CLEAN ACCCENT
Ricci Bus
Banca Cras
Banca Cras

IL SONDAGGIO

Vota il miglior bianconero in Siena-Pro Piacenza

Alessio Campagnacci, attaccante della Robur, è stato ospite di Canale 3, durante la trasmissione Studio Robur. Queste le sue dichiarazioni:

Condizione – “Abbiamo avuto due giorni di riposo meritati dopo le quattro partite ravvicinate. Domenica l’ho passata con la famiglia, era giusto staccare un attimo. Adesso siamo pronti per affrontare la terza in classifica”.

Il balletto con Emmausso – “Lo abbiamo accerchiato per dargli degli schiaffi in testa (ride, ndr). Michele è un ragazzo eccezionale, ancora è giovane ma in questo momento serve l’appoggio di tutti. E’ stato bravo a crearsi le prospettive per segnare. In precedenza aveva mandato in tribuna due-tre tiri, ha avuto la personalità per riprovarci ed è andata bene”.

Zero reti – “Nella mia carriera non ho mai segnato tanto, tranne 9 reti a Giulianova e 7 in B con la Reggina. Sono più contento se segna un compagno, non ho il gol nel DNA, però spero che arrivi! L’assist a Guberti? Ho avuto una frazione di secondo per pensare. Potevo fare altre due cose: o tirare subito, o spostarmi vero l’esterno. Ma ho visto smarcato Stefano, che forse ha sbagliato lo stop. Non sono egoista, penso più alla squadra, e in questo caso si è visto”.

La classifica – “Non ci pensiamo troppo, ci fa piacere ma non dev’essere un peso. Ora le altre squadre ci guardano con un occhio diverso, non trovano più il Siena dello scorso anno. Ho fatto quattro playoff e tre sono andati male, noi più esperti dobbiamo dare un contributo in più. L’esempio lampante è Stefano Guberti, che non è un giocatore ‘normale’, ha fatto tanti anni di A”.

Benevento – “A livello calcistico è stato bruttissimo, l’ultimo giorno mi hanno detto di andarmene e non ho potuto trovare soluzioni. Arrivato a Siena, alla prima da titolare ho subìto un infortunio abbastanza grave. Quest’anno il mio obiettivo era di fare una preparazione no stop, e ci sono riuscito grazie allo staff. Benevento è un capitolo chiuso, penso a far bene qua”.

Il tifo – “Per me avere il supporto del pubblico è importantissimo, è una marcia in più. Faccio il paragone del Benevento, in casa non si perdeva da due anni e mezzo. Dobbiamo essere bravi noi a riportarli tutti. Ricordo che sei anni fa, con la Reggina, entrai in un Franchi pieno…”.

Chi gioca a fianco di Marotta? – “Non lo so, il mister non ce lo dice fino alla riunione tecnica di due ore e mezzo prima della partita. È anche bello in fondo, e pure un bene. In passato avevi qualche possibilità di capirlo, lui invece mischia molto le carte, senza dare punti di riferimento”.

Neglia – “Se avrà una spinta in più essendo ex? Quando torni nella tua vecchia casa degli stimoli ce li hai, la partita la senti in modo diverso. Quando sono tornato a Reggio Emilia è stata un’emozione forte, tre anni non si dimenticano e a livello calcistico sono tantissimi. Samuele è intelligente, riuscirà a gestire l’aspetto emotivo”. (Giuseppe Ingrosso)

Fonte: Fol

ESTRA
 
Tosoni Auto

Continua il momento positivo della Robur e con esso cresce sempre di più l’entusiasmo di tutti i tifosi che stanno vivendo questo inizio con la malcelata voglia di sognare in grande.

Contro la Pro Piacenza è emersa ancora una volta quella che è la caratteristica principale di questa squadra: lottare con tutte le forze fino all’ultimo secondo.

A un quarto della stagione è ancora troppo presto per capire come finirà quest’avventura che iniziata in sordina ha subito intrapreso un percorso esaltante.

Nel nostro girone sussiste un grande equilibrio e, a oggi, nessuna squadra ha ancora dimostrato una netta predominanza sulle altre. Siena, Livorno, Olbia e Viterbese sono le squadre che hanno raccolto più punti ma, analizzando le rose, dobbiamo attenderci il ritorno del Pisa, squadra sicuramente ben attrezzata anche se ancora troppo altalenante, mentre sembrano definitivamente tramontate le ambizioni dell’Alessandria visto il grave distacco dal vertice.

La Robur può contare su un’arma che a volte si è dimostrata vincente, quella dell’entusiasmo. Inizialmente è stata la squadra a contagiare i tifosi, ma dopo poche giornate si è creata la giusta alchimia, una bellissima sinergia in cui società, squadra e tifosi hanno fatto blocco e guardano avanti con fiducia.

