News

10/01/19 10:23 | Contini: “Mi spiace per Nardi, è importante per lo spogliatoio. Il mio sogno è fare gol”

Nikita Contini, portiere della Robur, è intervenuto ad Antenna Radio Esse. Queste le sue dichiarazioni:

La sosta - “Finalmente abbiamo ricominciato gli allenamenti dopo una sosta che ci voleva. Forse per come stava andando era meglio non fermarsi, ma speriamo sia stato uno stop positivo e ripartiamo con le pile cariche verso Pisa”.

Obiettivi – “Siamo una squadra molto forte, completa in tutti i reparti. Possiamo arrivare in alto ma rimaniamo umili”.

Nardi – “Mi dispiace abbia trovato poco spazio ma il ruolo è particolare, ne gioca uno solo. Vorrebbe andar via come è giusto che sia, spero che trovi una soluzione perché è un professionista ed è stato molto importante per il nostro spogliatoio”.

Arturo – “Recentemente è venuto a mancare un tifoso, Arturo, mi è rimasto molto a cuore. Giocherà sempre con noi, come dodicesimo in campo”.

Biografia – “Sono nato in Ucraina ma cresciuto a Napoli, facendo la scuola calcio a Giugliano, dove vivo tutt’ora. Fino a dieci anni mi sono alternato tra porta e attacco. Sin da piccolino ero tifosissimo del Milan, mi attraevano Dida e Shevchenko, ucraino anche lui. Poi sono diventando tifoso del Napoli”.

Rigori – “Il nostro preparatore ci fa vedere i rigoristi, come calciano i rigori. Poi decido lì per lì. Non aspetto mai fino all’ultimo, a meno che chi è davanti a me è uno che fa la finta. Mi baso sui video e sugli ultimi rigori calciati”.

Handanovic – “E’ un grande portiere, mi ispiro a lui. La caratteristica simile è l’agilità di andare velocemente a terra. Lo ammiro e spero di diventare come lui”.

Errori – “Dopo ogni partita mi rivedo e mi ritaglio le cose personali, ma aldilà delle belle parate sono gli errori che guardo di più”.

Fare gol - “Se dovesse capitare di salire in attacco? Vado di sicuro. Uno dei miei sogni più grandi è fare gol, e prima o poi lo farò”.

Rito – “La cosa che faccio sempre è toccare i due pali e la traversa con le mani per poi baciarmi la mano. È un rito che mi porto avanti da tanto ma non sono scaramantico”.

Tempo libero – “Gioco alla playstation, calcio e guerra, e spesso passeggio la mattina presto. La musica? Ascolto molto gli AC/DC e i Queen. Mi piacciono le serie tv, attraverso Netflix”. (Giuseppe Ingrosso)

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto