Ricci Bus
Audio Life
Banca Cras
CLEAN ACCCENT
Audio Life

Simone Moschin e Riccardo secondo saranno gli unici ex della partita Siena-Cuneo in programma sabato prossimo alle ore 14.30. Moschin portiere titolare dei bianconeri nella scorsa stagione con 36 presenze è arrivato a Cuneo nel mercato di gennaio dopo avere disputato la prima parte della stagione con la maglia della Carrarese. Per Riccardo Secodo solo una presenza nell'ultima partita con la Pro Piacenza.


Fonte: Fol



 

 

Tosoni Auto
ESTRA
 

Siena-Cuneo si è giocata una sola volta nel campionato 1989-1990 ed i bianconeri, guidati da Attilio Perotti, furono bloccati sul 2-2 dai piemontesi. Il Siena al termine della stagione fu promosso in C1.

Mucciarelli porta in vantaggio la Robur, ma poi Baldi con una doppietta ribalta la partita a 15 minuti dalla fine. Il pareggio dei bianconeri arriva nel finale con una rete di Totò De Falco.

Fonte: Fol



 

Tosoni Auto
Antiche dimore
 

Nasce la Società sportiva Arezzo. La newco è stata costituita stamani nello studio del notaio Francesco Cirianni ad Arezzo. La ripartizione delle quote sociali vede il 79% dell’imprenditore perugino Giorgio La Cava, il 20% all’imprenditore aretino Massimo Anselmi e l’1% all’azionariato popolare Orgoglio Amaranto.

Con questo passo è stato così superato anche l’ultimo dei formalismi che i curatori, amministratori dell’Arezzo in esercizio provvisorio dopo il fallimento dichiarato un mese fa, avevano messo in evidenza quando l’asta di lunedì 16 aprile era andata deserta ed era arrivata la proposta irrevocabile d’acquisto da parte del gruppo imprenditoriale sostenuto dal comitato popolare.

Adesso i commissari Lucio Francario e Vincenzo Ioffredi dovranno relazionare il giudice delegato del tribunale fallimentare di Arezzo Antonio Picardi, sulla situazione della società e proporre la prosecuzione dell’esercizio provvisorio. L’ultima parola spetterà al collegio fallimentare del tribunale. Poi, per rilevare il complesso aziendale e iscriversi alla prossima stagione occorrerà il saldo della debitoria sportiva. La squadra, che milita nel girone A di Serie C, è stata penalizzata per inadempienze di altri sei punti nella giornata di ieri e sabato affronterà lo scontro diretto con il Prato.

Fonte: calcioefinanza.it

Tosoni Auto
Sapori di Toscana
 

Come già comunicato, il 1° maggio sarà organizzata la rievocazione della storica Popolarissima, camminata non agonistica organizzata per la prima volta dalla S.S. Robur nel 1918. Il percorso sarà fedele a quello originale, tranne un brevissimo tratto attualmente impercorribile perché privato. Questo è il percorso che i partecipanti dovranno seguire:

Chiesa di Santa Petronilla

Viale Vittorio Emanuele

Via Don Minzoni

Le Lupe

Scalette che scendono in via Beccafumi

Via Beccafumi

Porta Ovile

Via B.Peruzzi

Strada di Busseto

Rotatoria viale Toselli proseguire per strada di Busseto

Strada di Busseto

Strada di Vignano

Strada Chiantigiana

Malafrasca

Botteganova

Scacciapensieri

Via Nazzareno Orlandi

Villa di Vicobello

Viale Ranuccio Bandinelli

Viale Sclavo

Passaggio di Doccino

Via Caduti di Vicobello

Viale Cavour

Chiesa di Santa Petronilla

 

Lunghezza percorso 11.5 km

 

1 - Percorso coperto a velocità standard 2h circa

2 - Percorso coperto a velocità lenta 2.5 h circa

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Sa Giorgio a Lapi
 
Tosoni Auto
Sartini Siena
 

Sabato 20 aprile, in occasione della partita Siena-Cuneo, sarà in distribuzione agli ingressi dello stadio il numero 729 de Il Fedelissimo.
In questo numero intervista esclusiva di Giuseppe Ingrosso al difensore Dario D'Ambrosio.


Fonte: Fol

 

Tosoni Auto
Elettronorge
 
Tosoni Auto
Antiche dimore
 
Tosoni Auto
Sa Giorgio a Lapi
 

Ha vestito la maglia del Siena. E anche quella del Livorno. Adesso gioca a Cipro, nell'Ermis Aradippou: Innocent Emeghara non ha dimenticato la sua esperienza italiana e per i colori bianconeri, che ha vestito dal gennaio al giugno 2013 (7 reti in 17 presenze che non sono servite a scongiurare la retrocessione in serie B), ha parole dolci. “A Siena ho trascorso dei grandissimi mesi – ha detto l’attaccante a Europa Calcio -, una delle mie migliori stagioni in una città incredibilmente bella. Nelle mie prime quattro partite ne vincemmo due. Ricordo con piacere anche il successo in casa del Pescara, quando nel finale realizzai il gol del definitivo 3-2: fu una grande soddisfazione perché avevamo un bisogno disperato di punti. Il mio momento peggiore la partita contro la Lazio, nonostante la mia doppietta: mi ruppi la mano e nelle gare successive giocai con un forte dolore, che mi impedì di esprimermi al meglio”. Sull'attuale testa a testa Livorno-Siena. “Anche in amaranto ho vissuto una bella esperienza – dice Emeghara – e auguro a entrambe il meglio. Meritano di stare in serie B, se non in serie A, soprattutto il Siena”. (a.go.)


Fonte: Fol

 

Tosoni Auto
Elettronorge
 

Una delle prime manifestazioni sportive organizzate dalla S.S: Robur fu la Popolarissima, una marcia non competitiva che si sviluppava su due percorsi, uno a nord della città e l’altro a sud. La prima edizione della Popolarissima fu disputata nel 1918 e questo fino alla fine degli anni 20, quando la società fu costretta ad abbandonare gran parte delle attività sportive per dedicarsi prevalentemente al calcio.

