Audio Life
Banca Cras
CLEAN ACCCENT
Ricci Bus
Audio Life
Tosoni Auto
FISSC
 
Tosoni Auto
ESTRA
 

La dolce notizia che i tifosi aspettavano da tempo è arrivata: la Robur è virtualmente in serie B. Bari e Cesena non ce l’hanno fatta a iscriversi e liberano quindi due posti, che dovrebbero essere occupati da Siena e Ternana. Il condizionale è d’obbligo solo perché la Figc non ha ancora pubblicato la classifica ufficiale dei ripescaggi. Sul tema è intervenuto poco fa anche l’ex sindaco Bruno Valentini, sul suo profilo Facebook:

“Incredibilmente la Robur potrebbe conquistare per il fallimento degli altri quella serie B che le era sfuggita per un soffio sia nel campionato che nei play off. Sarebbe un risultato straordinario, non solo sportivo, di cui riconoscere merito alla serietà ed alla determinazione della società, requisiti tutt'altro che scontati. Un giusto premio per una grande tifoseria e per gli investimenti fatti nella squadra e negli impianti. I prossimi passaggi sono ancora difficoltosi ed occorre che l'Amministrazione comunale dia una mano alla Robur per il sostegno che ancora serve per l'eventuale iscrizione alla serie B. Tifiamo tutti in una sola direzione!”.

Fonte: Fol

Tosoni Auto
Immobiliare Brogi
 

Il club pugliese non ha presentato ricorso alla Covisoc, così come lo stesso Cesena e sono quindi escluse dal campionato.
Adesso però anche l'Avellino è a forte rischio. La società irpina era stata esclusa per la fideiussione fatta con la Onix Asigurari, società rumena non abilitata ad operare in Italia. Entro le 19 di questa sera, la società, doveva regolarizzare la propria posizione con la Covisoc.
Secondo le prime indiscrezioni, l'Avellino, ha riscontrato dei problemi per la nuova fideiussione da presentare. La società di Walter Taccone avrebbe presentato il solo ricorso per la polizza della Onix Asigurari.

Se anche l'Avellino venisse escluso, sarebbero dunque tre le squadre da ripescare dalla Serie CSiena Ternana dovrebbero salire in B al posto di Bari e Cesena è la Pro Vercelli spera visto che nella classifica (ancora non ufficiale) dei ripescaggi sarebbe al terzo posto.

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Futuro Businnes
 

Michele Nardi, portiere classe 1986, arriva in prestito dal Parma. Nardi era già a disposizione di mister Mignani nel ritiro di Castel del Piano. Queste le sue prime parole da bianconero rilasciate al sito della società: “Finalmente sono arrivato, non vedevo l’ora di iniziare. Sono molto contento per questa nuova avventura, forza Robur”.
La carriera:
http://www.sienaclubfedelissimi.it/detail.php?id_atomo=2147504637&tipo_atomo=17

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Antiche dimore
 

Andrea Radrizzani, il proprietario del Leeds che il sindaco di Bari aveva coinvolto per il salvataggio dei galletti, con un comunicato ufficiale, ha gettato definitivamente la spugna:

"Negli ultimi giorni abbiamo valutato attentamente la possibilità di investire nel AS Bari insieme ad altri partners e investitori locali. Purtroppo il poco tempo disponibile per eseguire una due diligence dettagliata e approfondita consona ad una operazione con un alto profilo di rischio ci costringono a malincuore ad abbandonare questa idea e sfida. Auguriamo che la società possa essere salvata e restiamo disponibili a valutare future collaborazioni e investimenti".

Andrea Radrizzani (Presidente, Aser Group).

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Il Chiasso Largo
 

Il tentativo del sindaco di Bari, Antonio Decaro, che tante speranze aveva acceso nei cuori dei tifosi baresi, si è arenato quando era sul punto di concludersi. Gli interessati ad acquisire la maggioranza, Andrea Radrizzani e Ferdinando Napoli, hanno scoperto una situazione debitoria di circa 16 milioni di euro, bloccando immediatamente la partenza del bonifico e gettando la spugna. Ad ora la situazione è bloccata, e ci sono solo due ore di tempo.

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Panificio san Prospero
 

Con un comunicato la società romagnola ha annunciato la fine di ogni tentativo di salvare il club:

“L’A.C. Cesena comunica che il Consiglio di Amministrazione riunitosi in data odierna ha deliberato di aderire all’istanza di fallimento avanzata dalla Procura della Repubblica di Forlì”.

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Antiche dimore
 

La Reggiana con un comunicato ha annunciato la sua rinuncia alla serie C.
“Reggiana Calcio comunica che in data odierna non presenterà ricorso in merito all’esclusione dal campionato di serie C, poiché sono caduti i presupposti per la cessione del pacchetto di maggioranza al gruppo referente a Pablo Victor Dana”.

Fonte: FOL


 

 

Tosoni Auto
Immobiliare Brogi
 

Il Bari è virtualmente in salvo. Nel senso che ha trovato chi scongiurerebbe il pericolo fallimento e coprirebbe ciò che serve (3 milioni) per la ricapitalizzazione, entro le 18. È andata in porto la trattativa del sindaco Antonio Decaro con Andrea Radrizzani, proprietario del Leeds United e non solo, e Ferdinando Napoli, fondatore di Edilportale (società di servizi sul web, con 50 milioni di utenti). Salvo intoppi, in mattinata la somma verrà versata presso la Banca Popolare di Bari. Ma occorre assolutamente che siano aggiunti i puntini sulle i. E proprio puntini non sono. Ovvero, se oggi non ci fosse un atteggiamento collaborativo — ma nella tarda serata di ieri ci sarebbe stato un concreto avvicinamento — da parte del presidente in carica, Mino Giancaspro, tutto andrebbe in fumo. In barba ai 110 anni di storia del club biancorosso.

NON C’È TEMPO Dopo due giorni ricchi di incontri e consultazioni, compreso un attento studio delle carte e del bilancio del Bari da parte degli imprenditori interessati (ci sarebbero stati contatti anche con la Covisoc), ieri a metà pomeriggio tutto è stato più chiaro alla luce del comunicato diramato dall’ufficio stampa del primo cittadino. «Il sindaco di Bari Antonio Decaro ha ottenuto una risposta positiva da una cordata di imprenditori, che vede protagonisti Andrea Radrizzani proprietario del Leeds United e Ferdinando Napoli per Edilportale, per completare la ricapitalizzazione e rilevare la quota di maggioranza della F.C. Bari 1908». «Il sindaco in queste ore – prosegue il comunicato – ha invitato con una nota scritta il presidente della società Cosimo Giancaspro a Palazzo di Città, per definire i dettagli per l’attuazione della procedura a garanzia dell’operazione». «La disponibilità di alcuni imprenditori, da me registrata – ha aggiunto il sindaco — lascia intravvedere un’opportunità che va supportata, in termini di disponibilità e collaborazione, soprattutto da parte della stessa società biancorossa (Giancaspro, ndr.). Occorre mettere da parte incertezze, dubbi e tatticismi per salvaguardare le sorti della squadra di calcio più rappresentativa della città, in virtù anche della fortissima relazione, quasi identitaria, tra la città e la squadra. Non c’è più tempo. Bisogna lasciare spazio a una nuova prospettiva che assicuri tranquillità alla squadra di calcio e alla città. Eventuali ulteriori questioni societarie dovranno essere trattate dopo il salvataggio».