Nessuno nomina la parola “promozione” – anche se alberga in ognuno di noi – e questa è una prova di maturità che dobbiamo essere bravi a portare avanti almeno fino a quando il campionato non mostrerà più nettamente quali sono le vere forze del girone.

Se manca l’entusiasmo è un casino – e ne sappiamo qualcosa – ma quando questo è tangibile, dobbiamo saperlo gestire al meglio. Tutti possiamo e dobbiamo sognare, dai calciatori allo staff tecnico, dalla società ai tifosi, ma ogni pezzo del mondo Siena deve farlo con un approccio diverso.

Chi pensa che saranno tutte rose e fiori fino al termine della stagione non conosce il calcio e tantomeno la serie C ma sarà proprio nei momenti difficili che - anche se nessuno si augura, potrebbero arrivare- dobbiamo attingere all’entusiasmo, alla fiducia e alla volontà per ripartire.

Godiamoci la classifica, viviamo il momento con entusiasmo, ma non smettiamo mai di crederci. La lunga e gloriosa storia del Siena è piena di esempi che dimostrano come sia nel nostro DNA il non arrendersi mai, caratteristica che è alla base di gran parte dei successi che sono arrivati quando gli avversari hanno trovato un muro sul campo e una fortezza nelle tribune. (NN)

Fonte: Fedelissimo Online

ESTRA
 
Tosoni Auto

Il gol di Emmausso, che ha regaloto la vitoria alla Robur con il Pro Piacenza, è stato inserito da Sporttube tra i 10 più belli della nona giornata della serie C

https://www.elevensports.it/play?titolo=Top-10-Gol-9%5EGiornata-Serie-C&id=27368&ct=9&cat=67

Fonte: Fol

 

ESTRA
 
Tosoni Auto

Prosegue la preparazione della squadra bianconera in vista della trasferta a Virerbo di domenica prossima. Domani alle ore 15.30 l'allenamento sarà allo stadio insieme alla Berretti di Signorini.

Fonte: Fol

ESTRA
 
Tosoni Auto

L'ex tecnico di Bari, Siena ed Empoli (fra le altre) Guido Carboni ha parlato a Tuttomercatoweb.com della situazione nel Girone A di Serie C che vede proprio il Siena in vetta alla classifica: “Il Livorno sta facendo bene, mentre l'Alessandria invece finora ha deluso le aspettative, ma ha le qualità per risalire. Il girone comunque è veramente equilibrato con il Siena che sta facendo benissimo e sono molto contento perché sono legato alla piazza a prescindere da come sono andate le cose. All'epoca sono stato lasciato completamente solo ad affrontare la situazione della gestione Ponte. Sono convinto che se a gennaio la Robur sarà ancora lì in alto il presidente Durio farà investimenti importanti. - continua Carboni – Il mercato di gennaio lo sappiamo è utile sia per rinforzarsi che per ribaltare le situazioni che si sono venute a creare per questo credo che tutto sia ancora aperto anche in basso alla classifica”.

Lei come vive questo momento senza panchina?
“Aspetto una squadra che possa dire qualcosa di importante in campionato, nel frattempo mi aggiorno guardando partite di B e C. Nel nostro lavoro è sempre importante aggiornarsi”.

Fonte: tuttomercatoweb.com

ESTRA
 
Tosoni Auto

Vincere porta entusiasmo e serenità. Aumenta l’autostima e anche l’appetito. “A Viterbo sarà dura, ma vogliamo portare a casa i tre punti”: non ci pensa due volte, il centrocampista bianconero Filippo Damian. Il che non significa andare allo sbaraglio. “Siamo molto contenti – dice al sito della Robur -, stiamo lavorando bene e i risultati si vedono. Siamo primi ma non vuol dire niente, il campionato è appena iniziato. Dobbiamo continuare a impegnarci e a sudare: ci aspetta un filotto di partite molto intense e dobbiamo farci trovare pronti. Il campionato è equilibrato, è di alto livello, e ogni partita è difficile: lo abbiamo visto anche venerdì contro il Pro Piacenza che sulla carta magari poteva sembrare un avversario meno ostico di come si è rivelato. E’ stato importantissimo vincere”. Se la Robur lotta la domenica contro gli avversari, i giocatori ‘lottano’ ogni giorno per conquistare la maglia titolare. E se c’è un reparto abbondante e di qualità è proprio il centrocampo. “Siamo tutti bravi – ha affermato Damian – e la concorrenza deve essere uno stimolo in più per fare bene durante la settimana. Potermi misurare con compagni di spessore mi permette, quotidianamente, di mettermi alla prova. Sono contento, comunque: all’inizio il mister mi ha fatto giocare mediano e mi pare sia andata discretamente bene. Poi sono tornato nel mio ruolo, la mezzala, credo di essere un giocatore piuttosto duttile. “La Viterbese – ha chiuso il bianconero -? E’ un’ottima squadra, solo tre punti dietro di noi; lunedì hanno vinto una partita complicata su un campo difficile come quello di Piacenza: ci aspetta un’altra grande battaglia che vogliamo vincere”. (a.go.)


