Ricci Bus
Banca Cras
CLEAN ACCCENT
Audio Life
Banca Cras

Rassegna Stampa

16/05/18 16:04 | La Nazione - L’ex Crocetti: “Il Siena merita la B”

Sarà pure in amichevole, ma Lorenzo Crocetti, questo pomeriggio, tornerà per la prima volta al Franchi da avversario. E un po’ di emozione gli farà compagnia. Proprio lui che a Massa ha siglato, con una doppietta, l’ultima promozione centrata dalla Robur. Alla quale, oggi, augura di rivivere le stesse, uniche, sensazioni… 

Di tempo ne è passato da allora…
«Sì, ma è sempre bello tornare a Siena. Poter giocare in stadi come il Franchi è una grande fortuna per un calciatore. Quella di oggi sarà un’amichevole di fine stagione, speriamo di non essere le vittime sacrificali, ma credo proprio di sì… (ride ndr). Sappiamo che alla Robur serve per allenarsi: ha un obiettivo grosso da centrare».

Può farcela secondo lei?
«Se lo meriterebbe di sicuro. Per il campionato che ha fatto, per il valore della rosa. E’ riuscita a recuperare lo svantaggio dal Livorno, passando anche in testa. Peccato per quei due tre passi falsi che le sono costati carissimi. L’ho vista giocare due volte dal vivo, e le ho anche portato bene: a Lucca e in casa sempre contro la Lucchese, sei punti in totale. Dall’inizio, dove comunque si intravedevano già delle qualità, si è proprio trasformata. Sì, può ambire alla vittoria dei play off, anche se ci sono tante squadre forti e attrezzate. E tanti fattori in ballo, non solo il tasso tecnico».

La pausa?
«Un’arma a doppio taglio. Da una parte perdi il ritmo e non è facile, ma non credo che giocare tante partite ravvicinate senza poter rifiatare sia poi meglio. E comunque entrando ai quarti, eviti un bel po’ di ostacoli. L’importante sarà arrivare all’appuntamento con la testa giusta e con tante motivazioni».

Crocetti e il Poggibonsi?
«Dispiace per come siamo usciti dai play off, proprio in malo modo. Alla fine se una squadra doveva vincere era il Grosseto, ma un 4-0 schiacciante dopo una rincorsa incredibile, non è stato proprio il massimo. Alla fine è sempre l’ultima partita che ricordi».

Massese-Siena allora se la ricorda bene…
«E come non potrei. Segnai una doppietta e centrammo la promozione… Ma sono tanti i momenti in bianconero che non potrò dimenticare. La prima partita al Franchi e la rete che mi è valsa la premiazione per il gol più bello ai Fedelissimi. La vittoria di Rieti in un momento decisivo della stagione. Oppure la soddisfazione che mi sono tolto nel segnare due-tre gol consecutivi dopo l’esclusione dai titolari per l’arrivo di Bigoni… Momenti indelebili, che tengo con me». (Angela Gorellini)

Fonte: Fol

 

Tosoni Auto