Nel 1919 fu organizzata la seconda edizione di questa seguitissima marcia con un percorso identico a quello dell’edizione 1918. A distanza di cento anni, il Siena Club Fedelissimi ripropone a tutti i tifosi e a tutti coloro che amano camminare, una rievocazione della Popolarissima che si terrà il giorno 1 maggio 2018 seguendo il percorso originale. Le modalità di partecipazione e il percorso saranno illustrati a breve.

Fonte: Fedelissimo Online

Tosoni Auto
Sapori di Toscana
 

Samuele Neglia , prima della seduta di allenamento di oggi pomeriggio allo stadio ha fatto il punto della situazione al sito ufficiale della società bianconera.

Arezzo - “Sicuramente c’è stata un po’ di amarezza per la sconfitta di Arezzo ma siamo consapevoli del fatto che il campionato non è ancora chiuso, abbiamo ancora tre partite da giocare, nelle quali dobbiamo dare il massimo e cercare di raggiungere un obiettivo importante”.
Campionato - “Ci ha sempre contraddistinto l’equilibrio all’interno dello spogliatoio, una sconfitta non ci toglie le certezze, sappiamo che dobbiamo fare ancora molto in questo rush finale di campionato. Dobbiamo fare il nostro percorso, non dobbiamo pensare agli altri: dobbiamo concentrarsi su noi stessi, lavorando e cercando di prenderci il massimo da queste tre settimane.
Neglia - “Sono molto contento di aver giocato nelle ultime partite, ho cercato di dare il massimo per la squadra e per l’obiettivo collettivo che abbiamo, spero di riuscire a dare sempre una mano”.
Il Cuneo - “Sicuramente è un avversario ostico, che farà di tutto per esaltarsi in un campo come quello di Siena, cercando di portare a casa dei punti. Dall’altra parte siamo consapevoli del fatto che dobbiamo vincere per dare un impatto importante a questo finale di campionato, ce la metteremo tutta”.

Fonte: Fol

 

Tosoni Auto
Tosoni Auto
 
Squadra PT G Totale
V N P GF GS
Livorno 63 33 19 6 8 58 33
Siena 61 33 18 7 8 37 26
Pisa 58 34 15 13 6 41 28
Carrarese 53 33 15 8 10 55 43
Viterbese 52 34 14 10 10 44 35
Monza 51 33 14 9 10 35 25
Alessandria 50 33 12 14 7 49 34
Piacenza 45 33 12 9 12 37 39
Olbia 44 33 12 8 13 40 43
Pontedera 43 33 11 10 12 35 45
Pistoiese 42 33 9 15 9 41 44
Lucchese 41 34 9 14 11 32 38
Giana Erminio 39 33 9 12 12 51 52
Arzachena 38 33 10 8 15 45 45
Pro Piacenza 35 33 9 8 16 30 40
Gavorrano 33 33 8 9 16 31 46
Cuneo 32 33 7 11 15 23 42
Arezzo (-14) 30 33 12 9 12 37 35
Prato 25 33 5 10 18 29 57

 

Tosoni Auto
Futuro Businnes
 

Il Tribunale Federale Nazionale ha sanzionato, per violazioni CO.VI.SO.C. , l'Arezzo con 6 punti di penalizzazione in classifica da scontare nella corrente stagione sportiva. Con la stessa motivazione penalità di di 6 punti Matera4 punti all’Akragas e 1 punto al Siracusa

Fonte: Fol

 

Tosoni Auto
Immobiliare Brogi
 

^«Non è finita», dice. E rincara la dose: «Saremmo degli scemi, saremmo dei folli, se ci tirassimo indietro proprio adesso». Ma soprattutto ci crede, Michel Cruciani.

Cosa è successo ad Arezzo?
«Non c’è una spiegazione e non è neanche giusto andare a cercarla. Recriminare adesso che siamo così vicini al traguardo, sarebbe soltanto un inutile spreco di energie. E non possiamo permettercelo. Dobbiamo soltanto voltare pagina, essere positivi e concentrati sul lavoro come lo siamo sempre stati. E sabato scendere in campo con tanta voglia di riscattarci. Sappiamo quello che abbiamo perso, sappiamo quello che ci stiamo giocando. Ci siamo costruiti un sogno e dovremo lottare per realizzarlo fino alla fine».

Arriverà il Cuneo: doppia la voglia di riscatto, per come è andata in Piemonte…
«La solita partitaccia. Devono salvarsi, verranno qua chiusi e venderanno cara la pelle. Proprio perché ci siamo passati dovremo asfaltarli. Asfaltarli. Solo così potremo ancora sperare. E noi vogliamo continuare a sperare».

Solo che adesso il pallino ce l’ha il Livorno.
«Adesso come prima, dipende da loro e da noi. Anche avessimo vinto ad Arezzo la distanza sarebbe stata così piccola da non potersi considerare decisiva. Ce la saremmo giocata comunque fino all’ultima giornata».

Il ‘rischio’ è anche quello che un eventuale secondo posto, venga considerato deludente… E’ d’accordo?
«Sarebbe un errore gravissimo. Anche perché i play off rappresenterebbero un’altra grande chance. E andrebbero affrontati con lo spirito giusto. Ma dopo quello che abbiamo fatto, dobbiamo provare in tutti i modi a passare dalla porta principale».

In queste ultime partite ha fatto vedere chi è Michel Cruciani…
«Qualche compagno si è infortunato e la sua assenza, unita al fatto che non ho mai mollato, ha fatto sì che potessi giocare. Ho avuto la possibilità di sfogarmi. Sono contento, ma non credo che questo sia il momento di guardare al singolo. Sarei disposto a finire in tribuna, perché il Siena vincesse il campionato».

