CLEAN ACCCENT
Audio Life
Ricci Bus
Banca Cras
Audio Life

News

11/06/18 16:23 | Le pagelle di Catania-Siena a cura di Federico Castellani

PANE  7

Pane c’è. Attento pratico e soprattutto decisivo nel presidiare l’area nonostante i ripetuti traversoni. Salva il risultato e il passaggio del turno opponendosi da campione ad un tiro ravvicinato.

RONDANINI 7

Uno stantuffo e attento in difesa. Ingiustamente punito per un fallo non commesso e una inspiegabile ammonizione che gli costa l’espulsione e la finale. Mette un gioiello di palla allo scadere in mezzo che Guberti maldestramente non sospinge in rete.

PANARIELLO 7,5

Lo straniero di Coppa. Attento senza svolazzi lotta e combatte. Vai Aniello mi sento rappresentato da te.

SBRAGA 6,5

L’unica disattenzione ci costa il pareggio facendosi trovare fuori traiettoria da un cross millimetrico. Del resto un plauso per il calcio di rigore battuto da grande attaccante.

IAPICHINO 7

Peccato. Peccato. Peccato. Stava benissimo e purtroppo in pochi minuti si becca due ammonizioni che di fatto ci lasciano in dieci e soprattutto ci priva di un uomo importante sabato a Pescara.

VASSALLO 7

Bravo. Bravo. Bravo. Parte benissimo e sfiora il goal.Poi tanto lavoro e soprattutto non perde mai la testa. Lui che invece ogni tanto scapoccia.

GERLI 7

Era ritornato. Bello. Geometrico, concreto. Poi un maledettissimo fallo a metà campo e out sabato. Forza Damian allora. 

SANTINI 7,5

Rapinatore. Irriverente. Insopportabile per i difensori avversari. Un soldato che lotta, segna e non molla mai.

MAROTTA 7,5

Grande come tutti. Ma un plauso in più per la capacità di restare fuori dalle mischie. Esperienza e cervello.

NEGLIA 8

Sontuoso. Imprendibile. Un incubo per la difesa impacciata degli Etnei. Finalmente il Neglia che volevamo e che merita tutto il nostro abbraccio. Il migliore.

BULEVARDI 6,5

Grande cuore e tanta corsa. Peccato che si vada ad infilare a far da paciere e, come spesso accade, si becca un ammonizione sciocca quanto ingiusta. Ma si sa che gli arbitri, in queste situazioni, tendono a ammonire uno qua e uno là. Doveva fare come Marotta e Vassallo. Starne alla larga e lo avremmo avuto in finale. Ci mancherà il Vichingo.

GUBERTI 6

Entra ma la categoria e certe battaglie sembrano non appartenergli. Inoltre ha la grandissima colpa di sbagliare un goal fatto che avrebbe chiuso la tenzone. 

DAMIAN 7

Entra a battagliare e a far densità. Ora l’esame più difficile: la finale a Pescara. Come a Pisa dove lo ammirammo.

MARHOUS 7

Siamo nelle sue giovani mani. Coraggio e gamba.

CLEUR          7

Risiamo nelle sue mani

Cosa va

Partita tatticamente perfetta. Grande grande grandissimo Michele. Ingabbia i siciliani e, se non perdevamo i pezzi per strada, uscivamo stravincenti dal catino del Massimino. Infine la grande determinazione e giusta cattiveria di tutta la squadra. Gli attributi ci sono eccome se ci sono…..

Cosa non va

Il collegamento che all’ultimo rigore si blocca.1800 cuori prima tremano poi, come un sabba liberatorio, esplodono in una gioia incontenibile. Per andare a Pescara ci sono i pulmans, per lottare ci sono i ragazzi…per sbranare Monaco.…non c’è prezzo…………. Ciao ciao Catania.

Fonte: FOL

Tosoni Auto