CLEAN ACCCENT
Banca Cras
Ricci Bus
Audio Life
Audio Life

IL SONDAGGIO

Vota il miglior bianconero in Alessandria-Siena

Prima della partita Siena-Cuneo, in programma mercoledì 17 ottobre alle ore 20.30, i tifosi autorizzati potranno accedere allo stadio per attaccare gli striscioni dalle ore 18.00 alle 18.45. La società bianconera comunica che i cancelli dello stadio apriranno alle ore 19 e sempre dalla stessa ora saranno aperte le biglietterie del Sottopassaggio a La Lizza e quella adiacente la statua di Santa Caterina.

Fonte: FOL


 

 

Tosoni Auto
Immobiliare Brogi
 

5 reti:
Caccavallo (Carrarese), Martignago (Albissola), Romero (Piacenza), Tavano (Carrarese)
4 reti:
Morra (Pro Vercelli), Rolando (Gozzano)
3 reti:
Buglio (Arezzo), Cacia (Novara), Nolè (Pro Piacenza), Pereira (Juventus U23), Piscopo (Carrarese), Ragatzu (Olbia), Rovini (Pistoiese)
2 reti:
Biasci (Carrarese), Bortolussi (Lucchese), Bunino (Juventus U23), Ceter (Olbia), De Luca (Alessandria), Latte Lath (Pistoiese), Moscardelli (Pisa), Mota Carvalho (Entella), Scardina (Pro Piacenza), Sorrentino (Lucchese) 
1 rete:
Battistini (Pro Patria), Bellazzini (Alessandria), Bertoncini (Piacenza), Bonacquisti (Arzachena), Borello (Cuneo), Brunori (Arezzo), Cais (Albissola), Calcagni (Pontedera), Caponi (Pontedera), Cattaneo (Novara), Comi (Pro Vercelli), Coralli (Carrarese), Corradi (Piacenza), De Feo (Lucchese), De Vitis (Pisa), Eusepi (Novara), Fanucchi (Pistoiese), Gabbia (Lucchese), Gatto (Arzachena), Gerbi (Pro Vercelli), Germano (Pro Vercelli), Gliozzi (Robur Siena), Gucci (Pro Patria), Le Noci (Pro Patria), Libertazzi (Gozzano), Lombardo (Lucchese), Luperini (Pistoiese), Kanis (Cuneo), Maccarone (Carrarese), Maldini (Pro Piacenza), Mannini (Pontedera), Mastroianni (Pro Patria), Messias (Gozzano), Muratore (Juventus U23), Nicco (Piacenza), Nizzetto (Entella), Palazzolo (Gozzano), Persano (Arezzo), Pesenti (Piacenza), Ropolo (Pontedera), Ruzzittu (Arzachena), Said (Cuneo), Sanna (Arzachena), Sansone (Novara), Sartore (Alessandria), Secondo (Gozzano), Sicurella (Pro Piacenza), Sylla (Piacenza), Strechie (Lucchese), Tourè (Juventus U23), Valente (Carrarese), Vallocchia (Olbia), Vitiello (Pistoiese), Volpicelli (Pro Piacenza), Zanchi (Pro Piacenza), Zappa (Juventus U23)

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Sa Giorgio a Lapi
 
Tosoni Auto
ESTRA
 
Tosoni Auto
Sapori di Toscana
 

La Robur torna dalla prima trasferta con un punto conseguito attraverso una prestazione con note positive e negative ma anche con una gran voglia di cercare il risultato fino all’ultimo istante.

Mister Mignani deve ancora individuare alcuni giocatori che conferiscano stabilità ai reparti e garantiscano l’attuazione degli schemi provati in allenamento, così schiera il duo Russo-Rossi al centro della difesa e Di Livio con Aramu a sostegno dell’unica punta Gliozzi.

Il centrocampo è il reparto che al momento offre maggiori garanzie e quindi è confermato il trio Vassallo, Gerli, Sbrissa con il sostegno dei laterali Imperiale e Brumat per spingere sulle fasce.

A sinistra si manovra meglio e gran parte delle azioni si sviluppano da quella parte, Imperiale si fa notare per continuità e decisione mentre sul lato destro ancora si fatica a sviluppare il gioco e Brumat non affonda mai.

Il Siena fa la partita ma manca l’ispirazione per concludere, Di Livio non si rende mai efficace, i suoi dribbling terminano fra i piedi degli avversari ed i tentativi di passaggio ai compagni non arrivano a destinazione; anche Aramu è ingabbiato sull’esterno destro così riceve sempre la palla da fermo e quando si mette in moto sbatte spesso nei raddoppi di marcatura.

In questa situazione, nonostante la Robur tenga la palla nella metà offensiva, Gliozzi risulta totalmente isolato e non gli arrivano palloni giocabili, si batte come può e tenta la conclusione ma è difficile trovare la porta.

Nonostante ciò la Robur conquista vari calci d’angolo ma non riesce a pungere, neppure con i tentativi di Aramu da lontano; in verità capita una grandissima occasione a Vassallo dopo appena un quarto d’ora, un fraseggio di prima tra Di Livio e Gliozzi con palla a terra lo mette davanti alla porta ma il nostro non calcia neppure e l’occasione sfuma, incredibile!

L’Alessandria è una squadra che, a differenza del passato, non ama il fraseggio insistito, predilige invece le verticalizzazioni immediate per sfruttare la velocità degli esterni: dopo tre minuti dall’inizio ha l’occasione per segnare con un colpo di testa del suo centrattacco ma la palla esce di poco sul fondo.

Stesso copione a cinque minuti dall’intervallo e questa volta è gol: Imperiale non contiene il diretto avversario che scodella in area un invitante pallone per De Luca, al momento del salto i nostri difensori sono uno davanti e l’altro dietro l’avversario, il colpo di testa risulta facile.

Bel gol ma che polli!

Si va al riposo con qualcosa da rivedere: la difesa deve accorciare sugli avversari, l’attacco va assistito di più e magari tentare il tiro da fuori area, l’Alessandria non ha impressionato per qualità tecniche ma ha mostrato una difesa ed un centrocampo molto grintosi che non concedono spazio ai bianconeri.

Si torna in campo con la stessa formazione ed i nostri sembrano più determinati, occorre velocizzare la manovra ed i nostri ci provano ottenendo punizioni e calci d’angolo che purtroppo non producono l’effetto sperato.

La Robur spinge e quindi concede qualche spazio ai grigi che non disdegnano il contropiede, Rossi si prende un giallo ma piace la voglia di battersi che i bianconeri mettono in mostra e l’insistenza con cui tentano di recuperare il risultato: Sbrissa non aggancia un pallone tagliato di Aramu su punizione ma l’Alessandria è in affanno.

Al quarto d’ora sostituzioni per il Siena: fuori Imperiale e Di Livio entrano Zanon e Cianci.

La partita cambia perché la forza d’urto portata da Cianci è notevole ed alla prima occasione si procura un calcio di rigore lavorando un invito in area di Aramu.

Questa volta tira Gliozzi e la palla si insacca.

La partita si accende e tutte e due le squadre provano a vincerla, così assistiamo a fasi alterne con occasioni da ambo le parti, la più bella capita alla Robur con Vassallo che calcia fuori da pochi passi un invito da destra di Sbrissa.

Ci sono scontri duri dentro e fuori area ma le difese reggono, entra Cristiani per Aramu ed infine Guberti per l’infortunato Sbrissa ma il risultato non cambia e dopo 5 di recupero termina 1-1.

La partita era difficile per vari motivi ma soprattutto perché la Robur ha giocato poco fino ad ora ed il ritmo partita è cosa diversa dall’allenamento seppur intenso; ancora non c’è un gioco corale e gli automatismi di reparto debbono essere oliati ma c’è sicuramente stoffa, bisogna avere pazienza.

I giovani alla corte di Mignani hanno indubbie qualità ma molti di loro devono ancora abituarsi al clima che si vive in partita, ci sono inoltre gli assenti per infortunio che potranno contribuire certamente ad alzare il livello del gruppo.

IL centrocampo appare il reparto più affidabile al momento, Vassallo non è ancora brillante come lo abbiamo visto in passato ma fornisce già un buon apporto, Gerli non si discute lui ha le chiavi del motore, Sbrissa ha favorevolmente impressionato e quando sarà maggiormente integrato con i compagni potrà mostrare il suo tasso tecnico.

La difesa benino perché il gol preso è l’esempio di cosa non bisogna fare ma buone le chiusure, la gestione della palla ed il gioco aereo; i terzini hanno sofferto ma a volte è mancato l’aiuto dei compagni senza il quale risulta tutto più difficile, Zanon ha grande velocità e caratteristiche diverse da Imperiale e se l’è cavata bene.

In attacco l’ingresso di Cianci si è sentito ma Gliozzi ha giocato diligentemente la partita anche in sua assenza, manca ancora il vero contributo di Aramu che a volte sparisce per diversi minuti dalla gara ma non scordiamoci che è tra gli ultimi arrivati.

Per ultimo cito Di Livio dal quale mi aspetto molto per il bagaglio tecnico di cui dispone, badare maggiormente alla sostanza e lasciare le giocate per quei momenti della partita che le consentono.

Prendiamoci un punto e muoviamo la classifica.

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Antiche dimore
 
Squadra PT G Totale
V N P GF GS
Carrarese 13 6 4 1 1 18 9
Arezzo 11 5 3 2 0 5 1
Piacenza 10 5 3 1 1 10 7
Pro Piacenza 10 4 3 1 0 10 4
Pro Vercelli 9 3 3 0 0 7 3
Pisa 8 5 2 2 1 3 3
Juventus U23 7 6 2 1 3 8 8
Lucchese 7 6 1 4 1 8 7
Pontedera 7 5 2 1 2 4 6
Alessandria 6 5 1 3 1 4 5
Arzachena 6 4 2 0 2 4 7
Olbia 6 5 2 0 3 6 7
Cuneo 5 5 1 2 2 3 7
Novara 4 3 1 1 1 6 5
Siena 3 3 0 3 0 1 1
Virtus Entella 3 1 1 0 0 3 1
Gozzano 3 6 0 3 3 8 14
Pro Patria 3 5 1 0 4 4 8
Pistoiese 2 5 0 2 3 8 13
Albissola 1 5 0 1 4 6 10

 

Tosoni Auto
Rete ivo
 

Si è conclusa con le ultime due partite la sesta giornata del girone A.
Gozzano-Lucchese 1-1
Reti: 6' Sorrentino (L), 95' Rolando (G)
Arezzo-Pontedera 2-1
Reti: 23' Brunori (A), 31' Buglio (A).

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Futuro Businnes
 

Un fine settimana pieno di soddisfazioni per la famiglia di Michele Mignani e Claudia Boschi. Sabato u.s. la Nobile Contrada del Bruco si è aggiudicata il Minimasgalano, manifestazione organizzata dalla Contrada della Torre, grazie alla bravura del tamburino Alessandro Radice (figlio di Ruggero Radice e Anna Lisa Taccioli) e degli alfieri Gabriele Di Paola e Carlo Mignani. Domenica a salire sugli scudi è stato Guglielmo Mignani, il primogenito, che nella partita dell’Under 17, Siena-Lucchese 5-2, ha siglato ben quattro reti. A chiudere la settimana ci ha pensato poi babbo Michele che, dopo una partita ben gestita, ha conquistato un buon punto sul sempre difficile campo dell’Alessandria.  

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Sa Giorgio a Lapi
 

Il giudice sportivo in merito alle gare della sesta giornata giocate domenica 14 ottobre ha deliberato di infliggere un multa alle società:
PRO VERCELLI 1.000 euro per indebita presenza negli spogliatoi al termine della gara di persone non identificate ma riconducibili alla società.
PISA 500 euro perché propri sostenitori in campo avverso danneggiavano le strutture e i servizi del settore dell'impianto sportivo loro riservato (obbligo risarcimento danni se richiesto)

Una giornata di squalifica all'allenatore Baldini (Carrarese) ed al giocatore Muscat (Pistoiese)

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Il Chiasso Largo
 

Il Siena comunica che da questo campionato si legano alla Robur anche i ragazzi de Le Bollicine, che  sono pronti per iniziare la loro avventura con le maglie della Robur Siena. Oggi pomeriggio allo stadio il vice presidente Federico Trani e il direttore marketing Vincenzo Federico hanno consegnato le maglie ad alcuni rappresentanti della squadra.
Il commento della presidente Anna Durio: “È un grande piacere accogliere nella nostra famiglia i ragazzi de Le Bollicine. La nostra intesa è nata nella scorsa stagione quando abbiamo sostenuto la raccolta fondi per Casa Clementina e quando ho assistito al torneo ‘Un goal per un sorriso’. Sono sempre più convinta che il calcio debba recitare un ruolo fondamentale per il sociale, e spero nel nostro piccolo di poter dare un segnale importante con queste iniziative”. 

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
FISSC
 

SERIE D

PIANESE: Nuova vittoria per 2-0 degli amiatini nella sfida di cartello contro la Sangiovannese, grazie alle marcature di Catanese e Buongiorno. Per i bianconeri di Marco Masi secondo posto in classifica e migliore difesa di tutta la serie D, con una sola rete incassata su calcio di rigore contro il Tuttocuoio. In campo per pochi minuti nel finale anche gli ex senesi Andrea Bracciali e Giammarco Ravanelli.

SAN GIMIGNANO: Prima battuta d’arresto per i valdelsani contro il Gavorrano del nuovo allenatore Atos Rigucci. Per la compagine neroverde di mister  Fabio Ercolino prestazione sottotono, con la vittoria che manca ormai da quasi un mese, anche se la classifica al momento non preoccupa.

SINALUNGHESE: Seconda sconfitta consecutiva per i rossoblù di Roberto Fani che escono battuti dal campo del Seravezza con il punteggio di 3-1. Inutile la rete messa a segno, per il momentaneo pareggio, da parte di Adamo, con i chianini che occupano comunque una posizione di metà classifica.

ECCELLENZA

Turno di riposo in Eccellenza per Badesse, Colligiana e Poggibonsi.

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Panificio san Prospero
 

La sesta giornata del girone A si concluderà questa sera con Gozzano-Lucchese (18.30) e Arezzo-Pontedera (20.45) trasmessa in diretta da RaiSport.

Fonte: FOl

 

Tosoni Auto
Tosoni Auto
 

La società bianconera comunica di aver rinnovato il contratto al capitano Stefano Guberti, che si è legato alla società bianconera fino al 30 giugno 2020. Guberti sarà a disposizione dei giornalisti domani, alle ore 17, nella sala stampa del campo sportivo dell’Acquacalda. 

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Elettronorge
 

La partita Siena-Cuneo, in programma mercoledì 17 ottobre alle ore 20.30, sarà diretta da Nicola Donda della sezione di Cormons. Gli assistenti saranno Thomas Miniutti di Maniago e Andrea Torresan di Bassano del Grappa.
Un solo precedente con l'arbitro Donda.

2014-2015 Siena-San Donato Tavarnelle 3-1

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Tosoni Auto
 

Archiviato il terzo pareggio consecutivo, la Robur Siena è attesa dal turno infrasettimanale nel tentativo di conquistare i primi tre punti della stagione. Al Franchi arriverà il Cuneo, reduce dalla importante affermazione contro l’Olbia.

Il Cuneo prende parte al suo secondo campionato consecutivo in Serie C dopo una serie di stagioni in cui alle promozioni in terza serie avevano fatto immediatamente seguito delle retrocessioni nel massimo campionato dilettantistico. Anche la scorsa annata sembrava non facesse eccezione visto che i biancorossi, dopo un inizio tranquillo, sono pian piano scivolati nei bassifondi della graduatoria. La scommessa in panchina di affidarsi ad un esordiente della categoria come Massimo Gardano non paga i dividendi sperati, tanto che la società decide di congedarlo dopo poche partite per responsabilizzare i giocatori. A pagare alla lunga è invece la scelta di sostituirlo con William Viali, tecnico abituato a campionati di sofferenza e con già diverse esperienze maturate in Serie C. Pur non riuscendo ad andare oltre il penultimo posto finale, Viali e i suoi compiono l’impresa nel playout con il Gavorrano: il gol di Zamparo nella gara di andata del “Fratelli Paschiero” basta ai piemontesi per ribaltare l’handicap dovuto al peggior posizionamento in graduatoria rispetto ai minerari.