RESISTENZA Il nodo da sciogliere? Pare proprio che il presidente del Bari, proprietario del 30% delle azioni della società, stia facendo resistenza. Fatto sta che non ha risposto ai primi tentativi telefonici dello stesso Decaro. Sembra però che domani intenda rispondere all’invito del sindaco. Facile intuire comunque che Giancaspro intenda, in ogni modo, tutelare i milioni che ha investito nel Bari: ne perderebbe un bel po’, se andasse a buon fine l’operazione Radrizzani-Napoli che, peraltro, sono già disposti a rilevare anche le sue quote. Ma non è nemmeno da escludere che il patron biancorosso abbia ancora un colpo in canna, l’ultima carta da giocarsi stamattina in banca. E se fosse lui a ricapitalizzare? Pur vero che la città del pallone gli ha girato le spalle, non ha più alcun motivo per concedergli ulteriore fiducia. E allora, come ripartirebbe? Senza contare i guai giudiziari in cui è coinvolto, unitamente alla stessa società. Quanto agli investitori, vogliono essere sicuri che l’assegno circolare di 3 milioni, finalizzati alla ricapitalizzazione, finisca sul conto della società.

Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

Tosoni Auto
Tosoni Auto
 

SERIE B Blitz del Perugia con l’Atalanta per ottenere il prestito dell’attaccante Luca Vido (era al Cittadella): accordo trovato e fumata bianca in arrivo nelle prossime ore. Un acquisto che potrebbe dare il via libera alla cessione al Verona di Di Carmine, per il quale il club del presidente Setti ha messo sul piatto oltre 2 milioni di euro. I gialloblù frenano, invece, per Di Gaudio (troppo alte le richieste del Parma).

Zamparini è al lavoro per consegnare a Tedino parecchi rinforzi per puntare al ritorno in Serie A. Quattro i colpi in arrivo: per la porta c’è l’accordo con la Juventus per Brignoli (era al Benevento), mentre in difesa per la fascia, dopo il no di Rosi (Genoa), oggi è attesa la firma di Salvi (Cittadella). Asse di mercato con l’Atalanta: da Bergamo possono arrivare Haas e Pessina (era allo Spezia). Per l’attacco la prima scelta resta Puscas (era a Novara), per il quale c’è l’intesa con l’Inter ma manca ancora il sì del romeno. I siciliani tengono d’occhio anche l’esterno offensivo Dalmonte del Cesena. In uscita invece è stata ultimata la cessione del fantasista brasiliano Coronado (contratto quadriennale da 1,2 milioni annui) allo Sharjah Dubai per 6 milioni di euro.

Risoluzione firmata tra Gilardino e lo Spezia, che per la difesa si assicura il prestito di Capradossi (Roma). La Cremonese accelera per il terzino Mogos (Ascoli). Il Padova stringe per il giovane Vogliacco (Juventus). Machach (Napoli) si avvicina al Carpi. Lo svincolato Del Grosso (Venezia) firma con il Pescara che oggi annuncia Monachello (Atalanta, era all’Ascoli), sbarcato ieri sera in città per le visite mediche. L’Ascoli per la mediana punta Bandinelli (Sassuolo, era al Perugia) e Cavion (Cremonese). Oggi arriverà la firma di Roberto Insigne (Napoli, era al Parma) con il Benevento: operazione in prestito con obbligo di riscatto in caso di promozione in A. Capitolo portieri: l’Avellino prende il portiere Lanni (Ascoli), la Salernitana aspetta il ritorno di Radunovic (Atalanta), mentre a Lecce è casting tra Vigorito (Frosinone), Fulignati (Cesena) e il ritorno di Perucchini (Bologna). Infine sondaggio del Cosenza per Nzola (Carpi).


SERIE C Si muove il Siena dopo la delusione della finale playoff: presi il portiere Nardi (Parma) e la punta Cianci (Sassuolo), si tratta sul ritorno del centrocampista Damian (Chievo).

NORD De Luca (Torino) verso Alessandria. La Pro Vercelli su Bellemo (Spal) e Tedeschi (Catania). Attivissimo il Renate: Doninelli (Siena) e il duo Simonetti e Saporetti (era alla Fermana) dal Parma. Volata Pro Piacenza-Arezzo per il regista La Camera (Reggina). Il Südtirol prende il mediano De Rose (Casertana). Steffè (Trapani) firma con la Triestina.

CENTRO Derby romagnolo tra Ravenna e Rimini per Galuppini (Parma, era a Cuneo). La Pistoiese è vicina a Fanucchi (Lucchese). Risoluzione tra il Pisa e capitan Mannini. La Ternana ci prova per Martinho (Ascoli). Lys Gomis (Paganese) verso il Teramo.

SUD La Casertana ha chiesto Pinto (era all’Ascoli) al Parma. Il Potenza prende Emerson (Feralpisalò) e aspetta Matino (era Nocerina) dal Parma. Vidovsek (Atalanta, era al Pescara) va alla Reggina. Il Catanzaro insiste per Figliomeni (Foggia). Lescano (Parma, era alla Sicula Leonzio) piace al Trapani. Il Catania conta di chiudere il colpo Giannone per la trequarti, visto che ieri sera il fantasista ha risolto il contratto che lo legava al Pisa.

L’ADDIO Andrea Lisuzzo lascia il calcio giocato. L’ex difensore di Novara e Pisa appende le scarpe al chiodo all’età di 37 anni. Una scelta comunicata tramite un post su Facebook.

Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

Tosoni Auto
Elettronorge
 
Tosoni Auto
FISSC
 
Tosoni Auto
Il Chiasso Largo
 

Il primo giorno nel ritiro di Castel del Piano è trascorso tra allenamenti e la finale del campionato del mondo. Domani sue sedute di allenamento alle ore 9:45 e alle 17:30.