Fonte: Fol

ESTRA
 
Tosoni Auto

Stefano Guberti è stato intervistato da TLP riportiamano alcuni stralci dell'intervista.

Come vivete il primo posto in classifica?
"La viviamo abbastanza tranquillamente. È chiaro che avvertiamo l'entusiasmo e lo sentiamo un po' anche tra noi, ma siamo ben consapevoli che il campionato è solo all'inizio e prima o poi qualche difficoltà arriverà, è fisiologico. C'è il desiderio di fare qualcosa di importante ma dobbiamo pensare di partita in partita e non sarà facile. Poi sarà il campo a rispondere alla domanda se siamo pronti per un determinato scenario. In ogni caso dobbiamo restare con i piedi per terra". 

In carriera, esclusi gli esordi, hai sempre giocato in A e B, ma quest'anno, hai scelto la Serie C. Cosa ti ha convinto del progetto Robur?

"Ho scelto Siena perché qui il progetto è davvero importante. Non sono più in ragazzino essendo del 1984, ma voglio giocare gli ultimi anni di carriera al massimo. Il mio obiettivo è tornare in Serie B e voglio provarci con la Robur. So che sarà difficile ma ci metterò tutto me stesso per contribuire a questo obiettivo. Non so se centreremo l'obiettivo quest'anno, magari sarà l'anno prossimo, ma spero di riuscirci". 

Potete leggere l'intervista integrale al link:
http://www.tuttolegapro.com/esclusiva-ultim-ora/esclusiva-tlp-robur-siena-guberti-siamo-tranquilli-diamo-il-massimo-e-a-marzo-vedremo-dove-saremo-ma-il-mio-desiderio-e-tornare-in-serie-b-con-i-bianc-151833

Fonte: Fol



 

ESTRA
 
Tosoni Auto

Ieri ad Arezzo il presidente degli amaranto ha anunciato il suo disimpegno dalla società che da tempo è in vendta ad zero euro. “Il mio sogno è di cedere la società ad imprenditori aretini, fa fino ad ora si sono solo presentati cialtroni di fuori”.
Ferretti ha anche comunicato che entro la scadenza del 16 ottobre ha pagato gli stipendi ai tesserati ma non i contributi quindi la società andrà incontro ad un altro deferimento dopo quello già avviato per avere pagato in ritardo gi emolumenti di maggio e giugno.

Fonte: Fol


 

ESTRA
 
Tosoni Auto

ESTRA
 
Tosoni Auto

ESTRA
 
Tosoni Auto

Gli ospiti della trasmissione “Studio Robur” in onda su Canale 3 e condotta da Giuseppe Ingrosso saranno l'attaccante bianconero Alessio Campagnacci ed il giornalista Guido De Leo.

A Siena Tv, nella trasmissione “Calcio Spettacolo” condotta da Giulio Valenti, saranno ospiti in studio Roberto Benincasa, il centrocampista Francesco Vassallo, e Gianluca Petrini.

L'ora di inizione delle trasmissioni è alle 21.

Fonte: Fol


 

ESTRA
 
Tosoni Auto

Andrea Sbraga è intervenuto a StudioAssist.eu e ripreso da TMW racconta del momento che sta vivendo con la maglia bianconera

"Questo primo posto non se l'aspettava nessuno. Però sappiamo di essere una buona squadra, stiamo mettendo molto impegno e con un pizzico di fortuna siamo là in alto. Domenica col Pro Piacenza forse abbiamo sofferto più del dovuto e in una circostanza è stato bravo il nostro portiere. Poi abbiamo trovato questo gol nel finale che è stato molto importante. Anche perché essere primi ti fa allenare col sorriso a 150 denti, ma dobbiamo pensare solo a noi stessi e non guardare nemmeno troppo la classifica. Siamo un gruppo affamato e affiatato che pensa a fare quello che vuole il mister. Questa è la cosa più importante. Se restiamo umili e concentrati possiamo toglierci delle soddisfazioni. Mister Mignani vuole che si giochi sempre la palla punta a fare un gioco divertente sia per chi ci vede sia per noi che siamo in campo. Poi ha indossato questi colori dalla Serie C alla Serie A, è stato un grande difensore e credo che possa insegnarmi molto.

Indossare la maglia bianconera è una responsabilità, ma ho avuto la fortuna di giocare in piazze importanti e in un certo senso sono temprato. Sicuramente c'è la voglia da parte di tutti noi di riportare il Siena dove merita. A livello personale spero di aiutare la squadra e magari fare qualche gol, ma penso che quest'anno la cosa più importante sia il collettivo. È stata la nostra forza in queste prime giornate, deve essere la strada da seguire da qui alla fine.

E un campionato di alto livello, con tante squadre attrezzate anche se non tutte stanno viaggiando a pieni giri. Non ci sono squadre ammazza campionato come capitato l'anno scorso nel Girone B con Venezia e Parma, ma il livello resta alto. Alessandria, Livorno, Piacenza e Pisa daranno battaglia fino alla fine”.