L’estate appena trascorsa è quella in cui si verifica anche l’annunciato passaggio di proprietà: dopo dieci stagioni al timone infatti, il presidente Marco Rosso decide di passare il testimone. Il 29 Giugno avviene il passaggio delle quote a Roberto Lamanna, che fa capo ad una cordata italiana e asiatica. Nonostante le rassicurazioni la nuova proprietà non parte proprio benissimo, visto che decide di affidare la propria fideiussione bancaria alla compagnia assicurativa Finworld, società che la Banca d’Italia aveva escluso dall’albo e alla quale si erano rivolte anche diverse altre squadre di Serie C e di Serie B. Successivamente il club ha comunque adempiuto al cambio di società assicurativa evitando così di incorrere in una pesante penalità. L’insediamento della nuova proprietà porta inevitabilmente anche a variazioni all’interno dell’organigramma. Si materializza infatti l’addio con lo storico DS Valter Vercellone che decide di lasciare la scrivania biancorossa dopo quindici anni di lavoro: “Ci sono incomprensioni insanabili sul mercato e sul modo di vedere e fare il calcio tra me ed il patron Lamanna. Auguro al Cuneo tutto il bene possibile, spero venga realizzato il nuovo stadio e che i tifosi possano continuare a sostenere la squadra”, il commento di addio dell’ex direttore.

 

Il cambio di proprietà non è coinciso con un cambio di obiettivi, pertanto pure in questa annata il principale traguardo da raggiungere per i biancorossi sarà la salvezza. Per farlo, la nuova proprietà ha deciso di affidarsi a Cristiano Scazzola, tecnico che la Robur Siena scelse nella stagione 2016/17 per sostituire l’esonerato Giovanni Colella; dopo un inizio incoraggiante, l’allenatore savonese perse le redini della squadra e fu artefice di un girone di ritorno da incubo. Dopo la salvezza risicata in bianconero, per lui si erano aperte le porte della Casertana; anche in Campania, tuttavia, le cose non sono andate bene e dopo poche giornate si è materializzato l’esonero. Per il tecnico ex Pro Vercelli la parentesi di Cuneo arriva quindi nel momento adatto per potersi rilanciare dal punto di vista personale, consapevole di dover affrontare un campionato di sofferenza. Eccezion fatta per la debacle contro la Juve Under 23, il Cuneo ha comunque cominciato con il piede giusto rendendosi protagonista di prestazioni molto positive soprattutto nella immeritata sconfitta di Pisa e nella gara con l’Olbia. Per Scazzola e i suoi l’obiettivo sarà quello di uscire dal Franchi indenni e portare a casa preziosi punti salvezza. (Jacopo Fanetti)

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Sa Giorgio a Lapi
 

CONTINI  6

Poco impegnato anzi per niente. Sul goal non poteva farci nulla

BRUMAT 6

Si limita a giocare semplice preferendo quasi sempre il retropassaggio ad un affondo. Senza infamia e senza lode

IMPERIALE 5,5

Poco mordace in difesa dove consente sempre agli esterni il facile cross  dal quale , alla fine, scaturisce il momentaneo vantaggio dei grigi; non incisivo in fase d’attacco. Ancora molto timido per ricoprire quel ruolo nello scacchiere bianconero. Preferisce sempre l’appoggio all’iniziativa vanificando la spinta di attacco.

ROSSI 6

Non molto impegnato tuttavia , facendo coppia con il compagno di reparto, si fa sorprendere tre volte dagli accorrenti avversari finché non ci si becca il goal. Rimane a sua discolpa il fatto che è difficile contrastare un avversario che ti viene da dietro su dei cross molto invitanti e fatti come si deve.

RUSSO 6

Idem come sopra. Non si fa sorprendere centralmente ma sui palloni alti dai cross tagliati si.

SBRISSA 6,5

Lavora soprattutto in copertura e cerca di costruire. Con alterni risultati. Andava sostituito prima visto l’incidente occorso e  che ci ha costretto a giocare in 10 per svariati minuti per poi essere sostituito di lì a poco. Tempo perso.

GERLI 6

Lontano dal giocatore che abbiamo tanto apprezzato. Tuttavia spreca pochi palloni e, anche se scolasticamente, fa il suo compitino.

VASSALLO 6

Sbaglia due ottime occasioni: nel primo tempo dove cincischia oltremodo e nella ripresa dove fallisce un facile tap-in dentro l’area piccola. Poi come al solito generoso.

GUBERTI sv

Entra allo scadere più per una mossa tattico psicologica che per altro. Ingiudicabile.

ARAMU 6,5

Avrebbe le chiavi della tre quarti e lo fa a corrente alternata ma complessivamente positivo. Un paio di belle iniziative e poi un po' statico. Temibilissimo sulle palle ferme viene sostituito nel finire. In miglioramento ma ci aspettiamo grandi cose da uno come lui.

GLIOZZI 7

Costretto probabilmente dal modo di giocare in appoggio a centrocampo smista buoni palloni e sembra sempre nel vivo del gioco. Ma a centrocampo. Purtroppo gli inserimenti che le sue giocate innescano non trovano mai gli interpreti finali. Trasforma con sicurezza il penalty…. pesantuccio.

CIANCI 6,5

Mossa tipica della ripresa. E lui fa quello che gli viene chiesto, procurandosi l’ennesimo rigore che permette il pareggio. Meno male.

DI LIVIO 5,5

Esperimento da rivedere. Parte con voglia e velocità ma si spenge con il passare dei minuti. Si intestardisce a tenere palla e non trova quella giocata che ci aspettiamo. Viene sostituito giustamente.

CRISTIANI sv

Pochissimi minuti a disposizione . Non giudicabile.

ZANON 6

Più coriaceo in fase difensiva marca stretto i crossatori grigi che nel primo tempo ci hanno fatto dannare. Troppo leggero in fase di spinta dove non riesce mai a proporsi compiutamente.

Cosa va

Una ripresa abbastanza gagliarda fino al goal che riesce in qualche modo ad evitare una sconfitta che avrebbe avuto una cassa di risonanza pesante. La mossa di far entrare il gigante Cianci , per la seconda volta, ci permette di avere il rigore che ci evita il patatrac. Meno male.

Cosa non va

Siamo ancora lenti complessivamente, con uomini chiave sotto lo standard al quale eravamo abituati. Il difetto maggiore e strutturale di questa squadra, per il momento, sembra risiedere nelle fasce dove, per il momento, sembriamo avere interpreti ancora molto timidi sia in fase di difesa che di attacco. Lontani parenti degli esterni che sono andati a sostituire. La fase di attacco soffre di anemia; quasi 300 minuti giocati 1 goal e su rigore. Un po' pochino se i numeri hanno un senso. Aspettiamo fiduciosi.

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Stone Fly
 

Dopo la trasferta ad Alessandria la Robur sarà subito in campo questa mattina perchè mercoledì arriva il Cuneo.
Questo il programma degli allenamenti:
Lunedì: ore 11:30
Martedì: ore 15
Mercoledì: Siena-Cuneo, ore 20:30
Giovedì: ore 15:30
Venerdì: ore 15
Sabato: ore 10.30
Domenica: Juventus U23-Siena ore 16:30 (ad Alessandria)

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Immobiliare Brogi
 

Ancora un pareggio per il Siena che non riesce a dimostrare tutto il proprio potenziale. L’Alessandria ha disputato la sua onesta partita andando in vantaggio con un bel colpo di testa di De Luca servito alla perfezione da Sartore. Nella ripresa gli ospiti hanno impresso alla gara maggior dinamismo pervenendo al pareggio su rigore di Gliozzi, dopo un fallo di Sartore su Cianci. Opportunità ancora per il Siena con Cianci e Zanon, ma sono i padroni di casa a reclamare, nel finale, un fallo da rigore subìto dall’imprendibile Sartore e non fischiato.