Fonte: FOL
Foto: robursiena.it

 

Tosoni Auto
Futuro Businnes
 

Il sindaco di Bari Antonio Decaro ha invitato in comune il presidente di Bari, Cosmo Giancaspro, per chiudere la trattativa con i potenziali futuri acquirenti. Decaro ha infatti ottenuto risposta positiva da una cordata di imprenditori che vede protagonisti Andrea Raddrizzani - proprietario del Leeds United - e Ferdinando Napoli di Edilportale, per completare la ricapitalizzazione e rilevare la quota di maggioranza.

Il sindaco ha quindi invitato con una nota scritta a Giancaspro, perché si presenti in comune per definire i dettagli per l'attuazione della procedura a garanzia dell'operazione.
"La disponibilità di alcuni imprenditori, da me registrata per completare le operazioni di ricapitalizzazione lascia intravedere una opportunità che va supportata, in termini di disponibilità e collaborazione, soprattutto da parte della stessa Fc Bari 1908. Occorre mettere da parte incertezze, dubbi e tatticismi per salvaguardare le sorti della squadra di calcio più rappresentativa della città in virtù anche della fortissima relazione, quasi identitaria, fra la città e la squadra. Non c'è più tempo. Bisogna lasciare spazio a una nuova prospettiva che assicuri tranquillità alla squadra di calcio e alla città. Eventuali ulteriori questioni societarie dovranno essere trattate dopo il salvataggio".

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
FISSC
 

Ancora poche ore e si saprà se per la Robur si apriranno le porte della serie B o se dovrà confrontarsi ancora nella terza serie nazionale. Domani è il giorno delle decisioni e poi inizierà la battaglia per il ripescaggio, Non facciamo nessuna previsione perché la classifica dei ripescaggi sarà stabilita da una graduatoria che verrà stilata, secondo molti parametri, dalla FIGC, non ci resta che aspettare fiduciosi.

Questa situazione ha influito, indubbiamente, sul mercato bianconero. L’incertezza della categoria ha consigliato prudenza a Anna Durio e ai suoi collaboratori, un conto è fare una rosa per la C e un altro è in prospettiva serie B. Il mercato prosegue sotto traccia orientandosi, in attesa della categoria che andremo ad affronrae,  verso giocatori che possono  essere utili in entrambi gli scenari, ma si dovrà attendere le sentenze definitive sulle società in difficoltà. 

Intanto dalla società ci giungono notizie positive circa un eventuale ripescaggio, tutto è pronto e da qualche giorno sono già iniziati i lavori di adeguamento dell’impianto di illuminazione dello stadio. A questo punto non ci resta che aspettare con fiducia ancora poche ore e poi sapremo quale sarà il nostro futuro. (NN)

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Il Mangione
 

Quando il futuro di Filippo Damian sembrava lontano dalla Robur, i dirigenti bianconeri hanno accelerato la trattativa e stanno concludendo un’operazione per l’acquisto definitivo del centrocampista, dal Chievo Verona. A Damian è stato proposto un contratto che lo legherà alla Robur per i prossimi tre anni.

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Immobiliare Brogi
 

Come abbiamo anticipato ieri, la trattativa per portare in bianconero l’attaccante Pietro Cianci sta avviandosi verso la conclusione positiva. L’ex Reggiana, il cui cartellino è del Sassuolo, raggiungerà nel pomeriggio il ritiro bianconero.

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Il Mangione
 

BARI Si è mosso anche Nicola Legrottaglie per dare una mano al Bari. L’ex difensore della Juve e del Milan, cresciuto in biancorosso, ha sondato la disponibilità del suo amico Andrea Radrizzani, patron del Leeds. Il primo incontro con il sindaco Decaro non ha sortito risultati positivi, stamattina risposta definitiva. L’impresa è ardua, visti i tempi ristretti: la corsa contro il tempo finirà domani alle 19, se non fossero versati 3 milioni per la ricapitalizzazione. Ma regge ancora la possibilità che il presidente Giancaspro (rientrato ieri a Bari) riesca a provvedere sul filo di lana.

CESENA Quello di domani alle 10.30 nella sede di corso Sozzi dovrebbe essere l’ultimo cda della storia del Cesena Calcio. A meno di improbabili miracoli dell’ultimo minuto infatti, il destino sembra essere il fallimento. C’è tempo fino alle 19 di domani per presentare il ricorso alla prima bocciatura della Covisoc per l’iscrizione e la corsa contro il tempo del Cesena sembra aver trovato alleati in una banca d’affari inglese interessata a rilevare la società, ma i tempi sono strettissimi. Il presidente Lugaresi non vuole arrendersi, ma sembra scontato che il Cesena proverà a ripartire dalla D sperando che qualcuno risponda al bando pubblicato dal sindaco Lucchi.


Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

Tosoni Auto
FISSC
 

SERIE B Domani sarà il giorno del Paulinho-bis alla Cremonese. Il club ha trovato l’accordo con la punta brasiliana, il cui contratto era scaduto lo scorso 30 giugno, per proseguire l’avventura in grigiorosso. La stessa Cremonese ha ufficializzato l’ardivo di Volpe (Gubbio) come secondo portiere e ora per la difesa punta Del Fabro (Juve, ma c’è da battere la concorrenza della Salernitnana) e valuta Laverone (Avellino) e Mogos (Ascoli) per la fascia destra.
Il Brescia ingaggia il trequartista Tremolada (Entella, era alla Ternana). Altro colpo del d.s. Angeloni per il Venezia: in porta c’è Lezzerini (Avellino). Bonazzoli (Samp, era alla Spal) firma per il Padova che è vicino al mediano Casarini (Novara). Il Verona accelera per l’attaccante Di Carmine, che il Perugia valuta 2,5 milioni. Lo Spezia nell’ambito delle cessioni di Corbo e Maggiore alla Spal può ottenere l’attaccante Moncini (era al Cesena). Il Livorno ha l’accordo per Forte (Inter, era allo Spezia) e pensa a Kozak (Bari) in attacco dove non tramonta il sogno di arrivare ad Antonio Cassano. Molto attivo il nuovo Ascoli targato Bricofer. Per la mediana continua il pressing per Vacca (Parma) ed è in arrivo Antonucci in prestito dalla Roma. Davanti continua il corteggiamento dei bianconeri per Petkovic (Bologna, era a Verona), anche se non è facile convincere il croato a scendere di categoria. Il Benevento segue Galano (Bari) e Piccolo (Cremonese). Domani la Salernitana conta di definire gli arrivi in attacco di Jallow (Chievo, era al Cesena) in sinergia con la Lazio e Djuric (Bristol): inoltre i granata aspettano il via libera dell’Atalanta per il ritorno de portiere Radunovic. Guerra (Feralpisalò) piace all’Avellino. Oggi attesa la firma di Bizzarri (Udinese) a Foggia (annuale con opzione). Capela (Carpi) al Cosenza. Il Crotone chiude per il ritorno di Ajeti (Torino).