Fonte: TMW

ESTRA
 
Tosoni Auto

Il Giudice Sportivo in merito alle gare della 9a giornata del girone A ha sanzionato con multe le seguenti società:
Piacenza 2.000 euro perché persona non identificata ma riconducibile alla società indebitamente presente nel tunnel che porta negli spogliatoi tentava di aggredire tesserati della squadra avversaria prontamente fermato da addetti alla sicurezza; perché propri sostenitori, quantificati in una cinquantina ostruivano l'uscita dei mezzi di trasporto della squadra avversaria dal piazzale antistante gli spogliatoi.
Carrarese 1.000 euro perché persone non identificate ma riconducibili alla società tentavano di entrare indebitamente negli spogliatoi prima dell'orario consentito. A fronte del rifiuto degli addetti federali rivolgevano loro frasi irriguardose.
Siena 1.000 euro per indebita presenza negli spogliatoi al termine della gara di persona non identificata ma riconducibile alla società.

Due giornate al giocatore Silva (Piacenza).
Una giornata ai giocatori Adorni (Monza), Bertoncini (Piacenza), Vitiello (Gavorrano), Razzitti (Viterbese)

Fonte: Fol

ESTRA
 
Tosoni Auto

La partita Viterbese-Siena, in programma domenica 22 ottobre alle ore 20.30, sara diretta da Alberto Santoro della sezione di Messina. Assistenti saranno Lorenzo Abagnara di Nocera Inferiore ePierluigi della Vecchia di Avellino.
Santoro ha già diretto i bianconeri in Siena-Spoleto (2-0) del campionato di serie D 2014-2015:


Fonte: Fol

ESTRA
 
Tosoni Auto

Siamo andati ad analizzare le classifiche dalla serie A alla serie C per anlizzare alcuni record negativi e positivi.

Squadre imbattute:
Napoli, Inter, Palermo Pordenone, Livorno, Siena.

Squadre senza vittoria:
Benevento, Fidelis Andria, Modena, Gavorrano.

Squadre con 0 punti
Benevento, Modena (-1).

Migliori difese. Gol subiti:
2 Catania
3 Pisa
4 Monopoli, Siena, Renate, Vicenza.
5 Roma, Napoli, Inter, Livorno, Trapani.
6 Palermo

Migliori attacchi. Gol fatti:
26 Napoli
20 Empoli
21 Lazio, Juventus
19 Livorno
18 Viterbese

Fonte: Fol

 

ESTRA
 
Tosoni Auto

Il 16 ottobre era un giorno importante per le società di serie C, scadevano infatti i termini per il versamento degli stipendi di luglio e agosto ai tesserati, più tutti i contributi Inps, Irpef e fondo fine carriera. Tutto in regola per il Siena. Non si escludono sorprese per alcune società.

Fonte: Fol


 

ESTRA
 
Tosoni Auto

Bella intervista di Massimo Boccucci sul Corriere dello Sport-Stadio in edicola oggi.

Anna Durio si coccola il Siena capolista. La presidentessa si lascia piacevolmente coinvolgere dall'ambiente che è tornato a sprigionare entusiasmo tra ambizioni e aspettative.

E' sorpresa di quello che sta facendo la Robur?
“Speravo di fare bene dopo le difficoltà dell'anno scorso quando giravano male tante cose. Ma fino a questi livelli non potevo immaginarlo. Stiamo andando oltre le previsioni e ci stiamo divertendo. Prendiamo tutto ciò che viene di buono mantenendo umiltà, concentranzione e convinzione”.

Lei ci pensa alla serie B?
Non voglio pensarci anche perchè sono supertiziosa. Io sono per il lavoro, che alla lunga paga sempre. Il nostro è un progetto triennale, se riesce prima va benissimo ma non voglio forzare la mano. Andiamo avanti cosi e vediamo che succede”.

I senesi sognano ad occhi aperti i ritorni ai massimi livelli?
“Siena è una città bellissima, la gente può dare tantissimo e in questo momento sta vivendo qualcosa di bello. E' stato doloroso il fallimento e tutto il resto. E' legittimo sognare, spero tanto di non deluderli”.

Quanto incide l'aver chiamato a guidare la squadra due bandiere come Mignani e Vergassola?
“Un peso sicuramente ce l'ha questa scelta che si è rivelata ottima con una logica ben precisa. Sono due bravi professionisti dopo essere stati dei giocatori di valore che hanno fatto la storia di questi colori. Sanno cos'è l'unità della spolgliatoio e soprattutto conoscono bene la piazza perchè ci vivono. Si è creata un'alchimia”.


