div.), Cavese-Paganese (1^ Div.), Sansepolcro-Lucchese (serie D), Angri-Brindisi (serie D), Pontedera-Mobilieri Ponsacco (serie D), Massese-Montevarchi (serie D), Ebolitana-Battipagliese (Dilettanti) e Francavilla-San Nicola (Dilettanti).

Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Antiche dimore
 
Ottavi di finale al cardiopalma. Passano ai quarti Juventus, Inter, Sampdoria, Reggina, Siena, Torino, Maccabi Haifa e Palermo. Tre partite si decidono ai calci di rigore: Juve-Lazio, Fiorentina-Maccabi Haifa e Siena-Midtyilland. Due in sofferta rimonta: Samp-Serie D e Reggina-Spartak Mosca. Inter, terzo gol di Destro e Torino invece vivono una cavalcata trionfale e tra i granata si mette in evidenza D’Onofrio con una doppietta ed è il nuovo capocannoniere del torneo con cinque reti. La rivincita della passata edizione la consuma la Juventus sulla Lazio, ma solo dopo il settimo calcio di rigore, per gli azzurri è Di Mario a sprecare il match point, prima dell’errore definitivo di Cavanda. La Sampdoria ritrova la coppia dei bomber: Zamblera e Ferrari e si presenta ai quarti con le credenziali dello scudetto Primavera. La Fiorentina lascia la Viareggio Cup, dando spazio all’unico club straniero rimasto in corsa: il Maccabi Haifa. Viola sfortunati con un palo di Maritato e un salvataggio sulla linea degli israeliani. Poi i rigori fatali. Reggina sorprendente con Iannazzo e Viola con i russi dello Spartak che chiudono con due espulsioni. Il posticipo in diretta su Rai Sport Più vede la festa del Palermo, con una rete per tempo sul Genoa. Questi gli abbinamenti dei quarti: Torino-Reggina; e Juventus-Siena per il gruppo 1. Inter-Maccabi Haifa e Sampdoria-Palermo per il gruppo 2.

Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Rete ivo
 
I nostri inviati a Monterotondo, Fabio e Lina Cannoni ci hanno portato le foto di alcuni momenti della giornata sportiva del Torneo di Viareggio.Nelle foto si vedono i ragazzi bianconeri che stemperano l'attesa del match giocando a biliardino.
Fonte: Fedelissimi
Tosoni Auto
Antiche dimore
 
In occasione di Roma-Siena di sabato, la Curva Robur organizza un pullman.La partenza è alle 13.30 dell'ex campino di S. Prospero. Spesa totale 20euro, acconto 5. Per prenotazioni rivolgersi, in orario di apertura alla ricevitoria Siena Sportiva, in via dei Termini 14.
Fonte: Curva Robur

 

Tosoni Auto
Antiche dimore
 
Direttore, la sua dichiarazione ha suscitato molte reazioni e non tutte positive. Onestamente definire il Siena una società satellite della Roma non è che sia stata una grande uscita, non crede?
“Capisco le reazioni ma posso garantire che alle mie parole non è stata data la giusta interpretazione. Oltretutto il termine, ormai desueto, sta a rappresentare il rapporto tra due società in cui la più importante fornisce giocatori a scatola chiusa a quella più piccola, cosa che non succede tra la Roma ed il Siena, basta vedere lo scambio Loria e Galloppa-Curci. Noi vogliamo collaborare con tutte le società ma sempre guardando i nostri interessi, avere in comproprietà quei giocatori che necessitano di un certo periodo di adattamento alla serie A e poi discutere con le società sul loro futuro, così come è stato per Galloppa e sarà per Curci. In questa ottica deve essere inquadrato il rapporto con la Roma e quello che cercheremo di instaurare, in futuro, con altre società importanti. Questo è il concetto che volevo esprimere, niente di più e mi scuso se non sono riuscito a farmi capire nel modo corretto.” (nicnat)

Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Il Chiasso Largo
 
E' un pareggio quello di domenica che ci può stare, come ce ne sono tanti altri in questo campionato. Abbiamo incontrato una squadra che in questo momento è in netta ripresa, però devo dire che noi anche nei momenti di difficoltà, non abbiamo mai perso la testa.” - ha dichiarato Marco Giampaolo - “Sapevamo delle qualità dell'avversario, sapevamo che dovevamo fare la partita a togliere spazi perchè loro sanno esaltarsi negli spazi, e alcune volte ci siamo riusciti altre volte meno, questo anche perchè una squadra che ha qualità quei momenti se li sa prendere. E' quindi un pari che ci prendiamo come buono, consapevoli di aver affrontato una squadra in salute e andiamo avanti.”
In virtù dei risultati delle altre come vede la classifica?
A prescindere da quello che fanno le altre noi dobbiamo valutare la partita nostra per quella che è stata. Gli altri risultati non devono nè allarmare nè tantomeno darci soddisfazione perchè se le altre non fanno punti o pareggiano come abbiamo fatto noi, o se anche dovessimo perdere, siamo troppo lontani dalla meta. Non dobbiamo giudicare i nostri risultati in base agli altri, non dobbiamo vivere in funzione degli altri ma di noi stessi sapendo quale è il nostro obiettivo, e quando c'è da muovere classifica muoverla, quando c'è da raccattare punti raccattarli e farli fruttare nel momento in cui arriverà la vittoria. Le altre non dobbiamo guardarle, e non dobbiamo nè esaltarci se non fanno punti nè avvilirci qualora dovessero fare qualche risultato positivo perchè ci sta.
Le sostituzioni fatte nell'intervallo cosa hanno prodotto?
Codrea era stanco, ci ha chiesto la sostituzione, per Amoruso sentivo la necessità di dare “più equilibro” alla squadra quindi ho messo un centrocampista con caratteristiche di trequartista e con caratteristiche diverse da Ghezzal perchè soffrivamo anche il palleggio degli altri. Non avessimo trovato una squadra in palla, veloce e pericolosa come l'Udinese magari avremmo potuto continuare così. Sono situazioni, le partite possono suggerire dei cambi rispetto ad altre, e come ho detto nel dopo gara, non c'è niente di definitivo, Ghezzal come trequartista si può riproporre, quella partita è nata così e magari ce ne sarà un'altra dove siamo in grado di poterlo fare perchè la partita racconta una storia diversa.
Fonte:Fedelissimi

Tosoni Auto
Antiche dimore
 

Questi tutti i risultati delle altre gare degli ottavi di finale :
- Juventus -Lazio 2-2 (7-6 d.c.r);
- Inter Vicenza 3-1
- Reggina - Spartak Mosca 2-1;
- Torino - Cisco Roma 3-1;
- Genoa - Palermo iniziata alle ore 18
- Sampdoria - Rappresentativa serie D 2-1; - Fiorentina - Maccabi Haifa 0-0 (2-4 d.c.r.)