SERIE C A volte ritornano: il Novara è pronto ad accogliere Pablo Gonzalez (Alessandria) e ci prova per Di Matteo (Lecce) che può arrivare nell’ambito della cessione di Calderoni ai salentini. In avanti piace Brighenti (Cremonese).

NORD Cascione (Cesena) firma per il Vicenza. Albertoni (Lucchese) va all’Albissola. La Giana riprende i giovani Taliento e Seck dall’Atalanta. Doppietta Arzachena con Moi (Gela) e Busatto (Union Feltre). Pinna (Cagliari) torna all’Olbia.

CENTRO Il Ravenna preleva Siani e Pellizzari dalla Juve. Colpo Cellini (Arezzo) per la Pistoiese. Il Siena stringe per Nardi (Parma). Fontanesi (Sassuolo, era al Gubbio) firma con il Pontedera. Doppietta Arezzo: ecco Melgrati (Cesena) e Tassi (Inter, era al Vicenza). Fortunato (ex Reggina) e Russo (ex Taranto) al Fano via Pescara. La Ternana prende Rivas (Inter). Damiani (Empoli) alla Viterbese.

SUD Scarpa rinnova con la Paganese che preleva Santopadre dall’Atalanta. Djordjevic (Catania) al Potenza. Giunta (Rieti) alla Sicula Leonzio che vuole Laezza (Reggina). Il Catania ingaggia Vassallo (Bologna) ed è vicino a Maiorino (Livorno) e Sini (Viterbese). Infine ufficiale l’approdo di Ciro Ginestra (Altamura) sulla panchina del Bisceglie.

IL GIALLO Venerdì era arrivata la firma con tanto di annuncio ufficiale per Sottovia (Mestre) alla Samb: la punta però ci ha ripensato ieri ha ripreso la via di casa per motivi familiari. Il contratto non verrà depositato.

Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

Tosoni Auto
ESTRA
 
Tosoni Auto
Il Chiasso Largo
 
Tosoni Auto
Panificio san Prospero
 

Gli uomini mercato della Robur sono vicinissimi a concludere l’ingaggio della punta Pietro Cianci, classe 1996, alto 196 cm per 90 kg di peso. Cianci nell’ultima stagione ha militato nella Reggiana registrando 27 presenze e 4 reti.  Sul giocatore si era creata una vera asta tra Spezia, Padova, Salernitana, Alessandria, Pordenone e Catanzaro, ma alla fine è prevalsa la volontà del giocatore che ha scelto Siena. Domani potrebbe essere il giorno della firma sul contratto e Cianci dovrebbe arrivare nella sede del ritiro a Castel del Piano nella stessa giornata.

Fonte: FOL  

Tosoni Auto
Panificio san Prospero
 

La squadra si ritroverà oggi pomeriggio alle ore 19 al Grand Hotel Impero SPA e Resort di Castel del Piano, dove alloggerà fino al 29 luglio.
 

Sono 26 i giocatori a disposizione di mister Michele Mignani:
Portieri:
Nardi Michele (86) (in attesa di tesseramento), Pane Pasquale (90), Cefariello Christian (00), Rossi Alessio (00)
Difensori:
Brumat Matteo (95), D’Ambrosio Dario (88), Nassi Niccolò (00), Cecconi Jacopo (00), Romagnoli Mirko (1998), Rossi Marco (87), Solini Matteo (93), Lomolino Matteo Vito (96)(in attesa di tesseramento), Bonechi Niccolò (01)
Centrocampisti:
Arrigoni Tommaso (94), Bulevardi Danilo (95), Cristiani Alessio (89), Cruciani Michel (86), Guberti Stefano (84), Fontana Tommaso Alejandro (01), Sensitivi Andrea (00)
Attaccanti:
Campagnacci Alessio (87), Neglia Samuele (91), Biancalani Sebastiano (00), Frosinini Francesco (00), Perri Manuel (00), Doda Andrea (01).

Dario D’Ambrosio effettuerà un lavoro differenziato programmato per completare il percorso di recupero iniziato dopo la finale dei playoff: il calciatore presenta un edema da sovraccarico del primo metatarso piede destro, il rientro in gruppo è previsto tra circa 30 giorni.

Fonte: FOL
Foto: Di Pietro


 

 

Tosoni Auto
Antiche dimore
 

Il lungo digiuno sta per finire. Comincia oggi la nuova stagione del Siena e tra poco torneranno gli incontri ufficiali: Tim Cup il 29 luglio, poi Coppa di Lega e campionato. Queste due settimane di attesa saranno accompagnate da tre amichevoli a Castel del Piano, sempre alle ore 18.

La prima con la Neania (19 luglio), la squadra locale che con la Robur condivide colori sociali e pure qualche ricordo sportivo del primo dopoguerra. L’ultima col Latina (26 luglio), società simbolo di un calcio scriteriato. L’ultimo incrocio, nel 2014, fu a casa loro: finì 0-3, con la commovente standing ovation del “Francioni” al momento dell’uscita di uno straripante Rosina. Andò male ad entrambi: il Siena fuori dai playoff e fuori dal calcio, il Latina ad un passo dalla A e adesso nei dilettanti (la finale playoff, tra l’altro, la perse con un’altra moribonda, il Cesena).

Nel mezzo tra Neania e Latina, un appuntamento particolare, contro la selezione dell’Assocalciatori formata da chi si è ritrovato senza contratto. E qui i bianconeri potrebbero ritrovare Marius Stankevicius, svincolato dopo la parentesi a Crema. Nella lista anche altri ex (Daniele Corvia, Caetano Calil, Fabrizio Grillo, Massimiliano Benassi) e vecchie conoscenze del calcio come Daniele Cacia, Rolando Bianchi, Giuseppe De Feudis, Marco Donadel, Horacio Erpen, Juanito Gomez, Ruben Olivera, Ivan Pelizzoli, Ferdinando Sforzini e Giuseppe Giovinco, fratello di Sebastian. I circa 60 calciatori saranno divisi in tre squadre, e solo una si queste affronterà la Robur a Castel del Piano.

C’è anche chi non è interessato a trovare squadra, come Andrea Lisuzzo, che allenerà nelle giovanili del Pisa una volta ottenuto il patentino Uefa B (è previsto, durante il ritiro, un corso di abilitazione concesso dalla Figc). Al ritiro Aic prenderanno parte anche la calciatrice Diana Bellucci e Daniele Piana e Giovanni Sasso della Nazionale Italiana Amputati. (Giuseppe Ingrosso)

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Futuro Businnes
 

Per il Cesena è oramai finita, manca solo che il presidente Giorgio Lugaresi ( continua a dire di avere contatti con un fondo inglese) lo comunichi alla squadra liberando i tesserati da ogni vincolo. Questo potrebbe avvenire lunedì dopo l'ultimo Cda che decreterà la fine del gloriosi club romagnolo. Il sindaco già da giorni lavora per garantire un futuro ripartendo dai dilettanti.