Quale è stata la vittoria più bella?
“Al gol col Pro Piacenza, venerdì scorso, ho messo le mani tra i capelli. L'ho vissuto come una liberazione, non me l'aspettavo più. Vincere dopo il 90' è bello poiché vuol dire che la squadra ci crede e non molla mai. Comunque tutte le vittorie sono belle”.

Domenica prossima a Viterbo avrete un esame di maturità?
“Sarà una tappa imprtante e confido che vi siano delle conferme ben consapevoli delle difficoltà. Le partite sono tutte complicate e troviamo avversari di valore. Mi piace la continuità, la squadra sta lavorando bene. Il gruppo è unito. Non vedo musi lunghi quando vado al campo, l'anno scorso questo clima non c'era”.

Cosa è cambiato dalla scorsa stagione?
“In questi mesi si è lavorato con più serenità e c'è stato il tempo di preparare il campionato potendo programmare e scegliere giocatori. C'è serenità in tante cose, pur se devo risolvere delle questioni”.

Deve risolvere le spinose vicende tra Antonio Ponte e i soci di minoranza?
“Questo è il problema. E' tutto in mano agli avvocati e la giustizia che fa il suo corso anche se lentamente”.

Fonte: Fol-Corriere dello Sport

ESTRA
 
Tosoni Auto

Attiva la prevendita per la partita Viterbese-Siena, in programma domenica alle ore 20,30 al Rocchi di Viterbo.
Il circuito di vendita è go2, (www.go2.it) a Siena è possibile acquistare i biglietti al prezzo di 10 euro più prevendita nei seguenti punti vendita:
TABACCHERIA IL CHIASSO LARGO Via Rinaldini, 7/9, Siena - 0577 282162
I tagliandi per il settore ospiti possono essere acquistati in prevendita fino alle ore 19 di sabato 21 ottobre.

Fonte: Fol

ESTRA
 
Tosoni Auto

La vittoria in extremis del Siena nell’anticipo contro la Pro Piacenza, conferma i bianconeri in testa alla classifica. Risponde il Livorno con un poker inflitto al Cuneo, impatta il Pisa contro il Gavorrano, mentre continua a deludere l’Alessandria. Il big match del decimo turno è la sfida tra Viterbese e Robur Siena, con i laziali che hanno da poco cambiato allenatore. Per la sorprendente Carrarese insidia Arzachena; cerca il pronto riscatto invece l’Arezzo col Monza, dopo la battuta d’arresto dell’ultimo turno. Per il Gavorrano, dopo aver raccolto a Pisa il primo punto stagionale, esame da non fallire nel derby contro la Lucchese. Partita tra formazioni non certo al top Alessandria-Pisa, considerate in estate le vere regine del campionato: per i grigi ritmi da zona play out, i nerazzurri vanno avanti a stento. Il Livorno ospita la Giana Erminio, imbattuta da metà settembre. Prosegue l’ottimo avvio dell’Olbia, capace di espugnare Arezzo e in cerca di continuità con il Cuneo, uscito nettamente sconfitto contro il Livorno. Punti in palio importanti per la salvezza in Pontedera-Pistoiese e Pro Piacenza-Prato. Settimana di riposo per il Piacenza di mister Arnaldo Franzini. (Damiano Naldi)

Fonte: Fol

ESTRA
 
Tosoni Auto

ESTRA
 
Tosoni Auto

ESTRA
 
Tosoni Auto

5 Reti:
Ragatzu (2, Olbia); Ceccarelli (Prato).

4 reti:
Curcio (1, Arzachena); Coralli e Tavano (Carrarese); Dell'Agnello (Cuneo); Bruno (1) e Perna (Giana Erminio); Murilo e Vantaggiato (2) (Livorno); Giudici (Monza); ; Ferrari (3, Pistoiese); Pesenti (Pontedera); Marotta (1, Siena) Jefferson (1 Viterbese).

3 reti: 
D'Ursi e Moscardelli (1) (Arezzo); Sanna e Vano (Arzachena); Dounbia (Livorno); De Vena (Lucchese); Guberti (Siena); Cenciarelli (Viterbese).

2 reti: 
Biasci, Vassallo e Piscopo (Carrarese); Chiarello (Giana Erminio); Maiorino, Montini (1) e Pedrelli (1)(Livorno); Arrigoni e Fanucchi (Lucchese); Cori (1) e Ponsat (Monza); Ogunseye (Olbia) Morosini (2) e Romero (Piacenza); Giannone e Mannini (1) (Pisa); Alessandro (1) e Barba (Pro Piacenza); Celiento, Tortori e Vandeputte (Viterbese).