Tra l’altro è andato più volte vicino al gol.
«Eh sì, ma non è entrata. Il destino ha voluto così. Spero di riuscirci, sarebbe una bella soddisfazione».

Magari quello decisivo…
«Non succederà mai…».

Mi descrive, Cruciani, la Robur in una parola?
«Famiglia. In tutti questi anni non mi era mai capitato di trovare un gruppo come questo. Di ottimi giocatori, ma soprattutto di ragazzi eccezionali. Di uomini». (Angela Gorellini )

 

Fonte: Fol

 

Tosoni Auto
Futuro Businnes
 

Simone Vergassola, vice allenatore della Robur, è stato ospite di Calcio Spettacolo, su Siena Tv. Queste le sue dichiarazioni:

Arezzo - “Abbiamo creato e tenuto il pallino del gioco per 20-25 minuti. Nella ripresa siamo partiti con l’atteggiamento giusto, da lì è venuto fuori il gol di un grande giocatore come Cutolo. C’era tutto il tempo per provare a recuperare, ma c’è mancato il nostro solito gioco. Perché? Siamo alla fine della stagione, il Livorno aveva vinto, eravamo poco lucidi e abbiamo smesso di giocare, lanciando la palla in avanti”. 

Peccato di gioventù - “Per gestire il primo posto ci vuole esperienza. L’ha accusato il Livorno che ha giocatori che hanno fatto la serie A, lo può accusare anche il Siena che è più giovane. Ci sta. Però dall’inizio dell’anno la squadra è cresciuta. E fino alla fine ce la possiamo giocare”.

Guberti - “Ha imprevedibilità, cambio di passo, vede la giocata. Quando manca si fa sentire. Gli piace più allargarsi, è un giocatore di fascia. Ha sempre giocato lì, è il suo habitat naturale. La sua ricerca è quella, anche se gli chiediamo pure di andare in mezzo al campo a cercarsi la palla”. 

Pane - “Il ruolo del portiere è delicato e particolare. Riteniamo Pane un buon portiere, valido, che sa giocare coi piedi. Cambiare portiere è sempre una cosa complicata, che io in carriera ho visto fare poco. Ripeto, Pane è un buon portiere senza nulla togliere a Crisanto che è giovane e si è sempre fatto trovare pronto”.

Cristiani - “È il centrocampista che ha più tempi d’inserimento”.

Centravanti - “Una punta strutturata ora avrebbe fatto comodo, ma quattro partite fa ci saremmo chiesti a cosa serviva. È chiaro che col senno di poi… però eravamo contenti della rosa a disposizione, perché volevamo un certo tipo di gioco”. 

Contratto in scadenza - “Si sta parlando con la società, ma quello è il problema minore. Sia da parte nostra che loro. Pensiamo al campionato, è giusto così. Basta sedersi e non ci saranno problemi”.

Stanchezza - “C’è, soprattutto mentale. Ma fa parte del gioco, siamo in fondo al campionato. I giocatori sono monitorati, vediamo i chilometri che fanno, le accelerazioni. La squadra non sta male. E dovessimo andare ai playoff, ci sarà tempo per recuperare la condizione”.

Siena - “Sono stati anni bellissimi che mi hanno dato tanto. Sono arrivato giovane e sono cresciuto qua, sono maturato, ho finito la carriera e Siena mi ha adottato. Ho giocato con grandi giocatori. Flo, Chiesa, Taddei… Il più forte che ho incrociato? Il primo Ronaldo dell’Inter, e poi Zidane”.

Tifo - “Lo sfogo in conferenza dopo Bastia in D? A Siena a volte in tribuna pensano di essere a Madrid o Barcellona. Anche quest’anno l’ho percepito. A volte bisogna invece rendersi conto di dove siamo, del fatto che non abbiamo mai giocato la Champions. Non ce l’ho con tutti, ma con alcuni tifosi sì”. 

Allenatore - “Dopo la promozione in C non c’erano le condizioni per iniziare con quell’incarico. Non lo sentivo mio, non avevo esperienza, c’era un allenatore che non conoscevo. L’anno dopo è arrivata la possibilità di rientrare con Coppola e Morgia. Lì lo avrei fatto volentieri ma non se ne fece nulla, le cose andarono un po’ troppo per le lunghe. Quest’anno invece è arrivata l’opportunità con Michele e sono stato felicissimo”. (Giuseppe Ingrosso)

Fonte: Fol 

Tosoni Auto
Il Mangione
 

In occasione della partita Siena-Cuneo, in programma sabato 21 aprile alle ore 14:30, i tifosi autorizzati potranno accedere allo stadio per attaccare gli striscioni dalle ore 10.30 alle ore 11.30. La società comunica che l’apertura dei cancelli dello stadio avverrà alle ore 13 e che dallo stesso orario saranno attive le biglietterie del Sottopassaggio alla Lizza e quella adiacente la statua di Santa Caterina.

Fonte: Fol

 

Tosoni Auto
Antiche dimore
 
Tosoni Auto
Panificio san Prospero
 
Tosoni Auto
ESTRA
 

Venerdì 20 aprile sesta serata del concorso gastronomico “Robur Chef 2018“. In cucina “Le Roburrine propongo il seguente menù:
Antipasto:
Antipasto Fantasia
Primi:
Risotto ai formaggi
Tagliatelle del contadino
Secondo:
Arista all'ortolana
Contorno:
Tortino di cavolfiore e finocchi
Dolce:
Mix di dolci alla ROBURR(I)NE.