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Stone Fly
 

Una notizia che forse era nell’aria, ma che nessuno avrebbe voluto leggere.  La Procura di Bari ha presentato al tribunale civile istanza di fallimento della Fc Bari presieduta da Cosmo Giancaspro. La notizia che ha gettato nello sconforto la tifoseria dei Galletti è stata data dal quotidiano La Repubblica. Secondo quanto riportato la richiesta è stata presentata dai magistrati che indagano da tempo sul presidente Cosmo Giancaspro a causa del grave stato di insolvenza della società.

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Sartini Siena
 

Un'altra estate infernale per il nostro calcio: processi sportivi (Parma, Chievo, Foggia, Cesena), Cesena e Bari fuori dalla B (Avellino deve trovare una fidejussione entro lunedì), 4-5 club di serie C che rischiano di scomparire o sono già scomparsi (Mestre, Bassano, Fidelis Andria, Lucchese, Reggiana. Cuneo, Matera). In più, ecco un altro scandalo: le fideiussioni dubbie di 9-10 club di serie C, con la società Finworld Spa che adesso potrebbe essere bloccata dal consiglio di Stato.

Presidente Gabriele Gravina, ogni anno la sua Lega, la Lega Pro, è nei guai. Adesso che succederà con questi 10 club?

“La storia è chiara, noi abbiamo fatto la nostra parte sino in fondo. Ho scritto a questi club, devono mettersi in regola. Rischiano 300.000 euro di ammenda, equivalente della fideiussione, e una penalizzazione in classifica”.

Da questa situazione non se ne esce mai.

“Non si ha voglia di uscirne”

Sulla Gazzetta di oggi è scritto che “la Triestina ha depositato una fideiussione semplicemente falsa”. Le sembra normale?

“No, non è per niente normale. Ho denunciato la società alla Procura della Repubblica e alla procura federale: loro si considerano parte lesa e adesso presenteranno un'altra fideiussione buona. Poi, forse saranno penalizzati. Tutti si dichiarano truffati...”.

Molti club di calcio per una fideiussione da 300 mila euro si rivolgono a società assicurative e finanziarie che chiedono 30-40.000 euro quando una banca chiede solo 2-3000 euro. Strano, no?

Sorride. “Questione di garanzie... La verità è che così non si può più andare avanti, lo ho detto anche a Fabbricini. Su 60 società, 48 sono da serie A, una decina si iscrivono solo con una domanda senza tassa, fidejussione, pagamento dei calciatori... Poi si avanti coi ricorsi e con lele penalizzazioni. Così facendo, per la nostra Lega è un danno di immagine, rischiamo di perdere gli sponsor, anzi li abbiamo già persi. Farò un'azione di responsabilità”

Come si esce da questo caos?

“Semplice: tre gironi da 18 squadre ciascuno”.

Seconde squadre: ci saranno solo Juve e Milan

“Due, già... Forse una terza, se si libera un altro posto. Mi risulta che Roma, Samp, Torino e Udinese sono d'accordo ma vorrebbero aspettare il 2019”.

La prossima settimana (il 19 o 20) il commissario ha convocato per la seconda volta Leghe e componenti: lei con Sibilia, Tommasi e Nicchi chiedete di votare entro l'estate. Cosa potrà succedere in questo summit?

“Poco o niente. Noi ricorreremo comunque al collegio di garanzia del Coni e poi al Tar del Lazio”.

E se Giancarlo Abete non sarà candidabile, presenterete un'alternativa?

“Al momento non ci sono i presupposti: prima Fabbricini dovrà convocare le elezioni. Poi tutto verrà di conseguenza”.

Fonte: La Repubblica

Tosoni Auto
Rete ivo
 

Ivan Rondanini da qualche giorno è un giocatore del Brescia e, subito dopo la firma del contratto con le Rondinelle, ha rilasciato una dichiarazione al collega Sergio La Torre di Legnano News. L’ex bianconero ha parole di riconoscenza verso l’allenatore Michele Mignani, cui riconosce il grande merito della sua maturazione. 

“Il mio sogno era vincere il campionato col Siena, abbiamo sfiorato l’impresa. Il Brescia mi ha seguito durante tutto l’ultimo campionato, speravo di poter giocare con la loro maglia anche perché essendo svincolato avevo più possibilità di andarci. Gli infortuni subiti anziché demoralizzarmi mi hanno caricato, mi hanno fatto migliorare, avevo una fame maggiore, volevo sconfiggere la sfortuna superando le paure e con la consapevolezza di poter giocare ogni partita a duemila. Avrò come allenatore David Suazo, ex attaccante di Inter e Cagliari e come tecnico in seconda Cesare Beggi, che conosco benissimo in quanto era il mio allenatore con gli allievi nazionali del Milan con cui abbiamo vinto il titolo di campioni d’Italia. Voglio però in ultimo ringraziare Michele Mignani, il tecnico del Siena che mi ha fatto crescere moltissimo, in questa promozione in serie B c’è tanto di suo”.

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Elettronorge
 

E' da ieri a disposizione di Mignani il terzino sinistro Matteo Vito Lomolino, classe 1996, che partirà per il ritiro e al termine verrà valutato il suo  tesseramento.

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Antiche dimore
 

Potrebbero arrivare già oggi a Siena, e dopo le visite mediche partire subito per il ritiro, i portieri Michele Nardi (foto) e Kristaps Zommers.

Fonte. FOL

 

Tosoni Auto
Immobiliare Brogi
 
Tosoni Auto
Elettronorge
 
Tosoni Auto
Antiche dimore
 

Denis Iapichino, che oggi è stato presentato ufficialmente a Livorno ha affidato al suo profilo Facebook il saluto a Siena.

“Gli addii non sono mai belli, né tanto meno semplici da poter essere racchiusi in quattro righe. A Siena ho vissuto due stagioni fantastiche, due anni intensi, belli ed entusiasmanti, ho trovato una città fantastica ed un pubblico pazzesco, che fin dal primo giorno mi ha fatto sentire importante. Ringrazio la società per avermi voluto fortemente due anni fa e per aver scommesso su di me. Un grazie sincero va a tutti i compagni di squadra con i quali negli ultimi due anni ho condiviso la vita, dentro e fuori dal campo”. 