Fonte: Gazzetta dello Sport


 

 

Tosoni Auto
clean sanex
 

Altro pareggio per il Siena, tre su tre. Si sblocca con un gol su rigore, di Gliozzi, meglio di niente per tenere in piedi il risultato ad Alessandria. Anche i piemontesi hanno smarrito la strada della vittoria - un successo all'esordio contro la Juve e poi basta - mentre il Siena porta via buone indicazioni avendo risposto per le rime al gol di De Luca 5' prima della pausa".

Fonte: Corriere dello Sport

 

Tosoni Auto
Sa Giorgio a Lapi
 
Tosoni Auto
Elettronorge
 
Tosoni Auto
Futuro Businnes
 
Tosoni Auto
clean sanex
 

Dopo la bella vittoria di ieri della squadra Berretti sul campo del Pisa oggi sono arrivate altre tre vittorie per le squadre delle giovanili bianconere impegnate in casa e con tanti gol realizzati. Nell'Under 17 Mignani ha realizzato un poker mentre Seghi nei Giovanissimi Nazionali ha messo a segno una tripletta.

UNDER 17
SIENA-LUCCHESE 5-2
Siena:
Petrucci, Arrigucci (70’ La Rosa), Castellazzi, Gambassi (70’ Sisinni), Chiti, Abazi, Danielli (57’ Barontini M.), Perrella (57’ Tozzato), Mignani (70’ Barontini P.), Arigò (57’ Sestini), Abbate (29’ Sarno). All. Voria. A disp. Boraschi, Cioni. 
Lucchese: Sparavelli, Romiti (46’ Giuliani, 88’ El Bahja), Pardini, Del Rosso, Pedrini, Del Dotto, Bertonelli, Spatola, Maggi (73’ Paolini), Pieretti, Dal Poggetto. All. Graziani. A disp. Mazzotta, Berti Pagani, Campani, Puviani, Grassi, Lorzaroli. 
Arbitro: Andreano di Prato. Assistenti: Iuliano di Siena e Cavini di Siena. 
Marcatori: 27’, Mignani (S), 32’ Maggi (L), 36’, Mignani (S), 42’ Spatola (L), 44’ Arigò (S) 53’ e 55’ Mignani (S).
Espulsi: Pedrini (L)
Ammoniti: Sisinni (S)
 

UNDER 15
SIENA-LUCCHESE 5-2
Siena:
Viti, Casini C., Moruzzi (57’ Vario), Mezzasoma, Simi (51’ Imperato), Barbera (57’ Morosi), Dema, Pomi (63’ Ricciotti), Radi (36’ Bifini), Galli (51’ Majuri), Bonechi (63’ Hagbe Hagbe). All. Argilli. A disp. Baldi, Casini V.
Lucchese: Cortopassi, Bertoncini, Santelli (36’ Doroni), Tomei (36’ Pantaleoni), Bernardeschi, Buchignani (36’ Bianchi), Diouf, Valdrighi, Mauro, Rossi, Vaselli. All. Amaducci. A disp. Labozzetta, Angiolini, Turri, Pucci. 
Arbitro: Lampedusa di Grosseto 
Marcatori: 4’ e 15’ Galli (S), 37’ Vaselli (L), 50’ Bonechi (S), 67’ Bifini (S), 68’ Imperato (S), 71’ Bianchi (L). 

GIOVANISSIMI PROFESSIONISTI
SIENA-CARRARESE 3-2
Siena:
Nadalin, Batoni, Pitti, Amaddii, Pugliese (61’ Volentieri), Scartoni (67’ Cervone), Pecci (40’ Pianigiani), Ghiozzi Pasqualetti, Seghi (65’ Hilla), Mignani (55’ De Dominicis), Forni (40’ Pecciarini). All. Pericoli. A disp. Pignattai, Fineschi, De Carlo. 
Carrarese: Ragonesi, Bonafede, Bedini, Cosentino, Faconti, Cacciatori, Giampieri, Pepe, Zaccagna (55’ Lombardi), Negri, Folcarelli. All. Mazzanti. A disp. Andreani, Pasquini, Zeka, Petriccioli, D’Auria. 
Arbitro: Micheli di Siena. 
Marcatori: 3’, Seghi (S), 5’ Negri (C), 33’ Folcarelli (C), 38’ 50’ Seghi (S)
Ammoniti: Bonafede (C)

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Futuro Businnes
 

Primo punto del campionato per l'Albissola, che con un gol all'86' di Martignago costringe il Piacenza (in vantaggio con Nicco dopo 5') ad un'altra battuta d'arresto dopo il ko col Novara. Il quadro della 6° giornata si completa domani con due incontri, Gozzano-Lucchese (ore 18.30) e Arezzo-Pontedera (diretta Rai Sport, ore 20.45).

I risultati di oggi:

Ore 14.30

Arzachena-Juventus Under 23 1-0 (42’ Bonacquisti)

Carrarese-Novara 4-2 (21’ Cattaneo, 56’ rig. e 81’ Tavano, 61’ e 89’ Caccavallo, 94’ Sansone)

Cuneo-Olbia 1-0 (44’ rig. Borello)

Pistoiese-Pisa 0-2 (55’ rig. Moscardelli, 60’ De Vitis)

Ore 16.30

Alessandria-Siena 1-1 (39’ De Luca, 64’ rig. Gliozzi)

Pro Patria-Pro Vercelli 0-1 (21’ Germano)

Ore 18.30

Albissola-Piacenza 1-1 (5’ Nicco, 86’ Martignago).

Da disputare:

Gozzano-Lucchese (lunedì, ore 18.30)

Arezzo-Pontedera (lunedì, ore 20.45)

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Tosoni Auto
 

“Dopo l’1-1 abbiamo creato solo noi, potevamo vincerla e quindi c’è rammarico”. Comincia così l’analisi post-partita di Gaetano D’Agostino, ex calciatore del Siena e adesso mister dell’Alessandria.

Siena più forte - “Sono contento della prestazione e sono contento dei ragazzi, consapevole di aver affrontato una squadra più forte, soprattutto per le alternative che aveva in panchina”.

Arbitro – “Non mi sentirete mai parlare degli arbitri. Il loro rigore era netto, il nostro lo devo rivedere, ma quello che voglio dire è che non si può spezzettare in continuazione la partita. Sono state fischiate cinque-sei punizioni laterali su falli che non esistevano, nè per noi né per loro. Il calcio è fatto di contrasti, ogni tanto bisogna lasciar correre. In altri Paesi l’arbitro non fischia, per dare continuità alla partita”.

Talamo – “Ha fatto un movimento bellissimo, poi ha perso il piede d’appoggio e ha calciato alto. Non è questione di cinismo, è questione di fortuna”.

Sbampato – “Sta crescendo, lo conosco da Francavilla, l’ho messo perché ho voluto dare un segnale. Io non guardo il nome o la carriera, altrimenti Gazzi non starebbe in panchina. Un giovane non si deve credere già giocatore e non dare il massimo in settimana. I giocatori sono privilegiati, ma devono venire al campo arrabbiati, devono sacrificarsi”. (Giuseppe Ingrosso)

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Elettronorge
 

È stato indubbiamente uno dei protagonisti della partita. Francisco Sartore ha fornito l’assist dell’1-0 per De Luca, ha causato il rigore dell’1-1 e ha chiesto un penalty successivamente, dopo un contatto su Zanon. Anche se in conferenza stampa lascia spazio all’onesta. “Gliozzi è stato furbo a mettere i piedi e io, cercando di spazzare, ho preso le sue scarpette. Il rigore c’era, sono stato un pollo perché era spalle alla porta e poteva far poco. Zanon? Ero in corsa e molto stanco, ho cercato di guadagnare in velocità e di buttarmi su di lui. Poteva starci il penalty, ma dipende dall’arbitro che non ha fischiato. Nel complesso sono contento per il primo tempo, nella ripresa ci siamo abbassati un po’. Preso il gol siamo tornati sopra, potevamo fare il 2-1”. (G.I.)