Per prenotarsi inviare un sms o watshapp al numero 3664053060 oppure una mail fedelissimi@sienaclubfedelissimi.it

Siena Club Fedelissimi



 

 

Tosoni Auto
ESTRA
 

Cinque gare in diciotto giorni, per rimettere in corsa un Livorno piombato in una profonda crisi di nervi. Luciano Foschi è entrato in gioco dopo l’esonero di Sottil, ha esordito, vincendo, nel derby con la Robur, per poi ripetersi con la Viterbese. Ma i vecchi problemi sono ritornati, e le sconfitte con Monza, Arezzo e Olbia hanno portato all’esonero. Di questo, e molto altro, ha parlato a Canale 3, durante la trasmissione Studio Robur.

Livorno-Siena – “E’ stata una partita molto equilibrata, dove entrambe potevano vincere. Siamo stati più bravi o forse fortunati a portare gli episodi dalla nostra parte”.

Testa - “Quando sono arrivato a Livorno ho cercato di lavorare sulla testa e di dare un’organizzazione per accorciare le distanze in campo. La condizione fisica? Si giocava ogni 3 giorni. Non ho certo trovato una squadra al top, aveva altri valori ma quello fisico mi preoccupava di più. È anche vero che a questo punto quasi tutte le squadre sono logore”.

Fortuna - “Non ho fatto l’allenatore. Quando si affrontano 5 partite in 18 giorni non si ha neanche il tempo di allenare. Con un pizzico di fortuna in più, le cose sarebbero cambiate. Con Monza e Arezzo potevamo pareggiare”.

Livorno-Pisa – “L’ho detto anche a qualche dirigente del Livorno: non è stata una gran partita, non ho visto più di tre passaggi di fila”.

Volata finale – “Faccio una battuta. Sembra una partita di “ciapa no” (variante del Tressette dove vince chi fa meno punti, ndr), tutte le squadre fanno a gara a mollare l’osso. A tre partite dalla fine il Siena ha buttato via una grande occasione, ma mi sento di dire che ancora non è finita. Ha due partite in casa, è ancora tutto aperto”.

Siena – “Non vi nego che un minimo di approccio in estate c’era anche stato. Ma sono contento per Mignani. Ci siamo incontrati a Coverciano dopo Livorno e ci siamo scambiati delle battute. Già l’anno scorso vinsi entrambe le partite, anche se quella di Olbia fu un furto, lo ammetto. Mi ha detto: caspita, non riesco mai a batterti. Ma è una questione di tempo, gli faccio un in bocca al lupo”. (Giuseppe Ingrosso)

Fonte: Fol

Tosoni Auto
Tosoni Auto
 

“Avessimo sbloccato la gara sarebbe stato diverso. Abbiamo perso per una grande giocata di Cutolo e a quel punto non l’abbiamo più ripresa. Però non dobbiamo mollare. Siamo partiti per un obiettivo diverso, ci troviamo lassù e daremo battaglia per vincerle tutte”. Suona la carica Alessandro Marotta, ospite di Canale 3 durante la trasmissione Studio Robur.

Andata e ritorno - “Non c’è stato nessun calo. Il campionato d’andata e quello di ritorno per me sono distinti. Nel ritorno le squadre pensano più a difendersi, i punti valgono il doppio. Abbiamo fatto quasi lo stesso percorso, perdendo con le stesse, ma il cammino resta importante”.

Tifosi – “Erano delusi e ci sta, cercavano di aiutarci e di darci una spinta anche se sapevamo già dell’importanza della sfida. I primi ad essere dispiaciuti siamo noi, la parte più faticosa la facciamo noi. Ci dispiace di non averli resi felici, spero che sabato tornino in tanti”.

Livorno - “È tutto l’anno che rincorriamo il Livorno, lo abbiamo superato un paio di volte e speriamo ce ne sia un’altra, perché sarebbe determinante viste le poche partite rimanenti. Il nostro unico obiettivo è di fare bottino pieno per tenere viva la speranza”.

Cuneo – “Fu una sconfitta meritata, la peggiore della stagione. L’abbiamo anche analizzata. Il campo era totalmente gelato, si faceva fatica a stare in piedi. Ma il problema lo avevano anche loro. Sì, ritrovo Moschin, dopo la partita ci saluteremo”.

Siena – “Sono contento di essere entrato nei cuori dei tifosi del Siena, penso che abbia influito anche il mio impegno e il mio modo di giocare. Sto bene qui, spero di far felice una città intera. Quando ho firmato, mi è stato presentato un progetto molto chiaro: il primo anno dovevamo salvarci, anche se con meno difficoltà, il secondo centrare i playoff, da quarti-quinti. Il terzo puntare alla B. Se riusciamo ad anticipare, meglio. Altrimenti l’anno prossimo sarà quello decisivo, della consacrazione”.

Marotta sindaco – “Certo, mi fa piacere. Ma è una cosa che non mi compete, io penso a giocare a calcio. Però se mi vogliono votare…”.

Dieci – “Sarei il decimo candidato? Il mio unico pensiero è che mi manca il decimo gol, e vorrei che arrivasse quanto prima. Sono sei giornate che non segno, le conto!”.

Playoff – “Se non dovessimo arrivare primi, saremo pronti a cercare di arrivare al 16 giugno per giocarci la B in finale. Siamo pronti, in fondo siamo stati costruiti per fare i playoff e non per vincere il campionato”. (Giuseppe Ingrosso)

Fonte: Fol

Tosoni Auto
ESTRA
 

Gli ospiti della trasmissione “Studio Robur” in onda su Canale 3 e condotta da Giuseppe Ingrosso saranno il bomber Alessandro Marotta e il tifoso Jacopo Fanetti. In collegamento telefonico Luciano Foschi ex allenatore del Livorno.

A Siena Tv, nella trasmissione “Calcio Spettacolo” condotta da Giulio Valenti, saranno in studio il vice allenatore Simone Vergassola, Roberto Benincasa e il tifoso Vincenzo Vullo.

L'ora di inizio delle trasmissioni è alle 21.