 

Questo l'esito dei sorteggi dei quarti di finale (giovedi 19/02/09):

GRUPPO 1
ore 15:00 a Romaiano di San Donato: Torino-Reggina
ore 15.00 a Viareggio: Juventus-
Siena

GRUPPO 2
ore 18.00 a Quarrata: Inter-Maccabi Haifa
ore 14: 30 a San Giuliano Terme: Sampdoria-Palermo/Genoa
Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Il Chiasso Largo
 
Presidente, secondo insistenti voci sarebbe ormai ad un passo dalla cessione del Siena, è così?

“No, non è così. Io vorrei approfittare del vostro sito per chiarire definitivamente che io non voglio vendere la società, perché su di essa ho investito tanto, perché ho un progetto che sto portando avanti, perché voglio portare il Siena ad un livello di stabilità ottimale. Sono due anni che lavoriamo per questo e voglio arrivare alla sua conclusione. Le voci che circolano possono essere nate per la mia situazione personale che sono convinto di chiarire presto. Se poi c’è qualcuno disposto a fare un’offerta di quelle che si definiscono irrinunciabili, a malincuore, la prenderò in considerazione. Ad oggi il Siena fa parte della mia vita in maniera totale, credo nel progetto ma soprattutto mi sento un tifoso vero della Robur. Mi creda, è così”

La crediamo ma ci permetta di avere qualche perplessità sul momento attuale della società, tra poco, se non sbagliamo, ci saranno delle scadenze irrimandabili e, forse, nemmeno leggere……

“E’ così ma sto lavorando per cercare di fare fronte ad esse, come ho fatto fino ad ora. Sono in contatto quotidiano con il nostro sponsor che, devo dire, è molto presente e vicino alla società. Sono sicuro che, vista la volontà, troveremo una soluzione, sperando, nel frattempo, di chiarire anche la mia posizione.”

E’ giusto dire che i programmi futuri sono in una posizione di stand-by?

“No, assolutamente no. Ci stiamo già muovendo per il prossimo campionato e qualcosa di concreto abbiamo già fatto (Garofalo e Genevier n.d.r.). Non possiamo permetterci, per i prezzi esorbitanti, acquistare giocatori già conosciuti ed affermati. Noi dobbiamo avere la bravura e la fortuna di scovare giocatori giovani ma che hanno già dato prova delle loro qualità. Abbiamo preso Zuniga e li devo dire che siamo stati bravi perché era già un nazionale, ma per il resto abbiamo ingaggiato giocatori sconosciuti al grande pubblico ma che hanno dimostrato di essere un buon investimento.  

Per fare un esempio mi riferisco a Brandao che è approdato alla nazionale maggiore o allo stesso Curci che non giocava da tempo e che viene seguito costantemente dal CT Lippi. Questa politica, importante ed irrinunciabile per il Siena, ci ha portato ad investire sul mercato molte risorse ma sono convinto che si è avviata una politica che può portare a gradi benefici. Ad iniziare dal prossimo mercato.”

Però non tutti gli acquisti si sono rivelati all’altezza di Brandao o Curci…

“Diamogli il tempo di maturare, credo fermamente che molti dei giovani che fanno attualmente parte della rosa ci daranno tantissime soddisfazioni.”

Il Comune di Siena cerca soci per lo stadio, lei che risponde?

“Ho già parlato con il Sindaco e ci siamo dati alcuni giorni di riflessione prima di riparlarne. Tra qualche giorno, dopo avere effettuato alcune verifiche, alcune già espletate, sarò essere più preciso ma l’idea non mi dispiace. Tutt’altro.”

Sul nostro periodico abbiamo scrito che lei è lontano dalla realtà cittadina, quasi distaccato, che risponde?

“Può sembrare, ma vi garantisco che in realtà non è così. Sono molto impegnato, spessissimo sono all’estero e sono impossibilitato materialmente ad essere presente alle tante manifestazioni che la città ed i tifosi organizzano”

Ma anche allo stadio non è sempre presente…..

“Sono stato assente solo con il Lecce, non capisco perché mi dice questo. Ho letto che sarei stato assente anche con l’Atalanta ma lei sa benissimo che non è così visto che ci siamo salutati nell’intervallo.”

Diciamoci la verità Presidente, tra lei e i tifosi non c’è un grande feeling….

“Questo mi dispiace perché ho sempre tenuto e tengo in grande considerazione il tifo bianconero. Capisco che non è facile creare un feeling essendo lontano ma ci tengo a dire che sono molto attaccato ai tifosi del Siena. Spero, in futuro, di essere maggiormente presente, ma vorrei che sapessero che io tengo alla Robur quanto loro. Gli unici riconoscimenti per un presidente di una squadra come il Siena sono i risultati e la fiducia dei tifosi. Cose per me molto importanti e a cui tengo tantissimo. Spero di essere sempre all’altezza di sicuro ce la metterò tutta.”

E il suo amore per la Roma?

“Perché a Siena nessuno tifava per l’Inter o la Juve prima che la Robur andasse in A? Prima di diventare Presidente del Siena ero tifoso della Roma come tanti altri senesi lo erano per altre squadre ma ora non esiste che il Siena. Oltretutto a Roma ce l’hanno con me per l’affare Loria, un giocatore bravo ma che ancora non si è inserito. Non passa giorno che qualcuno non mi rinfacci la “sòla” che, secondo loro gli avrei rifilato, ma non è così.”  (Nicnat)

Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Rete ivo
 

Grazie al nostro inviato Fabio Cannoni saremo in grado di aggiornarvi in tempo reale sul risultato della partita. I danesi sono arrivati in ritardo a Monterotondo a causa di un incidente che hanno trovato per raggiungere il paese grossetano la partita inizierà alle 15.30. Presenti sulle tribune circa 200 spettatori tra cui un gruppo di Fedelissimi con lo striscione. Le formazioni:

MIDTJYLLAND: Loss, Reid, Kristensen Je, Nworum, Oliseh, Lawal, Izunna, Adeola (20'st Albaek) , Rilwan (32'st Igboun), Zakaria (1'st Sviatchenko), Jacobsen
A disposizione:Lauridsen, Sviatchenko, Albaek, Fogerberge, Yakubu, Igboun, Foged, Nielsen, Kristensen J. Allenatore: Andersen

SIENA: Ivanov, Capogrosso, Mannini, Romano, Castaldo, Malquori, Bigeschi, Re, Larrondo, Spada, Giannetti.
A disposizione: Gori, Checchi, Buchel, Menna Valerio, Mugelli, Del Colle, Kouko, Ricci, Di Cosimo. Allenatore: Marco Baroni
Arbitro: D'Agostino di Empoli
Assistenti: Cucchiarini di Città di Castello - Costanzo di Orvieto
Ammonizioni: 25'pt Kristensen Je, 27'pt Giannetti,15' st Reid
Primo tempo: Partita vivace e gradevole che il Siena gioca prevalentemente all’attacco con buone occasioni per andare in vantaggio capiate sui piedi di Giannetti. Grande prova di Larrondo che ha ingaggiato un duello tutto fisico con il difensore avversario. In un contropiede palo colpito da Nworum. Partita aperta a tutti i risultati.