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Sa Giorgio a Lapi
 

Una trattativa portata avanti sotto traccia, un interesse covato addirittura da un anno, come ha svelato il difensore: Marco Rossi è tornato in Italia per vestire la maglia della Robur, dopo la parentesi biennale nel massimo campionato australiano con i neozelandesi del Wellington Phoenix. Per giocare “in una piazza importante e storica del calcio italiano”. Per mettere la sua esperienza a disposizione dei colori bianconeri.

L’ARRIVO. “Sono qua con grande entusiasmo, l’accoglienza è stata ottima. Già l’anno scorso c’erano stati dei contatti con il Siena, ma per una serie di incastri l’operazione non si è potuta concludere. Stavolta, arrivata la chiamata ho detto sì all’istante: sono contento e orgoglioso. Ho seguito un po’, nonostante la lontananza, le vicende della squadra di Mignani, ha disputato un grande campionato. Peccato per come sia finita. Cercheremo di fare il meglio possibile in questo, tutti insieme”.  

IL RICHIAMO DELL’ITALIA. “Sì, era il mio desiderio, dopo un’esperienza all’estero che mi ha comunque lasciato tanto. Mi ha formato, credo di aver raggiunto la maturità calcistica. Ho giocato un calcio diverso, con meno qualità di quello italiano, meno tattico, ma alla fine non così distante. E lo dimostra il fatto che l’Australia sia arrivata a giocare i Mondiali. Però volevo riprendere nel mio Paese, per fare ancora meglio di prima. Sì, ho giocato contro Maccarone… E no, la squalifica non c’entra niente con la mia voglia di andare via”.  

L’ESPERIENZA. “In carriera ho sempre giocato in serie A e in serie B e metto a disposizione della Robur tutta la mia esperienza, anche per la crescita dei più giovani. Siena è una grande piazza anche se adesso gioca in Lega Pro: sono pronto a mettermi in gioco e fare bene”.  

I PRIMI CONTATTI CON MIGNANI. “Abbiamo chiacchierato un po’, in questi primi giorni di lavoro. Mi ha spiegato quale sia il suo modo di vedere il calcio, un calcio ragionato che parte dalla difesa. I giocatori dello scorso anno me ne hanno parlato molto bene. Non ci saranno problemi”. (Angela Gorellini)


Fonte: Fol

Tosoni Auto
FISSC
 

Il pallone Magister Erreà, personalizzato in esclusiva per la Lega Pro, il pallone ufficiale della Serie C per i prossimi tre anni.

Fonte: FOL


 

 

Tosoni Auto
Immobiliare Brogi
 

Tramite Instagram Simone Guerri ha dato l'annuncio del suo addio al calcio giocato

“Fara’ sempre un certo effetto nn scendere più in campo e non vivere più quelle sensazioni di cui ho sempre vissuto. L’entusiasmo, le speranze, le ansie, i sacrifici, le lacrime, le gioie e le cicatrici. Ho sempre pensato di andare via nei tempi e nei modi giusti e adesso è il momento. Mi guardo indietro e non vedo i 20 anni di carriera ma vedo tutti voi che mi avete accompagnato in questo viaggio. Compagni di squadra, fisioterapisti, magazzinieri, dottori, direttori sportivi, allenatori, presidenti, tifosi e tutte le mie squadre. Ho un pezzettino di tutti voi nel mio cuore e questo puzzle, questo quadro che si creato, e’ il regalo più grande che avessi potuto mai desiderare. Sono stato onorato di essere stato al vostro fianco in tante battaglie. GRAZIE a tutti”.

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Antiche dimore
 

I pareri Covisoc sono arrivati via Pec alle società e adesso, per quelle bocciate, è una corsa contro il tempo. La situazione è disperata per Bari e Cesena in B e per almeno tre club di C: se per la Lega di Gravina siamo nella triste media di questi anni, per quella di Balata è uno scenario decisamente insolito, e questo spiega l’attivismo del presidente - che ieri s’è visto anche respingere l’istanza contro le seconde squadre - nel cercare una rivisitazione della Legge Melandri. Tornando alle iscrizioni, lunedì in Figc il commissario Fabbricini attende i ricorsi (devono arrivare entro mezzogiorno) e il 19-20 comunicherà chi sarà ammesso, a questo punto con varie penalizzazioni. Poi, dal 20, si aprirà la corsa ai ripescaggi, anche se non sono esclusi nuovi ricorsi da parte dei bocciati al Coni e al Tar, per la solita estate rovente.

SERIE B Bari e Cesena a questo punto hanno pochissime speranze di farcela. Se per il Cesena la situazione è compromessa su più fronti, con il presidente Giorgio Lugaresi che s’è chiuso nel silenzio, il Bari dovrebbe «solo» trovare tre milioni, visto che il restante milione e mezzo mancante l’ha versato il presidente Cosmo Giancaspro dopo un lungo cda: se entro lunedì si trovano gli investitori (sarebbero state avviate due trattative, con il sindaco Decaro a fare da raccordo) almeno ci sarebbe l’iscrizione al fotofinish, ma il futuro resterà comunque un’incognita. Out al momento anche l’Avellino, per la fideiussione mancante: la società però conta di sistemarsi e quindi avrà soltanto una penalizzazione di 1 o 2 punti.

SERIE C Fuori dai giochi Bassano (si è accorpato da tempo con il Vicenza) e Mestre (riparte dall’Eccellenza), non ci sono speranze per Fidelis Andria e Lucchese, purtroppo non nuove a questo tipo di bocciatura. Si è aperto clamorosamente uno spiraglio per la Reggiana, con la proprietà (affiancata dal solito Pablo Dana a promettere sostegno) adesso intenzionata a ripianare, a presentare la fideiussione e a trovare un accordo con il Sassuolo per lo stadio: se Alicia Piazza (il marito Mike nelle ultime ore si sarebbe defilato) ce la farà entro lunedì, potrà salvarsi ma di sicuro si ritroverà con una pesantissima penalizzazione. Altre società sono state bocciate perché non hanno presentato in tempo la fideiussione (nel frattempo qualcuno ha già provveduto): il Trapani non ha trovato nuovi proprietari e ci penserà la famiglia Morace, la Juve Stabia invece ha firmato la svolta societaria con un nuovo presidente (Felice Ceccone, 38 anni, origini foggiane, rappresentante di una società inglese: con lui, senza figurare, c’è Fabio Petroni, ex Pisa, mentre Franco Manniello ha tenuto il 33%) e a sorpresa anche la Triestina, che ora deve provvedere. Deve sistemare diverse cose non semplici il Matera e si dice in grado di farlo, l’ha fatto il Siracusa con il nuovo proprietario Alì e non ci sono problemi al Cuneo, che presenta qualche incognita soltanto per il futuro, vista la nuova dirigenza. Bocciatura (decisamente esagerata) anche per Monza e Pistoiese, a causa di alcuni piccoli problemi infrastrutturali, comunque già risolti.