Fonte: Fol

ESTRA
 
Tosoni Auto

Squadra PT G Totale
V N P GF GS
Siena 21 9 6 3 0 11 4
Livorno 20 8 6 2 0 19 5
Viterbese 18 9 6 0 3 18 11
Olbia 17 9 5 2 2 11 8
Pisa 16 9 4 4 1 7 3
Monza 15 9 4 3 2 12 6
Arzachena 13 9 4 1 4 14 13
Carrarese 13 8 4 1 3 16 13
Piacenza 13 9 4 1 4 9 10
Lucchese 12 9 3 3 3 9 9
Arezzo 10 9 3 1 5 11 13
Pistoiese 10 8 2 4 2 7 10
Cuneo 9 9 2 3 4 5 12
Giana Erminio 9 8 2 3 3 12 12
Alessandria 8 8 1 5 2 4 7
Pro Piacenza 6 8 1 3 4 7 10
Pontedera 5 8 1 2 5 9 12
Prato 5 8 1 2 5 7 16
Gavorrano 1 8 0 1 7 3 17

 

ESTRA
 
Tosoni Auto

La Viterbese, prossima avversaria del Siena, ha vinto in casa del Piacenza per 1-0 con un gol dell'ex Razzitti al 20'. Nei minuti di recupero lo stesso Razzitti è stato espulso per doppia ammonizione e salterà quindi la partita con i bianconeri di domenica prossima.

Fonte: Fol

ESTRA
 
Tosoni Auto

Dopo nove giornate, i numeri iniziano a parlare.

Se c’è un esercizio inutile nel calcio è quello delle proiezioni che evitiamo molto convinti di ciò, ma è pur vero che dopo un quarto di campionato è possibile analizzare, attraverso i numeri, il cammino della Robur.

Il nostro è solo un gioco, niente di più, perché il cammino è ancora molto lungo e nel calcio non esiste nessuna equazione che possa rivelare quale sarà la classifica alla trentaseiesima giornata.

Ad oggi la classifica recita che la Robur Siena con i suoi 21 punti – 11 in casa e 10 fuori -occupa il primo posto, tallonata dal Livorno e dall’Olbia, grazie alle 6 vittorie (3 in casa e 3 fuori) e 3 pareggi (2 in casa e 1 fuori) conseguiti sul campo.

Sono 11 le reti messe a segno dai bianconeri – 5 in casa e 6 in trasferta - grazie a Marotta (4), Guberti (3), Bulevardi, Cristiani, Guerri e Emmausso (1).

Di contro sono 4 le reti subite, 2 in casa e 2 in trasferta.

Un dato interessante è la distribuzione delle reti segnate nell’arco dei 90’.

La Robur ha segnato  2 goal nei primi 15’, 1 dal 41’ al 45’, 2 nel primo quarto d’ora del secondo tempo, 3 dal 16’ al 90’ e ancora 3 dal 93’ al 94’.

Questi numeri dicono che la Robur ha segnato la maggior parte delle reti nel secondo tempo, con una frequenza importante nell’ultima mezz’ora e nel recupero, esaltando una caratteristica ormai ben evidente, quella di una squadra che non molla mai e ci prova fino all’ultimo secondo.

In queste prime nove partite, la scalata della Robur al vertice è stata costante. Partita dalla 6^ posizione, alla seconda giornata sale al posto , poi al , alla quarta giornata si assesta in 2^ posizione che mantiene per quattro turni e, dopo la vittoria di Olbia, conquista il primo posto.

Sono solo numeri che non consentono niente di più di una curiosa lettura, ma è innegabile che, pur rimanendo con i piedi per terra, ogni sogno è lecito. Alla fine del girone di andata, ancora i numeri, ci daranno qualche ulteriore indicazione. (NN)

Fonte: Fedelissimo Online

ESTRA
 
Tosoni Auto

Questa sera alle 20.45 (diretta RaiSport) Piacenza-Viterbese chiude la nona giornata del campionato. I gialloblu, nostri prossimi avversari, giocheranno la prima partita con il nuovo allenatore Nofri Onofri che ha sotituito Bertotto dopo la sconfitta in casa con il Monza.

Fonte: Fol

ESTRA
 
Tosoni Auto

In questa settimana si giocheranno le partite di qualificazione alla fase finale della Coppa Italia di Serie C che inzierà mercoledì 22 novembre con i sedicesimi di finale.

Martedì 17 ottobre: Bisceglie-Francavilla (ore 20.30).

Mercoledì 18 AlbinoLeffe-Monza (ore 20), Ravenna-Reggiana (18), Pisa-Pontedera (16.30) e Gubbio-Samb (18.30); anticipo sedicesimi di finale: Vicenza-Pordenone (18.30).

Tutte le partite saranno in gara unica con eventuali supplementari e rigori.

Fonte: Fol

 

ESTRA
 
Tosoni Auto

Dopo i due giorni di riposo concessi da mister Mignani, i bianconeri riprenderanno oggi pomeriggio la preparazione per trasferta di domenica a Viterbo (ore 20.30).
Tutti gli allenamenti si terranno alle ore 15 a Colle Val D'Elsa. Da definire l'orario della rifinitura. Venerdì e sabato gli allenamenti saranno a porte chiuse.