Essendo finito il secondo tempo sullo 0-0 si prosegue con i calci di rigore che hanno visto i bianconeri vincenti con i gol di Romano, Giannetti, Larrondo, Capogrosso e Checchi.

Il portiere Ivanov para il primo rigore.

Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Il Mangione
 
NManuel Gerolin, direttore sportivo del Siena intervistato dal sito giallorosso www.laroma24.it sul l’impegno che la Roma dovrà affrontare in Champions ha parlato anche della prossima gara di campionato e dei rapporti tra Siena e Roma.
In questi casi è meglio trovare una squadra con la pancia piena, magari proveniente da un filotto di risultati positivi, oppure il fatto che la Roma debba giocare con l'assillo dei 3 punti per non perdere il "treno Champions" può favorirvi in una qualche misura?
"Affrontiamo una grandissima squadra, quindi il risultato della domenica precedente risulta indifferente. Se noi giochiamo in maniera ordinata e con attenzione ai particolari, possiamo dire la nostra. Al di là del risultato. L'importante è fare la nostra gara, indipendentemente dalla Roma."
Negli ultimi anni c’è stato un vero e proprio filo diretto tra le due società. Basti pensare al vostro presidente che è filo romanista, lei che è un ex giallorosso, più tutti gli scambi di mercato (solo per citare quelli degli ultimi tempi: Corvia, Galloppa, Curci, Loria, Artur). C'è una sinergia di fatto tra i due club anche in prospettiva?
"Si. Assolutamente. Ci conosciamo molto bene. Per dire, io sono stato compagno di squadra di Bruno Conti e ho lavorato con Spalletti a Udine. Col tempo si è instaurato un rapporto e una consuetudine diversa dal solito. Possiamo considerarci quella che spesso si definisce "società satellite"."
In questo contesto si inserisce anche l'operazione Curci. Il giocatore sta giocando discretamente e soprattutto sta trovando quella continuità che gli permette di fare esperienza. Presumibilmente alla Roma questi spazi non li avrà neanche l'anno prossimo: avete già raggiunto un accordo di massima per rinnovare la comproprietà per il 2009/2010?
"Curci è un giovane interessantissimo, che sta facendo molto bene e a cui mancava solo la possibilità di giocare con continuità. Con la Roma non avremo alcun problema a trovare un accordo."
Come vede il momento della Roma? A grandi partite alterna periodicamente improvvisi scivoloni: può arrivare lontano, nonostante questo, in campionato e in Champions?
"La Roma è anni che sta facendo benissimo, nonostante abbia possibilità economiche inferiori a Juve, Inter e Milan. C'è solo da fare un plauso alla società, al tecnico e ai giocatori. Per quanto riguarda la Champions, personalmente ritengo che la squadra di Spalletti sia "costruita" per questo tipo di competizione: nel confronto secco può vincere con chiunque"
Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Il Mangione
 

Leonardo Mattanini, per tutti Titti, collaboratore tuttofare del Siena fino allo scorso anno, ha avuto qualche problema di salute fortunatamente in via di risoluzione.

Forza Titti, gli amici dei Fedelissimi, certi di interpretare il pensiero di tutti i tifosi senesi, ti formulano i più sinceri auguri di pronta guarigione.

Fonte:  Fedelissimi

Tosoni Auto
Sapori di Toscana
 
«Vogliamo qualche punto», avverte Galloppa a Sky. Il giovane centrocampista fino allo scorso giugno era ancora patrimonio della Roma che poi ha deciso di lasciarlo a Siena nell'ambito dell'operazione che ha portato nella capitale Artur e Loria.

«La Roma non ha dimostrato di volere puntare su di me. Da quando ho messo il naso fuori da Roma non ci sono stati molti contatti. A giugno avevo il contratto in scadenza con la Roma, mentre qui a Siena, mi hanno proposto il rinnovo».

Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Il Chiasso Largo
 

LA ROSA DEL SIENA AL VIAREGGIO

Portieri

Ivanov Mihail Aleksandrov (1989), Gori Marco (1991), Di Vincenzo Mattia (1992)

Difensori

Capogrosso Gaetano (1989), Mannini Federico (1992), Castaldo Luigi (1990), Checchi Lorenzo (1991), Malquori Giacomo (1991), Menna Valerio (1990)

Centrocampisti

Bigeschi Filippo (1989), Del Colle Federico (1990), Spada Alessandro (1989), Buchel Marcel (1991), Mugelli Samuele (1991), Re Federico (1990), Ricci Luca (1991), Di Cosimo Davide (1990)

Romano Mariano (1989)

Attaccanti

Larrondo Paez Marcelo (1988), Giannetti Niccolò (1991), Kouko Bahi Jean De Dieu (1991)

Dimilta Francesco (1992), Spinazzola Leonardo (1993), Conte Luigi (1991)

Allenatore: Marco Baroni

 

La squadra guidata da Marco Baroni, ha conquistato gli ottavi di finale in virtù di due vittorie conseguite con i paraguayani del Club Nacional (1-0) e l’ Empoli (2-1) e una sconfitta con lo Spartak Mosca (3-2).

Larrondo, Bigeschi, Castaldo, Romano e Giannetti, con una rete a testa sono i marcatori del Siena in questo torneo.

Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
ESTRA
 

L'FC Midtjylland è una società calcistica con sede a Herning, in Danimarca. Gioca nella Superligaen, la massima serie del campionato danese. E’ stata fondata il 1 luglio 1999 dalla fusione tra l'Ikast FS e l'Herning Fremad.

Questa squadra, molto temibile, annovera tra le proprie fila ben 10 giocatori nigeriani tra cui brillano Sekou Oliseh,  Izunna , Igboun , Nworuh e questo grazie alla scuola calcio che la società ha istituito in Nigeria, diretta da  Churchill Oliseh, fratello di Sunday, ex giocatore della Juve.

Altre stelle della squadra sono il difensore Winston Reid e l'esterno Jesper Juelsgaard.

Da questa squadra il Palermo ha acquistato il centrale difensivo Simon Kjaer, attualmente appetito da molte squadre importanti.

