Banca Cras
Ricci Bus
CLEAN ACCCENT
Audio Life
Banca Cras

Rassegna Stampa

08/08/18 08:16 | Avellino ora è finita. Corso contro il tempo per ripartire dalla D.

Ora che è venuta giù la montagna, portandosi dietro un fiume di rabbia e sconforto, per il calcio ad Avellino ce n’è subito un’altra da scalare, e i tempi dell’ascesa sono strettissimi. Maledetti tempi. In questa estate pazza e crudele, gli irpini si sono ritrovati a rincorrere gli eventi e agli appuntamenti col destino sono arrivati sempre in ritardo: un pizzico, ma fatale. Glielo ha ricordato anche la prima sezione ter del Tar del Lazio, ieri, nel respingere la richiesta di sospensione cautelare con cui speravano di rientrare dalla finestra nel prossimo campionato di B: «L’eventuale tardività della comunicazione dell’esito dell’istruttoria – ha scritto nel decreto monocratico il presidente Giampiero Lo Presti, che ha fissato la discussione nel merito al 13 settembre – in nessun modo avrebbe potuto determinare una diversa scadenza del termine perentorio finale per la presentazione dei ricorsi e della documentazione integrativa». Tradotto, in poche parole e sintetizzando la recente storia triste dell’Avellino: la prima fideiussione, presentata nei termini, non aveva tutti i requisiti; la seconda e la terza, che avevano i requisiti, sono state presentante fuori tempo massimo. Dunque, il club di Taccone – pur finanziariamente più solido di tante altre realtà regolarmente iscritte in B e in C, come ha confermato il Collegio di Garanzia del Coni – non ha rispettato le regole e si ritrova fuori dal calcio professionistico.

TUTTO DA FARE Fa male, ma è così. E il guaio ora è che se si vuole evitare di ripartire dai bassifondi del calcio, bisogna agire in fretta e con lucidità. In pochi, pochissimi giorni andrebbe costituita una nuova società, ottenere l’affiliazione alla Figc e presentarsi nel centro di Roma, a piazzale Flaminio, sede della Lega Nazionale Dilettanti dell’irpino Sibilia, con tutte la carte in regola per chiede- re l’iscrizione (in sovrannumero) al campionato di Serie D. Servono 150mila euro, ma prima ancora servono soggetti seri e un progetto credibile. Il sindaco Vincenzo Ciampi garantisce l’impegno, ma ammette che si riparte da zero. «Ci stiamo attivando per il futuro del club – dice – avvieremo contatti con persone interessate a rilevare la società. Il mio unico intento è garantire alla città una squadra che si possa iscrivere almeno alla Serie D e che abbia alle spalle una società lungimirante. Ancora non abbiamo ricevuto nessun tipo di contatto, io neanche mi ero attivato perché ero speranzoso nel Tar, ma ora bisogna guardare avanti».


Fonte: La Gazzetta dello Sport


 

 

Tosoni Auto