Fonte: Fol

ESTRA
 
Tosoni Auto

ESTRA
 
Tosoni Auto

ESTRA
 
Tosoni Auto

Con questo pareggio si chiudono oggi le partite della nona giornata in attesa di Piacenza-Viterbese che si giocherà domani alle ore 20.45.
Questi i risultati e i marcatori:

Siena-Pro Piacenza 1-0
Rete: 93' Emmausso (S)
Arezzo - Olbia 0-1
Rete: 86' Ogunseye (O)
Arzachena - Alessandria 0-0
Cuneo - Livorno 0-3

Reti: 22' Doumbia (L), 47' e 53' Vantaggiato (L), 88' Montini.
Prato - Monza 2-3
Reti: 27' Ponsat (M), 29' autorete Alastra (M), 50' Tentardini (M), 61' e 83' Ceccarelli (P).
Giana Erminio - Carrarese 2-2
Reti: 11' Bruno (GE), 33' Bentivenga (C), 46' Vassallo (C), 51' Perna (GE).
Pisa - Gavorrano 0-0
Pistoiese - Lucchese 2-2
Reti:25' Tartaglione (P), 50' De Vena (L), 76' Luperini (P), 78' Fanucchi (L)

Lunedì
Piacenza-Viterbese (ore 20.45)

Riposa: Pontedera

Fonte: Fol

ESTRA
 
Tosoni Auto

Giocata venerdì
Siena-Pro Piacenza 1-0
Rete: 93' Emmausso (S).

Giacate oggi ore 14.30
Arezzo - Olbia 0-1
Rete: 86' Ogunseye (O)
Arzachena - Alessandria 0-0
Cuneo - Livorno 0-4

Reti: 22' Doumbia (L), 47' e 53' Vantaggiato (L), 88' Montini.
Prato - Monza 2-3
Reti: 27' Ponsat (M), 29' autorete Alastra (M), 50' Tentardini (M), 61' e 83' Ceccarelli (P).

Giacate oggi ore 16.30
Giana Erminio - Carrarese 2-2
Reti: 11' Bruno (GE), 33' Bentivenga (C), 46' Vassallo (C), 51' Perna (GE).
Pisa - Gavorrano 0-0

Pistoiese - Lucchese (18.30)

Lunedì
Piacenza-Viterbese (ore 20.45)

Riposa: Pontedera

Fonte: Fol

ESTRA
 
Tosoni Auto

Quando meno te l’aspetti arriva la gratificazione massima grazie ad un colpo di biliardo del più giovane bianconero in campo, manca poco alla fine e riviviamo le suggestioni della partita con l’Arzachena.

E’andata bene ma che fatica! In verità la Robur ha raccolto più di quanto ha seminato ma il calcio è questo: per vincere bisogna buttarla dentro e dalla nostra abbiamo avuto un portiere che ha parato tutto, risultando il migliore.

La Robur è scesa in campo con i rientranti Brumat e D’Ambrosio al loro posto in difesa a completare l’undici vittorioso di Olbia, con il solito modulo; la Pro Piacenza si è schierata con un 4-4-2 molto rigido ma efficace per la costante vicinanza tra i reparti, animato da pressing e raddoppi in tutte le zone del campo.

Nella fase iniziale della gara, quando ancora non c’era l’assestamento definitivo delle squadre, Bulevardi ha avuto un’occasione ghiotta per segnare ma ha calciato alle stelle; di rimando la Pro Piacenza ha fallito una facile occasione calciando a lato della porta bianconera un invito penetrante dalla sinistra.

Ci sono state altre due occasioni per i senesi ma Guberti non riesce a concludere e Bulevardi trova il portiere avversario pronto ad intercettare il gran tiro di controbalzo dentro l’area, le occasioni bianconere si esauriscono così e fino ad un minuto dalla fine la Robur non costruisce praticamente nessun’altra palla gol.

La Pro ci fa soffrire spostando a fisarmonica i suoi centrocampisti, ora a chiudere in difesa per poi assistere l’attacco, nel mezzo al campo generano una superiorità numerica che li porta a riconquistare molti palloni e spingere con insistenza puntando sul centravanti boa Mastroianni che smista di testa un’infinità di palle destinate sempre tra i piedi di un compagno.

La Pro sale e ripiega sempre con 8 giocatori e per la Robur è quasi impossibile la riconquista della palla e la costruzione del gioco; per fortuna le conclusioni dei rossoneri sono tutte fuori misura!

Anche in difesa c’è qualche affanno, D’Ambrosio non riesce ad anticipare o bloccare il diretto avversario e commette qualche errore che poteva costarci caro, anche sulle fasce si fatica a contenere per la verve e la forza atletica avversaria, finisce il tempo e si va negli spogliatoi.

Confidiamo in una ripresa diversa invece le cose si mettono ancora peggio di prima; gli avversari affondano vigorosamente nella nostra metà campo e si portano più volte alla conclusione.