L'FC Midtjylland è approdata agli ottavi di finale avendo vinto il proprio girone grazie a tre vittorie su tre gare diaputate con  Atalanta (1-0), Novara (1-0) e Rappresentativa Serie D (3-2).

I marcatori della squadra danese sono Fagerberg (2 reti), Igboun, Kiilerich e Albaek (1 rete) - Nicnat

Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Sapori di Toscana
 
Questo pomeriggio all 15,00, sul campo Pian di Giunta di Monterotondo Marittimo (GR), la squadra Primavera dell’AC Siena, incontrerà i danesi Midtjylland, per gli ottavi di finale del Torneo di Viareggio.

Arbitrerà D’Agostino di Empoli.

Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Panificio san Prospero
 

Stefano Palazzi, sostituto procuratore della Procura della FIGC ha segnalato al Giudice Sportivo Giampaolo Tosel, l’irregolarità dell’interista in occasione della rete che ha deciso il derby di Milano.

E’ probabile che al giocatore brasiliano, se verrà applicato lo stesso metro di misura utilizzato per giudicare la rete di Gilardino contro il Palermo. venga comminata una sospensione di due giornate, anche se l’azione del fiorentina fu molto più evidente e scorretta. (nn)

Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Futuro Businnes
 
Il Fedelissimo compie 30 anni e sono in cantiere alcune iniziative dedicate ai nostri lettori e a tutti i tifosi bianconeri.

Trenta anni non sono pochi soprattutto se si considera che il quindicinale è edito da un club di tifosi, il Siena Club Fedelissimi, con tutte le difficoltà immaginabili.

Un traguardo importante che verrà celebrato con grande gioia e numerose iniziative, alcune legate al giornale altre al sito www.sienaclubfedelissimi.it

Siamo orgogliosi di questo traguardo e felici degli apprezzamenti che ci arrivano da tutta la tifoseria. Anche ieri, come tutte le volte che la Robur gioca in casa, Il Fedelissimo era al suo posto, sempre puntuale da 30 anni a questa parte. Grazie.

Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Antiche dimore
 

Andrea Luchini, cardiologo di fama e squisito interlocutore quando si parla di calcio, è sempre presente quando la Robur scende in campo.  Una famiglia che ha il Siena nel sangue. Andrea è  figlio del mitico Rag. Renato Luchini, per anni amministratore del Siena di Nannini, fratello di Luca, giornalista e scrittore e zio di Giacomo che già opera nel campo dell’informazione.

Spesso presente anche il Conservatore del Complesso Museale del Santa Maria della Scala, Enrico Toti impegnato, e gratificato dalle presenze  registrate, con la Mostra “ARTE GENIO FOLLIA. Il giorno e la notte dell'artista” curata da Vittorio Sgarbi.

Non manca mai nemmeno Stefano Neri, ex difensore della Robur nei primi anni ’80, uno degli ultimi giocatori, senesi DOC,  usciti dal settore giovanile della società.

Fonte: Fedelissimi.

Tosoni Auto
clean sanex
 
Come spesso accade anche ieri molti erano i personaggi del calcio che hanno scritto pagine importanti con la Nazionale e con le loro squadre.

Per l’ennesima volta, era presente Angelo Peruzzi collaboratore del C.T. della Nazionale Marcello Lippi che ha assistito alla partita accanto al segretario generale del Siena, Persichetti.

Altro nome illustre quello di Roberto Boninsegna, ex bomber di Juve e Inter e della Nazionale vice campione del mondo a Mexico ’70.

Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
ESTRA
 
Non mancano mai quando il Siena è di scena al Rastrello e, contro il freddo niente di meglio di un bel cappello.

Mauro Rosati, Segretario Generale di Qualivita, ospite recentemente della trasmissione su Rai 1 “Occhio alla spesa”, copre la sua fluente chioma con un modello casual sempre di grande attualità.

Più impegnativo il colbacco con tanto di paraorecchie di Alessandro Starnini, detto “Mazzolino” per i suoi trascorsi calcistici, Vice Presidente del Consiglio Regionale.

Alla Jack Nicholson in “Qualcuno volò sul nido del cuculo” il copricapo scelto da Andrea Friscelli, psichiatra e animatore della Cooperativa La Proposta e dell’Orto dei Pecci.

Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Stone Fly
 

Una giornata con il sapore dell’impresa delinea i contorni di un sogno che sembra realizzabile. Nella seconda di ritorno del campionato di serie B, il Siena Calcio Femminile espugna il campo dell’Ariete e torna a casa con tre punti, il primato in classifica ed il morale alle stelle.

Le abruzzesi sembrano la brutta copia della squadra vista, a Siena, nella partita di andata e le bianconere – quadrate e determinate – non lasciano scampo, sfruttando al meglio la battuta d’arresto del Montaquila, fermato sullo 0 -0 sul campo del Marsciano.

Il Siena parte in attacco e al 15’ Elia si destreggia al limite dell’area, salta un’avversaria, e calcia incredibilmente alto da pochi metri. Dopo cinque minuti Migliorini lancia bene tagliando la difesa abruzzese, ed è nuovamente Elia a raccogliere e, al volo, impegnare severamente il portiere. Al 25’ l’episodio che sblocca il match: Fiorilli guadagna una punizione sulla destra, Migliorini si incarica della battuta e Catastini tocca di testa, sorprendendo Esposito e segnando il gol del meritato vantaggio. Al 37’ Migliorini scambia con Fiorilli che lancia Elia in area; il bomber senese si libera della marcatura e, questa volta, realizza un ottimo gol. Il primo tempo si chiude con un doppio vantaggio ed una squadra che si mostra impeccabile, grazie anche a diverse ottime prestazioni personali, come quelle di Fiorilli e Pecchia a centrocampo, Catastini in difesa e delle sempre più determinanti Migliorini ed Elia in attacco.

Nella ripresa le cose non cambiano e l’Ariete non sembra in grado di contrastare le bianconere. Al 61’ si nota ancora Migliorini che sblocca Elia ma il bomber, sola davanti alla porta, spedisce alto con un pallonetto. Due minuti più tardi si vedono le abruzzesi quando Rocci libera capitan Olivieri in area, ma Donzelli in uscita salva con sicurezza la propria porta. Al 70’ il Siena chiude definitivamente la partita: Pecchia guadagna palla a centrocampo e libera Elia che, saltata un’avversaria, serve Migliorini che, al volo, realizza a fil di palo fissando il risultato sul 3-0. Il terzo gol sembra scuotere l’Ariete che in un paio di occasioni – al 79’ e all’85’ – si rende pericoloso con Olivieri, ma il suo tiro ravvicinato, prima, e la punizione dalla destra, dopo, vengono respinte da ottimi interventi di Donzelli. Il Siena potrebbe segnare ancora su due azioni in contropiede ma prima Santacroce – lanciata bene da Crescioli – e poi Elia non inquadrano lo specchio della porta.

Il match si chiude così sul 3-0 grazie ad uno splendido primo tempo e una ripresa meno brillante, ma comunque organizzata. Le bianconere coronano la lunga rincorsa di questi mesi conquistando il primato solitario in classifica e sembrano iniziare davvero a credere nei propri mezzi. Domenica prossima si presenterà l’occasione per allungare: alle 14,30 al campo di Cerchiaia il Siena ospiterà il Picenum, terza forza del campionato.

ARIETE CALCIO – SIENA CALCIO FEMMINILE: 0 – 3 (0 – 2)

ARIETE CALCIO: Esposito, Di Battista, De Simone, Bellucci, Colasante (68’ Virtuoso), Orlandi, Filippone, Olivieri, Cocchini (78’ Ulisse), Marzuoli (46’ Perfetto), Rocci. A DISPOSIZIONE: La Civita, Iorio, Fiorenza, Di Feliciantonio. ALLENATORE: Mario Di Giovanni.

SIENA CF: Donzelli, De Regis (65’ Baccani), Crescioli, Marraccini, Pecchia (75’ Nardi), Gennai, Fiorilli (80’ Bossi), Catastini, Santacroce, Migliorini, Elia. A DISPOSIZIONE: Cannoni. ALLENATORE: Roberto Volpi.

ARBITRO: Sig.ra Favoriti di Avezzano; Collaboratori: Sig. Persiani e Sig. Torre di Chieti.

RETI: 25’ Catastini, 37’ Elia, 70’ Migliorini.

NOTE: Ammonite: 40’ De Regis, 72’ Virtuoso, 84’ Marraccini; Espulse: nessuna; Calci d’angolo: 7 a 2 per il Siena; Recupero: 5’ (1’ + 4’).

RISULTATI 2^ GIORNATA RITORNO DEL 15/02/2009

ANSPI MARSCIANO ATL MONTAQUILA 0 – 0 
ARIETE CALCIO SIENA CALCIO FEMM 0 – 3 
CAMPOBASSO SESSANO rinv. 
LAURENTHIANA JULIA SPELLO 0 – 2 
PICENUM MONTECASSIANO 3 – 2 
SALENTO CALCIO FEMM PSE 3 – 2 


PROSSIMO TURNO 22/02/2009
SALENTO DONNE ANSPI MARSCIANO
ATL MONTAQUILA ARIETE CALCIO     
JULIA SPELLO   FEMM CAMPOBASSO  
CALCIO FEMM P.S.E   LAURENTHIANA
SIENA CF PICENUM CF
MONTECASSIANO     SESSANO 

CLASSIFICA RF RS DR
SIENA CALCIO FEMM 29 13 9 2 2 34 19 15
ATLETIC MONTAQUILA 28 13 8 4 1 23 11 12
PICENUM CALCIO FEMM 25 13 7 4 2 25 15 10
SALENTO DONNE 21 13 7 3 3 23 19 4
ARIETE 20 13 6 2 5 23 17 6
JULIA SPELLO 20 13 6 2 5 16 14 2
ANSPI MARSCIANO 19 13 5 4 4 17 14 3
FEMM CAMPOBASSO 13 12 3 4 5 11 14 -3
LAURENTHIANA I. 12 13 4 0 9 12 24 -12
CALCIO FEMM PSE 11 13 3 2 8 19 29 -10
MONTECASSIANO 8 13 1 5 7 10 24 -14
SESSANO FEMM 5 12 1 2 8 12 25 -13
Tosoni Auto
Sa Giorgio a Lapi
 

OSTI: “ORGOGLIOSO E COMMOSSO”

Ciao Stefano, ti comunico che ti è stato assegnato il 7° Premio Robur, complimenti

Un lungo silenzio………

“Ma dai, non scherzare”

Stefano, non scherzo congratulazioni sincere.

“Sono commosso, commosso e orgoglioso di questo premio che un Club importante come I Fedelissimi mi ha voluto assegnare.”

Non è corretto quello che dici, il Siena Club Fedelissimi è l’organizzatore del premio ma le preferenze vengono assegnata da una qualificata giuria che racchiude la pressoché totale rappresentanza della città.

“Siena è grande e io, pur non essendo senese mi sento di appartenere totalmente a questa comunità unica. Sono arrivato a Siena molti anni fa e qui ho messo le mie radici. Anche quando gli impegni di lavoro mi hanno portato lontano, Siena è sempre stata l’unico punto di riferimento e quando avevo un momento libero correvo qui a salutare i tanti amici che ho. Una grande città, una città dalle risorse impensabili che riesce sempre a primeggiare in qualsiasi campo e che, spesso, è presa da esempio. Ho girato molto l’Italia e ti garantisco che è così.”

E’ giusta la definizione di dirigente-tifoso?

“Non so se è appropriata nell’interezza del significato ma una cosa è certa, io sono un tifoso del Siena, lo sono ora che lavoro per la Robur, lo ero quando operavo in altre piazze e lo sarò per sempre. Sono arrivato a Siena che ero praticamente un ragazzo. Era il 1980 e Siena mi ha dato l’opportunità di crescere ed affermarmi. Quando nel 1987 sono andato via ho lasciato qui un pezzo di cuore ma mi ero ripromesso che sarei ritornato e questo è stato possibile grazie a Paolo De Luca che nel 2003 mi ha voluto riassegnare quella scrivania su cui ero cresciuto.”

Eppure hai operato in società importanti come Bologna, Modena, Ternana, Prato e la tua Grosseto……

“Si, sono contento delle opportunità che mi hanno dato queste ed altre società, mi hanno aiutato ad entrare sempre di più nel mondo del calcio che conta, ma il mio cuore era sempre a Siena e tu lo sai bene. Ricordi quante volte ci siamo trovati?”

Eppure Grosseto è la città dove sei nato e cresciuto….

“Certo e al Grosseto credo di avere dato una grande mano. Io e alcuni amici lo abbiamo rilevato, su pressioni dell’allora sindaco, quando militava in promozione e rischiava di scivolare sempre più giù. Lo abbiamo riportato in serie D, sono contento di averlo fatto, ma finisce qui.”

Nannini, Paganini, De Luca, Stronati quattro presidenti, quattro epoche…..

“Nannini era come un padre per me, lui mi ha chiamato al Siena, a lui devo tutto e non lo dimenticherò mai. Con Paganini ho lavorato troppo poco per dare un giudizio. Paolo De Luca mi ha riportato a Siena, un presidente eccezionale, un uomo meraviglioso. Lombardi Stronati mi ha dato la possibilità di rimanere in questa società. Sta lavorando molto bene portando avanti un progetto importante per il Siena.”