RIPESCAGGI Da venerdì 20, dopo l’apertura dei bandi, si potranno presentare le domande di ripescaggio, in base ai criteri da tempo comunicati dalla Figc che, per una questione di trasparenza, farebbe bene a pubblicare anche le graduatorie, dal momento che si tratta di calcoli aritmetici. In Serie B una stima non ufficiale - ma da fonte attendibile - vede (dietro a Novara e Catania, non ripescabili) il Siena e la Ternana in testa: i toscani sarebbero davanti di pochissimo, ma se saltano sia Bari che Cesena il problema non si pone e salgono entrambe. Invece in Serie C al momento ci sono cinque squadre pronte a subentrare: secondo i criteri e le graduatorie, i posti nell’ordine vanno a una seconda squadra (Juventus B), una retrocessa (Prato, le altre non sono ripescabili), una della D (Cavese), un’altra seconda squadra (Milan B) e un’altra della D (Como). Se ci fossero altri posti, o si cerca un’altra seconda squadra (Roma B?), o un’altra della Serie D (Imolese?). In ballo c’è anche il Santarcangelo che - pur non essendo ripescabile - rivendica una riammissione per il posto lasciato libero dal Bassano: Fabbricini ha già respinto un’istanza del club, che però intende ricorrere e proseguire nella battaglia.

Fonte: La Gazzetta dello Sport


 

Tosoni Auto
Rete ivo
 

SERIE B Irrompe il ciclone Foggia sul mercato con ben sei acquisti. Tra i pali arriva il quarantenne Bizzarri (Udinese) che firma un annuale. Al suo fianco un pokerissimo di giovani: dal Torino il centrale Buongiorno e la punta Butic, dalla Fiorentina il difensore Ranieri e il centravanti Gori, ai quali si aggiunge il centrocampista Zanimacchia (Genoa). E gli innesti per il Foggia non finiscono qui: Grassadonia ha chiesto i fedelissimi Alcibiade (Pro Vercelli) e Firenze (Crotone, era al Venezia).

Attivissimo anche lo Spezia, che ha chiuso l’accordo con il Genoa per il portiere Lamanna, prende in prestito il difensore Capradossi (Roma) e in avanti ci prova per Cianci (Sassuolo, era alla Reggiana) e l’islandese figlio d’arte Sveinn Gudjohnsen (Breidablik Kópavogur).

Ufficiale l’addio tra Cosmi e l’Ascoli, con la società che ha comunicato l’esonero visto che non c’è stato accorso per la separazione consensuale. Una mossa che ha sbloccato l’arrivo di Vivarini (ex Empoli), che ha firmato un contratto biennale.

Ufficiale il ritorno di Mazzotta (Pescara) al Palermo. Il Brescia punta Scavone (Parma) per la mediana. Ufficiali gli arrivi di Kresic (Atalanta, ex Avellino), Carretta e Montalto dalla Ternana alla Cremonese che sfida la Salernitana per il centrale Del Fabro (Juve, era a Novara). Incontro positivo a Milano per il ritorno di Capello (Cagliari) al Padova che ha ufficializzato l’ingaggio di Merelli (Atalanta). Il Carpi può pescare due rinforzi in casa Napoli: chiesti il portiere Contini (era al Pontedera) e il trequartista Machach; è dura arrivare a Tutino (ex Cosenza, che pure lo rivuole), più vicino al Pescara che prende anche l’esterno Marras (Trapani). Il Benevento, che nell’ambito della cessione di Brignola al Sassuolo insiste per avere in cambio Ragusa, chiude per il portiere Montipò (Novara). Il Crotone pesca in D Kargbo (Campobasso), rivuole Ajeti (Torino) e insiste per avere in prestito Asencio (era all’Avellino) dal Genoa.


SERIE C L’Airone vola a Salò. Il presidente Pasini si regala un colpo da urlo («mi sembra un sogno»): Andrea Caracciolo. Una scelta di cuore quella dell’ex capitano del Brescia, che non se l’è sentita di firmare per la Cremonese e diventare avversario della sua squadra del cuore. Mercoledì il blitz decisivo della Feralpisalò con l’agente D’Amico: ieri la firma fino al 2020 per Caracciolo («resto vicino al mio Brescia»), che sarà presentato domenica.

NORD Altro rinforzo di spessore per il Piacenza: Nicco (Alessandria). Ufficiale il colpo Reginaldo (Pro Vercelli) a Monza. L’Entella su Orlandi (Novara), la Pro Vercelli su Tedeschi (Catania). Sanè (Chievo) va alla Pro Patria. Danieli (Chievo) alla Virtus Verona. Giacomelli rinnova con il Vicenza che tessera Grandi (Cesena, era al Bassano). Bis Pro Piacenza con Paparusso (Fondi) e Zola (Genoa): ora l’obiettivo è Marin (ex Manchester City). La Triestina ci prova per Tupta (Verona). Pacciardi (Viterbese) va all’AlbinoLeffe, Morosini (Piacenza) al Südtirol e Pandolfi (Viterbese) all’Arzachena.

CENTRO La Ternana prende Bergamelli (Pro Vercelli) e tratta Troiano (Entella) e Belingheri (Cremonese). Bis Viterbese con Forte (Rende) e Zerbin (Napoli). La Pistoiese rivuole Rovini (Pro Vercelli) e punta Crisanto (Roma, era al Siena). Battaiola (Cremonese) torna al Gubbio, Zecca (Sassuolo, era al Piacenza) va al Teramo, Briganti (Santarcangelo) alla Vis Pesaro, Russo (Pescara) al Fano, Eleuteri (Atalanta, ex Monopoli) al Ravenna. Fontanesi (Sassuolo, ex Gubbio) al Pontedera e Marozzi (Fiorentina) alla Fermana.

SUD Il Catania ufficializza Ciancio (Lecce) e punta Giannone (Pisa). Il Monopoli, dopo De Angelis (Ciliverghe) e il ritorno di Mangni (Atalanta), ottiene Berardi (Torino, era alla Juve Stabia) ed è vicino a Bolis (Atalanta), Ceccarelli (Prato) e Zazzi (Varese).

Fonte: La Gazzetta dello Sport


 

 

Tosoni Auto
Antiche dimore
 
Tosoni Auto
Sapori di Toscana
 
Tosoni Auto
Elettronorge
 

Il Livorno ha ufficilizzato il tesseramento di Dennis Iapichino.

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Sapori di Toscana
 

Si è tenuto oggi allo stadio il primo allenamento della stagione 2018-2019. Il gruppo imbottito di molti ragazzi della Berretti ha effettuato una seduta atletica.