La palla sembra entrare nella porta senese ma sbuca all’improvviso la mano di Pane che mette in angolo, altre tre occasioni per i piacentini sembrano destinate in rete ma il nostro portierone sfodera una serie di parate che salvano il risultato.

Se non facciamo niente si perde e allora Mister Mignani mette mano alle sostituzioni ed entra Emmausso al posto di Campagnacci; il cambio è di ordine tattico perché occorre un giocatore con caratteristiche diverse per incrinare le certezze piacentine, il solo Marotta, che anche ieri le ha provate tutte, non basta e spazi per penetrare non ci sono.

Manca mezz’ora alla fine ma non riusciamo a cambiare la partita, il nuovo entrato si presenta con pallonate in tribuna e dribbling non riusciti e, in fase di ripiegamento, origina una punizione dal limite molto pericolosa; ci aspettavamo qualcosa di diverso (aspettaaaaaa!).

Nell’ultimo quarto d’ora entrano anche Cristiani e Damian a dare il cambio a chi aveva speso molto (Vassallo e Guberti) ma anche così non si riesce a conferire vivacità in avanti nonostante si propongano al cross sia Iapichino che Brumat anzi, a dimostrazione di quanto avesse studiato la partita il tecnico rossonero, la Pro spinge proprio nelle zone di avanzamento dei nostri difensori laterali.

Forse è bene accontentarsi di un pareggio sudato, non sempre si può fare festa!

Invece no, come fosse scritto, Emmausso prende palla al vicino al vertice sinistro dell’area, si accentra e scocca un tiro ad effetto che incoccia l’interno del palo e finisce in rete (angolino benedetto), il Rastrello esplode!

Non ci sono commenti da fare, si urla di gioia.

Entra Terigi a rinforzare il fortino difensivo (out Bulevardi), utile per statura a contrastare il “tutti avanti” dei rossoneri negli ultimi calci d’angolo, la Robur è arroccata e la partita finisce.

Ingannati dalla classifica, ci aspettavamo un avversario diverso, soprattutto per il credito che si dà alla capolista però il valore delle squadre non propone grandi differenze e salvo eccezioni, vedi Gavorrano, ogni partita va affrontata con la massima considerazione dell’avversario.

La differenza deriva dalla classe e dall’inventiva dei singoli giocatori e, per fortuna, nella Robur ne abbiamo diversi, l’abbiamo visto in tutte le partite vittoriose.

Di rimando occorre migliorare nel possesso palla e nella manovra offensiva, è evidente che nelle partite esterne troviamo più spazio per gli avanzamenti ma si debbono crearne i presupposti anche in quelle casalinghe attraverso una progressiva crescita collettiva che consenta di mettere in mostra gli aspetti migliori del nostro organico.

Facile a dirsi, difficile sapere quando ciò potrà avvenire, intanto riponiamo fiducia assoluta nei gestori del gruppo, la meritano per quanto sono riusciti a fare fino ad oggi e soprattutto perché sono animati dallo stesso nostro attaccamento alla Robur.

Com’è bello stare in vetta alla classifica! 

Fonte: FOL

ESTRA
 
Tosoni Auto

Giocata venerdì
Siena-Pro Piacenza 1-0
Rete: 93' Emmausso (S).

Giacate oggi
Arezzo - Olbia 0-1
Rete: 86' Ogunseye (O)
Arzachena - Alessandria 0-0
Cuneo - Livorno 0-4

Reti: 22' Doumbia (L), 47' e 53' Vantaggiato (L), 88' Montini.
Prato - Monza 2-3
Reti: 27' Ponsat (M), 29' autorete Alastra (M), 50' Tentardini (M), 61' e 83' Ceccarelli (P).

Giana Erminio - Carrarese (16.30)
Pisa - Gavorrano (16.30)
Pistoiese - Lucchese (18.30)

Lunedì
Piacenza-Viterbese (ore 20.45)

Riposa: Pontedera

Fonte: Fol

ESTRA
 
Tosoni Auto

La squadra dei Giovanissimi Nazionali, allenati da Leonardo Pericoli, ha pareggiato per 2-2, sul campo di Quercegrossa, con la Lucchese.
il tabellino:

Siena: Filippis, Casini C., Pitti (30’st Mezzasoma), Simi, Barbera, Bianchi (1’st Ionescu), Casini V. (24’st Cornacchia), Dema, Radi (20’st Mignani), Ghilli (20’st Ricciotti), Aiello (10’st Hagbe Hagbe). All. Pericoli. A disp. Trapassi.
Lucchese: Cortopassi, Buchignani, Tronchetti (Belluomini), Bura, Baldecchi, Seghi (Pozzangigra) Tomei, Vaselli, Mauro, Rossi, Bernardeschi. All. Gennazzani.
Arbitro: Cioppi di Siena.
Marcatori: 27’pt Dema (S), 1’st Mauro (L), 16’st Hagbe Hagbe (S), 37’st Vaselli (S).


Fonte: Fol

ESTRA
 
Tosoni Auto