Forrest Gump diceva “La vita è come una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti tocca”….

“E’ vero e io, professionalmente, sono stato fortunato, ho sempre pescato i cioccolatini che mi piacevano di più. Per me Siena e il Siena sono come uno di quei cioccolatini al latte ripieni di caffè o di crema al liquore….buonissimi……non finiresti mai di mangiarli” .

Siamo in fondo a questa chiacchierata.....

“Approfitto di questa occasione per ringraziare tutti coloro che mi hanno concesso questa grande gioia dell’assegnazione del Premio Robur. Ringrazio le Istituzioni, i giornalisti ed i tifosi e, senza piaggeria ma con profonda convinzione, ringrazio il Siena Club Fedelissimi un vero baluardo della tifoseria che, se non sbaglio, tra poco festeggerà i suoi primi 40 anni. Un record di cui dovete essere orgogliosi come lo sono io di appartenere ad una società così amata da tantissime persone e che mi da l’opportunità di lavorare ancora in una città che amo.”   (Nicnat)

Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Panificio san Prospero
 

Si è conclusa la raccolta delle preferenze per l’assegnazione del 7° Premio Robur, l’importante riconoscimento che il Siena Club Fedelissimi assegna annualmente al personaggio che  ha contribuito, sostanzialmente, alla crescita della Robur.

Stefano Osti, una vita nel Siena, ha ricevuto la preferenze dei 100 elettori selezionati tra rappresentanti istituzionali (25 voti),  giornalisti (25 voti) e  i rappresentanti dei seguenti Siena Club: SC Fedelissimi, SC Valdarbia, SC Corrente Bianconera, SC Barberi Bianconeri, S.C. Senio Combriccola Bianconera, Coroncina Bianconera, Curva Robur, Donne della Robur, Fontenuova Il Murellino, Montalcino, Alba bianconera, Sanprospero, The Wall e singoli tifosi (50 voti).

Il Siena Club Fedelissimi, organizzatore del Premio Robur, si felicita con Stefano Osti per il riconoscimento ricevuto ringraziando tutti coloro che hanno partecipato alla votazione.

Il 7° Premio Robur verrà consegnato a Stefano Osti nel corso di una cena che si terrà nella prima settimana di marzo.

Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Rete ivo
 
Avremmo voluto dedicare la copertina di oggi a ben altri argomenti, perché a noi piace scrivere di calcio, quello vero, quello giocato, ma di fronte a quanto accaduto ieri a Genova non possiamo chiudere gli occhi, le orecchie e la bocca. Si è parlato, forse anche giustamente, di “incidente” e di tragica fatalità. Ma non si può ignorare il contesto di tensione e violenza, che non ha -o meglio non dovrebbe avere- niente a che vedere con lo sport, in cui l’episodio in questione si è verificato. Firenzeviola.it ha pertanto voluto sentire il parere degli esponenti di alcune tifoserie italiane. A loro la parola:


Gianluca Tirone, conduttore de “La Voce della Nord”, la radio degli “Irriducibili" della Lazio

Tirone, come avete vissuto a Roma quello che è successo ieri sera a Genova?
"Per me si è trattato di un incidente che non ha niente a che vedere col tifo violento, in quanto non è stato innestato da un episodio particolare. Purtroppo questi incidenti capitano spesso, certo, forse i tifosi del Genoa, arrabbiati per l’arbitraggio e per il risultato, erano un po’ troppo vicini al pulmann, ma, anche da quanto dichiarato da alcuni giocatori della Fiorentina non mi pare si tratti di un’aggressione al loro pullmann"

Qual è, secondo lei, in generale, la situazione del tifo in Italia?
“Noi tifosi siamo una specie in estinzione, su cui è permesso operare ogni genere di esperimento, giuridico e non. Ammetto che in passato abbiamo commesso i nostri errori, però ora si usano due pesi e due misure. Si rovina la vita ad un ragazzo che scavalca una barriera mentre chi nella vita di ogni giorno commette reati ben più gravi esce di prigione dopo un giorno”

Quale soluzione ai mali del calcio?
“Bisogna tornare alla 'normalizzazione'. I provvedimenti presi dopo la morte dell’Ispettore Raciti non hanno più senso, perché quell’emergenza non c’è più. Impedendo ai tifosi di portare allo stadio striscioni e fumogeni non si fa altro che creare ulteriore tensione. Bisogna tornare a quello che è sempre stato il calcio, 90 minuti di passione e colore”

 


Walter Tanturli- ATF

Tanturli, lei ieri era a Genova, ricostruiamo insieme un po’ i fatti…
“Abbiamo vissuto in un certo senso l’accaduto in prima persona, visto che all’inizio pareva che fosse stato un pullman di tifosi ad investire il ragazzo, per cui molti vostri colleghi ci hanno contattato per saperne di più, ma noi eravamo totalmente all’oscuro di tutto perché procedevamo incolonnati e scortati, e quindi eravamo anche in un certo senso ‘tranquilli’. Ovviamente dispiace per una persona che rischia la vita per una partita di calcio, allo stesso tempo, ripensando alla partita, una tale veemenza da parte dei tifosi del Genoa mi pare ingiustificata. Ed in questo senso permettetemi di essere critico nei confronti di tutti voi addetti ai lavori che a volte dovreste usare un po’ più di cautela nel descrivere certi episodi che avvengono in campo. Non ho ancora capito bene la dinamica dell’accaduto, aspettiamo che chi di dovere porti a termine le indagini del caso, anche se mi sembra un episodio molto strano…"

C’è un rigurgito di violenza?
“La violenza secondo me c’è sempre stata e continua a covare sotto la cenere, poi magari bastano alcuni episodi a risvegliarla. Ad esempio non capisco come abbiano potuto permettere ai tifosi del Genoa di tenere esposto uno striscione sui ‘100’ di Roma. A Firenze non lo avrebbero permesso, e se fosse accaduto ci avrebbero dato minimo due giornate di squalifica”.

Esiste una ricetta a questa situazione?
“Una ricetta a tutti i problemi purtroppo non c’è. Forse l’unica soluzione, che da tifoso mi far star male solo a pensarci ma alla quale penso alla fine arriveremo, è quella di impedire del tutto le trasferte”.

 

Lorenzo Mulinacci, Presidente dei "Fedelissimi" del Siena

Mulinacci, come avete vissuto quello che è successo ieri a Genova?
“Ho appreso dell’episodio dalla TV, e come tutti quelli che vivono il mondo del calcio in una certa maniera la prima cosa a cui ho pensato è che sarebbe potuto succedere a chiunque di noi, come quando ad esempio abbiamo contestato all’uscita del pullman dell’Udinese. Non conosco bene la dinamica dell’accaduto, ma forse, vista la situazione, dovevano fare uscire la squadra viola almeno un’ora, un’ora e mezzo più tardi.”