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Sa Giorgio a Lapi
 

Bari, Cesena e Avellino non risultano al momento in regola con la documentazione necessaria per l'iscrizione al prossimo campionato di Serie B. Questo il verdetto della Covisoc e della Commissione Criteri Infrastrutturali e Sportivi-Organizzativi della Figc. I club bocciati potranno inoltrare ricorso entro le ore 19 di lunedì 16 luglio. Entro giovedì 19 luglio, esaminati i ricorsi, le Commissioni esprimeranno parere motivato al commissario straordinario della Figc che nella giornata di venerdì 20 luglio, deciderà sulle concessioni delle licenze nazionali. In caso di responso avverso, le società escluse avranno ancora la possibilità di ricorrere al Collegio di Garanzia dello Sport del Coni il 26 luglio.

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Sapori di Toscana
 

E’ uno di quei giocatori che si sposano alla perfezione con il credo di Mignani: centrocampista che ama “giocare palla a terra”, duttile e dal tiro buono. Classe 1994, Tommaso Arrigoni è prontissimo a intraprendere questa nuova avventura. Con la maglia della Robur.


LA SCELTA. “Sono carico più che mai, il Siena è stato fin da subito la mia prima scelta, nonostante avessi ricevuto altre richieste. Quando è arrivata la chiamata non ci ho pensato un attimo: per quanto riguarda il campo, la squadra, guidata da Mignani, l’anno scorso, ha espresso un gran bel gioco e a livello di società ho avvertito nei miei confronti una grande fiducia: già dallo scorso gennaio mi è stata dietro. Una società importante”.

LE CARATTERISTICHE. “Sono un centrocampista che ama giocare palla a terra. Ho coperto praticamente tutti i ruoli del reparto in carriera. Io mi sento una una mezzala, ma anche sulla trequarti mi trovo molto bene. No, con il mister non ho ancora parlato”.

LA CARRIERA. “Sì, è vero, ho abbastanza esperienza alle spalle, con presenze anche in serie maggiori. Ne parlavo in questi giorni: con il Cesena, la mia prima maglia titolare in serie A, l’ho indossata proprio contro il Siena… Ho avuto degli alti e bassi ma credo cha la mia consacrazione ci sia stata l’anno scorso, alla Lucchese. E da lì, l’interesse del Siena. Ho disputato un’ottima stagione, in un’annata tra l’altro complicata: è arrivata una salvezza tranquilla, ma non era così scontata. Oggi, purtroppo si vedono i risultati: il club è ormai sull’orlo del fallimento”.

UNA ROBUR WORK IN PROGRESS. “Sono consapevole di essere arrivato in un club importante, tra i primi in serie C. Sicuramente saprà come muoversi, noi dobbiamo soltanto scendere in campo e dare il massimo”. (Angela Gorellini)


Fonte: Fol

 

Tosoni Auto
Sartini Siena
 


Il Siena comunica che il nuovo preparatore dei portieri sarà Massimo Gazzoli che arriva in bianconero dopo due anni alla Pistoiese e uno alla Carrarese. Confermati inoltre nei ruoli di preparatori atletici Marco Coralli e Lorenzo Spina.

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Sartini Siena
 

Distratti da un Palio con una mossa infinita ed un’estrazione che ci ha già proiettato nel clima del Palio dell’Assunta non abbiamo avuto il tempo di accorgerci che, nel frattempo, il gruppo di mister Mignani che nel campionato scorso ha mancato due volte di un soffio la conquista della serie B… già non esiste più!

Eppure avevamo tutti dato credito a certi proclami secondo i quali quella pattuglia di giocatori (per tutto l’anno definita fantastica, meravigliosa, unita, compatta…) non sarebbe stata smembrata e che anzi, a fronte delle inevitabili partenze dovute a scadenza di prestito, sarebbero bastati pochi ritocchi per perfezionare il giocattolo assemblato e rodato fin dalla scorsa stagione. Invece, per una ragione o per l’altra: via Gerli, via Iapichino, via Vassallo… e poi Rondanini, forse D’Ambrosio, di sicuro Sbraga ed infine (per ora…) addirittura capitan Marotta, “El Diablo”, l’idolo della tifoseria.

A questo punto appare chiaro che, pur dando la massima fiducia alla dirigenza della società bianconera, il famoso piano triennale per tentare la scalata alla serie cadetta va a farsi benedire proprio nel campionato in cui avrebbe dovuto dare il suo frutto. Per l’ennesima volta, insomma, avremo una squadra pressoché completamente rifondata con tutti i problemi che in questi casi ci sono per riuscire a carburare subito e bene.

Evidentemente la delusione di Pescara deve aver lasciato il segno in molti dei protagonisti dello scorso campionato ma un’altra riflessione, purtroppo amara, direi che si impone: di nuovo dobbiamo prendere atto che le cosiddette “bandiere” davvero non esistono più e che certe sirene, giustamente professionali ma soprattutto economiche, finiscono per avere sempre la meglio su quell’attaccamento alla maglia su cui da tempo nutro più di un legittimo dubbio.

Fanno svelti loro, i nostri cari beniamini, a liberarsi mente e cuore dal passato! Per esempio a Marotta basta postare su Instagram un paio di frasi gentili e dire che lui “ha dato tutto e di più a questa città” (gratis? Per volontariato? Si doveva forse risparmiare un pochino?); Sbraga poi ricorda amicizie, risate, ringrazia tutti per essere stato trattato a Siena da re ma preferisce altri lidi…

Io spero che quello che ha tutta l’aria di un inatteso “fuggi-fuggi” generale dipenda solo dal desiderio di giocare in categoria superiore, avvicinarsi a casa, avere altri “stimoli” visto che la nostra sete di vittoria per qualcuno non era sufficiente e mi auguro che Dolci e Vaira sappiano lavorare alla grande come l’anno scorso.

Ma per ora, inutile negarlo, ho la spiacevole sensazione, in questo 2018 che poteva essere un’annata storica, di chi alla fine resta con un pugno di mosche in mano.

Mentre gli eroi della domenica assomigliano sempre più ai “dieci assassini”.

 

Mario Lisi

 

Tosoni Auto
Futuro Businnes
 

Con la fine di questo indimenticabile anno finisce anche la mia avventura a Siena. Un anno fantastico fatto di tante gioie di ricordi indimenticabili come questo a Catania.....un anno di amicizie di risate e di serate che rimarranno sempre con me...grazie a tutti dalla presidentessa al magazziniere a tutta la città intera ma grazie soprattutto ai miei compagni di avventura...a presto. (Andrea Sbraga)

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Sa Giorgio a Lapi