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Tosoni Auto
 

“Dobbiamo essere più cattivi sotto porta. Potevamo provare a vincerla, ma il pari ci fa sperare per le prossime partite perché abbiamo espresso un bel calcio”. Questo il commento di Ettore Gliozzi, l’attaccante bianconero autore del gol del pareggio, su calcio di rigore. “Vado sempre sereno a tirare i rigori, non è quello il problema”, spiega bomber calabrese. “La squadra già a inizio ripresa ha reagito, e questa è la cosa fondamentale. Il reparto offensivo? Chiunque gioca può far bene, ognuno di noi ha caratteristiche diverse. L’estate è stata particolare, ma siamo stati bravi perché siamo stati sempre sul pezzo, anche nelle amichevoli. E per adesso le prestazioni non sono mai mancate”. (G.I.)

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Sapori di Toscana
 

“Una buonissima partita nel primo tempo, poi siamo cresciuti di ritmo nella ripresa. Sono contento per la prestazione e rammaricato perché il nostro obiettivo come sempre è scendere in campo per vincere”. Questo il pensiero di mister Michele Mignani nel post-gara di Alessandria-Siena.

Alessandria – “Mi aspettavo giocassero con questo modulo o con due mediani e Bellazzini tra le linee. L’Alessandria si è abbassata molto, ha subìto il gioco del Siena e creato un paio di cross: sul primo hanno colpito di testa e la palla è uscita, sull’altro hanno fatto gol. Zanon nell’ultima mezz’ora è stato bravo ad imporsi sulle volate di Sartore”.

Finalizzare – “In queste prime tre giornate di campionato non abbiamo creato tantissimo ma abbiamo creato. Anche oggi potevamo concludere meglio. Penso a Sbrissa quando ha cercato Vassallo, ad Aramu che ha sfiorato il palo. Gliozzi si è mosso bene. Probabilmente dobbiamo migliorare sotto l’aspetto delle conclusioni, crederci di più, tirare di più da fuori, è un momento dove non riusciamo a finalizzare per la mole di gioco che creiamo”.

Individualità - “È chiaro che quando troviamo squadre come l’Alessandria che si abbassano molto, gli spazi diventano più stretti ed escono le giocate individuali dei singoli”. (Giuseppe Ingrosso)

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Elettronorge
 

A sbloccare la gara del Moccagatta è stato Manuel De Luca, la giovanissima punta dell’Alessandria. “Ma purtroppo il mio gol non è servito a vincere, rimane rammarico di non aver portato i tre punti a casa”, spiega il classe ’98 a fine partita in conferenza stampa. “La partita l’avevamo preparata bene, vedo una squadra in crescita sotto tanti punti di vista, rispetto alla Lucchese e al Pro Piacenza abbiamo creato di più, ci è mancata cattiveria agonistica”. De Luca considera il Siena  una squadra che “punta a vincere il campionato” e giudica il contatto in area tra Sartore e Zanon "un rigore netto, perchè gli ha tagliato la corsa”. (G.I.)

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Il Mangione
 

Alessandria (3-5-2): Cucchietti; Sbampato, Prestia, Agostinone; Sartore, Gatto, Maltese, Bellazzini (68' Gazzi), Panizzi; Santini (83' Talamo), De Luca. A disposizione: Pop, Zogkos, Gerace, Gjura, Fissore, Usel, Rocco, Cottarelli, Badan. Allenatore: Gaetano D’Agostino.
Siena (4-3-1-2): Contini; Brumat, Russo, Rossi, Imperiale (61' Zanon); Sbrissa (88' Guberti), Gerli, Vassallo; Di Livio (61' Cianci); Gliozzi, Aramu (80' Cristiani). A disposizione: Cefariello, Nardi, De Santis, Arrigoni, Belmonte, Romagnoli, Fabbro. Allenatore: Michele Mignani.
Arbitro: Marchetti di Ostia Lido. (Lenarduzzi e Sartori).
Marcatori: 39' De Luca (A), 64' rig. Gliozzi (S).
Ammoniti: Rossi (S), Di Livio (S), Santini (S)
Spettatori: 1.667 di cui 900 abbonati e 767 paganti. Senesi 27

Al Moccagatta arriva il terzo pari consecutivo del campionato. Il Siena, senza Belmonte e Guberti dal 1', va sotto immeritatamente alla fine del primo tempo ma sale d'intensità fino al rigore trasformato (stavolta sì) da Ettore Gliozzi, uno dei migliori. Trovato il pari rientra in gioco l'Alessandria (che crea di più) mentre il Siena esce dalla partita a 10' dal termine, quando Mignani richiama in panca Aramu, ormai elemento imprescindibile. Da ritrovare Guberti, che entra nel finale e perde tre palloni in serie, non brillante Di Livio nell'ora abbondante avuta a disposizione. Farà comodo Fabbro, a partire dal turno infrasettimanale. Perchè mercoledì si torna a giocare al Franchi, col Cuneo dell'ex Scazzola.

95' fine partita

90' cinque di recupero

90' Sartore mette in mezzo, Talamo in girata manda fuori da pochi passi!

87' esce Sbrissa, acciaccato e fasciato, dentro Guberti. Esauriti i cambi per Mignani

85' si gioca pochissimo in questo finale. Gerli prova la verticale per Cristiani che non ci arriva, palla sul fondo

82' esce Santini, entra Talamo

79' entra Cristiani ma al posto di Aramu

78' contatto in area Zanon-Sartore che rimane a terra

78' Sbrissa è pronto ad entrare con una fascia in testa

77' Gliozzi da lontanissimo, palla fuori bersaglio

75' scontro aereo in area bianconera, Sbampato tocca con la testa Sbrissa che rimane per qualche secondo a terra. Si accomoda fuori con del ghiaccio. E' pronto Cristiani

69' Sbrissa mette dentro un cross basso, Vassallo gira fuori da pochi passi! E' una partita apertissima

68' da destra Sartore, De Luca fa sponda indietro per Gatto che liberissimo cicca il pallone. Il Siena concede troppo in ripartenza sulla propria fascia sinistra

67' fuori Bellazzini, dentro l'ex di turno Gazzi. Primo cambio per D'Agostino

67' Zanon in profondità per Cianci che esagera e calcia direttamente, palla fuori

66' riparte l'Alessandria sulla destra, il Siena è scoperto ma Zanon chiude bene in angolo

65' prova a farsi perdonare Sartore, ma il suo cross viene rimpallato fuori. Si riparte con una rimessa dal fondo

63' portiere da una parte (destra), palla dall'altra. Gliozzi non sbaglia dal dischetto, è 1-1!

62' rigore per il Siena conquistato da Cianci dopo un improvviso lancio da destra di Aramu. A fare fallo in area, ingenuamente, è stato Sartore

60' Cianci e Zanon per Di Livio e Imperiale: questa la prima mossa di Mignani

59' occasione Siena! Aramu su punizione da sinistra, Sbrissa in caduta allarga il destro ma calcia alto da pochi passi!

55' Maltese in contropiede, Di Livio lo trattiene e si prende il giallo

52' Gerli conquista un angolo. Va Aramu, Sbrissa su una seconda palla calcia sul muro della difesa di casa

50' giallo a Rossi, primo ammonito della gara

49' Aramu sceglie l'angolo sopra la barriera, la palla non si abbassa a sufficienza

48' errore dei grigi, Aramu dribbla da fuori area e si prende fallo da ottima posizione, ideale per un mancino come lui

47' buona ripartenza del Siena, Di Livio si perde nel tenere il pallone, poi la palla arriva ad Aramu che manda fuori di testa

46' Gliozzi va a terra dopo un contatto con Prestia in area, tutto regolare per l'arbitro

Ripresa la partita con gli stessi undici del primo tempo. Siena che attacca verso la curva ospiti

Il Siena non demerita ma va sotto nei primi 45' del Moccagatta. Bianconeri bene nella parte centrale (due palle gol nette nei piedi di Vassallo e Aramu) con Gliozzi parte attiva di un gioco che prevede spesso lanci lunghi a scavalcare il centrocampo. Nel finale disattenzione sull'asse sinistro, la coppia centrale Russo-Rossi si addormenta e De Luca segna da attaccante vero

46' l'arbitro fischia con 20 secondi d'anticipo la fine del primo tempo

45' un minuto di recupero

39' cross di Sartore da destra, De Luca irrompe verso il primo palo, brucia Russo e Contini e fa 1-0

33' una sponda di Gliozzi per Di Livio avvia la ripartenza del Siena che si chiude con un cross di Brumat anticipato alla difesa

26' cross di Di Livio, Sbampato anticipa Gliozzi e concede il secondo angolo ai bianconeri

23' Santini pericoloso in area piccola su cross da sinistra, Marco Rossi allontana la minaccia

23' Aramu verticalizza per Gliozzi, tiro bloccato da Cucchietti.