Fonte: Fol


 

 

Tosoni Auto
Sapori di Toscana
 

Il Monza vince ad Arezzo per 1-0 con una rete l'ex Mendicino al 18'.
La classifica

Squadra PT G Totale
V N P GF GS
Livorno 63 33 19 6 8 58 33
Siena 61 33 18 7 8 37 26
Pisa 58 34 15 13 6 41 28
Carrarese 53 33 15 8 10 55 43
Viterbese 52 34 14 10 10 44 35
Monza 51 33 14 9 10 35 25
Alessandria 50 33 12 14 7 49 34
Piacenza 45 33 12 9 12 37 39
Olbia 44 33 12 8 13 40 43
Pontedera 43 33 11 10 12 35 45
Pistoiese 42 33 9 15 9 41 44
Lucchese 41 34 9 14 11 32 38
Giana Erminio 39 33 9 12 12 51 52
Arzachena 38 33 10 8 15 45 45
Arezzo (-9) 36 33 12 9 12 37 35
Pro Piacenza 35 33 9 8 16 30 40
Gavorrano 33 33 8 9 16 31 46
Cuneo 32 33 7 11 15 23 42
Prato 25 33 5 10 18 29 57


Fonte: Fol

 

Tosoni Auto
Rete ivo
 

Prosegue la preparazione dei bianconeri in vista della partita casalinga di sabato contro il Cuneo. Fischio di inizio alle ore 14.30. La squadra questa mattina ha effettuato una seduta a Colle Val d’Elsa con lavoro atletico in palestra e tecnico-tattico sul campo. Domani alle ore 15 è in programma una seduta di allenamento allo stadio.

Fonte: Fol

 

Tosoni Auto
Antiche dimore
 

Il giudice sportivo dopo essersi pronunciato ieri per la partita Arezzo-Siena oggi ha emesso le sanzioni per le altre partite della 35a giornata.
Multa alle società:
2.500 euro - LIVORNO perché propri sostenitori introducevano e accendevano nel proprio settore alcuni fumogeni e facevano esplodere numerosi petardi; due fumogeni e due petardi venivano lanciati nel recinto di gioco, senza conseguenze.
2.500 euro - PISA perché propri sostenitori introducevano e accendevano in campo avverso alcuni fumogeni e facevano esplodere numerosi petardi; due fumogeni e due petardi venivano lanciati nel recinto di gioco, senza conseguenze; i medesimi danneggiavano i servizi igienici del settore dello stadio a loro riservato.
1,500 euro - CARRARESE perché alcuni sostenitori in campo avverso, al termine della gara, scavalcata la recinzione rientravano sul terreno di gioco,
500 euro - PONTEDERA per omesso intervento degli addetti alla sicurezza nei confronti di sostenitori della Carrarese che erano entrati sul terreno di gioco.
Un turno di squalifica ai giocatori Sane e Peverelli (Viterbese), Casini (Arzachena), Tentoni (Carrarese), Frare (Pontedera), Pergreffi (Piacenza), Ricci (Pro Piacenza),

Fonte: Fol

 

Tosoni Auto
Stone Fly
 

La partita Siena-Cuneo, in programma sabato 21 aprile alle ore 14.30, sarà diretta da Matteo Proietti della sezione di Terni. Assistenti saranno Fabrizio Lombardo di Sesto San Giovanni e Andrea Zingrillo di Seregno.
Proietti ha già diretto la Robur in Pisa-Siena di questo campionato.

Fonte: Fol

 

Tosoni Auto
Antiche dimore
 

Dopo la vittoria nel derby di sabato scorso l'Arezzo oggi scenderà di nuovo in campo affrontando in casa il Monza nel recupero della 29a giornata. Calcio di inizio ore 16.30.

Fonte: Fol


 

 

Tosoni Auto
Il Mangione
 

Il Prato ed il suo presidente Paolo Toccafondi son stati deferiti dal Procuratore federale per una serie di violazioni nel tesseramento di giovani calciatori stranieri. Dunque, per la Calciopoli toscana, come è stato ribattezzato lo scandalo emerso dall’inchiesta della Procura di Prato, si aprono le porte della giustizia sportiva.

Oltre al prato i club deferiti sono, a vario titolo, soprattutto il Prato (Serie C), poi Sestese, Firenze Ovest, Aglianese, Porta Romana, Grassina, Bucinese, Foiano e Zenith Audax.

Fonte: Fol

 

Tosoni Auto
ESTRA
 

Ad Arezzo torna un po’ di luce, un segnale importante dopo il fallimento e il legame sorto tra tifosi e squadra. Quattro vittorie nelle ultime 5 partite, vittime illustri come Livorno e Siena la dicono lunga sulla reazione dei giocatori. Dopo la concessione dell’esercizio RASTELLI provvisorio, ieri era fissata l’asta, ma è andata deserta. Un minuto dopo gli imprenditori Giorgio La Cava (79% delle quote) e Massimo Anselmi (20%), in tribunale con il consigliere comunale ed ex arbitro Paolo Bertini e l’associazione di tifosi Orgoglio Amaranto (1%), hanno presentato la proposta d’ acquisto al giudice Antonio Picardi. Subito tre assegni circolari per un totale di 62mila euro (la base d’asta di 77.500 meno il 20%) ea ltri 200mila garantiti entro il 4 maggio per le spese correnti in attesa di costituire la NewCo per rilevare la società. I curatori Lucio Francario e Vincenzo Ioffredi si sono presi 48 ore per dare risposta, ma filtra ottimismo sul buon esito dell’operazione che consentirebbe all’Arezzo di finire la stagione e programmare la prossima, sperando di evitare la retrocessione (sono attese altre penalizzazioni).


Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

Tosoni Auto
Elettronorge
 
Tosoni Auto
Tosoni Auto
 
Tosoni Auto
Stone Fly
 

Attiva la prevendita dei biglietti per la partita Siena-Cuneo di sabato 21 aprile alle ore 14.30.
Questi i prezzi:

Curva Lorenzo Guasparri:
12 € Intero 
8 € Ridotto over 65/under 18/donne
5 € Ridotto under 14

Gradinata Paolo De Luca:
17€ Intero 
13€ Ridotto over 65/under 18/donne 
8€ Ridotto under 14 
8€ Studenti universitari 

Tribuna Danilo Nannini Laterale:
24€ Intero 
19€ Ridotto over 65/under 18/donne 
12€ Ridotto under 14 

Tribuna Danilo Nannini Centrale:
31€ Intero 
23€ Ridotto over 65/under 18/donne 
15€ Ridotto under 14 

Tribuna Danino Nannini d’Onore:
50€ Intero
35€ Ridotto over 65/under 18/donne 
23€ Ridotto under 14 

Tribuna Danilo Nannini Excutive:
90€ Biglietto unico

Settore ospiti:
12€ Biglietto unico

Come aquistare il biglietto
Online
https://www.ciaotickets.com/evento/robur-siena-cuneo
Per questo evento è abilitato il PRINT@HOME: stamperai il biglietto PDF già fiscalizzato con la tua stampante di casa/ufficio (è sufficiente una stampa in bianco e nero), e non sarà necessaria alcuna spedizione con corriere espresso, nè ritiro presso la cassa dell'evento ----- Presenterai direttamente all'ingresso il biglietto stampato su foglio A4, esibendo all'operatore il codice a barre in maniera ben visibile perchè possa essere smarcato con il lettore ottico.

I punti vendita Ciaotickets a Siena:
- Tabaccheria Chiasso Largo, via Rinaldini, 7
- Siena Club Fedelissimi , via Mencattelli, 11 (martedì, giovedì e venerdì dalle 21.30 alle 24. Sabato dalle 10,30 alle 13.30)
- Mcm, Via Marzi, 6
- Tabaccheria Narghilè, via Aretina, 6
- Tabaccheria Scacciapensieri, via Orlandi, 65
- Tabaccheria Cartoleria 69, via Duccio di Boninsegna, 29
- Tabaccheria La Radica, via Simone Martini, 24

Il giorno partita dalle ore 19 saranno aperti i botteghini presso il sottopassaggio La Lizza (ingresso davanti all'NH Hotel e quello adiacente alla statua di S. Caterina.

 

Fonte: Fol

 

Tosoni Auto
Tosoni Auto
 

Il giudice sportivo in merito alla gara Arezzo-Siena ha multato con 500 euro il Siena perché propri sostenitori in campo avverso introducevano e facevano esplodere un petardo, senza conseguenze.
Vassallo con l'ammonizione rimediata ad Arezzo entra in diffida.

Fonte: Fol

 

Tosoni Auto
Sartini Siena
 

Quando si perdono partite importanti, la delusione e la rabbia prendono il posto della ragione, ma non per questo cancellano tutto quello fatto di buono dall’inizio della stagione. Dopo Livorno, il Siena ha perso un’altra partita in cui gli 800 tifosi che l’hanno seguita confidavano tantissimo e non solo perché è un derby sentito, ma soprattutto per l’importanza della posta in palio. È normale che a fine partita qualcuno voglia dare sfogo alla propria rabbia e inviti la squadra a non venire sotto il settore, così come è normale che Marotta, il capitano, inviti la squadra a tornare negli spogliatoi, perché di questo si è trattato. Pur non trascurando i grandi meriti della società, dello staff e della squadra la reazione ci sta, ma il tutto deve essere inquadrato nel momento, senza andare oltre e senza che la squadra si senta offesa, perché in fin dei conti nessuno è stato offeso e non sono stati fatti cori contro. 

In questo momento, tutti, dobbiamo essere bravi a superare la delusione e concentrarci sulle ultime tre gare, cercando di fare il massimo e affrontare compatti, come abbiamo fatto finora, i prossimi avversari. Il campionato ancora non è finito e le speranze, seppur ridotte, ci sono ancora e sarebbe un errore non sfruttarle fino all’ultimo secondo. 

Lorenzo Mulinacci


Fonte: Fol

 

Tosoni Auto
Immobiliare Brogi
 

Dalle stelle alle stalle. Dopo l’ultima disgraziata domenica che ha visto vittorie amaranto su tutta la linea (del Livorno sul Pisa e dell’Arezzo ahimè sulla Robur) pare essere calato un pressoché definitivo sipario di delusione sui sogni di gloria del tifo bianconero. E nonostante manchino ancora tre partite e che questo campionato stia dimostrandosi un po’ (ammettiamolo, via!) un “palio dei ciuchi” in cui tutto può ancora succedere, si affacciano le immancabili e legittime critiche a questo ed a quel giocatore. Non per essere cattivi ed ingenerosi ma per dovere di obiettività e perché gli errori commessi – ce ne sono sempre - siano di insegnamento per il futuro. A questo proposito, allora, cerchiamo di guardare in faccia quello che secondo il sottoscritto è uno dei principali aspetti negativi della realtà: quest’anno il Siena non ha tra i pali un portiere all’altezza della situazione. Bisogna pure che qualcuno lo dica forte e chiaro!

La forza della nostra squadra, si è detto ed è vero, è l’avere una panchina folta con una intercambiabilità di giocatori invidiataci da tutti e che, senza dubbio, è alla base del campionato che stiamo facendo, ampiamente al di sopra di attese e programmi.