Sta riaffiorando la violenza negli stadi?
“Non credo. Piuttosto ritengo che la violenza invece che essere stata eliminata sia stata semplicemente soffocata. E allora basta un non nulla per farla riaffiorare”

Quale potrebbe essere una soluzione efficace?
“Occorre che certi gruppi ultras, che sono fortunatamente sempre meno, cambino mentalità, e non vedano l’andare allo stadio solamente come uno scontro. Lo scontro ci può stare ma deve essere puramente casuale, la priorità deve essere il tifo. E se da parte dello Stato arrivassero dei segnali distensivi, come il permesso di portare gli striscioni negli stadi, si potrebbe avviare finalmente un dialogo costruttivo”
 

Stefano Dall'Oli, "Associazione Centro Coordinamento Bologna Club":

"Penso che quello che è accaduto a Genova sia dovuto al combinarsi di una serie di fattori. L'uscita dei pulmann dagli stadi è sempre pericolosa, e i mezzi su cui viaggiano le squadre procedono spesso ad alta velocità; mettiamoci poi la rabbia che si era creata tra i tifosi e certe tensioni in campo, ed ecco che si verificano queste disgrazie. Un rigurgito di violenza? Non credo proprio, dopo le misure restrittive che sono state adottate non avrebbe senso".
Fonte: firenzeviola.it

 

Tosoni Auto
Immobiliare Brogi
 
PORTA RICHARD attaccante del  1983
in prestito al BELENENSES serie A portoghese
Non in lista

 

CORVIA  DANIELE attaccante del 1984

In prestito al EMPOLI serie B
In campo fino al 18’ del st VOTO 7 - 2 GOAL

 

GENEVIER GAEL
In prestito al PISA serie B

In campo tutta la partita VOTO 6

 

ESPOSITO GENNARO centrocampista del 1985
in prestito al GALLIPOLI Prima Divisione

In campo tutta la partita. VOTO 6

 

SANSONE GIANLUCA attaccante del 1987
in prestito al GALLIPOLI Prima divisione

In panchina non entrato

 

BARTOLUCCI GIOVANNI difensore del 1984

in prestito alla PISTOIESE Prima Divisione

In campo tutta la partita VOTO 5,5

 

ALBANESE THOMAS attaccante del 1988

in prestito al LEGNANO Prima Divisione

Non in lista

 

CAETANO PROSPERI CAILL centrocampista 1984
in comproprietà al CROTONE Prima Divisione

In campo fino al 15’ st VOTO 6

 

BETTEGA ALESSANDRO centrocampista del 1987

in prestito al PIZZIGHETTONE Seconda  Divisione

In panchina non entrato

 

BLANCHARD LEONARDO difensore del 1988

in prestito alla VDG-AVEZZANO Seconda Divisione

In campo tutta la partita VOTO 6,5

 

PIETROBATTISTA LUCA centrocampista del 1988

in prestito alla VDG-AVEZZANO Seconda Divisione

In panchina non entrato

 

PRANDELLI MATTEO attaccante del 1988

in prestito alla VDG-AVEZZANO Seconda Divisione

Non in lista

 

FUSARELLI MANUEL centrocampista del 1988

in prestito alla VDG-AVEZZANO Seconda Divisione

Non in lista

 

ESPOSITO FABIO centrocampista del 1987

in prestito al POGGIBONSI Seconda Divisione

Non in lista

 

DI CRESCENZO MARCO attaccante del 1989

in prestito alla SANGIUSTESE Seconda Divisione

Non in listsa

 

PEZZANA STEFANO difensore del 1988

in prestito al NOICATTARO Seconda Divisione

Non in lista

 

IADARESTA PASQUALE
in prestito al VIBONESE  Seconda Divisione

In campo fino al 28’ st VOTO 5

 

JAAKKOLA ANSSI
in prestito alla COLLIGIANA Seconda Divisione

In panchina non entrato

 

DE LAZZERI RODRIGO

in prestito al COLLIGIANA Seconda Divisione

Non in lista

 

RE MAXMILIANO

in prestito al COLLIGIANA Seconda Divisione

In panchina non entrato

Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Sapori di Toscana
 
Nella sezione del sondaggio puoi votare quello che secondo te è stato il miglior giocatore nella partita SIENA-UDINESE. I voti verranno conteggiati nella classifica del Fedelissimo d'oro. Puoi raggiungere la pagina anche dal link sotto
http://www.sienaclubfedelissimi.it/sondaggio.asp
Tosoni Auto
Il Mangione
 

L’amicizia tra tifosi udinesi e senesi è ormai un classico. Ci unisce la voglia di divertirsi, di stare insieme, di godere dei lati positivi del tifo calcistico. Saranno forse concetti banali, ma per noi è così, la partita ci appassiona all’inverosimile, ma goderla senza andare ad una guerra è tutta un’altra cosa. In occasione dell’incontro casalingo di ieri pomeriggio, un gruppo di tifosi friulani hanno visitato Siena e dintorni accompagnati dagli amici del Siena Club Val d’Arbia, per poi ritrovarsi tutti insieme (musica compresa…) a pranzare presso la sede dei Fedelissimi con un menù tradizionale e ottimo cucinato dai nostri cuochi sempre perfetti, annaffiato da vino e  grappa a volontà, con scambio di doni tra i club. Ci auguriamo fermamente che il nostro esempio sia seguito anche da altre tifoserie e soprattutto che i mass media, almeno una volta (ma non ci speriamo) sottolineino certi aspetti positivi del tifo. Aggiungiamo, poi, che per l’ennesima volta i tifosi si sono dimostrati molto più intelligenti di qualche giocatore…(a.g.) Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Sartini Siena
 
Foto di:
Nicola Natili, Luigi Burzi e Antonio Gigl
Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Tosoni Auto
 
Contestatissimo, soprattutto dopo il gol che porta la sua firma, Totò Di Natale chiarisce che "giocavo ad Empoli e per me questo era quasi un derby. Penso che i fischi fossero per quello. Per quanto riguarda l'esultanza dopo il gol, non intendevo certo mancare di rispetto ai senesi, lungi da me. Sono stato frainteso". Gol che ricorda così: "C'è stata una bella azione nostra con Obodo che mi ha messo lì la palla e io l'ho buttata dentro".

Sul risultato fa notare che " e' difficile giocare a Siena, una squadra che prende pochi gol in casa. Il pari ci sta comunque un pò stretto".