21' sinistro di Aramu appena dentro l'area che sfiora il secondo palo!

16' che chance sprecata per il Siena! Di Livio e Gliozzi non velocizzano il 2 vs 2, poi Gliozzi serve l'accorrente Vassallo che cincischia col pallone e favorisce il recupero della difesa!

7' Gatto in ritardo su Imperiale, ammonizione verbale da parte del signor Marchetti di Ostia Lido. Velenosa punizione di Aramu, Agostinone costretto a concedere l'angolo

4' primo affondo di Sartore da destra, cross velenoso per De Luca che stacca tra Rossi e Brumat ma di testa manda a lato!

Partiti! Siena in completo arancione, Alessandria col tradizionale grigio.

FORMAZIONE UFFICIALE SIENA: Mignani schiera a sorpresa Rossi e Russo in difesa con Belmonte in panchina. In mezzo con Gerli e Vassallo c'è Sbrissa, all'esordio dal 1' così come Di Livio, che prende il posto di Guberti sulla trequarti dientro Gliozzi e Aramu.

FORMAZIONE UFFICIALE ALESSANDRIA: tutto come previsto tranne l'innesto di Sbampato dietro al posto di Gjura. Grigi offensivi soprattutto a destra (mancano Tentoni infortunato e Delvino squalificato), dove il quinto lo fa Sartore Occhi sull'ex Santini, che in avanti fa coppia col giovane '98 De Luca.

Alessandria e Siena arrivano entrambe da due 0-0 di fila, ma i grigi hanno due partite in più (vittoria sulla Juve B e sconfitta con Pro Piacenza). Si spiega così il +3 in classifica.

(Giuseppe Ingrosso)

Fonte: FOL


 

 

Tosoni Auto
clean sanex
 

Ore 14.30

Arzachena-Juventus Under 23 1-0 (42’ Bonacquisti)

Carrarese-Novara 4-2 (21’ Cattaneo, 56’ rig. e 81’ Tavano, 61’ e 89’ Caccavallo, 94’ Sansone)

Cuneo-Olbia 1-0 (44’ rig. Borello)

Pistoiese-Pisa 0-2 (55’ rig. Moscardelli, 60’ De Vitis)

Ore 16.30

Alessandria-Siena 1-1 (39’ De Luca, 64’ rig. Gliozzi)

Pro Patria-Pro Vercelli 0-1 (21’ Germano)

Da disputare:

Albissola-Piacenza (ore 20.30)

Gozzano-Lucchese (lunedì, ore 18.30)

Arezzo-Pontedera (lunedì, ore 20.45)

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Il Chiasso Largo
 

La Viterbese è l’unica squadra professionistica che non è ancora scesa in campo. Un’anomalia che non è mai stata digerita dal presidente Camilli, che un mese fa ha contestato vivacemente («una porcata») la composizione del calendario. Ieri Francesco Ghirelli, segretario generale della Lega Pro, ha voluto fare una precisazione: «Solo la Lega Pro decide in che girone e con quale calendario le squadre devono giocare, secondo quanto disposto dallo statuto della Figc. La Viterbese ha impugnato davanti al Tribunale federale la decisione di includerla nel girone C, la Lega Pro si è costituita in giudizio ricordando che i criteri di compilazione dei gironi erano oggettivi e logici ed erano gli stessi utilizzati negli anni precedenti». Ghirelli aggiunge che «se all’Entella fosse stato riconosciuto il diritto alla riammissione in B, la Viterbese sarebbe entrata nel girone A. Il tribunale federale ha accolto la tesi della Lega respingendo il ricorso della Viterbese». Dopo la pronuncia del Tribunale federale, il decreto Giorgetti ha riaperto la possibilità dei ripescaggi e quindi anche in quel caso «se fossero accolti i ricorsi delle squadre interessate, la Viterbese dovrebbe essere collocata in un altro girone. Cosa compete alla Viterbese? Decidere di non aspettare il termine delle definizioni dei ripescaggi e valutando il danno della lunga inattività chiedere di giocare nel girone C. Richiesta accompagnata da malleva nei confronti della Lega Pro che, se si verificasse una delle condizioni previste e che avrebbe quale conseguenza la inclusione della Viterbese in girone diverso dal C, non dovrà essere chiamata a rispondere di nulla».

REPLICA Dalla Viterbese è arrivata la replica del presidente Camilli: «Le sue parole lasciano il tempo che trovano. La nostra battaglia è giusta e lo dimostra il fatto che la Lega ha sospeso le nostre partite. Comunque aspettiamo il Tar il 23 ottobre. Se la sentenza sarà favorevole all’Entella, la domenica dopo saremo a Piacenza o decideremo se andare a Catania».

Fonte: La Gazzetta dello Sport

 

Tosoni Auto
Sa Giorgio a Lapi
 
Tosoni Auto
Il Mangione
 
Tosoni Auto
FISSC
 

Domani la nostra sede sarà aperta dalle ore 16 per assistere alla diretta di Alessandria-Siena su grande schermo
L'ingresso è riservato ai soli soci del club. La tessera per la stagione 2018-2019 può essere acquistata all'ingesso.

Siena Club Fedelissimi

 

Tosoni Auto
Elettronorge
 

Risultati seconda giornata
Arzachena-Carrarese 2-1
Lucchese-Virtus Entella (rinviata)
Pisa-Siena 1-2
Pistoiese-Arezzo 2-3
Pontedera-Olbia (15-10-18)
Torino-Albissola 2-0
Riposa: Cuneo

La classifica
6 punti: Siena, Torino, Arezzo.
3 punti: Cuneo*. Arzachena*, Carrarese
0 punti: Pontedera*, Lucchese, Pisa, Virtus Entella*, Olbia*, Albissola*, Pistoiese
* una partita in meno

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Antiche dimore
 

“Sarà una partita bella perché affrontiamo la squadra più attrezzata del girone insieme a Piacenza e Novara. Ma ben vengano queste gare, perché come successo a Pisa non c’è bisogno di prepararle”. A parlare, in conferenza stampa, è il mister dell’Alessandria Gaetano D’Agostino.

Siena – “Viene da due pareggi e vorrà fare la partita. Non dobbiamo dargli la possibilità di farlo perché tecnicamente è molto valida”.

Il modulo – “Andiamo avanti col 3-5-2 perché abbiamo bisogno di intensità a centrocampo. Sto vedendo che gli attaccanti possono fare questo modulo, Santini è generoso, spende molto e con le due punte dividerà meglio le energie. Non abbiamo le caratteristiche adesso per poter giocare col 4-3-3 o col 3-4-3. La superiorità andrebbe sulle fasce ma serve gente che salti l’uomo. A Pisa abbiamo creato con le mezz’ali e con i quinti che arrivavano in un secondo momento”.

Bellazzini – “Qual è la sua posizione? È una mezz’ala. Poi dato che giochiamo in casa e a destra mancano Tentoni e Delvino, sto pensando di mettere Sartore come quinto offensivo e Gatto mezz’ala”.

Emozione – “No, assolutamente, non proverò emozione domani. Ricopro un ruolo diverso, sono molto concentrato sulla partita. Avrò piacere di ritrovare Mignani e Vergassola, che è stato mio capitano a Siena, ma non ho tempo per queste emozioni”.

Sardegna – “Giocheremo con Olbia e Arzachena tra mercoledì e domenica, quindi ci fermiamo là, ci alleneremo lì”. (G.I.)