Dati per scontati, in un torneo lunghissimo ed estenuante, momenti di personale o generale appannamento, ciò che palesemente è costantemente mancato è un ricambio per un estremo difensore che ci ha fatto perdere svariati e sanguinosi punti: per esempio in casa (se ricordo bene contro il Pontedera) con un tentativo mai visto di respingere di piede un tiro da lontano stando sulla linea di porta (almeno 1 punto perso); per esempio ad Alessandria tentando di fermare l’ennesimo tiraccio da lontano offrendo alla traiettoria della palla il profilo di una pittura egizia (altri due punti lasciati lì); per esempio come ad Arezzo quando al tiro preciso ma tutto sommato abbastanza lento di Cutolo il nostro numero 22 ha risposto con un piazzamento balordo e senza nemmeno abbozzare la parata tanto da far addirittura sospettare di averla battezzata fuori quella palla…

Forse, se c’è da fare un appunto a Mignani, è proprio quello di aver sapientemente tenuto tutti i calciatori sulla corda, di aver fatto sentire tutti titolari e riserve al tempo stesso. Tutti… meno il portiere, anche quando sarebbe stato logico dargli un sano momento di “riflessione”. Non si aveva fiducia nella sua giovane riserva? E se Pane avesse subito un infortunio o una squalifica? Intanto per tutto il campionato abbiamo visto giovani portieri compiere miracoli di reattività (vedi ad Arezzo sul tiro di Cruciani in apertura di gara) mentre i tifosi bianconeri, ogni volta che Pane va sulla palla, trepidano da tempo…

E dunque, qualunque sia la categoria in cui militeremo il prossimo anno (la speranza è l’ultima a morire!), la dirigenza tenga conto che nel costruire una squadra non si può prescindere dal parco dei portieri e che, all’occorrenza, il mercato di gennaio non  deve solo riguardare centrocampisti e punte.

Non me ne voglia il buon Pasquale Pane e sempre forza Robur!

Mario Lisi


 

 

Tosoni Auto
Il Mangione
 
Tosoni Auto
Antiche dimore
 
Tosoni Auto
Elettronorge
 

Dopo essere ripartita due anni fa dall’Eccellenza, la squadra biancorossa torna tra i professionisti con tre giornate d’anticipo sulla conclusione del campionato con undici punti di vantaggio sulla seconda.
Mirko Romagnoli, arrivato a gennaio in prestito dal Siena, ha contribuito con 12 presenze e una rete alla promozione della squadra romagnola.

Fonte: Fol


 

 

Tosoni Auto
Antiche dimore
 

La Pro Piacenza comunica che ha deciso di sollevare dall'incarico di allenatore della prima squadra Fulvio Pea. Al suo posto è stato chiamato Stefano Maccoppi.

Fonte: Fol


 

 

Tosoni Auto
Futuro Businnes
 

Il Livorno supera il Pisa e torna in testa alla classifica, vista anche la contemporanea sconfitta del Siena contro l’Arezzo. Labronici con due punti di vantaggio sui senesi a 270 minuti alla conclusione del campionato, dove resta ancora tutto aperto per determinare chi salirà direttamente in serie B. Impatta la Carrarese contro il Pontedera, mentre cade la Viterbese a Cuneo. In coda colpo del Gavorrano contro una Pro Piacenza in vera crisi. Nel prossimo turno per il Livorno trasferta contro l’Arzachena, con i sardi a secco di vittorie da sette giornate. Per la Robur sfida interna col Cuneo, che è reduce dall’affermazione sulla Viterbese. Derby tutto pisano tra Pisa e Pontedera, per l’Alessandria insidia Gavorrano. La Carrarese cerca contro la Pistoiese l’ennesimo risultato utile consecutivo per stare a ridosso dei primi posti. Il Monza va alla ricerca dell’immediato riscatto con una Giana Erminio in calo. Sfida della tranquillità tra Lucchese e Olbia, mentre l’Arezzo va alla ricerca di un altro risultato positivo con il fanalino Prato. Derby tra Piacenza e Pro Piacenza che diventa di vitale importanza per la Pro, impelagata nella lotta per evitare i play out. Settimana di riposo per la Viterbese che alla ripresa affronterò l’Olbia. Come detto ancora tutto da scrivere per definire la squadra che vincerà il campionato tra Livorno e Siena: gli amaranto con il rientro di Sottil in panchina sono tornati subito al successo col Pisa, per i senesi occorre cambiare fin da subito atteggiamento dopo la brutta battuta d’arresto di Arezzo. Questo campionato verrà deciso all’ultimo minuto della trentottesima giornata, guai ad arrendersi finché c’è speranza… (Damiano Naldi)

Fonte: Fol

 

Tosoni Auto
Sapori di Toscana
 


 

E' solo un parere e vale quel che vale. Tra gli oltre 800 delusi della curva ospiti ad Arezzo, in troppi hanno mancato alle attese. Il rigore concesso dalla squadra alla curva ospiti, dopo il novantesimo, è stato sprecato colpevolmente.
FORZA ROBUR, FORZA RAGAZZI, ancora niente è perduto.


Eraclio Barsanti


 

 