Sul gol di Maccarone: "Siamo stati compagni per tanti anni, sono felice per lui se fa bene". Fonte:udineseblog

Tosoni Auto
Sartini Siena
 

Manuel Gerolin si aspettava una gara difficile e sperava però di vincerla: "Sapevamo che era una partita difficile contro una squadra forte. Per noi quindi questo è un punto interessante. Abbiamo una partita in meno da giocare e un punto in più verso la salvezza".

Il potenziale dell'Udinese è noto: "Hanno l'attacco della Nazionale, è una squadra compatta, forte.  Noi abbiamo avuto una buona reazione, anche se  oggi non abbiamo espresso un gran calcio".

Che effetto fa veder giocatori che si ha scoperto? " Fa piacere vedere Felipe, Zapata e Sanchez che crescono bene, ma non mi fa alcun effetto particolare".
Fonte: udineseblog.it

Tosoni Auto
Il Chiasso Largo
 

Mister Marino a fine gara commenta così la gara con il Siena, dominata ma dove si è sprecato tanto: “siamo stati un po' sfortunati oltre a qualche errore davanti alla porta: l'importante è arrivare a concludere spesso, in un campo difficilissimo, dove hanno subito squadre importanti. Oggi abbiamo dimostrato di voler fare sempre la partita, abbiamo subito poco e dalle immagini abbiamo messo davanti alla porta un nostro giocatore.

La partita rha ricordato un po' quella dell'anno scorso dove “più o meno la prestazione c'è stata ed è stata comunque positiva il che dimostra la crescita in fase di attenzione e fisica. Non abbiamo commesso errori sui calci piazzati limitando gli avversari. Abbiamo perso due punti e Ferronetti: questa è la cosa triste. Credo che per un po' non ci sarà”

Note positive comunque ci sono: “Felipe e Obodo sono il risvolto positivo e quest'ultimo ha fatto molto bene. Adesso che abbiamo tante partite e avere tanti giocatori è una cosa positiva. Ferronetti mi ha costretto a far giocare Zapata che rientrava dalla nazionale e aveva condizioni che mi devono far fare considerazioni per giovedi. Ci sono giocatori che hanno recuperi più veloci altri meno. Abbiamo fatto rifiatare Isla e Sanchez. Abbiamo altri come Domizzi e quindi possiamo alternare”

L'infortunio di Ferronetti comunque potrebbe creare problemi sulla destra: “eventualmente c'è Isla come terzino: la squadra ora sta portando avanti un sistema di gioco dall'inizio che non cambierà per via di un infortunio. E' chiaro che vedremo le esigenze e in qualche partita possiamo cambiare qualcosa anche in base alla forma dei singoli specie in questa fase dove la squadra si è ripresa”

Dopo l'1-0 abbiamo dimostrato di non cedere, come a Napoli o col Bologna. La squadra non si arrende imponendo un ritmo sempre più alto”

Il tecnico poi aggiunge che “se si vedono gli episodi a volte queste partite si perdono: l'importante è aver creato ed è tornata a giocare in maniera armonica. C'è tanto movimento senza palla, e si hanno più opzioni”

Infine altre note positive e una considerazione sul campionato e sulla Uefa:“Asamoah gioca tanti Assume la stessa importanza del campionato: siamo in una situazione di metà classifica ma ci sono 14 partite da giocare. Mai mollar sia nel caso della salvezza che dell'alta classifica. Alla fine l'anno scorso abbiamo fatto lo sforzo alla fine e siamo quasi arrivati alla zona Champions. L'importante è dare il massimo sia in Uefa che in campionato”

Fonte: udineseblog.it

Tosoni Auto
Il Chiasso Largo
 

Le doti tecniche di Di Natale non sono in discussione, ma il gesto offensivo rivolto alla curva del Siena dall’attaccante della nazionale è un fatto grave. La soddisfazione di aver segnato un gol si può esprimere in mille modi, ma sicuramente non con la derisione di un pubblico, tra l’altro nel corso di una partita dove non ci sono stati episodi contestati o particolare tensione tra i ventidue in campo. Non solo, le due tifoserie sono gemellate i friulani che hanno invaso Siena sono stati accolti in amicizia e cordialità. Per tutti questi motivi non riusciamo a capire il perchè del gestaccio di Di Natale, calciatore da Nazionale, uomo da poco. (a.g.) Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Rete ivo
 

Giampaolo è contento per il pareggio ottenuto contro l’Udinese: “Abbiamo sofferto, ma non era facile contro l’Udinese, che è una grande squadra. Abbiamo giocato come dovevamo fare, cercando di fermare l’Udinese che ha dimostrato di aver superato il momento di difficoltà. La prestazione del Siena va valutata in base alla forza degli avversari”. Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Rete ivo
 

E’ un punto d’oro quello conquistato oggi dal Siena. In evidente calo di condizione, la Robur è riuscita ugualmente a tener testa ad un Udinese ritrovata dopo la crisi di qualche tempo fa. Il tasso tecnico dei vari Di Natale, Quagliarella e Inler si è fatto sentire e aver ottenuto un pareggio non è proprio da gettare via. Giampaolo ha scombussolato un po’ le carte, inserendo Ghezzal dietro le due punte Maccarone e Amoruso, ma l’esperimento non ha dato i frutti sperati, tanto che alla ripresa ecco riproposto Kharja ad aiutare gli attaccanti. Poche occasioni per il Siena, qualche errore clamoroso sotto porta dei friulani e quando la partita si stava avviando verso un noioso pareggio, ecco il rigore, giustissimo, decretato dall’arbitro Pinzani. Maccarone si vede parare il tiro, ma sulla respinta ribadisce a rete per l’uno a zero del Siena. L’Udinese, dopo qualche minuto di sbandamento, riprende ad attaccare e riesce ad ottenere il pari con Di Natale, autore al momento dell’esultanza di un gesto offensivo ed immotivato verso la curva senese. Nei minuti finali le due squadre si limitano a controllarsi e il pareggio sta bene ad entrambe. Un pari giusto che fa vedere il bicchiere mezzo pieno anche al Siena. In casa la voglia di raggiungere sempre e comunque i tre punti deve considerare anche la forza degli avversari e soprattutto la classifica. Il punticino conquistato oggi ci fa tenere immutate le distanze (7 punti) dalla zona calda e ci fa aumentare il vantaggio dal Lecce. Avremmo voluto di più, ma dopo aver visto le due squadre in campo, come si fa a non essere soddisfatti? Antonio Gigli
Fonte: Fedelissimi

Tosoni Auto
Immobiliare Brogi
 

Warning: mysqli_free_result() expects parameter 1 to be mysqli_result, null given in /var/www/vhosts/sienaclubfedelissimi.it/httpdocs/index.php on line 594