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
clean sanex
 

Alla vigilia del campionato 1940-41, l’Ing. Ricci, presidente che aveva riportato il Siena in serie B, dopo una lunga riflessione, decide di lasciare il comando della società e rassegna le sue irrevocabili dimissioni.

Nessuno si fa avanti, nessuno vuole imbarcarsi in un’avventura di cui è difficile prevedere l’esito finale. Si muovono le istituzioni, si muove il Partito Fascista, ma nessuno se la sente di aderire ai pressanti, seppur discreti, appelli da essi lanciati. Sulla società bianconera aleggia minaccioso lo spettro della non iscrizione al campionato, una cosa mal tollerata sia dai tifosi che dalle autorità locali. Alla fine una soluzione viene trovata ed è ancora Pistolesi a levare le castagne dal fuoco al Siena, individuando nel Cav. Arcangelo Magi da Rapolano, l’ottavo presidente.

Si cercano in fretta e furia giocatori per completare la rosa, ma non è facile: il 10 giugno 1940, Benito Mussolini, capo del governo, tiene un discorso alla nazione in cui annuncia di aver consegnato agli ambasciatori di Gran Bretagna e di Francia  la dichiarazione di guerra. 

Nonostante tutto, si parte con il nuovo campionato ma il Siena, come tante altre squadre, si vede penalizzata dalla chiamata alle armi della maggior parte dei suoi giocatori.

La prima partita della stagione si tiene ad Alessandria il 6 ottobre 1940 e terminò 1-1. Prima della partita, dalle tribune scese Vittorio Faroppa, l’ex nazionale azzurro che, nel 1937-38 aveva riportato in serie B il Siena e che, nella stagione precedente, aveva guidato l’Alessandria, conquistando il 7° posto. Faroppa (nono da sinistra nella foto) era stato richiamato e si presentò in divisa da ufficiale, molto preoccupato per la guerra in corso. Quando si trovò davanti molti giocatori che aveva guidato nella sua trionfale esperienza senese, la commozione coinvolse tutti e scese più di una lacrima. Prima dell’inizio volle farsi fotografare con il “suo” Siena.(Nicola Natili) 

6 ottobre 1940 -1. giornata

ALESSANDRIA-SIENA 1-1 (1-0) 

ALESSANDRIA: Bulgheri, Bigando, Cavasonza, Ghidini, Giuberti. Caligaris, Rampini, Fibbi, Cerruti, Folgia, Ghezzi.

SIENA: Erbinovi, Bellucci, Passalacqua, Biasotto, Dei, Martelli, Polack, Pellegatta, Alderotti, Solbiati, Gambini.

ARBITRO, Cardinali di Roma.

GOL: 22' aut. Dei, 64' Alderotti.

Fonte: FOL

Tosoni Auto
clean sanex
 

Pisa: Iacoponi, Carelli, Liberati, Petrosino (1' st Landucci), Masetti, Viti (11 st Caradonna), Di Benedetto, Ruggero (15' st Zefi), Panattoni (15' st Donati), Salvaggio, Campigli.
A disposizione: Giannangeli, Landucci, Fiaschi, Freschi, Fatticcioni, Zefi, Donati, Chiavacci, Panattoni, Galligani, Pierangnoli, Spadoni.
Allenatore: Paolo Biso.
Siena: Cefariello, Cecconi, Costaglione (42' st Seazzu), Fontana Sersanti, Bonechi, Gafa, Anselmi (30' st Finucci), Guazzini, Perri (30' st Battistini), Cavallini (1 st Dami).
A disposizione: Comparini, Mbengue, Tortora, Biagini, Seazzu, Dami, Discepolo, Finucci, Frosinini, Battistini, Saventi.
Allenatore: Alessandro Signorini.
Arbitro: Francesco Ferretti di Livorno (Gioffredi-La Veneziana)
Reti: 4’ Panattoni (P), 39’ Fontana (S), 5' st Cecconi (S)
Ammoniti: Costaglione (S)

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
clean sanex
 

Al termine della seduta di rifinitura l'allenatore Michele Mignani a reso nota la lista dei 22 convocati per la trasferta di domani ad Alessandria. Indisponibili Indisponibili Cesarini, D’Ambrosio e Bulevardi.

PORTIERI
12 CEFARIELLO Christian 2000
1 CONTINI Nikita 1996
22 NARDI Michele 1986

DIFENSORI
15 BELMONTE Nicola 1987
23 BRUMAT Matteo 1995
2 DE SANTIS Eros 1997
26 IMPERIALE Marco 1999
14 ROMAGNOLI Mirko 1998
13 ROSSI Marco 1987
19 RUSSO Michele 1986
3 ZANON Luca 1996

CENTROCAMPISTI
4 ARRIGONI Tommaso 1994
17 CRISTIANI Alessio 1989
11 DI LIVIO Lorenzo 1997
16 GERLI Fabio 1996
6 GUBERTI Stefano 1984
20 SBRISSA Giovanni 1996
25 VASSALLO Francesco 1993

ATTACCANTI
10 ARAMU Mattia 1996
24 CIANCI Pietro 1996
18 FABBRO Michal 1996
9 SGLIOZZI Ettore 1995

ALLENATORE
MIGNANI Michele

 

Tosoni Auto
Futuro Businnes
 

La trasferta di Pisa ha dato indicazioni di un’Alessandria compatta, con le giuste distanze tra i reparti e in grado anche di proporsi in ripartenza provando a fare male. Molto probabile quindi che mister D’Agostino riparta dal 3-4-1-2 utilizzato in queste prime uscite di campionato. In porta gioca Tommaso Cucchietti, classe ’98 scuola Torino, portiere molto forte tra i pali, di grande reattività e con un ottimo istinto sui rigori. In difesa sono sicuri del posto i due che il tecnico palermitano si è portato da Francavilla: Giuseppe Prestia, ex Crotone, forte in marcatura e di testa, e Giuseppe Agostinone, terzino che negli ultimi anni si è adattato a fare il terzo in una difesa a tre, difensore tenace, di grande corsa e con un bel mancino. L’altro slot sarà di Kleto Gjura, roccioso centrale italo-albanese. In alternativa ci sono Fissore, ex Como, e Sbampato, anche lui transitato lo scorso anno da Francavilla.

In mediana spazio ad un ex come Emanuele Gatto, che fu acquistato dal Siena nell’estate del 2014 prima della mancata iscrizione alla Serie B. Rientrò nell’operazione che portò Larrondo al Torino e di fatto è stato l’ultimo acquisto della vecchia AC Siena. È un centrocampista discreto in impostazione e con buoni piedi, che non disdegna l’inserimento. Accanto a lui Dario Maltese, ex Latina, intermedio di gamba e di rottura. I due sopraccitati dovrebbero partire avvantaggiati rispetto all’altro ex Alessandro Gazzi, che a Siena si fece apprezzare per intensità e predisposizione al sacrificio. Nelle prime uscite stagionali D’Agostino, suo ex compagno di reparto in bianconero, ha preferito utilizzarlo a gara in corso. A sinistra agisce Erik Panizzi, classe ’94, esterno dotato di buona propulsione e abile nell’assistenza al compagno; difficile che possa venir scalzato da Badan, ex Prato, che in settimana è partito titolare nella gara di Coppa con l’Albissola. A destra sono indisponili sia Tentoni, infortunato, che Delvino, squalificato dopo il rosso rimediato a Pisa. Per cui potrebbe essere promosso titolare Niccolò Cottarelli, tornato in grigio dopo un paio di esperienze in D, l’ultima molto proficua alla Pro Patria con cui ha vinto il campionato.

Ad agire dietro le punte sarà Tommaso Bellazzini, classe ’87 ex Cittadella e Venezia, giocatore polivalente, con grandi doti tecniche, insidioso sulle palle inattive con un sinistro molto educato. La sua alternativa è il giovane Rocco, prelevato in seguito alla mancata iscrizione della Reggiana. In attacco i grigi fanno molto affidamento su quel Claudio Santini che dallo scorso Gennaio in poi si era fatto molto apprezzare alla Robur grazie alla sua tenacia e alle sue capacità di aiutare la squadra e di farsi trovare pronto in ogni occasione. L’ex bianconero probabilmente sarà affiancato da Manuel De Luca, prodotto del settore giovanile del Torino, attaccante con una buona struttura fisica, forte di testa e cattivo sotto porta. Se invece D’Agostino vorrà partire con il tridente, l’ex Renate potrebbe far posto a Francisco Sartore, brasiliano classe ’95, bravo nello stretto e nel saltare l’uomo. In alternativa ci sono altri due esterni offensivi come Russini e Talamo. (Jacopo Fanetti)

PROBABILE FORMAZIONE (3-4-1-2): Cucchietti; Gjura, Prestia, Agostinone; Cottarelli, Gatto, Maltese, Panizzi; Bellazzini; Santini, De Luca.

Fonte: FOL

Tosoni Auto
Elettronorge
 

Sei mesi, ma intensi. Gol pesanti, i suoi. Due in particolare lo emozionano. «Il rigore contro la Reggiana, per la gioia di averlo fatto e per tutto quello che ho provato prima del tiro. E la rete di Catania, è bellissimo segnare davanti a 20mila persone». Claudio Santini, domani, affronterà il Siena appena qualche mese dopo aver sfiorato, con i suoi compagni, la grande impresa. «Sarà un piacere ritrovare tutti, alla Robur sono rimasto legato, ho ricordi bellissimi nonostante quella finale non giocata…».

Che partita sarà Alessandria-Siena?
«Speriamo una sfida a viso aperto, che regali tante emozioni. Entrambe veniamo da due 0-0, risultati che confermano un po’ quella che è l’attuale serie C: tutte le gare sono battaglie e si tende a dare maggiore attenzione alla fase difensiva. Si pensa di più a non prendere gol. Anche se poi bisogna analizzare ogni incontro: contro il Pisa, per esempio, eravamo in inferiorità numerica e giocavamo contro una grande squadra».

Girone complicato, quello A, eh…
«Tosto, probabilmente il più difficile che in C mi sia trovato a giocare. Ci sono diverse squadre costruite per la B che si sono ritrovate in terza serie. Sarà impegnativo. Campionato falsato? Falsato forse è una parola grossa, ma condizionato sì, con i club partiti in ritardo e tanti turni infrasettimanali per recuperare».

Cosa pensa di quello che è successo?
«Sono state prese delle decisioni incredibili, fuori da ogni logica. Comportamenti scorretti che hanno penalizzato diverse società tra cui il Siena. Credo che ci sarebbe dovuta essere una presa di posizione più forte da parte delle associazioni, a partire da noi calciatori».

Perché Alessandria?
«Perché è un club prestigioso, una società importante di cui mi ha convinto il progetto: l’obiettivo, dopo il rinnovamento che c’è stato, è crescere e, tra due-tre anni, riprovare a fare il salto. Mi sarebbe piaciuto rimanere in B, ma quando c’è stata la chiamata dei grigi ho detto subito sì.

Possibilità di tornare alla Robur?
Poche. Il discorso sui ripescaggi ha condizionato tutto, i direttori si sono concentrati su altri profili. In futuro, chissà: a Siena sono stato molto bene».

Anche la Robur ha cambiato molto…
«Sì, è vero, ma confermare il centrocampo è stato un ottimo punto di partenza. Le prime partite servono per trovare i giusti equilibri e le giuste geometrie».

E se…?
«Non lo so, vivrò il momento. Ma qualunque cosa faccia non sarà assolutamente una mancanza di rispetto nei confronti del Siena, non significherebbe che non voglio bene alla Robur». (Angela Gorellini).

Fonte: La Nazione

 

Tosoni Auto
Rete ivo
 

Domani al Moccagatta la Robur giocherà la sua prima trasferta stagionale, contro un’Alessandria rinnovata eppure "temibile". Il Siena si presenterà all’appuntamento senza gli infortunati D’Ambrosio, Cesarini e Bulevardi, ma con tanta voglia di conquistare i primi tre punti. “Mi aspetto che i ragazzi facciano la prestazione” dice l’allenatore bianconero Michele Mignani alla vigilia.


LA SFIDA. “Sarà la solita partita difficile, contro un avversario rinnovato che ha perso qualche pezzo rispetto alla passata stagione, ma comunque valido, che è partito discretamente. L’anno scorso i grigi avevano il favore del pronostico e noi contro di loro giocammo due buone gare, soprattutto là, dove sfiorammo il successo. Oggi hanno comunque aspettative alte: è un campionato nuovo, sono cambiate tante cose, anche noi siamo cambiati, dobbiamo riacquistare le nostre certezze e fiducia. Con il lavoro ci assesteremo anche noi”.

IL MOMENTO. “Le prime partite sono sempre particolari, i reali valori delle squadre si vedranno più avanti. Quello che non deve mancare è la prestazione. Perché è dalle prestazioni che nascono i risultati. E questa è stata la nostra forza lo scorso anno: abbiamo sbagliato sì e no una partita, la prestazione c’è sempre stata”.

IL LIVELLO DI CRESCITA. “E’ difficile dire a che punto siamo perché la maturazione di una squadra passa dalla crescita individuale dei giocatori. Ed essendoci tanti ragazzi nuovi è complicato fare una valutazione: la stagione passata alcuni hanno dato il triplo di quello che ci aspettavamo, per esempio. A maggior ragione essendoci oggi tanti giovani e i giovani, si sa, ti danno qualcosa in più e qualcosa ti tolgono. Una scelta condivisa quella di abbassare l’età media: è il lavoro settimanale che porta alla maturazione e noi dobbiamo portarlo avanti senza aspettarci chissà cosa, ma con fiducia, consapevolezza e serenità. Poi è normale che un tecnico debba alzare sempre l’asticella e aspettersi sempre di più”.

LA VITTORIA CHE MANCA. “I tre punti fanno sempre bene, ti danno entusiasmo e ti aiutano a lavorare meglio in settimana. Ma io che faccio l’allenatore devo scindere il risultato dal resto. Devo valutare tanti aspetti. E analizzando le due partite giocate, senza voler essere presuntuoso, credo che almeno una delle due avremmo meritato di vincerla”. (Angela Gorellini)


Fonte: Fol

Tosoni Auto
Tosoni Auto
 

Domenica
Ore 14.30
Arzachena-Juventus U23
Carrarese-Novara
Cuneo-Olbia
Pistoiese-Pisaore
Ore 16.30
Alessandria-Siena
Pro Patria-Pro Vercelli
ore 20.30
Albissola-Piacenza.
Lunedì
ore 18.30
Gozzano-Lucchese
ore 20.45 Arezzo-Pontedera (Rai Sport).
Da definire Pro Piacenza-Entella.

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Rete ivo
 
Tosoni Auto
Sa Giorgio a Lapi
 

Oggi pomeriggio alle ore 15 la Berretti sarà in campo allo stadio “R. Gemignani” in Via Oratorio 230/A per la terza giornata del campionato. Sul nostro sito aggiornamenti in tempo reale.
Il programma.
Arzachena-Carrarese
Lucchese-Virtus Entella
Pisa-Siena
Pistoiese-Arezzo
Pontedera-Olbia
Torino-Albissola
Riposa: Cuneo

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Tosoni Auto
 

Alle ore 10.30 la squadra sosterrà la seduta di rifinitura al campo dell'Acquacalada. Nel primo pomeriggio la partenza per Alessandria dove domani alle ore 16.30 i bianconeri scenderanno in campo per la sesta giornata.


Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Il Mangione
 

Ieri il Consiglio di Stato ha respinto la richiesta cautelare avanzata da Pro Vercelli e Siena. I giudici hanno valutato che il decreto Giorgetti escludesse la possibilità di tornare davanti al Collegio di Garanzia come richiesto dalle due società.
Martedì 23 ottobre il TAR dovrà pronunciarsi su format cadetto e criteri di ripescaggio. Nella stessa data si discuterà anche dell’Entella ferma in attesa del verdetto, insieme alla Viterbese che vuole spostarsi nel girone A.

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
Elettronorge
 

La prima giornata del Campionato Berretti, rinviata per le note vicende legate ai ripescaggi, sarà recuperata il 31 ottobre alle ore 15. Al primo turno il Siena osserva il turno di riposo.

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto
clean sanex