Tosoni Auto
Sa Giorgio a Lapi
 

Siamo a tre giornate dalla fine di un  campionato nel quale abbiamo dimostrato più volte di giocare il miglior calcio purtroppo con alterne fortune. Mi piace ascoltare i commenti dei diretti interessati e degli sportivi che intervengono nelle varie trasmissioni . Da un mio giudizio dopo la sconfitta del Livorno ad Olbia a troppi è sembrato che il campionato fosse ormai deciso. Ma la partita ad Arezzo ci ha riportato con i piedi per terra . Paradossalmente ritengo che forse questa posizione viste le innumerevoli occasioni avute per dare un indirizzo preciso al nostro campionato ci possa giovare liberandoci mentalmente. Dico paradossalmente perchè una squadra che a quattro giornate dalla fine è in testa ad un campionato in maniera inattesa e con un calendario forse più agevole, almeno sulla carta, non può accusare cali mentali e approcci come quelli avuti ad Arezzo per non parlare di tutte le altre occasioni nelle quali nelle stesse condizioni abbiamo fallito miseramente. Vedendo Livorno-Pisa  e Arezzo Siena ritengo si sia chiaramente notata una diversa volontà di approcciare la partita : nella prima dai giocatori all'allenatore una carica agonistica estrema con falli decisi sui giocatori  più importanti e incitamenti quasi folcloristici, ma decisi da parte dell'allenatore. Nella seconda approccio nella normalità senza nessuna carica agonistica o fallo che abbia fatto capire agli avversari che eravamo andati per vincere, fino al loro goal  dopo il quale la partita è finita. Dal lato tecnico non voglio esprimermi ma ho la sensazione che alcuni giocatori si sentano più importanti di quello che effettivamente sono ed il nervosismo di altri mi fa pensare che tutto non fili come invece dovrebbe. Mi auguro di sbagliarmi ma forse visto che troviamo enormi difficoltà in attacco ed i palloni che arrivano dalle fasce laterali, quando arrivano , sono opera per lo più di Rondanini e di Iapichino troppe volte tenuti troppo bassi   ed i tiri ultimamente più opera di Cruciani , Guberti , Neglia ,non sarà il caso di provare a cambiare qualcosa davanti ? Termino ma per me in ogni squadra non esistono mostri sacri  specialmente se fuori condizione e di questo credo sia opportuno che chi di dovere  possa incominciare a pensarci. Possiamo ancora farcela ma dobbiamo far capire da sabato che siamo noi che giochiamo in casa e dopo Cuneo e Piacenza tireremo le somme .  Un saluto a tutti e Forza Siena .

Nello Del Dottore  

 

Tosoni Auto
Tosoni Auto
 

Riprende domani pomeriggio la preparazione della squadra bianconera in vista della Siena-Cuneo, in programma sabato 21 aprile alle ore 14,30.
Questo il programma della settimana:
Lunedì: ore 15
Martedì: ore 10,30
Mercoledì: ore 15
Giovedì: ore 15
Venerdì: ore 11
Tutte le sedute si terranno a Colle Val d’Elsa, giovedì e venerdì saranno a porte chiuse.

Fonte: Fol

 

Tosoni Auto
Antiche dimore
 

Raccolgono solo un punto gli Under 15 e Under 17 impeganti nel doppio confronto casalingo con il Teramo. Gli Under 17 Gill Voria hanno pareggiato 1-1, con una rete realizzata da Mbengue.
Under 15 di Stefano Argilli, dopo 15 risultati utili consecutivi, sono stati battuti per 2-3. In gol per i bianconeri Cossa e Tozzato.

Queste le classifiche ad una sola giornata dalla fine del campionato.
Under 17
53 Viterbese
48 Juve Stabia
45 Paganese
40 Arezzo
39 Teramo

37 Racing Fondi
37 Fermana
35 Siena
35 Gubbio
32 Casertana
31 Fano
24 Sambenedettese
18 Bisceglie
8 Fidelis Andria

Under 15
54 Gubbio
48 Bisceglie
47 Paganese
44 Viterbese

43 Siena
41 Casertana
35 Racing Fondi
34 Sambrnedettese
30 Juve Stabia
25 Fano
22 Fermana
20 Teramo
17 Fidelis Andria
16 Arezzo

L'unica vittoria per le giovanili bianconere arriva dai Giovanissimi Regionali che sono tornati alla vittoria, battendo 0-1 la Lucchese B in trasferta. Rete di Radi.

Fonte: Fol

 

Tosoni Auto
Il Mangione
 

18 reti:
Tavano (3, Carrarese).

16 reti:
Vantaggiato (5, Livorno).

15 reti:
Ragatzu (6, Olbia).

13 reti:
Bruno (3, Giana Erminio).

12 reti: 
Gonzalez (1, Alessandria); Curcio (3, Arzachena); Perna (Giana Erminio); Ferrari (3, Pistoiese); Alessandro (7, Pro Piacenza).

11 reti:
Marconi (3, Alessandria); Moscardelli (2, Arezzo); Murilio (Livorno);  Giudici (Monza); Pesenti (Piacenza; 8 nel Pontedera); Ceccarelli (3, Prato).

10 reti:
Fischnaller (Alessandria); 

9 reti:
Cutolo (1, Arezzo);  Biasci e Coralli (Carrarese); Chiarello (Giana Erminio); Fanucchi (1, Pistoiese); D'Errico (3, Monza);  Marotta (1, Siena).

8 reti:
Sanna e Vano (Arzachena);Dell'Agnello (Cuneo); Brega (Gavorrano); Doumbia (Livorno); Ogunseye (1, Olbia); Vrioni (1, Pistoiese); Jefferson (4, Viterbese). 

7 reti:
Maiorino (Livorno); Corazza (3, Piacenza); Eusepi (Pisa); Pinzauti (Pontedera).

6 reti:
Moscati (Gavorrano); Iovine (Giana Erminio); Cori (1, Monza); Negro (1, Pisa); Vandeputte (Viterbese).

 

Fonte: Fol

 

Tosoni Auto
Panificio san Prospero
 
Squadra PT G Totale
V N P GF GS
Livorno 63 33 19 6 8 58 33
Siena 61 33 18 7 8 37 26
Pisa 58 34 15 13 6 41 28
Carrarese 53 33 15 8 10 55 43
Viterbese 52 34 14 10 10 44 35
Alessandria 50 33 12 14 7 49 34
Monza 48 32 13 9 10 34 25
Piacenza 45 33 12 9 12 37 39
Olbia 44 33 12 8 13 40 43
Pontedera 43 33 11 10 12 35 45
Pistoiese 42 33 9 15 9 41 44
Lucchese 41 34 9 14 11 32 38
Giana Erminio 39 33 9 12 12 51 52
Arzachena 38 33 10 8 15 45 45
Arezzo (-9) 36 32 12 9 11 37 34
Pro Piacenza 35 33 9 8 16 30 40
Gavorrano 33 33 8 9 16 31 46
Cuneo 32 33 7 11 15 23 42
Prato 25 33 5 10 18 29 57

 

Tosoni Auto
Sapori di Toscana